Connect with us

Cronaca

Peschereccio a Torre Pali: erano pescatori in fuga dal fuoco libico

Gli uomini soccorsi erano 8 pescatori egiziani che causa il maltempo erano finiti in acque libiche e da lì sono stati ricacciati a colpi di mitragliatrice per poi finire fino in Salento

Pubblicato

il

Tutto lasciava presagire si trattasse del “solito” sbarco di migranti quello che ha interessato nelle scorse ore la costa ionica salentina.


Un peschereccio si è incagliato sugli scogli dell’isola della Fanciulla, a Torre Pali, marina di Salve.


Quelli che però sono stati soccorsi come migranti da alcune indiscrezioni trapelate sarebbero invece otto pescatori egiziani che, causa il maltempo ed il mare agitato, erano finiti vicino le coste libiche.


Lì sarebbero stati oggetto delle mitragliate dei militari del posto che li avrebbero ricacciati verso il mare aperto. Così navigando tra le onde alte del mediterraneo i pescatori sarebbero giunti fino a Torre Pali.

Sul posto oltre alla guardia di finanza ed i carabinieri di Tricase sono giunti anche i vigili del fuoco con i suoi sommozzatori e gli uomini del distaccamento di Tricase. Hanno raggiunto il peschereccio per verificare che non ci sia più nessuno a bordo e per cercare eventuali documenti. Il timore, sin dall’inizio, era che sul peschereccio potessero esserci persone non più in vita. Ipotesi per fortuna, a quanto pare, scongiurata. Per il momento ritrovato solo un pc che sarà vagliato dagli inquirenti.



Cronaca

Il parroco al funerale di Eleonora: “Hai seminato dolore: costituisciti”

Pubblicato

il


Rose, palloncini e una bara bianca. Grande dolore anche a Seclì. Dopo il funerale di Daniele al Duomo di Lecce, lo strazio per quello di Eleonora.





Don Antonio Bruno, non ha potuto che seguire la scia di quanto fatto dall’arcivescovo a Lecce poche prima: rivolgersi anche al killer che ancora la giustizia non ha rintracciato.





“Guarda il dolore hai provocato, guarda questa mamma. Vorresti che la tua soffrisse così? Come hai avuto la forza di fare questa strage? Come dormi la notte?”.




Non avrebbe dovuto esser lui a officiare la messa: don Antonio Bruno ha preso oggi il posto di don Antonio Mosca, zio della vittima, troppo addolorato per poter tenere la funzione.






Continua a Leggere

Cronaca

Fitto positivo, corsa al tampone: trema anche Maglie

Tutte le Asl pugliesi al lavoro per circoscrivere i contatti: si teme focolaio più grande di quello di Polignano

Pubblicato

il


Centinaia di contatti da ricostruire per le sei Asl della Puglia dopo la notizia del contafuo di Raffaele Fitto.





Da quando il dipartimento di Prevenzione della Asl salentina ha accertato la positività al Coronavirus di lui e sua moglie, le autorità sanitarie sono al lavoro: obiettivo chiudere la catena del contagio il prima possibile e scongiurare il rischio di un focolaio che potrebbe avere una portata spaventosa.





Trema anche Maglie che in piena campagna elettorale ha accolto “suo figlio” Fitto con un bagno di folla che oggi fa pensare.








A Bari, riferisce Repubblica, si procederà secondo il metodo dei cerchi concentrici, già collaudato in situazioni simili. I primi tamponi su contatti stretti di Fitto dovrebbero partire invece già in queste ore.





Giornalisti, cameraman e operatori delle tv locali e nazionali che la sera di lunedì 21 settembre hanno partecipato alla conferenza stampa di Fitto nelle sale dell’hotel Palace: sono loro in cima alla lista. Era la sera in cui il candidato governatore della Regione commentava la sconfitta elettorale.

Il dipartimento di Prevenzione barese ha già chiesto all’Ordine dei giornalisti la lista di chi ha seguito la coda della campagna elettorale nel quartier generale del centrodestra. Sarebbero una cinquantina in tutto le persone “nel mirino” dell’Asl.





Poi c’è il personale in servizio nell’albergo e lo staff barese dell’europarlamentare.





All’Ospedale Di Venere a Bari c’è un triage dedicato che tutti i giorni, dalle 18 alle 20, apre a “tutti i colleghi registrati presso il comitato elettorale ed entrati in contatto il giorno dello spoglio elettorale col candidato e i componenti dello staff risultati positivi”, per “sottoporsi con celerità all’esame”: “Sarà necessario esibire codice fiscale, documento d’identità e numero di cellulare. Gli inviati o i colleghi non residenti a Bari, presenti in quella occasione, saranno contattati dalla Asl”.

Al Dipartimento regionale Salute, Odg e Assostampa hanno anche chiesto che l’iniziativa venga disposta “a breve da tutte le altre Asl provinciali, in modo da consentire anche ai colleghi che hanno seguito il candidato nelle conferenze stampa tenute nei giorni precedenti lo spoglio elettorale di poter effettuare celermente l’esame in un triage dedicato”.


Continua a Leggere

Casarano

Sale il livello d’allerta a Casarano e Salice: 6 nuovi casi

Pubblicato

il


Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi sabato 26 settembre in Puglia, sono stati registrati 3.514 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 51 casi positivi: 27 in provincia di Bari, 5 in provincia BAT, 2 in provincia di Brindisi, 9 in provincia di Foggia, 6 in provincia di Lecce, 2 in provincia di Taranto.





Sono stati registrati 3 decessi: 2 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Taranto





Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 396.426  test.





4.518 sono i pazienti guariti.





2.337 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.445, così suddivisi:





2.896 nella Provincia di Bari;





624 nella Provincia di Bat;





768 nella Provincia di Brindisi;





1.791 nella Provincia di Foggia;




787 nella Provincia di Lecce;





520 nella Provincia di Taranto;





58 attribuiti a residenti fuori regione;





1 provincia di residenza non nota.





I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.





La mappa del contagio





Aumentano i casi nei comuni di Casarano e Salice Salentino. Sale in entrambi i casi il livello di allerta col passaggio alla fascia immediatamente più alta sulla mappa del contagio.





Nel report Asl di ieri erano 2 i casi di positività a Casarano. Oggi si sale al range tra i 6 ed i 10. Sono presumibilmente 3 i nuovi contagi qui.





E si sommano agli altre 3 di oggi che fanno registrare l’altro scatto di fascia: Salice, dagli 8 casi di ieri, passa alla fascia 11-15.






Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus