Connect with us

Cronaca

“Positivi e…abbandonati: la disorganizzazione dopo due anni di pandemia”

Pubblicato

il


Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza di un nostro lettore, Simone Peluso, in merito a quanto accadutogli in questi giorni riguardo al Covid.





Dopo aver manifestato alcuni sintomi (seppur lievi) riconducibili al Covid, lo scorso mercoledì 22 dicembre mia sorella ha deciso di fare un tampone antigenico presso una delle farmacie di Tricase, ricevendo un esito positivo.





Lei si è messa subito in isolamento, mentre io e la mia famiglia (di cui fa parte anche una persona anziana) siamo entrati in quarantena essendo ovviamente dei suoi contatti stretti. Abbiamo contattato il suo medico di base, che ci ha confermato che l’esito del tampone è stato direttamente comunicato alla ASL e che avremmo dovuto ricevere (nel giro di poche ore) una chiamata per effettuare un tampone molecolare.





I giorni sono passati senza ricevere alcuna comunicazione, nonostante avessimo più volte provato a contattare noi telefonicamente senza ricevere risposta (nell’attesa abbiamo però ascoltato della buona musica jazz). Capisco perfettamente la delicatezza della situazione e del momento, l’intasamento delle risorse a disposizione con la crescita repentina dei contagi, ma faccio fatica ad accettare una totale mancanza di comunicazione precisa e (nei limiti) puntuale sulle indicazioni da seguire nell’attesa di un tampone molecolare di conferma come vuole la prassi.




Ovviamente il mio non è l’unico caso, ce ne sono diversi analoghi ascoltando anche le testimonianze di conoscenti che vivono la medesima situazione. Ve ne riporto un altro che, a mio avviso, evidenzia ancor di più una totale incapacità organizzativa a quasi due anni dall’inizio della pandemia.





Il figlio di 9 anni di alcuni conoscenti ha contratto il Covid, scoprendolo dopo un tampone molecolare effettuato presso l’Ospedale di Tricase lo scorso lunedì 20 dicembre. Ad oggi (28 dicembre), anche loro – come noi – non hanno ricevuto alcun avviso da parte della ASL; in più, il loro medico di famiglia aveva comunicato parallelamente la positività del ragazzo e, dopo un sollecito effettuato nelle scorse ore, ha scoperto che la sua mail non era stata mai letta e che non ve n’era traccia negli archivi telematici.





Tutto ciò mi lascia ovviamente senza parole, pur comprendendo – come già specificato nelle righe precedenti – le difficoltà oggettive per tutto il sistema. Non è più accettabile vivere in un Paese in cui, per avere anche solo informazioni minime necessarie o servizi essenziali di cui si ha diritto (in qualsiasi campo del settore pubblico), bisogna affidarsi a speranze spesso vane se non si hanno delle “conoscenze” giuste a cui poter richiedere un supporto senza attendere tempi biblici.





Nel mio caso mi sento quasi di definirmi “fortunato”, non avendo particolari disagi se non quello di dover attendere pazientemente blindato all’interno delle mura domestiche. C’è chi, però, è costretto per esempio a dover sospendere temporaneamente la propria attività professionali avendo delle ricadute importanti sulle entrate mensili, senza sapere se e quando poter riaprire la rispettiva bottega nella piena sicurezza degli stessi clienti. Finora sono convinto che quasi tutti abbiano accettato a prescindere di seguire le regole divulgate quotidianamente su qualunque mezzo stampa, ma è chiaro l’etica del singolo che non possa più bastare se dall’altra parte c’è una mancanza così profonda da dover essere compensata.


Alessano

Investita da una fiammata a Novaglie: bimba ricoverata d’urgenza

L’incidente è avvenuto nella serata di ieri e sarebbe collegato all’utilizzo di un barbecue in giardino

Pubblicato

il

Panico nella serata di ieri a Novaglie, marina di Alessano, dove una bimba è stata investita accidentalmente da una fiammata riportando gravi ustioni sul corpo.

La piccola, 5 anni, secondo la prima ricostruzione, si trovava nel giardino della casa di mare della sua famiglia in compagnia della madre e del compagno di quest’ultima.

Per cause ancora da chiarire, è stata raggiunta da una improvvisa fiammata, partita da un barbecue.

La chiamata al 118 ha fatto accorrere sul posto un’ambulanza che l’ha condotta presso l’ospedale di Tricase.

Le condizioni critiche della piccola hanno spinto i medici del “Cardinale Panico” a disporne il trasferimento presso il Policlinico di Bari.

Le ustioni riportate sono di primo, secondo e terzo grado ed interessano il 50% del corpo.

Continua a Leggere

Andrano

Maxi incendio tra Depressa ed Andrano

Diverse campagne in fiamme nel pomeriggio, nube di fumo visibile da chilometri di distanza

Pubblicato

il

Un ampio incendio ha colpito alcune campagne nella zona tra Depressa ed Andrano questo pomeriggio.

Divampate attorno alle 15, le fiamme hanno avvolto in pochi minuti alcuni terreni a poche centinaia di metri dal centro abitato della frazione tricasina, carbonizzando vegetazione e sterpaglie.

Sotto al sole cocente, si è levata una nube di fumo visibile in lontananza da alcuni chilometri.

Operazioni di spegnimento in corso. Seguono immagini Facebook di Giovanni Sticchi.

Continua a Leggere

Cronaca

A spasso per il paese svestite: il video virale in Salento

Pubblicato

il

“È arrivata l’estate”. Questo il commento ironico dell’autore del video che in queste ore è diventato virale in Salento.

Un video girato nel centro di Gallipoli in cui, di spalle, si vedono due donne aggirarsi per la città senza vestiti.

Il perché non è noto. Tuttavia, dall’incedere delle due protagoniste non si direbbe essere un imprevisto.

Non è il primo caso di assenza di decoro che si verifica in Salento. Molti, negli anni passati, hanno visto protagonisti turisti giunti a Gallipoli.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus