Connect with us

Cronaca

Sequestro di beni al “Genny” di Melendugno

Eseguito un provvedimento di sequestro nei confronti di Skhelsen Pronjai, 36enne albanese condannato a dieci anni di reclusione per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti

Pubblicato

il

La Divisione Anticrimine della Questura di Lecce coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo della locale Procura della Repubblica, ha eseguito un provvedimento di sequestro nei confronti di Skhelsen Pronjai, 36enne albanese, meglio conosciuto con il nome di Genny, già coinvolto nell’operazione Final Blowe condannato, all’esito del giudizio abbreviato, con sentenza del GUP di Lecce del 10 giugno scorso, alla pena di dieci anni di reclusione per aver fatto parte di un’associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.


Tale importante provvedimento del Tribunale di Lecce è finalizzato all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati dalle organizzazioni criminali operanti in ambito provinciale.


L’esecuzione chiude, di fatto, il troncone dell’inchiesta che ha visto implicato nello specifico un gruppo particolarmente attivo, dal 2017 al 2020, nei territori di Melendugno e rispettive marine che oggi ha portato al sequestro di beni, per un valore di oltre 150 mila euro, consistenti in un appartamento di recente costruzione e di un box, ubicati nel centralissimo Corso Italia di Merine, la frazione di Lizzanello situata alle porte del capoluogo salentino, nonché un’autovettura Mini Cooper S Countryman.


Pronjai è persona molto conosciuta anche per via di attività commerciali che lo stesso conduceva, prima del suo arresto, a Melendugno e nelle marine.

In particolare a San Foca dove lo stesso per alcuni anni ha gestito nel centro del borgo marinaro un bar pasticceria illecitamente acquisito dal sodalizio malavitoso estromettendo di fatto il precedente proprietario.


Nel tracciare un primo bilancio, la sezione della Divisione Anticrimine della Questura, specializzata nell’attività di indagine patrimoniale che richiede l’abilità di saper unire in un unico metodo di lavoro la tradizionale attività investigativa e complesse analisi economico finanziarie, dal marzo 2020 ad oggi ha conseguito importanti risultati nella provincia di Lecce nell’ambito dell’aggressione ai patrimoni ritenuti illecitamente accumulati dagli appartenenti alla criminalità organizzata salentina. Per dare dei numeri sono state proposte 4 misure di prevenzione patrimoniali nei confronti di altrettante persone legate ad importanti sodalizi criminali salentini con il sequestro di beni mobili, immobili, attività economiche ed altre utilità per un valore complessivo di circa un milione di euro.


Cronaca

Avvocato nasconde al fisco ricavi per oltre 200mila euro

il professionista era completamente sconosciuto al fisco in quanto evasore totale per gli anni d’imposta dal 2016 al 2022

Pubblicato

il

Nell’ambito dei controlli fiscali volti a contrastare l’evasione tributaria, disposti dal Comando Provinciale di Lecce, i Finanzieri della Compagnia di Otranto hanno individuato, anche a seguito di una mirata analisi di rischio, un avvocato completamente sconosciuto al fisco in quanto evasore totale per gli anni d’imposta dal 2016 al 2022.

L’attività ispettiva ha consentito di accertare che il predetto professionista, nel corso del periodo preso in esame, ha omesso di dichiarare all’erario consistenti compensi derivanti da prestazioni rese a numerosi clienti.

Al termine dell’attività di controllo, le Fiamme Gialle idruntine hanno quindi ricostruito l’effettivo volume d’affari dell’avvocato, quantificando in oltre 200mila euro i ricavi percepiti in nero durante lo svolgimento della professione legale.

L’evasione fiscale costituisce un grave ostacolo allo sviluppo economico perché distorce la concorrenza e l’allocazione delle risorse, mina il rapporto di fiducia tra cittadini e Stato e penalizza l’equità, sottraendo spazi di intervento a favore delle fasce sociali più deboli.

Continua a Leggere

Cronaca

Sfondano ingresso con auto e danno alle fiamme concessionario

Distrutti sei veicoli nella notte in quel di Matino: necessario l’intervento di più squadre del 115 per domare il rogo

Pubblicato

il

Incendio presso locale commerciale a Matino: intervento tempestivo dei Vigili del Fuoco di Lecce.

Incendio nella notte a Matino dove più squadre del Comando dei Vigili del Fuoco di Lecce sono dovute intervenire per domare le fiamme divampate in un locale commerciale.

A prendere fuoco è stato un concessionario d’auto in via Anellini, di proprietà di un 31enne.

All’arrivo sul luogo dell’incidente, i Vigili del Fuoco hanno immediatamente iniziato le operazioni di spegnimento, seguite dalla bonifica dell’area. L’incendio ha causato danni considerevoli all’edificio, compromettendo i solai, e ha portato alla distruzione di sei autoveicoli.

Per garantire la sicurezza pubblica e privata, è stato temporaneamente vietato l’accesso all’intera struttura. L’intervento rapido ed efficace dei Vigili del Fuoco ha impedito ulteriori danni a persone e beni.

Le cause dell’incendio sono attualmente oggetto di indagine, ma gli elementi preliminari fanno supporre un’origine dolosa, considerando il ritrovamento di un’auto Alfa Romeo Giulietta senza targa che ha sfondato la vetrata all’ingresso del locale.

Continua a Leggere

Cronaca

È un cane o un lupo? Avvistamento a Marina Serra

Pubblicato

il

Live News su WhatsApp: clicca qui

Un video (che troverete a fine articolo) circola in rete a Tricase e dintorni.

Un automobilista ha ripreso un esemplare che non è semplice, dalle immagini, definire cane o lupo.

Il video è stato girato a Tricase, su via Marinelli, la strada che conduce a Marina Serra, a pochi metri dalla litoranea.

Stazza, manto e fisionomia dell’animale richiamano molto l’idea di lupo. Destano invece perplessità il fatto che lo si ved circolare in strada in pieno giorno nonché il fatto che sia fuori dal branco. Nulla di tutto ciò però si può del tutto escludere, visto che di per sé la presenza del lupo è già una eccezione dalle nostre parti.

Eccezione tuttavia che, fortunatamente, sta ritornando con frequenza: sembrerebbe infatti che, dopo decenni di quasi completa assenza, il lupo stia tornando a popolare la penisola salentina.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus