Connect with us

Cronaca

“Chiesi aiuto a Ruggeri per un posto all’ospedale di Tricase”

Le parole del consigliere comunale di Palazzo Gallone Pasquale De Marco nell’inchiesta Re Artù

Pubblicato

il

L’inchiesta Re Artù, che ha portato all’arresto dell’ex senatore Totò Ruggeri ai domiciliari per corruzione, che ha spinto il direttore generale dell’Asl Rodolfo Rollo a dimettersi dalla sua carica e che ha puntato la lente anche sull’operato della dirigente dell’ospedale di Tricase, Suor Margherita Bramato, è passata anche dalle parole di un ex consigliere del Comune di Tricase.


E’ quanto emerge dalle dichiarazioni (pubblicate da Nuovo Quotidiano di Puglia) di Pasquale De Marco, nella maggioranza al Consiglio Comunale di Palazzo Gallone dopo le amministrative del 2017 che elessero Carlo Chiuri sindaco ed oggi ancora in Consiglio, ma alla minoranza.


Ascoltato dai finanzieri della Tenenza di Tricase nell’ottobre di due anni fa, De Marco avrebbe puntato il dito contro suor Margherita Bramato raccontando che, per sperare che la sua candidatura all’assunzione presso l’ospedale di Tricase fosse quantomeno presa in considerazione, si sarebbe dovuto rivolgere a Totò Ruggeri, affinché facesse pressioni in suo favore.

Queste dichiarazioni non hanno, per il momento, trovato riscontri definitivi. Tuttavia confermerebbero lo schema che, secondo l’accusa, sarebbe stato messo in piedi da Ruggeri, Rollo e suor Margherita Bramato. Uno scambio di favori reciproci che sarebbe culminato nell’assunzione del figlio del dottor Rodolfo Rollo presso il nosocomio di Tricase in cambio dell’acquisizione, da parte dell’azienda sanitaria locale, delle prestazioni dialitiche della “Santa Marcellina” di Castrignano del Capo, struttura di cui è proprietaria propria la Pia Fondazione Panico di Tricase.


Tra le evidenze a disposizione della Procura, un iter temporale che, se da un lato non può essere sufficiente a confermare oltre ogni dubbio, dall’altro non smentisce: Pasquale De Marco, nonostante la presunta intercessione, non fu assunto presso l’ospedale di Tricase. Al figlio del dottor Rollo invece, qualche mese dopo, fu affidata la direzione di una nuova funzione dell’ospedale. Il sospetto degli inquirenti è che quella posizione sarebbe stata creata ad hoc, andando a garantire un posto di lavoro a tempo indeterminato al familiare del dirigente Asl (che dal canto suo ha respinto ogni addebito).


Botrugno

Rapina in banca a Botrugno

Due malviventi con il volto coperto da maschere carnescialesche hanno fatto irruzione nella filiale del Monte dei Paschi di Siena e, minacciando con un taglierino i dipendenti, si sono fatti consegnare 5mila euro. La fuga a bordo di un Fiat Fiorino, a bordo del quale li attendeva un terzo complice

Pubblicato

il

Poco prima dell’ora di pranzo due malviventi, mascherati come se fossero diretti ad un party di carnevale, hanno fatto irruzione nella filiale di Botrugno della Monte dei Paschi di Siena, in via Cavour.

I due hanno immediatamente esplicitato le loro intenzioni, blandendo un taglierino in direzione degli impiegati della filiale che hanno consegnato loro la somma di cinquemila euro.

I rapinatori si son poi dileguati pare a bordo di un Fiat Fiorino bianco, forse rubato, dove ad attenderli pare ci fosse un terzo complice.

Allertati, i Carabinieri della Compagnia di Maglie sono immediatamente giunti sul posto ed hanno avviato le indagini, a cominciare dalla visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza della Monte dei Paschi e dalle altre presenti nella zona.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, ricorso contro nuova Eurospin: sentenza del Tar attesa nei prossimi 15 giorni

I giudici del Tribunale regionale si son riservati la decisione e, se i tempi verranno rispettati, entro una paio di settimane potremo conoscere l’esito della vicenda giudiziaria che si trascina dal febbraio scorso

Pubblicato

il

Dovrebbe arrivare entro un paio di settimane la sentenza del Tar in merito al ricorso presentato contro l’apertura del nuovo Eurospin.

Al termine dell’udienza tenutasi il 10 gennaio scorso, infatti, i giudici del Tribunale regionale si son riservati la decisione e, se i tempi verranno rispettati, entro una quindicina di gironi potremo conoscere l’esito della vicenda giudiziaria che si trascina dal febbraio scorso, quando il Gruppo Coop, rappresentato dall’avv. Giovanni Crisostomo, ha inoltrato ricorso al Tar.

Ricorso che, lo ricordiamo, chiedeva una valutazione dell’autorizzazione concessa per una media struttura di tipologia dimensionale M2 per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari e misti.

Secondo i ricorrenti, «stando alla qualificazione data dall’allora Commissario ad Acta e recepita dal Consiglio, in quel sito potrebbe andarci solo un esercizio di vicinato e non un M2».

Nel maggio scorso i ricorrenti, anche per evitare che il procedimento giudiziario si protraesse nel tempo con lungaggini (anche 3-4 anni di attesa), davanti al Tribunale regionale, avevanorinunciato alla sospensiva.

Vista la non opposizione della controparte, tutto è stato rinviato prima a dicembre e poi al 10 gennaio.

Ora bisognerà pazientare ancora un apio di settimane per la pronuncia della sentenza da parte dei giudici del Tribunale regionale.

 

Continua a Leggere

Cronaca

Fiamme nella notte: a Montesano distrutta un’auto, a Torre Lapillo danneggiato negozio

Nella Marina di Porto Cesareo danneggiati gli esterni di un’attività commerciale. A Montesano in fumo una Lancia Y di una donna del posto

Pubblicato

il

Notti di fuoco. E purtroppo non è solo un modo di dire. Altri episodi incendiari, probabilmente dolosi, hanno interessato il Salento.

A cavallo tra mezzanotte e l’una della notte appena trascorsa due incresciosi episodi si sono registrati rispettivamente a Torre Lapillo (Porto Cesarero) e a Montesano Salentino.

Nella località marina, poco dopo la mezzanotte un rogo ha interessato il negozio “Il canapaio”, che come si evince dal suo nome è specializzato nella vendita di prodotti realizzati con la Canapa: distrutto un tendone e danneggiati due distributori di bevande; annerita la facciata. Sulla vicenda indagano i carabinieri che non escludono la pista dolosa anche perché già nel 2020 lo stesso negozio fu seriamente danneggiato da un incendio ben più vasto che comportò danni anche all’interno dei locali.

A Montesano Salentino, in via Risorgimento, intorno all’una di notte, invece, le fiamme hanno avviluppato una Lancia Y di una donna del luogo.

Oltre ai vigili del fuoco del distaccamento di Tricase che hanno provveduto a spegnere l’incendio sul posto sono giunti anche i carabinieri della stazione di Specchia che ora indagano sull’accaduto.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus