Connect with us

Cavallino

Rapina in gelateria: fuggiti con 4mila euro

La rapina ai danni della gelateria “Principe” di Porto Cesareo. Il colpo, poco prima delle 3 di notte, quando in giro non vi era ormai nessuno…

Pubblicato

il

Un colpo simile a quello avvenuto, poche ore prima, nei magazzini Mondo Convenienza del centro commerciale di Cavallino.

In due, entrambi con i volti coperti da passamontagna, hanno fatto irruzione all’interno della gelateria “Principe” di Porto Cesareo.

La coppia è passata all’azione poco prima delle 3. Pistola puntata contro il gestore, per farsi consegnare l’incasso: circa 4mila euro.

Arraffato il denaro, i due sono fuggiti, a detta di alcuni, a bordo di un’auto di colore scuro di cui non è stato possibile risalire al numero di targa.

Gli uomini del Commissariato di Polizia di Nardò, che si occupano del caso, hanno analizzato i  filmati di videosorveglianza negli istanti successivi alla rapina da cui n’è emerso un dettaglio: i due rapinatori si sono espressi con un accento locale.

Gli inquirenti, non escludono quindi, che si possa trattare della stessa banda che poco prima, ha agito nel centro commerciale di Cavallino.

Attualità

Scomparsa dell’On. Gorgoni, i messaggi di cordoglio

Si è spento nella sua Cavallino a causa di una crisi respiratoria l’On. Gaetano Gorgoni, aveva 87 anni. I messaggi di cordoglio dal mondo della politica

Pubblicato

il

Sono tanti i messaggi di cordoglio giunti in redazione per ricordare la figura del l’onorevole Gaetano Gorgoni, scomparso a causa di una crisi respiratoria all’età di 87 anni.

Esponente del Partito Repubblicano Italiano, venne eletto parlamentare nel 1983 alla Camera dei deputati, carica che mantenne fino al 1994.

Nella sua lunga carriera politica è stato anche consigliere provinciale e comunale nei Comuni di Lizzanello, Vernole e Lecce.

Negli ultimi anni l’azione amministrativa si è concentrata sul suo paese di origine, Cavallino, di cui è stato sindaco dal 1992 al 2006 e vicesindaco nel 2011.

Tra i primi a scrivere il suo cordoglio il governatore di Puglia Michele Emiliano: “Sono vicino alla famiglia Gorgoni e all’intera comunità di Cavallino per la scomparsa dell’onorevole Gaetano Gorgoni. Se ne va un uomo e un politico dall’indiscusso valore umano e professionale. Gentiluomo e politico appassionato. Ricorderò la cortesia, il garbo e la gentilezza che manifestava nelle occasioni pubbliche nelle quali capitava di incrociarsi. Un validissimo rappresentante di quella generazione di “politici di razza” che al rispetto dei valori universali sapeva unire un sincero amore per la propria terra. Sentite condoglianze alla famiglia e alla comunità di Cavallino”.

Anche Raffaele Fitto ha fatto pervenire sin dalle prime ore il suo messaggio: “Con la scomparsa di Nini Gorgoni la politica salentina perde un riferimento importante, un uomo delle Istituzioni. Una vita politica che lo ha visto per molti anni con ruoli di grande prestigio a livello nazionale in Parlamento e nel governo e successivamente caratterizzata dal suo impegno di amministratore locale e dal grande amore per la sua Cavallino. Da sindaco ha cambiato il volto del suo Comune facendolo diventare uno dei centri più importanti della provincia di Lecce”.

Il coordinatore provinciale di Forza Italia, Paride Mazzotta: “Con la scomparsa dell’Onorevole Gaetano Gorgoni, politico illuminato, uomo delle istituzioni e da sempre artefice della crescita e dello sviluppo di un intero territorio, oggi il Salento rimane orfano di un’altra figura di altissimo livello. Ai familiari e all’intera Comunità di Cavallino giungano le più sentite condoglianze”.

Il presidente di Italia in Comune alla Regione Puglia, Paolo Pellegrino ricorda “un amministratore e un politico di lungo corso, che ha sempre difeso strenuamente le ragioni del Sud e della sua terra. Con la scomparsa dell’onorevole Gaetano Gorgoni la Puglia e il Salento perdono un pezzo importante della storia repubblicana. Un uomo che ha saputo, in ogni sede, portare avanti le istanze delle comunità con passione civica e con l’alto senso delle istituzioni. Con Ninì ho avuto l’onore di vivere stagioni politiche dedicate e di aver sempre riscontrato in lui saggezza e signorilità. Come Italia in Comune esprimiamo il nostro più sentito cordoglio alla sua famiglia e a tutte le comunità nelle quali Gorgoni ha svolto l’incarico di consigliere comunale e di sindaco”.

L’ex sindaco di Lecce Paolo Perrone: “Gorgoni è stato, senza dubbio, uno dei punti di riferimento per la mia generazione politica in Puglia e nel Salento. Ho sempre apprezzato la passione e la dedizione con cui ha interpretato il suo impegno nelle istituzioni locali e nazionali, ricambiato da un consenso elettorale personale sempre molto ampio. Ho avuto modo di conoscerlo meglio negli anni in cui sono stato vicesindaco e poi sindaco di Lecce e lui guidava l’amministrazione di Cavallino. Una figura di grande esperienza, sempre lucida, con cui era facile collaborare e da cui tutti abbiamo imparato qualcosa. Ai familiari e alla comunità di Cavallino il mio pensiero affettuoso in questo momento doloroso.

Continua a Leggere

Calimera

Omessa sorveglianza sanitaria a carico dei lavoratori: due denunce

Controllate complessivamente quattro aziende e tredici posizioni lavorative; rilevate la presenza di cinque lavoratori irregolari, elevate ammende per un importo totale euro 9.800 euro

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Lecce unitamente al Nucleo Ispettorato Lavoro sempre dei carabinieri, nell’ambito dei controlli alle attività produttive, industriali e commerciali sull’attuazione delle misure di contenimento dell’emergenza da covid 19, hanno denunciato due persone di 43 anni, rispettivamente l’amministratore unico ed il legale rappresentante di una società.

Nel corso dell’ispezione presso alcune aziende sul terriotrio compreso tra Calimera, Cavallino e Lizzanello, i carabinieri hanno riscontrato violazioni di natura penale per omessa sorveglianza sanitaria a carico dei lavoratori.

Nel corso del servizio sono state controllate complessivamente quattro aziende e tredici posizioni lavorative; rilevate la presenza di cinque lavoratori irregolari, elevate ammende per un importo totale euro 9.800 euro e impartite disposizioni atte ad osservare la normativa vigente covid 19.

Continua a Leggere

Attualità

“Supermercati e alimentari restino chiusi a Pasqua e Pasquetta”

Uiltucs Lecce: “Una decisione diversa cozzerebbe con l’invito a restare a casa rivolto a tutta la cittadinanza”. Ordinanze già firmate a Galatone, Sternatia e Salice. Se entro la serata non arriva l’ordinanza regionale di chiusura si accoderanno anche altri come Lecce, Cavallino e Tricase

Pubblicato

il

Non aderiremo allo sciopero, ma riteniamo fondamentale disporre la chiusura delle attività nei giorni festivi. I sindaci si adoperino”.

È in sintesi il messaggio fatto giungere ad ognuno dei Comuni della provincia di Lecce dalla Uiltucs (il sindacato di categoria della UIL che rappresenta i lavoratori del terziario, turismo, commercio e servizi) di Lecce.

«Non aderiremo allo sciopero generale dei lavoratori del commercio alimentare proclamato da Filcams Cgil di Puglia e Lecce per le giornate di Pasqua e Pasquetta. Ciò non toglie che la Uiltucs di Lecce resta fermamente contraria alle aperture commerciali nei giorni del 12 e 13 aprile, così come in tutti i giorni di festività religiose e civili. Tuttavia, in questo momento di grave emergenza sanitaria, riteniamo opportuno agire con la massima cautela e con senso di responsabilità».

Antonella Perrone, segretario generale Uiltucs Lecce

Lo dichiara Antonella Perrone, segretaria provincia della Uiltucs, che lancia un appello ai primi cittadini del territorio: «Invitiamo tutti i sindaci della nostra provincia, sulla scorta del provvedimento già adottato dal primo cittadino di Bari Antonio De Caro, ad emanare apposite ordinanze di chiusura delle attività commerciali per le due giornate in questione, ritenendo peraltro superfluo garantire un tale servizio nei giorni di Pasqua e Pasquetta», dice la segretaria Uiltucs,  «visto che cozzerebbe con l’invito a restare a casa rivolto a tutta la cittadinanza».

«Siamo convinti», prosegue la Perrone,  «che occorra gestire l’emergenza con senso civico e responsabilità, comprendendo il momento che stiamo vivendo ed operando con la massima serietà. Senso di responsabilità che hanno dimostrato e continuano a dimostrare tutti i lavoratori del commercio consapevoli dei forti rischi a cui sono sottoposti, essendo anche loro in prima linea per garantire l’approvvigionamento di beni essenziali. Invitiamo pertanto le aziende del commercio ad applicare scrupolosamente tutte le norme di sicurezza sui posti di lavoro previsti dai protocolli, perché sia garantita la salute di questi lavoratori».

«Cogliamo l’occasione», conclude la segretaria provinciale, «per ringraziare tutti i lavoratori della grande, media e piccola distribuzione nel settore alimentare per l’abnegazione e il senso di responsabilità che stanno mettendo in campo in questi giorni per il bene della collettività».

Il punto centrale della questione è proprio quel «cozzerebbe con l’invito a restare a casa».

Negli ultimi anni il commercio alimentare ha sempre lavorato molto durante la mattinata del Lunedì dell’Angelo quando i negozi restavano aperti per consentire a chi organizzava la Pasquetta di approvvigionarsi del necessario nella stessa giornata.

È chiaro che nelle condizioni attuali non sono consentite né scampagnate, né tantomeno pranzi all’aperto. Ecco che allora tenere aperti anche nei giorni di festa supermercati ed alimentari potrebbe essere colto in maniera distorta come un invito a lasciarsi andare.

ORDINANZA REGIONALE SUBITO O CI PENSINO I COMUNI

Un pensiero immediato e logico che in tanti hanno subito realizzato e, proprio per questo, pare assai probabile che la Regione emani un’ordinanza di chiusura valida per tutto il territorio pugliese.

Nell’attesa Comuni, come Salice Salentino, Galatone e Sternatia, si sono già messi al sicuro con un’ordinanza del proprio sindaco.

Da molti altri Comuni, Lecce, Cavallino e Tricase in primis, i primi cittadini si sono già detti pronti ad emanare un’ordinanza nel caso non arrivino entro la serata chiare ed inequivocabili indicazioni dal Governatore Emiliano.

Anche perché una decisione tardiva potrebbe fare anche danni, con il rimedio che sarebbe peggio del male. Una corsa all’acquisto di chi pensava di trovare tutto aperto anche nei giorni di Pasqua e Pasquetta infatti potrebbe favorire proprio quegli assembramenti che si vogliono evitare.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus