Connect with us

Cronaca

Tricase, parcheggi: «La Gestam dovrà risarcire 115mila euro alla Cooperativa Apulia»

Il Tribunale Civile di Lecce condanna l’azienda che gestisce strisce blu e parcheggi a pagamento: avrebbe ottenuto tramite «dichiarazioni e documenti falsi ed una falsa rappresentazione della realtà la certificazione necessaria per poter partecipare al bando di gara indetto dal Comune e risultare vincitrice»

Pubblicato

il

Il Tribunale civile di Lecce ha condannato la Gestam Group, l’azienda che gestisce strisce blu e parcheggi a pagamento a Tricase.


La Gestam (difesa dall’avv. Massimiliano Musio), dovrà ora risarcire con 115mila euro la Società Cooperativa Apulia (avv. Luigi Paccione) che si classificò seconda al bando di gara del 2014 per l’appalto decennale per la gestione delle aree di sosta a pagamento a Tricase.



Secondo la giudice Viviana Mele l’azienda condannata avrebbe ottenuto tramite «dichiarazioni e documenti falsi ed una falsa rappresentazione della realtà la certificazione necessaria per poter partecipare al bando di gara indetto dal Comune e risultare vincitrice».


Sempre secondo la giudice Mele, sarebbe «provata la turbativa alla gara, per effetti di artifici e raggiri della convenuta Gestam».

Le indagini svolte dalla Guardia di Finanza (nella foto in alto un parchimetro sequestrato nel settembre 2016) avrebbero dimostrato che Gestam Group avrebbe «mai svolto attività di gestione e di servizi di parcheggio» ed avrebbe «confezionato dei contratti falsi al fine di dimostrare di aver svolto tale attività in favore di un ristorante».


La condanna del Tribunale civile è arrivata nonostante sia il Tar che il Consiglio di Stato avessero riconosciuto la regolarità della gara.


Questo perché secondo la giudice Mele «il giudice amministrativo non è stato chiamato a riconoscere che i documenti prodotti fossero stati emessi sulla base di artifici e raggiri che hanno modificato la realtà» ma «se fosse lecito consentire a Gestam di produrre la certificazione in seguito al provvedimento che ne aveva comportato l’esclusione».


Nel frattempo prosegue il processo penale che vede sotto processo per gli stessi motivi il legale rappresentante della Gestam, il commercialista incaricato e il responsabile della qualità aziendale.


Cronaca

Anziano colto da un malore in spiaggia: inutili i soccorsi

Un fatale colpo di calore e poi l’arresto cardiaco hanno stroncato la vita dell’anziano villeggiante, un 82 enne di Guagnano, intorno alle 13:30

Pubblicato

il

Le torride temperature registrate anche oggi sulle spiagge salentine non hanno lasciato scampo ad Angelo Rubino, colto da un malore improvviso nei pressi del litorale di Torre Lapillo, marina di Porto Cesareo. Un fatale colpo di calore e poi l’arresto cardiaco hanno stroncato la vita dell’anziano villeggiante, un 82enne di Guagnano, intorno alle 13:30.

Si trovava sul tratto di spiaggia libera quando si è accasciato in acqua, a pochi passi dal bagnasciuga, davanti agli occhi dei bagnanti. I soccorsi sono stati immediati, coinvolgendo due ambulanze che sin da subito hanno cercato di rianimare l’uomo attraverso massaggi cardiaci. Purtroppo però non c’è stato nulla da fare. L’anziano è deceduto per un arresto cardiocircolatorio.

Constatata la morte naturale l’autorità giudiziaria ha disposto la restituzione della salma ai familiari.

Continua a Leggere

Cronaca

Derubato, insegue il ladro con la pistola: denunciato

Subisce un furto e insegue il ladro fino all’interno del centro commerciale impugnando un revolver Smith e Wesson. Denunciato per aver portato fuori dalla propria abitazione ed in luogo pubblico in maniera illegale una pistola, per omessa custodia dell’arma e per procurato allarme

Pubblicato

il

Indagato in stato di libertà un 74enne leccese per aver portato fuori dalla propria abitazione ed in luogo pubblico in maniera illegale una pistola, per omessa custodia dell’arma e per procurato allarme.

Nella mattinata di ieri alcuni cittadini ed esercenti hanno vissuto momenti di puro terrore e panico all’interno della galleria commerciale “Centrum”, in viale dello Stadio.

Intorno alle 11,20, numerose chiamate al “113” segnalavano un uomo a torso nudo che impugnava una pistola e che si aggirava tra i corridoi della galleria.

Immediatamente sono accorsi equipaggi della Sezione Volanti, della Squadra Mobile e dei Carabinieri. Nel frattempo altri cittadini hanno segnalato un uomo armato che entrava in un condominio sito in una strada vicina. Raggiunto questo ultimo indirizzo gli Agenti della Sezione Volanti hanno individuato l’uomo il quale, visibilmente agitato, ha raccontato la sua versione dei fatti.

La ricostruzione della vicenda effettuata dagli agenti sulla scorta delle prime attività di indagine ha consentito di stabilire che l’uomo aveva notato poco prima un ladro all’interno del soggiorno del suo appartamento, introdottosi forzando la tapparella, ed aveva sottratto la somma di 20euro, custodita nel portafogli della figlia e anche l’Iphone di quest’ultima. A tal punto, notato il malfattore fuggire sempre attraverso la stessa finestra, lo ha inseguito, non prima di avere afferrato, dal cassetto del comodino in cui era riposta, una pistola tipo revolver Smith e Wesson, peraltro scarica.

L’attività investigativa ha consentito di accertare dai rilievi effettuati tramite personale della Polizia Scientifica, la forzatura della tapparella attraverso un tubo in plastica, e dalla ricognizione e visione delle telecamere di videosorveglianza installate sul tragitto effettuato dall’uomo che ha impugnato l’arma per arrivare al “Centrum”, che l’autore del reato dovrebbe essere un uomo di circa 40 anni.

Inoltre la verifica relativa al possesso, da parte della persona che ha subito il furto, di un titolo di polizia che lo autorizzasse a detenere la pistola, ha fatto emergere come il Questore di Lecce lo avesse autorizzato al porto di arma per uso sportivo, che non consente di utilizzare l’arma per finalità diverse e, meno che mai, per difesa personale.

Gli Agenti della Sezione Volanti hanno inoltre verificato come il 74enne conservasse l’arma in maniera inidonea ad assicurarne la corretta custodia. Pertanto, all’esito di una perquisizione lo stesso è stato indagato in stato di libertà.

La pistola ed i 50 proiettili sono stati sottoposti a sequestro probatorio.

Il Questore nel prosieguo adotterà gli opportuni provvedimenti amministrativi.

Continua a Leggere

Cronaca

Galatina: auto… in vetrina al supermercato!

Nel pomeriggio una Mercedes ha sfondato le vetrine del Supermac, adagiandosi vicino a lavatrici ed elettrodomestici

Pubblicato

il

La storia si ripete.

Qualche giorno fa a Lecce un’auto era finita dentro ad un bar del centro, praticamente a ridosso del bancone dove gli astanti prendevano il loro caffè.

Questa volta, invece, una Mercedes ha sfondato le vetrine del Supermac di Galatina, adagiandosi vicino a lavatrici ed elettrodomestici.

Difficile capire come sia avvenuto e forse anche che sia avvenuto ma le foto sono lì a testimoniare senza temere smentite.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus