Connect with us

Attualità

Tricase e la sua “eterna” cattedrale nel deserto

Il palazzetto dello sport realizzato 35 anni fa resta un inno allo spreco ed un potenziale pericolo. Nunzio Dell’Abate: «Con le risorse del PNRR o altri finanziamenti, se si consolida nell’elaborando P.U.G. l’indirizzo di destinare la zona denominata “Campoverde” a servizi sportivi e di intrattenimento, si potrebbe pensare ad un grande teatro/anfiteatro, anche all’aperto se si vogliono contenere i costi…»

Pubblicato

il

Nel corso degli anni abbiamo riportato più volte le nostre rimostranze, nella speranza che quella che, a Tricase, è un’autentica cattedrale nel deserto, un inno alle spreco, potesse non essere più tale.


È ormai ridotto ad un rudere: nelle intenzioni, sarebbe dovuto diventare un grande palazzetto dello sport e, allo stesso modo, costituisce un serio pericolo per l’incolumità personale di curiosi e passanti, perchè privo del benché minimo accorgimento di sicurezza (segnaletica, barriere protettive o altro), e per la stessa salute perché disseminato di lastre di eternit e di rifiuti di ogni tipo.


Ci riferiamo, ovviamente, alla costruzione allo stato rustico attigua al palazzetto dello sport (conosciuto come il “palazzetto piccolo”) e piscina comunali.


«Un’opera per la quale il Comune contrasse un mutuo di 1 miliardo e 240 milioni delle vecchie lire nel lontano 1987», ricorda l’ex amministratore comunale e provinciale Nunzio Dell’Abate, «ma con i lavori che si bloccarono nel 1989 pare per la presenza di un traliccio che non ne consentiva la prosecuzione. Dopo una lunga diatriba si pervenne alla sottoscrizione nel febbraio del 1990 di un verbale di ripresa dei lavori, accettato però con riserva dall’impresa aggiudicataria dell’opera che non venne sostanzialmente più portata avanti. Nel 1995 giunse la delibera comunale che denunciava l’inosservanza degli obblighi contrattuali e la conseguente rescissione del contratto con una spesa ammontante a circa 500 milioni di lire».


La presenza ed operatività delle due vicine strutture sportive risaltano ancor più lo stato di degrado ed abbandono in cui versa la costruzione. «Ora le chance che giungono dalla assegnazione ai Comuni delle ingenti risorse del PNRR e delle altre misure di finanziamento regionali e statali», evidenzia Dell’Abate, «impongono una seria riflessione sul futuro di questa struttura. Se si consolida nell’elaborando P.U.G. l’indirizzo di destinare la zona denominata “Campoverde” a servizi sportivi e di intrattenimento», suggerisce agli attuali amministratori, «si potrebbe pensare ad un grande teatro/anfiteatro, anche all’aperto se si vogliono contenere i costi».

In questo modo Tricase avrebbe una location adeguata e ben posizionata per celebrare eventi e ricorrenze. Nel contempo si recupererebbe, dal punto di vista ambientale e dei servizi pubblici in genere (viabilità, illuminazione, parcheggi, ecc), un’area e dei terreni comunali oggi non fruiti e tenuti in cattivo stato di manutenzione.


«Ovviamente questa è una riflessione a voce alta», conclude Nunzio Dell’Abate, «ma una chance va data».


Giuseppe Cerfeda


Attualità

Parco Otranto-Leuca, Forte: “Mancata unità d’intenti”

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo la lettera sul “Parco naturale regionale Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase” (colpito da ripetuti devastanti incendi) indirizzata dal segretario del circolo PD di Tricase, Gianluigi Forte, al sindaco di Tricase, agli assessori del PD di Tricase ed a tutto il gruppo consiliare del Partito Democratico di Tricase.

______________________

Gli ultimi accadimenti che hanno interessato ancora una volta l’area del Parco naturale regionale Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase, impongono una seria riflessione sulle prospettive e sul futuro dell’Ente.

Istituito con Legge Regionale n. 30 del 26 ottobre 2006, il Parco nasceva con l’intento di tutelare il proprio patrimonio rurale, architettonico e naturalistico, nonché per valorizzare il territorio, secondo un modello di sviluppo eco-sostenibile.

Tuttavia, l’assenza di unità d’intenti e di una visione a lungo periodo, hanno consentito che il Parco naturale regionale Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase divenisse solo “un vincolo” e non “un’opportunità di crescita” per l’intero territorio, come sarebbe stato auspicabile.

Certamente non si vuol puntare il dito su errori commessi ed eventuali colpevoli; è invece nostra intenzione stimolare un’azione coordinata tra le realtà amministrative aderenti al Parco, al fine di trovare le soluzioni più utili al fine di risolvere le criticità note.

Sentiamo il dovere di farlo, perché la tutela e la valorizzazione dell’immenso patrimonio architettonico, culturale e ambientale che il Parco rappresenta, sono valori cardine e principi ispiratori per la nostra azione politica, da sempre sensibile nei confronti dell’ambiente.
Ecco perché, come portavoce della volontà degli iscritti e dei militanti del Partito Democratico di Tricase, chiedo esplicitamente ai nostri rappresentanti, ed in particolar modo al Sindaco di Tricase, in qualità di Presidente pro-tempore dell’assemblea consortile del Parco, di farsi carico delle summenzionate problematiche che l’Ente Parco sta vivendo.

Il proficuo rapporto con le comunità del Capo di Leuca e con le Città della Provincia di Lecce ha consentito di cogliere opportunità importanti per lo sviluppo della nostra area! Ciò è stato possibile grazie alla lungimiranza dei sindaci e di tutti gli amministratori che hanno colto la sfida del cambiamento: una sfida culturale, ancor prima che economica e sociale.

Auspichiamo, dunque, che anche l’Ente Parco venga presto coinvolto in questo processo, al fine di ridiscuterne la governance, la vision, con nuove idee e prospettive di sviluppo.
È evidente che il mantenimento dello status quo, infatti, stia arrecando danno alla nostra terra. È tempo di invertire la rotta!

Così come avete già dimostrato, in altri ambiti amministrativi di vostra competenza, sono fiducioso in un vostro impegno, dandovi sin da ora, la nostra disponibilità, quella di tutta la comunità del Partito Democratico locale ad una piena e definitiva risoluzione della vicenda.

Gianluigi Forte

Continua a Leggere

Attualità

Singolare caso: arbitro salentino per Lecce-Inter

Sarà Alessandro Prontera, originario di Ruffano, a dirigere il ritorno dei giallorossi in A. Per alcuni interisti una coincidenza da evitare

Pubblicato

il

Si avvicina il fischio d’inizio delle partite dell’attesissima prima giornata del campionato di Serie A 2022/2023 e col countdown non possono mancare i primi temi caldi.

Il Lecce, neopromosso in massima serie, inizierà col botto ospitando l’Inter allenata da Simone Inzaghi.

La partita porta con sé tanti temi: dallo stratosferico costo dei biglietti, che vanno dai 60 ai 200 euro, al ritorno della LuLa (Lukaku-Lautaro) tra le file nerazzurre. Dal gap tra le due squadre, alle tante assenze in casa giallorossa, con mister Baroni che sembra costretto a dover schierare una difesa di fortuna.

Ma, all’improvviso, ecco anche il tema arbitro. Capita, talvolta, che si parli del fischietto anche prima del match. Succede, di solito, quando questo abbia dei precedenti sfortunati o poco limpidi con una delle due squadre o con lo stesso match che si andrà a disputare.

Stavolta però non è questo il caso. A dirigere l’incontro al Via del Mare sarà Alessandro Prontera. Il giovane arbitro della sezione di Bologna non ha nessun precedente grigio con le due squadre ma, per alcuni, il problema è all’anagrafe.

Prontera infatti, seppur residente a Bologna da 15 anni, è salentino: nativo di Ruffano.

Regola vuole che un arbitro non diriga una squadra del suo territorio di provenienza. A far scattare l’eccezione è però proprio il fatto che Prontera, su carta, è considerato emiliano: appartiene infatti alla sezione di Bologna.

Qualche interista ha storto il naso, paventando una direzione di gara non serena per il fischietto che ha esordito in A in un Fiorentina-Udinese del 2019.

Agli interisti non resta che affidarsi alla professionalità del giovane arbitro (sin qui dimostrata di domenica in domenica su tutti i campi) ed anche al fortunato passato: l’unica gara dell’Inter sin qui diretta da Prontera è quella di Catania, nel 2021, che valse l’ultimo tricolore ai nerazzurri.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Botrugno: cittadinanza onoraria a Barbara Stefanelli di Corsera

Nata da genitori originari di Botrugno, dove ha trascorso parte della sua infanzia, Barbara Stefanelli è la prima donna a raggiungere la vicedirezione del Corriere della Sera

Pubblicato

il

Questa sera, alle ore 20.30, nell’atrio del Palazzo Marchesale il sindaco di Botrugno Silvano Macculi, insieme al viceprefetto Beatrice Mariano, conferirà la cittadinanza onoraria al vice direttore vicario del Corriere della Sera Barbara Stefanelli.

Nata da genitori originari di Botrugno, dove ha trascorso parte della sua infanzia, Barbara Stefanelli è la prima donna a raggiungere la vicedirezione del Corriere della Sera.

Nel corso della sua brillante carriera si è distinta non solo per la sua attività giornalistica ma anche per il suo impegno civile e le sue battaglie in difesa delle donne, ottenendo riconoscimenti nazionali ed internazionali.

Nel corso della serata, che
sarà allietata da un intrattenimento musicale di pizzica salentina, Barbara sarà intervistata dal direttore del Nuovo Quotidiano di Puglia Rosario Tornesello sul suo rapporto con Botrugno e il Salento, sulle principali tappe del suo percorso professionale e sulle più importanti questioni di attualità.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus