Connect with us

Cutrofiano

Fotovoltaico a Cutrofiano: divampa la protesta

Pubblicato

il

La notizia del progetto di un ennesimo vasto impianto fotovoltaico, questa volta di addirittura 20 ettari in pieno Parco dei Paduli, con maxi pannelli insegui-sole alti 5 metri e più, scatena i comitati e le associazioni, tra cui Italia Nostra in primis, che si stanno battendo con l’appoggio di cittadini, agronomi, studiosi, medici, ingegneri e politici di ogni colore, per la difesa del territorio salentino e del neonato Parco Paduli, istituito nei luoghi dove un tempo si estendeva fitta la “Selva del Belvedere”, anche lì nota come la “Foresta di Cutrofiano”. Italia Nostra, insieme ad altre associazioni culturali vicine, ha già svolto un partecipato urgente sopralluogo, appurando che il sito dove si vorrebbe istallare il vastissimo impianto industriale è nelle adiacenze della Strada Provinciale Cutrofiano-Supersano.


“Il progetto, della durata di almeno vent’anni, che vedrebbe l’uso di lenti Fresnel e celle-fotovoltaiche ad alta efficienza”, hanno svelato alcuni partecipanti del luogo, “si sta presentando come sperimentale per poi esportare la tecnologia in Africa, nel deserto, ma si tratta della stessa tecnologia e delle stesse scusanti adoperate per un medesimo impianto presentato ed in progetto a Minervino, lì almeno di soli, si fa per dire, 3 ettari, ed in zona artigianale; qui si sta parlando di 20 ettari, l’equivalente di 28 campi di calcio regolamentari, troppo per un esperimento, che peraltro dovrebbe durare almeno 20 anni; e poi il tutto in totale zona agricola in un Parco naturale e rurale, quello dei Paduli”. Un Parco che è stato istituito per salvare un’area di alto pregio paesaggistico, dove vivono rarissimi e protetti animali, come il Tritone italico, ed in cui si dovranno finanziare, come previsto dal nuovo Piano Paesaggistico della Puglia, che lo ha scelto come parco pilota, solo progetti di rimboschimento, di alto recupero della naturalità e delle suggestioni pittoresche del paesaggio rurale, nonché favorire il biologico ed un agricoltura di recupero delle varietà agro-pastorali della locale tradizione! “Tutto ciò è inconciliabile con questo ennesimo progetto industriale che offende la rinascita e salvaguardia di questo territorio splendido, già vilipeso da un eccessivo sfruttamento geologico”.

Da qui l’invito di Italia Nostra Sud Salento (presidente Marcello Seclì) al Comune di Cutrofiano, già vessato da decine di richieste per altri selvaggi impianti fotovoltaici sempre a terra, a non avallare, né le precedenti richieste, né tantomeno quest’ultima; l’invito “a non svendere il proprio territorio in cambio di denaro-royalty o altro benefit, né a lasciarsi abbindolare dal fumo che accompagna queste proposte, quali l’utilizzazione dei suoli per piantare erba medica o la creazione di fasce piantumate per la mitigazione di un troppo vasto sfregio al paesaggio, che nell’agro di Cutrofiano, specie poi nel sito in questione, sarebbe davvero intollerabile!”.


Attualità

Maglie, 15enne bullizzato finisce in ospedale

“Non vuole tornare più a scuola. Purtroppo quanto accaduto ha avuto ricadute non solo sul suo comportamento ma anche sul suo rendimento scolastico”

Pubblicato

il

A sette studenti di una scuola superiore di Maglie, tra i 15 e i 16 anni, accusati di atti persecutori, è stato notificato dalla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Lecce un avviso di conclusione delle indagini per  lesioni personali e diffamazione.


Secondo l’accusa sette ragazzini, di Nociglia, Castro, Ruffano, Cutrofiano, Melpignano, Zollino e Giuggianello per mesi hanno minacciato, vessato, deriso e aggredito con calci e pugni un loro compagno di classe quindicenne, reo di non voler sottostare alle logiche del loro gruppo.


Gli episodi contestati sarebbero sette e riguarderebbero il periodo compreso tra l’ottobre 2019 e il febbraio 2020, alcuni dei quali sarebbero avvenuti in presenza degli stessi docenti.


In un’occasione la vittima sarebbe stata picchiata da uno dei sette, per non avergli fatto copiare un compito in classe, un’altra occasione di derisione sarebbe stata quella di appiccicargli sulle spalle un biglietto con la scritta “Spastico”.


Gesto che ha prodotto la sospensione dalle lezioni con il richiamo verbale da parte della dirigente scolastica.

Nonostante tutto questo le punizioni non solo non hanno sortito nessuno effetto, anzi hanno inasprito ancor di più la rabbia del branco fino a quando a causa dell’ennesima aggressione punitiva il ragazzo non è finito in ospedale.


Da qui la decisione di sporgere denuncia. Il 15enne non è più tornato in classe e continua a seguire le lezioni in Dad.


Dario Paiano, legale della famiglia, conferma: “Non vuole tornare più a scuola. Purtroppo quanto accaduto ha avuto ricadute non solo sul suo comportamento ma anche sul suo rendimento scolastico“.


Continua a Leggere

Cronaca

Cocaina e sostanza da taglio in casa: arresto a Cutrofiano

Pubblicato

il


Nascondeva la cocaina in casa per poi venderla ai suoi clienti. I carabinieri di Cutrofiano lo hanno pizzicato ed arrestato, nella flagranza del reato di spaccio di sostanza stupefacente.





P. M., 49enne del posto, custodiva 17,5 grammi di cocaina solida in un apposito involucro ed altri 2,85 grammi divisi in 6 dosi. Poi, 265 euro in contati, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento delle dosi ed anche sostanza da taglio, per circa 150 grammi.




Tutto materiale che per i carabinieri del Nor della Compagnia di Maglie prova l’attività di spaccio in essere. Motivo per cui per l’uomo è scattato l’arresto, mentre il materiale trovato presso la sua dimora è stato posto sotto sequestro. Compreso il contante, che verrà versato sul libretto di deposito giudiziario.





L’interessato è stato ristretto ai domiciliari.


Continua a Leggere

Cronaca

Auto si ribalta sulla Cutrofiano-Supersano

A bordo anche due bambini, uno di pochi mesi e l’altro di due anni. Leggere ferite per i piccini e la madre, illeso il padre che era alla guida

Pubblicato

il

Concitazione e paura nel pomeriggio lungo la strada statale che da Cutrofiano conduce a Supersano.

Un’auto con a bordo un’intera famiglia con due bimbi piccoli si è ribaltata facendo temere il peggio.

Per fortuna alla fine tutto si è risolto coon un grande spavento e poco più. Leggere ferite infatti hanno interessato i due bimbi (uno di due anni ed un altri di pochi mesi di vita) e la madre; completamente illeso invece il padre che era alla guida.

L’intera famiglia è stata accompagnata al “Vito Fazzi. È scattato il codice rosso ma solo precauzionalmente per la tenera età dei due bambini che comunque sono fuori pericolo.

Erano passate da poco alle 18 quando l’uomo, per cause da verificare, ha perso il controllo dell’auto che si è ribaltata sull’asfalto. Per fortuna in quel momento non passavano altre auto e nessun altro mezzo è stato coinvolto.

Solo qualche istante dopo sono passate altre auto e i conducenti si sono fermati per prestare aiuto e allertare i soccorsi. Così sul posto sono giunte le ambulanze del 118 e  gli agenti della polizia locale chiamati rilievi e alla ricostruzione dell’accaduto.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus