Connect with us

Cronaca

Taglio cesareo ritardato, muore bimba: 2 condanne e un’assoluzione

Rispettivamente due anni ed un anno per una ginecologa ed una ostetrica dell’ospedale di Tricase, assolta invece una terza professionista

Pubblicato

il


La morte di una bambina (causata, presumibilmente, da un eccessivo procrastinamento del taglio cesareo) due condanne ed una assoluzione. Questi gli elementi cardine di una vicenda risalente al 2016, registrata nell’ospedale di Tricase e finita in tribunale.





Il giudice monocratico Francesca Mariano ha condannato in queste ore due professioniste del “Cardinale Panico”: a 2 anni la 50enne ginecologa Simona Alcaino e ad un anno la 41enne ostetrica Maria Antonietta Peluso, entrambe di Tricase, per il reato di omicidio colposo. Assolta, invece, la 36enne ostetrica Valentina Pironti, di Cutrofiano. Mentre, in precedenza, la posizione di un’altra ginecologa era stata già ritenuta estranea ai fatti.





La vicenda




Era un giorno di fine aprile del 2016 quando la tragedia si consumò nel nosocomio tricasino. Poche ore dopo l’accaduto, fu la zia della piccola vittima a sporgere denuncia-querela presso la locale stazione dei carabinieri. L’intento era quello di approfondire le cause del decesso della bambina visto che, sino al giorno del parto, la gravidanza non aveva incontrato particolari intoppi.





Le indagini portate avanti dalla Procura hanno ricostruito, con dovizia di particolari, tutti gli snodi di quella notte di travaglio. Come riporta LecceNews24, il taglio cesareo fu ritardato di diverse ore nonostante i segnali dapprima critici e poi allarmanti emersi, in particolar modo, sin dalle 5 del mattino. Pochi minuti prima delle 9e30 il parto e la tragica scoperta: la piccola era deceduta per sofferenza ipossico-ischemica acuta.





Secondo il giudizio in primo grado, quindi, la decisione di non praticare tempestivamente il taglio cesareo si sarebbe rivelata fatale.


Cronaca

Grave incidente tra Sogliano e Corigliano

Sulla strada per Corigliano, muore una donna: non era lei a guidare

Pubblicato

il

Sinistro stradale nella serata di venerdì 14 giugno alla periferia di Sogliano Cavour.

Un violento incidente si è verificato sulla strada provinciale che conduce a Corigliano D’Otranto, in prossimità della sala ricevimenti Fanny.

Più d’uno i mezzi coinvolti in una carambola, con una Fiat Punto ed una Smart a patire i danni maggiori. Ad avere la peggio una donna, passeggera nell’auto condotta dal marito, una Smart: condotta in ospedale, è stata registrata la morte cerebrale.

Sul posto 118 e carabinieri.

Continua a Leggere

Attualità

Leonardo Donno dopo l’aggressione in parlamento: “Io non mollo”

Il deputato salentino: “Io non mi fermo, il Movimento 5 Stelle non si ferma. Per questo martedì saremo in piazza per dire NO al folle progetto dell’autonomia differenziata e del premierato. Saremo in piazza con le nostre bandiere tricolore per dire NO a chi vuole spaccare la coesione e l’unità nazionale”

Pubblicato

il

L’onorevole Leonardo Donno, dopo la ormai nota aggressione subita in parlamento, è tornato sul larga mento innanzitutto per ringraziare  tutti “per il sostegno, siete stati tantissimi”.

Poi entra nell’argomento: “Le immagini che sono rimbalzate in questi giorni nelle tv italiane ma anche all’estero valgono più di mille parole. La verità è sotto gli occhi di tutti, come è chiaro che stringere la bandiera del nostro Paese per qualcuno è un oltraggio che lo porta addirittura a indietreggiare”.

Il deputato salentino passa al contrattacco: “Questo è il centrodestra. Questi sono i ‘patrioti’ che a un gesto pacifico hanno risposto con la violenza. E quando al peggio non c’è mai fine spuntano pure le sanzioni dell’Ufficio di presidenza che hanno messo sullo stesso piano l’aggredito e l’aggressore. Siamo alla farsa”.

Nonostante il dolore e la rabbia provati Leonardo Donno non si arrende: “Forse pensano di fermarci, o di prendere in giro gli italiani. La verità è che non ci fanno paura”

Infine l’annuncio: “Io non mi fermo, il Movimento 5 Stelle non si ferma. Per questo martedì saremo in piazza per dire NO al folle progetto dell’autonomia differenziata e del premierato. Saremo in piazza con le nostre bandiere tricolore per dire NO a chi vuole spaccare la coesione e l’unità nazionale”.

Continua a Leggere

Cronaca

Cumulo di rifiuti abbandonati a Tricase, la segnalazione: “E se…?”

Il messaggio al sindaco di una nostra lettrice: “Inasprire le regole sulla differenziata potrebbe avere effetto contrario”

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo una segnalazione giunta in Redazione ed accompagnata da una considerazione.

Foto di cumuli di spazzatura da Tricase, in pieno centro abitato, in via Quintino Sella a pochi giorni dall’annunciato inasprimento di regole e controlli in merito alla differenziata ed all’utilizzo degli appositi sacchetti.

La domanda, indirizzata al sindaco dalla nostra lettrice, è: “E se tutto questo spingesse gli incivili ad un aumento dell’abbandono dei rifiuti?”

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus