Connect with us

Cronaca

Omicidio Squinzano: regolamento di conti?

Il 42enne freddato sull’uscio di casa aveva scontato una condanna per omicidio: aveva ucciso a coltellate il presunto stupratore della sua compagna

Pubblicato

il

Un uomo è stato ucciso freddato da colpi di arma da fuoco sull’uscio di casa.


È accaduto a Squinzano nella serata di ieri.


Al momento dell’agguato, Luigi Guadadiello, 42 anni, era vicino la porta della sua abitazione, da verificare stesse rientrando o uscendo.. O se stesse raggiungendo qualcuno, forse proprio il killer che potrebbe avergli dato appuntamento.


Di certo è che lo ha sparato da distanza ravvicinata, un proiettile lo ha raggiunto tra il collo e il torace, un altro a una gamba. All’arrivo dei sanitari del 118 era ancora vivo, è stato tentato un disperato trasporto all’ospedale ma all’arrivo non c’era più nulla da fare. Mortale il colpo tra collo e torace.

Gli inquirenti non trascurano alcuna traccia a partire dal regolamento di conti.


L’uomo assassinato, infatti, aveva scontato una condanna a 23 anni per ‘omicidio: aveva ucciso a coltellate Abdelghani Khadda, ritenuto colpevole di aver violentato la sua compagna in una casa di Brignano D’Adda, in provincia di Bergamo. In passato, nel 2013, colpi di pistola erano stati esplosi contro l’abitazione che divideva con il fratello.


Castrignano del Capo

Castrignano del Capo, altro colpo della Banda del Postamat

Poco prima delle 5 i ladri, con il collaudato il metodo della marmotta hanno asportato l’erogatore automatico di banconote

Pubblicato

il

🔴 Segui il canale il Gallo 🗞 Live News su WhatsApp: clicca qui

Alba col botto a Castrignano del Capo.

Non erano neanche le 5 del mattino quando un boato ha svegliato molti dei residenti.

La deflagrazione arrivava da via Grassi dove è tornata a colpire la banda dei postamat.

Con il collaudato il metodo della marmotta (viene infilato dell’esplosivo nella feritoia dello sportello automatico da dove vengono erogati i contanti, proprio come una marmotta che si infila in tana) hanno asportato l’erogatore automatico di banconote.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Tricase che come prima cosa hanno visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti della zona, alla ricerca di elementi utili all’identificazione dei malviventi.

Secondo le prime notizie trapelate ad agire sarebbero stati almeno in due, incappucciati, e sarebbero giunti sul posto (e poi scappati) a bordo di una Y10.

Non è ancora dato sapere quale sia stato il bottino del colpo portato a termine.

Continua a Leggere

Campi Salentina

Da oggi il 112 per tutte le emergenze

Dovete allertare i soccorsi? Da stamattina è attivo il numero unico per le emergenze, il 112, sul quale vengono convogliate tutte le telefonate agli attuali numeri di pronto intervento

Pubblicato

il

🔴 Segui il canale il Gallo 🗞 Live News su WhatsApp: clicca qui

In tutta Europa si può chiamare il 112 per un intervento delle Forze di Polizia o dei Vigili del Fuoco o per l’assistenza sanitaria.

L’operatore inoltrerà la chiamata alla Centrale operativa competente per tipologia di emergenza.
Si può chiamare il numero di emergenza unico europeo, 112, gratuitamente da rete fissa o mobile anche quando il telefono non ha Sim, è bloccato o non si ha credito telefonico.

Al 112 rispondono 126 operatori della CUR, la centrale unica di risposta.

Il problema è che, delle tre sedi previste in Puglia (a Modugno, Foggia e Campi Salentina) per ora ne è stata attivata solo una: quella di Modugno, alle porte di Bari.

I 45 operatori della centrale di Campi Salentina, in provincia di Lecce, saranno costretti ad una trasferta di 150 chilometri per raggiungere la sede di Modugno, e non potranno utilizzare il proprio mezzo di traporto ma dovranno organizzarsi con mezzi pubblici.

Dovrebbe essere l’amministrazione regionale a provvedere all’organizzazione di trasporti e alloggi, mentre tutto ricade sulle spalle dei dipendenti salentini, per i quali non è previsto alcun indennizzo.

Su questa decisione discriminatoria e vessatoria, ancora una volta Bari-centrica, il consigliere regionale di opposizione Paolo Pagliaro ha presentato un’interrogazione urgente all’assessore Rocco Palese e una richiesta di audizione.

«Solo nella tarda serata di sabato 13 aprile, a due giorni dall’avvio del servizio, ai dipendenti sono stati comunicati l’ordine di servizio e i turni», ha fatto notare Pagliaro, «per i dipendenti di Campi Salentina nessuna certezza sui tempi di attivazione della loro centrale, e una situazione di limbo insostenibile. La Regione dia risposte immediate ai lavoratori salentini, penalizzati in maniera pesantissima dalla centralizzazione del servizio a Modugno, che va a scapito della loro sicurezza e impone condizioni di lavoro inaccettabili e insostenibili».

Continua a Leggere

Cronaca

Approfittò sessualmente di bimba di 9 anni: condannato patrigno

I fatti accaddero nel 2019 in un paese del Capo di Leuca. L’uomo che in un primo momento era sfuggito all’arresto aveva anche minacciato l’ex compagna nell’intento di farle ritirare la denucnia. Ora dovrà restare in carcere per 16 anni

Pubblicato

il

🔴 Segui il canale il Gallo 🗞 Live News su WhatsApp: clicca qui

Un uomo di 42 anni di origine albanese è stato condannato alla pena di 16 anni di reclusione per aver approfittato sessualmente della figlia della ex compagna che, all’epoca dei fatti, era il 2019, aveva appena 9 anni.

I fatti sono avvenuti nel Capo di Leuca. Ovviamente, come è lecito fare in questi casi, omettiamo di indicare il paese e i nomi delle persone coinvolte per tutelare la bimba e sua madre, a sua volta vittima di stalking da parte dell’aguzzino.

L’uomo, infatti, appena venuto a conoscenza della denuncia ha minacciato più volte su whatsapp la ex compagna

Il 42enne era anche iruscito a soittrarsi all’arresto quando fu emesso il mandato di cattura  ma alcuni mesi dopo nella sua città d’0rigine, Valona.

Estradato in Italia. ora è in prigione presso il carcere Borgo San Nicola di Lecce.

La sentenza emessa dal collegio presieduto dalla giudice Annalisa De Benedictis, oltre alla pena detentiva prevede anche il pagamento di una di 300mila euro in favore della piccola vittima e 10mila euro per ciascuno dei genitori.

  • foto di repertorio

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus