Connect with us

Appuntamenti

Sicurezza sul lavoro, «Mai abbassare la guardia»

Domani Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro. Pochi giorni fa la morte in un cantiere dell’operaio trentenne di Collepasso. Il segretario territoriale della Cisl Lecce, Donato Congedo: ««Non si può morire di lavoro né sul posto di lavoro!»

Pubblicato

il

Il 28 aprile si celebra la Giornata Mondiale della salute e sicurezza sul lavoro, una ricorrenza istituita nel 2003 dall’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro).


Quest’anno si ricorderanno le migliaia di decessi che quotidianamente si verificano sui luoghi di lavoro, anche nel corso di una pandemia che non può considerarsi superata.


Al contrario, dobbiamo invece riflettere su quanto sia accaduto negli ultimi 12 mesi proprio a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e su come sia cambiato il mondo che ci circonda.


«Vogliamo che questa sia una giornata di ricordo e di ringraziamento per chi ha combattuto il virus da eroe, magari senza volerlo essere», ha evidenziato il segretario provinciale della Cisl, Donato Congedo, «e di chi in piena pandemia non ha smesso per un giorno di svolgere doverosamente il suo mestiere. Vogliamo dire grazie a medici, infermieri, oss, personale sanitario (per davvero e senza retorica in prima linea),uomini e donne delle forze dell’ordine, personale scolastico, operai, impiegati, cassiere e


cassieri, addetti alle pulizie, badanti, autotrasportatori. Tutte categorie coraggiosamente esposte, che spesso hanno pagato un prezzo altissimo in termini di incolumità per la loro vita e quella dei propri cari.


I dati dell’Inail


L’analisi sui dati rilevati dall’INAIL al 31 dicembre 2020, riferiti alle denunce dello scorso anno, conferma l’impatto dell’emergenza Coronavirus sull’andamento infortunistico.


Sono 554.340 gli infortuni sul lavoro complessivamente denunciati all’INAIL nel 2020 e 1.270 quelli con esito mortale.


Se i decessi in itinere, occorsi cioè nel tragitto di andata e ritorno tra l’abitazione e il luogo di lavoro, sono diminuiti di quasi un terzo, da 306 a 214, quelli in occasione di prestazione lavorativa sono, invece, aumentati del 34,9% da 783 a 1.056.


Quasi un quarto delle denunce e circa un terzo dei decessi sono dovuti al contagio da COVID-19.


Tra i settori economici della gestione Industria e Servizi, quello della Sanità e Assistenza Sociale si distingue per il forte incremento delle denunce di infortunio in occasione di lavoro, che in quasi tre quarti dei casi hanno riguardato il contagio da Coronavirus.


L’aumento è del +206% su base annua (da circa 27.500 casi del 2019 agli oltre 84mila del 2020) con punte superiori al +750% a novembre e tra il +400% e il 500% a marzo, aprile, ottobre e dicembre, nel confronto con i mesi dell’anno precedente.

Il quadro pugliese


Il quadro generale non cambia se osserviamo la situazione solo in Puglia.


Le denunce di infortunio sul lavoro da COVID-19, per il periodo gennaio 2020-gennaio 2021, sono state 5.245 di cui 25 con esito mortale.


Quello che però desta preoccupazione è il dato relativo ai


primi 2 mesi dell’anno in corso.


Sono 104 le persone che hanno perso la vita sul posto di lavoro, oltre 50 al mese e più di 12 alla settimana.


La Puglia, di queste vittime, conta 8 decessi.


L’ultimo dei quali è avvenuto purtroppo nella nostra provincia un paio di settimane fa.


Si chiamava Luca Sedile, aveva 30 anni ed era un operaio edile di Collepasso. Ha perso la vita a causa delle gravissime lesioni riportate alla testa mentre era intento a lavorare in una villa privata. Luca era uscito di casa la mattina del 12 aprile 2021 dopo aver salutato i propri cari senza immaginare che non avrebbe più fatto ritorno.


«Non si può morire di lavoro né sul posto di lavoro», ha tuonato Congedo, «oltre ad una prevenzione sempre più efficace e attenta per i rischi da tempo conosciuti, oggi stiamo assistendo a profondi cambiamenti nei nostri luoghi di lavoro e nei modi di lavorare. Abbiamo quindi bisogno di sistemi per la sicurezza e la salute che riflettano queste nuove situazioni, insieme ad una cultura generale della prevenzione che crei una responsabilità condivisa. Si dovrebbe, finalmente », conclude il segretario territoriale della Cisl Lecce, «prendere in considerazione la raccomandazione della Commissione Mondiale dell’OIL sul Futuro del Lavoro, che chiede che la sicurezza e la salute dei lavoratori siano riconosciute come diritto e principio fondamentale sul lavoro».


Appuntamenti

Fino all’ultimo battito, dal Salento a Rai 1

Da giovedi’ 23 settembre in prima serata su rai 1, andrà in onda la prima puntata della serie Rai girata anche a Lecce, Poggiardo, Nardò e Lequile. Con Marco Bocci, Violante Placido, Bianca Guaccero,  Loretta Goggi  e Fortunato Cerlino (don Pietro Savastano di Gomorra) 

Pubblicato

il

La Puglia conquista nuovamente la prima serata su Rai 1, con la nuova serie tv “Fino all’ultimo battito” diretta dalla regista Cinzia TH Torrini.

È la storia di un uomo impegnato in una lotta impari e disperata per salvare la propria famiglia e recuperare la propria integrità anche a rischio della vita, in un crescendo di tensione e colpi di scena.

A partire da giovedì 23 settembre, infatti, andrà in onda la prima delle sei puntate (due episodi a serata) della nuova serie tv che vede protagonisti Marco BocciViolante PlacidoBianca GuacceroMichele VenitucciFrancesco FotiFrancesca ValtortaGaja MascialeMichele Spadavecchia, con Loretta Goggi nel ruolo di Margherita e con Fortunato Cerlino.

Girata a Bari e provincia (Molfetta, Polignano, Monopoli, Acquaviva Delle Fonti, Conversano, Putignano, Bitonto, Minervino), e Lecce e provincia (Nardò, Lequile e Poggiardo) tra settembre 2020 e marzo 2021, la serie tv è una coproduzione Rai Fiction ed Eliseo Multimedia prodotta da Luca Barbareschi ed è stata realizzata con il contributo di Apulia Film Fund di Apulia Film Commission e Regione Puglia (360.000 euro) a valere su risorse del POR Puglia FESR-FSE 2014/2020. Per la realizzazione della serie sono state impegnate oltre 38 unità lavorative pugliesi, tra cast artistico e troupe.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Giornate Europee del Patrimonio: la voglia di Casarano

La città partecipa con una serie di iniziative che avranno il proprio centro di gravità nella chiesa di Santa Maria della Croce in Casaranello (l’occasione apertura straordinaria dal 24 al 28 settembre)

Pubblicato

il

Un bicchiere di cultura per provare a placare la sete di Casarano. Con una similitudine potremmo infatti paragonare questa città a quei territori texani desolati e desertici e caratterizzati dal suolo pieno di crepe, dove, anche un solo bicchiere di… cultura, diviene preziosissimo. L’occasione è fornita dalle “Giornate Europee del Patrimonio 2021”, la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa: visite guidate, aperture straordinarie ed iniziative digitali, caratterizzano l’intero weekend di centinaia di luoghi in Europa.

In questo affascinante ed entusiasmante contesto, Casarano partecipa con una serie di iniziative che hanno il proprio centro di gravità nella chiesa di Santa Maria della Croce in Casaranello (che per l’occasione ha previsto un’apertura straordinaria dal 24 al 28 settembre).

Negli appuntamenti casaranesi, già purtroppo sold out da settimane, a conferma di quanto sia concreta e percepita la sete di appuntamenti come questi, venerdì 24 settembre avrà luogo la presentazione del libro di Cristina Martinelli: “Il Pitagorismo di S.M. della Croce”, moderato dal giornalista e filosofo Alberto Nutricati e con la presenza del sociologo Roberto Muci e dello storico dell’arte Giovanni Giangreco.

Domenica 26 verrà inaugurata la mostra d’arte del maestro Marcello Malandugno dal titolo “Umane sacralità”. La mostra (comunque visitabile già a partire dal 24 settembre), verrà presentata da due critici d’arte di primo piano come Cinzia De Rocco e Paolo Marzano e dal iconologo Francesco Danieli.

A chiudere il trittico di eventi, la performance artistica dal titolo “Il Santo” di Fabrizio Manco su musiche del duo Euterpe: Elisa Buffelli al flauto traverso e Federica Cataldi all’arpa.

«È bello ed è quasi commovente ricominciare ad occuparsi di eventi e di arte dopo i periodi bui di questa pandemia», ha dichiarato a “il Gallo” Cinzia De Rocco, una delle curatrici dell’intera manifestazione ed in maniera particolare, della mostra dell’artista Malandugno, «il riscontro pressoché immediato da parte del pubblico ci ha già ripagato dell’impegno profuso sino ad ora e siamo davvero mortificati di esser stati costretti a rifiutare le prenotazioni di tantissima gente che avrebbe voluto partecipare».

«L’auspicio, per gli eventi e le manifestazioni future», conclude De Rocco, «è che la cultura possa rimanere sempre estranea agli schieramenti politici; che possa sempre conservare quella trasversalità che è una delle caratteristiche fondamentali e rimanere patrimonio davvero di tutti».

Gli eventi, organizzati con la partecipazione dell’Associazione Archeo Casarano, dell’Associazione Casaranello e Presìdi del Libro e ufficializzati sul sito del Ministero dei Beni Culturali, hanno avuto il patrocinio della Città di Casarano e rispetteranno tutte le normative in materia di prevenzione della diffusione del virus Covid-19.

Antonio Memmi

Continua a Leggere

Appuntamenti

Giornate del Patrimonio a Casa Comi

Doppio appuntamento con Terra Somnia Editore a Palazzo Comi-Casa Museo di Lucugnano

Pubblicato

il

Terra Somnia Editore, la casa editrice fondata lungo l’asse Salento, Caserta e Napoli con l’intenzione di creare dei percorsi letterari artistici e poetici sarà ospite delle Giornate del Patrimonio che si svolgeranno nella frazione tricasina, presso Palazzo Comi-Casa Museo.

Sabato 25 settembre, dalle 18, con “Ekatomere, tra Decameron e pandemia” parteciperanno Paolo Miggiano e Brizio Montinaro.

Domenica 26, sempre dalle 18,  spazio a “Libertà: casa, prigione, esilio, il mondo” di Yassin AL-Haj Saleh.

SABATO 25 E DOMENICA 26 SETTEMBRE

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus