Connect with us

Cronaca

Ivan Ciullo: svolta nelle indagini

Dj Navi: la Procura di Lecce avvia la consulenza grafologica sulla lettera “d’addio”; una nuova consulenza informatica svela gli ultimi istanti di vita del giovane di Acquarica del Capo

Pubblicato

il

Proseguono le indagini per accertare cosa sia realmente accaduto a Ivan Ciullo, il giovane trovato impiccato ad un albero di ulivo il 22 giugno del 2015 nelle campagne di Acquarica del Capo.


Il caso fu inizialmente e frettolosamente liquidato come un suicidio sulla base del fatto che nell’auto del ragazzo fu ritrovata una presunta lettera di addio ai genitori.


Un foglio scritto al computer e non firmato, contenuto in una busta sulla quale sono presenti le uniche parole scritte a penna: “x Mamma e Sergio”.


La PM Maria Vallefuoco, accogliendo le istanze dei genitori di Ivan, Rita Bortone e Sergio Martella e dei loro avvocati, Valter Biscotti, Paolo Maci e Chiara Landolfo, questa mattina ha conferito l’incarico per l’accertamento grafologico alla dottoressa Luciana Schirinzi.


Gli avvocati dei familiari di Ivan, contestualmente, hanno nominato il professor Maurizio D’Adamo quale consulente tecnico di parte.


La perizia grafologica dovrà accertare se quelle parole sulla busta siano state scritte da Ivan, dall’indagato, o da altra persona, come ritengono i genitori del ragazzo che non hanno riconosciuto la calligrafia del figlio.

Lo scorso 25 ottobre è stata inoltre depositata presso la Procura di Lecce la consulenza tecnica informatica svolta dall’ing. Luigina Quarta, consulente nominato dai genitori, sui due telefoni cellulari in uso ad Ivan.


40 giga di dati scaricati, 15 mila pagine da cui emergono nuovi importanti elementi investigativi che verranno integrati nella consulenza investigativa del criminologo Roberto Lazzari e che verrà depositata nei prossimi giorni in Procura. Un lavoro accurato, quello svolto dalla Quarta, che ha portato alla luce anche i file cancellati, i registri delle chiamate, in entrata e in uscita e altri dati che erano stati considerati irrecuperabili. Particolarmente significativi, ai fini delle indagini, i dati recuperati risalenti alle ultime ore di vita del giovane.


«Siamo molto soddisfatti per quello che sta accadendo in ordine alle indagini disposte dalla Procura della Repubblica di Lecce», ha dichiarato l’avvocato Valter Biscotti, «nonostante le conclusioni del prof. Introna (medico legale che ha effettuato l’autopsia sul corpo di Ivan a maggio 2019 n.d.r.) che nella sua consulenza tecnica conclude per l’ipotesi suicidaria, la Procura non è convinta, come non lo siamo noi. Infatti ha disposto la consulenza grafologica sul presunto biglietto d’addio. Ma c’è di più, abbiamo nuovi elementi che meritano di essere approfonditi. Il lavoro dei nostri consulenti sui cellulari di Ivan ha evidenziato due aspetti importanti: gli ultimi messaggi vocali di Ivan tutto lasciano intendere, meno che uno stato depressivo che possa averlo indotto al suicidio; il telefono di Ivan è stato in attività ben oltre l’orario della morte ipotizzato fino ad ora».



Cronaca

Stroncato da malattia, muore “l’appuntato buono” di Sannicola

Pubblicato

il

L’improvvisa scomparsa dell’appuntato scelto “qualifica speciale” dei carabinieri Antonio Sabato ha scosso in queste ore Sannicola.

Una fulminante malattia ha stroncato il militare, in servizio proprio nel comune del gallipolino. Aveva 50 anni: lascia la moglie Alma e i figli Roberto e Giulia, la mamma Lucia e il suocero Antonio.

Domani, giovedì 13 agosto, alle 17 i funerali nella chiesa San Gabriele a Gallipoli, sua città nativa.

Increduli colleghi e amici hanno appreso della notizia e, compatibilmente con le normative anticovid, si raccoglieranno in un ultimo saluto.

Su Facebook corrono già i primi messaggi di cordoglio. Increduli, quanti lo conoscevano piangono la sua morte ricordando la bontà che lo contraddistingueva.

Continua a Leggere

Cronaca

Bollettino Covid: 33 nuovi casi in Puglia

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 12 agosto 2020 in Puglia, sono stati registrati 2.123 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 33 casi positivi: 16 in provincia di Bari, 5 in provincia di BAT, 4 in provincia di Brindisi, 7 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Taranto.

Non sono stati registrati decessi.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 216.101 test.

3.977 sono i pazienti guariti.

262 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.793, così suddivisi:

1563 nella Provincia di Bari;

389 nella Provincia di Bat;

680 nella Provincia di Brindisi

1247 nella Provincia di Foggia;

597 nella Provincia di Lecce;

285 nella Provincia di Taranto;

32 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 12.8.2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/5kFcK

Dichiarazione del direttore generale della ASL Bari, Antonio Sanguedolce

“Il bollettino epidemiologico oggi registra nella Provincia di Bari 16 casi positivi Covid, di cui 7 sono rientri di pugliesi dalle vacanze: 4 dalla Grecia e 3 da Malta; 4 sono contatti stretti di casi Covid precedentemente accertati e già in isolamento, per gli altri 5 casi positivi il nostro Dipartimento di prevenzione ha in corso le indagini epidemiologiche. Per tutti sono state attivate le procedure di contact tracing per ricostruire e circoscrivere la diffusione del contagio”.

Dichiarazione del direttore della Asl Foggia Vito Piazzolla

“In data odierna si segnalano in provincia di Foggia 8 nuovi casi di persone positive al Covid. Di questi: 5 sono riconducibili a focolai preesistenti, 1 è un nuovo caso al momento non collegato a focolai già noti. Altri 2 casi sono cittadini stranieri presenti sul territorio provinciale. Il Servizio di Igiene sta ricostruendo la catena dei contatti per attivare le procedure di sorveglianza attiva come da protocollo. I nuovi casi sono stati segnalati tempestivamente dai medici di medicina generale o da altri operatori sanitari che, con grande attenzione e professionalità, anche in questo periodo di ferie, hanno sotto controllo la situazione e ci permettono di isolare rapidamente i casi riscontrati”.

Dichiarazione del direttore generale della Asl BT Alessandro Delle Donne

“Grazie al sistema di sorveglianza sanitaria posto in essere dal dipartimento di prevenzione della Asl abbiamo individuato 5 casi positivi al Covid di pugliesi di rientro dalle vacanze: 4 a Malta e 1 dalla Spagna del Nord. I casi sono stati immediatamente posti in isolamento e abbiamo già completato il tracciamento dei contatti stretti”.

Dichiarazione del direttore della Asl di Brindisi Giuseppe Pasqualone

“Abbiamo registrato nelle ultime 24 ore 2 casi positivi al Covid di pugliesi di ritorno dalle vacanze a Malta, 1 caso di pugliese di ritorno dalla Romania, e 1 caso di pugliese di ritorno dall’Emilia Romagna. Sono tutti in isolamento domiciliare, asintomatici. Questi 4 casi hanno fatto il tampone dopo l’autosegnalazione. Il dipartimento di prevenzione della Asl ha avviato le indagini epidemiologiche per determinare la rete dei contatti stretti”.

Dichiarazione del direttore della Asl di Taranto Stefano Rossi

“Il caso di Taranto riguarda una cittadina ucraina di ritorno in Puglia dal Paese di origine. Il dipartimento di prevenzione della Asl ha già avviato le indagini epidemiologiche per tracciare la rete dei contatti stretti”.

Continua a Leggere

Copertino

“Vado dal barbiere” e sparisce per ore: ritrovato

Pubblicato

il

Rientrato l’allarme a Copertino per un uomo di 86 anni di cui non si avevano notizie da ore.

Antonio Nestola era uscito prima delle 9 per andare dal barbiere, nel suo paese, a Copertino.

Non aveva fatto rientro. I parenti erano preoccupati perché affetto da demenza senile.

Dopo ore di paura la buona notizia: Antonio è stato ritrovato e sta bene.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus