Connect with us

Cronaca

Lecce: tolleranza zero intorno alla Stazione

La polizia di Stato protagonista di servizi straordinari di controllo del territorio e di contrasto all’immigrazione clandestina, al traffico delle sostanze stupefacenti, al fenomeno della prostituzione ed ai reati contro la persona

Pubblicato

il

Nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio predisposti in questi giorni dal Questore di Lecce, si è voluto maggiormente attenzionare la zona della Stazione Ferroviaria solitamente ad alta frequentazione di persone senza fissa dimora, in prevalenza cittadini extracomunitari che spesso abusano di bevande alcooliche, sfociando in comportamenti illeciti che creano notevole disagio ai residenti del quartiere.


Agenti di Polizia anche nelle vie limitrofe allo stesso quartiere per serrati controlli rivolti al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, al fenomeno della prostituzione e ai reati contro la persona in genere.


I citati servizi straordinari si sono svolti nella serata di ieri e proseguiranno nei giorni a seguire e sono stati eseguiti dalle pattuglie del personale della Sezione Volanti della Questura di Lecce, dal personale della PAS e da quello del Reparto Prevenzione Crimine “Puglia Meridionale” che ha effettuato anche diversi posti di controllo nella città.


I servizi sono stati integrati da una unità di rinforzo del Reparto Mobile di Taranto impiegato al fine di assicurare un supporto operativo adeguato qualora si fossero determinate occasioni di insofferenza ai controlli di Polizia.


Sono state controllate 5 attività commerciali autorizzate alla somministrazione di alcoolici all’interno delle quali sono stati identificati diversi avventori alcuni con diversi precedenti penali.


Nei pressi della stazione è stato sanzionato un 46enne di Lizzanello per guida in stato di ebbrezza alcoolica; gli è anche stata ritirata la patente.

Sono stati segnalati: un senegalese senza fissa dimora in possesso di 0,5 grammi di marijuana; una 22enne residente in provincia anch’ella trovata in possesso di 0,5 grammi di marijuana; un uomo di 43 anni della provincia trovato in possesso di oltre 10 grammi di eroina.


In prossimità del viale dell’Università, i controlli hanno interessato gli avventori di alcuni locali di intrattenimento.


Nell’ambito dei servizi è stato notificato l’avviso di rigetto del procedimento per il rilascio del Permesso di Soggiorno ad un cittadino senegalese; mentre un suo connazionale, irregolare sul territorio nazionale e destinatario di Ordine di Espulsione del Questore di Lecce datato 29 agosto 2021, è stato indagato in stato di libertà per inottemperanza a tale Ordine.


Il servizio di controllo straordinario della Polizia è stato esteso anche alla piazzetta antistante il Convitto Palmieri, dove gli agenti hanno controllato circa venti ragazzi minorenni. Ad uno di loro hanno sequestrato una bustina con una piccola quantità di hashish.


Cronaca

Catene e manganelli allo stadio: segnalati tifosi salernitani

Nei guai alcuni supporter giunti in Salento per l’incontro di ieri con il Lecce. Segnalato anche un giallorosso

Pubblicato

il

I controlli in vista del match di Serie A tra Lecce e Salernitana, disputatosi alle 20e45 allo stadio di Via del Mare, hanno scongiurato potenziali scontri.

Per la sicurezza dei circa 20mila spettatori, ha operato la Polizia di Stato con l’ausilio: dei reparti Mobili di Taranto e di Bari, del Reggimento dei Carabinieri e dei Baschi Verdi della Guardia di Finanza oltre che di numerose unità di forze territoriali della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, diretti da Dirigenti e Funzionari della Polizia di Stato e con il contributo specialistico di unità Digos sul campo. Attività che hanno evitato il contatto tra i tifosi e l’introduzione all’interno dell’impianto sportivo di numerosi oggetti di varia natura, sia artifici pirotecnici che di corpi contundenti.

L’incontro era connotato da profili di criticità connessa alla rivalità tra le due tifoserie.

Gli ospiti si sono recati in Salento a bordo di autovetture private, minivan e 7 pullman, scortati proprio dalle forze dell’ordine in prossimità della città di Lecce.

All’arrivo dei pullman della tifoseria presso il settore deli tifosi salernitani, alcuni dei tifosi ospiti a bordo, giunti in prossimità del settore dello stadio che li avrebbe accolti, alla vista delle forze di Polizia, si sono sbarazzati di un grosso involucro lanciandolo dal finestrino nelle campagne circostanti. Successivamente rinvenuto da agenti Digos, il sacco conteneva mazze ferrate, catene in metallo, manganelli telescopici, artifici pirotecnici, fumogeni e bombe carta.

Durante i controlli di Polizia svolti anche sui mezzi dei tifosi salernitani, all’interno di un minivan sono stati anche rinvenuti una decina di grossi tubi di plastica rigida. I possessori del materiale, tre tifosi originari di Salerno, rispettivamente di D’O.G. di 47 anni,  D’A.B. di 44anni e M.S. 24 anni, sono subito stati identificati e deferiti.

In seguito, i Carabinieri preposti alle attività di prefiltraggio dl settore ospiti, han rinvenuto, occultato all’interno di una tasca dei pantaloni di un tifoso identificato per D.C.RF., 39enne di Salerno, un coltellino a serramanico di 10 cm circa mentre sulla persona C.L. 24enne della provincia di Salerno un tubo telescopico in metallo celato nel giubbotto. Entrambi deferiti all’A.G. per “divieto di portare armi nelle riunioni pubbliche, anche a chi è in possesso di licenza”.

I controlli di operatori della Polizia di Stato preposti al settore di curva Nord  e svolti nei confronti di tifosi leccesi, hanno invece consentito di intercettare e bloccare prima dell’ingresso all’impianto sportivo un tifoso leccese, identificato per I.E. 22enne, trovato in possesso di tre fumogeni e un manganello telescopico in metallo.

Al termine dell’incontro conclusosi senza incidenti, tutto il pubblico è defluito dallo stadio e i tifosi salenitani sono stati scortati fino al limite di provincia da personale delle Forze di Polizia. I 7 pulman di ultras salernitani sono stati scortati da personale dlla Quetura di Lecce fino alla città di Salerno.

Il Questore di Lecce per tutti i fatti di rilievo che sono stati sopra menzionati avvierà il procedimento amministrativo per l’irrogazione del d.a.spo.

Continua a Leggere

Collepasso

Rapina in tabaccheria a Lucugnano. A Collepasso invece…

Bottino da circa 700 euro. A Collepasso invece fermati due sospetti con coltello e scooter rubato: hanno ferito agente e sono fuggiti

Pubblicato

il

Venerdì sera da dimenticare quello di ieri per una tabaccheria di Lucugnano (Tricase).

Attorno alle 19, nell’attività di via Garibaldi, ha fatto irruzione un uomo. Col volto coperto ed incappucciato, si è fatto consegnare i contati presenti nel registratore di cassa.

Sono intervenuti sul posto i carabinieri della Compagnia di Tricase. Secondo quanto ricostruito, il rapinatore non era armato. Avrebbe strattonato e minacciato il titolare della tabaccheria facendosi cedere circa 700 euro in contanti. Non vi sono testimoni: l’uomo ha agito quando non vi erano clienti all’interno dell’attività.

Poi la fuga, con la quale ha fatto perdere le sue tracce. I militari potrebbero identificarlo grazie ad alcune videocamere di sorveglianza.

Un’altra rapina sarebbe invece stata sventata a Collepasso. La comandante della polizia locale ha fermato due giovani che si aggiravano in paese con fare sospetto a bordo di uno scooter. Ne è nata una colluttazione in cui la comandante ha riportato delle lievi ferite ed i ragazzi sono fuggiti, lasciando sul posto lo scooter. Il mezzo è risultato rubato e con esso è stato rinvenuto anche un coltello. Tutto lascia intendere che i due stessero preparando un tipico colpo del venerdì sera pre-chiusura.

Continua a Leggere

Cronaca

Due auto in fiamme, un solo proprietario: rogo nella notte

Danneggiata anche una terza macchina di un’altra persona, in sosta sulla stessa via a Monteroni

Pubblicato

il

Due vetture in fiamme (foto a fine articolo) nella notte a Monteroni.

Alle ore 23.45 circa una squadra dei vigili del fuoco di Lecce è intervenuta in via Carso, per un incendio di una Mercedes GLC ed una Fiat 500 Abarth.

Da quanto constatato nell’immediatezza dei fatti, il rogo ha avvolto totalmente le autovetture.

L’irraggiamento termico provocato dalle fiamme ha danneggiato anche una seconda autovettura, una Dacia in sosta nelle immediate vicinanze della prima.

L’opera di spegnimento ha impedito ulteriori danni a persone e cose ovvero pericolo per la pubblica e privata incolumità.

In corso di accertamento la natura dell’incendio.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus