Connect with us

Cronaca

Rave Party non autorizzato a Giuggianello

Shake Down Party – Chapter 3: finite nei guai tre persone di Poggiardo e due di Spongano, tutte di età compresa tra i 23 e i 34 anni

Pubblicato

il

Avevano organizzato un rave party a Giuggianello presso un capannone industriale dismesso situato nella zona artigianale.


Per questo sono finite nei guai tre persone di Poggiardo e due di Spongano, tutte di età compresa tra i 23 e i 34 anni.


Dovranno rispondere di esercizio abusivo di  pubblico spettacolo o intrattenimento in locali pubblici e/o aperti al pubblico privi di agibilità.

Le denunce fanno seguito al controllo effettuato dai carabinieri nella serata del 19 gennaio scorso proprio presso il capannone utilizzato per il rave party denominato “Shake Down Party – Chapter 3” e pubblicizzato sui social network in assenza della licenza del sindaco e di una dichiarazione di agibilità dei locali che avrebbe dovuto preventivamente rilasciare la commissione comunale di vigilanza.


Attualità

«Morta in ospedale, sola e senza le sue medicine»

«Altro che covid!». I figli: «Non è stata alimentata né le hanno dato le medicine che prendeva da tempo. è entrata in coma e ci ha lasciato a 73 anni. Nessuno ci ha dato spiegazioni convincenti»

Pubblicato

il

«La nostra mamma è morta sola in ospedale. Non era autosufficiente, non è stata alimentata, né le hanno dato le medicine che solitamente prendeva. Alla fine è andata in coma e ci ha lasciato a 73 anni. Nessuno ci ha dato risposte convincenti su quanto avvenuto».


È questa la premessa di Mauro, Massimo, Manuela e Marco Gravante, i figli di Abbondanza Antonia Marra: non avendo avuto certezze sul decesso della donna ricoverata per covid, hanno dato mandato allo Studio degli avv.ti Alvaro Storella e Antonio Storella di procedere per vie legali e giungere alla verità.


Secondo quanto esposto nella denuncia presentata dalla famiglia di Ruffano, la donna il 22 ottobre scorso aveva «accusato sintomi influenzali e, su indicazione del medico curante, aveva iniziato una terapia antibiotica». Trascorsi alcuni giorni, «constatata la difficoltà di deglutizione, abbiamo richiesto l’intervento del 118».


Mentre gli operatori hanno prelevato la 73enne, «noi figli abbiamo consegnato un foglio sul quale abbiamo trascritto le terapie personali salvavita. Non accettavano i farmaci in uso in quanto, a detta degli operatori del 118, non sarebbero stati utilizzati in ambito ospedaliero».


Dopo l’iniziale accettazione presso il DEA e il pervenuto esito positivo del tampone eseguito a domicilio, la donna è stata ricoverata presso il reparto Malattie Infettive.


«Era il 27 ottobre e noi da quella data», denunciano i figli, «non abbiamo più avuto contatti diretti con nostra madre ma solo lacunose, sporadiche e contraddittorie notizie dal personale medico e paramedico».


La signora Marra è deceduta il 2 novembre, «mentre solo il 28 dicembre abbiamo ottenuto copia della cartella clinica».


Incrociando i dati della cartella clinica ed i colloqui telefonici intercorsi con il personale medico e paramedico, i figli della vittima hanno maturato la convinzione che «la terapia salvavita farmacologica che nostra madre doveva assumere necessariamente, non le è mai stata somministrata. Dinanzi alle nostre pressioni», insistono, «chi aveva in cura la mamma si è limitato a comunicare che la paziente “non è collaborante” senza che il personale medico desse alcuna importanza ai sintomi causati dall’ interruzione della terapia seguita da decenni».


Secondo i familiari ci sarebbe stata «grave negligenza del personale medico e paramedico nel persistere nella mancata somministrazione della terapia e nella cura dell’alimentazione nonostante le pressioni in tal senso di noi figli, giacché, per un verso, leggesi che la paziente “non aveva fatto colazione“ mentre, per altro verso, risulta che la paziente non deglutivase non deglutiva come poteva fare colazione?»).


Ancor più grave secondo i figli della donna, è che «abbiamo rilevato insistentemente sia la necessità della terapia salvavita che l’offerta di consegna dei farmaci assunti a domicilio: tale disponibilità è stata ripetuta anche a fronte della comunicazione di un’infermiera che aveva affermato che “la farmacia dell’ospedale ne è sprovvista…”, senza che fosse messo in atto alcun intervento al fine di evitare il “declino delle condizioni” della paziente e ciò nemmeno dinanzi alle convulsioni delle quali nostra madre non aveva mai sofferto».


I denuncianti si soffermano sulla «estrema contraddittorietà» delle informazioni a loro riservate perché nella cartella clinica si legge «di episodi convulsivi e di stato di incoscienza quando poco prima si parlava di semi-incoscienza».

E ancora: «Un medico ha affermato che non assumeva i farmaci “perché non ingoia”; la sua collega aveva invece assicurato che “le vengono somministrati per infusione”».


A tale situazione, proseguono nel racconto i componenti della famiglia Gravante, «hanno fatto seguito solo altre conferme di ulteriori crisi convulsive, della mancata somministrazione dei farmaci salvavita. Persino il 31 ottobre quando la mamma era già in coma uno “scaricabarile” tra medici ci dava in pratica la conferma che quei farmaci non sono mai stati somministrati neppure per via endovenosa».


I Gravante ritengono ci sia stata «grave negligenza nella cura della paziente, privata di farmaci salvavita, ignorata nelle condizioni iniziali di salute, curata con farmaci deleteri per la patologia pregressa».


Il 2 novembre il capitolo finale: «Alle ore 12,42, su nostra chiamata, il medico ha risposto che stava per chiamarci perché nostra madre ci aveva lasciato appena 2 minuti prima ma nella cartella clinica l’ora del decesso è annotata alle 12 precise!».


La causa di morte è indicata nella Polmonite a focolai multipli da Sars Cov-2 con insufficienza respiratoria.


Altra «incongruenza», rilevata dai Gravante: «Il personale medico aveva sempre sostenuto che il Covid-19 non rappresentava il problema perché a quello la paziente stava reagendo bene». Per i figli la causa del coma e del decesso sarebbe la «omessa somministrazione dei farmaci per le patologie di cui la donna era affetta» e da ciò conseguirebbe «la grave responsabilità dei sanitari per aver fornito anche informazioni false e contraddittorie».


Per quanto raccontato, la famiglia Gravante ha proposto formale denuncia/querela nei confronti di «tutti i soggetti ed operatori sanitari che hanno avuto in cura nostra madre, chiedendo la identificazione degli stessi, l’accertamento delle responsabilità e la loro condanna alle pene e conseguenze di legge, ivi compresa eventuale responsabilità dell’A.S.L. per le carenze di personale ed organizzazione del reparto, così come riportato telefonicamente dagli stessi medici e denunciato dal loro sindacato, facendo espressa riserva di costituzione di parte civile per l’integrale risarcimento di tutti i danni subiti e subendi in conseguenza di quanto accaduto a nostra madre».


L’avv. Storella ha già provveduto a chiedere l’estumulazione per procedere all’esame autoptico «al fine di poter effettuare le verifiche necessarie ed utili a risalire alle cause del decesso e per stabilire eventuali responsabilità penali circa il suo decesso ed eventuali maltrattamenti subìti durante la degenza».


Sulla vicenda avremmo voluto riportare anche la versione dei fatti del “Vito Fazzi” ma, almeno finora, i nostri tentativi di metterci in contatto con i vertici della struttura ospedaliera non hanno avuto successo.


Continua a Leggere

Cronaca

Cloud pubblico per diffondere pedopornografia: arrestato 45enne

Pubblicato

il


La Polizia Postale e delle Comunicazioni “Puglia”, nell’ambito dell’azione di contrasto alla pedopornografia, ha tratto in arresto in esecuzione di un’ordinanza cautelare di custodia in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Lecce, un salentino di 45 anni.





È ritenuto responsabile dei reati di cui agli artt. 600 ter, 3° e 5° co. e 600 quater, 1° e 2° co, per essersi procurato ed aver detenuto e diffuso, attraverso un cloud a lui riconducibile, una ingente quantità di foto e video a contenuto pedopornografico.




Nei confronti del 45enne è stata eseguita una perquisizione personale, domiciliare ed informatica che ha consentito di rinvenire considerevole materiale fotografico e video di natura pedopornografica, archiviato su dispositivi telefonici, informatici e cloud. Molto del materiale rinvenuto ritrae minori, anche di tenera età, in atti sessuali espliciti con adulti.





Inoltre sul cloud, posto sotto sequestro, è stato trovato un link per l’accesso a cartelle a contenuto pedopornografico la cui fruizione era consentita pubblicamente, senza necessità di password, al fine di agevolarne la diffusione.
Il procedimento trae origine da un’articolata attività investigativa espletata dalla Sezione di Polizia Postale di Foggia, diretta inizialmente dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari, all’esito della quale è stato emesso ed eseguito un decreto di perquisizione locale personale ed informatica a carico dell’indagato. Successivamente l’attività investigativa è stata proseguita con la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce.
I riscontri degli accertamenti ottenuti in sede di perquisizione hanno consentito di raccogliere elementi probanti a carico dell’indagato tali da condurre all’emissione di una ordinanza cautelare.


Continua a Leggere

Alliste

Contagi in calo ma decessi in aumento: 4 in Salento in poche ore

Pubblicato

il


È un inverno amaro questo per il Salento: il Covid non viaggia a ritmi incontenibili, ma continua a mietere vittime.





Il numero giornaliero di contagi è quasi dimezzato rispetto all’autunno, ma i decessi di degenti Sarscov2 sono nettamente aumentati.




Nelle scorse ore il Salento ha registrato 4 morti. Due originari di Casarano, uno di Alliste ed uno di Nardò.





I pazienti ricoverati in Puglia al momento, secondo l’ultimo bollettino, sono 1541. Salgono a 2876 invece i decessi da inizio pandemia. Ieri, i nuovi contagi nel Leccese sono stati 62.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus