Connect with us

Martano

“Per Martano Uniti” sulla Centrale a biomasse di Calimera

Pubblicato

il

Comunicato stampa del Gruppo Consiliare di Maggioranza “Per Martano Uniti”: “Appare alquanto anomalo che un gruppo consiliare, nella sua interezza, citi a sproposito un’istituzione comunale confinante, nel caso specifico il Comune di Martano, in uno sgangherato manifesto politico. Non è certamente corretto, dal punto di vista istituzionale, affermare falsità relativamente alle scelte amministrative di un’autorità diversa da quella che si rappresenta. Il Comune di Martano, citato impropriamente da un gruppo di amministratori calimeresi poco attenti, non ha affatto rinunciato al suo ricorso al Tar sulla questione della centrale a biomasse di Calimera. Un amministratore, di qualsiasi corrente politica, dovrebbe conoscere qualche nozione di diritto amministrativo, prima di fare affermazioni false e tendenziose: lo diciamo a loro tutela. E dei cittadini che questi esimi politici amministrano. Altrimenti sarebbe bene scegliessero un altro hobby da praticare, e lasciassero le questioni politico-amministrative a qualcuno più competente. Il Comune di Martano ha semplicemente chiesto l’abbinamento al merito, affinché il giudice si possa esprimere definitivamente sul ricorso presentato avverso la procedura amministrativa. Nessuna “rinuncia ad andare avanti”, come riporta il manifesto. Anzi, il contrario. Pertanto, diffidino i cittadini martanesi e calimeresi da affermazioni che non corrispondono a verità. La preoccupazione maggiore, ovviamente, quando qualcuno sostiene cose inesatte, è che questo brutto vizio posso ripetersi. Se non già praticato altre volte. Infatti, se volesse dare una informazione completa e corretta, il gruppo di maggioranza avrebbe dovuto precisare che l’affermazione del TAR circa la assenza di ricaduta delle emissioni, come tutta la decisione, è stata preceduta dalla premessa che si trattava di una sommaria delibazione – ossia di una prima superficiale valutazione –  propria della fase cautelare. Proprio per consentire al TAR di pronunziarsi in maniera approfondita – e non solo dopo una sommaria delibazione- il Comune di Martano ha deciso di superare la fase cautelare e di anticipare quanto prima un giudizio di merito con un’istanza di prelievo. Sperando che in futuro ci sia la correttezza di non riportare notizie tendenziose in merito alle scelte del Comune di Martano, invitiamo il gruppo politico “Libertà e Democrazia per Calimera” a porre le proprie scuse all’istituzione offesa”.

Cronaca

Condanne ingiuste in Turchia: anche in Salento c’è chi si ribella

Creato coordinamento per la Liberazione di due attivisti fatti arrestare da Erdogan: il prof. Luceri inizia lo sciopero della fame

Pubblicato

il

Il professore Ippazio Luceri, di Martano, da ieri 23 giugno è entrato in sciopero della fame.

Uno sciopero solidale con gli attivisti politici turchi, Sibel Balac e Gökhan Yildirim, ingiustamente condannati dai tribunali di Ankara e di Istanbul, rispettivamente ad otto anni e mezzo di prigione la prima ed a 46 il secondo.

Sibel è un’ex insegnante turca che, in seguito ai licenziamenti di centomila persone fra insegnanti ed impiegati del pubblico impiego, è scesa in piazza, ad Ankara, ogni giorno, a manifestare la sua opposizione a tale misura, varata dal governo di Erdogan, lesiva degli interessi dei lavoratori e delle rispettive famiglie, fin quando non è stata arrestata e successivamente condannata.

Condannata, senza alcuna base giuridica, a 8 anni e mezzo di prigione, per questo suo impegno.

Contro tutto ciò, dal 19 dicembre 2021 è in sciopero della fame rivendicando: un processo equo, il reintegro dei centomila docenti ed impiegati licenziati, la liberazione di tutti i prigionieri politici a partire da quelli malati.

Gökhan Yildirim, invece, è un attivista turco che, nel quartiere di Gazi, ad Istanbul, era impegnato politicamente nel denunciare la diffusione del traffico di droga e gli spacciatori della zona, fin quando un curdo, già dal governo utilizzato come “guardiano del villaggio”, contro gli stessi Kurdi, non lo ha denunciato come sobillatore e fomentatore di proteste contro il governo di Erdogan.

Ed è solo sulla base delle sue dichiarazioni che Gökhan Yildirim è stato arrestato, processato e condannato a 46 anni di prigione.

Anche Yildirim, ha seguito l’esempio di Sibel, e appena sei giorni dopo di lei, a partire dal 25 dicembre del 2022 è in sciopero della fame, rivendicando così come l’ex insegnante: un processo equo e la liberazione di tutti i prigionieri politici, a partire da quelli malati.

In provincia di Lecce, appena appresa la notizia dello sciopero della fame dei due attivisti politici turchi, si è dato subito vita alla costituzione di un Coordinamento Provinciale per la Liberazione di Sibel e Gökhan.

“Il Coordinamento è aperto ad ogni amante della Libertà, della Giustizia e Solidarietà. Già vi figurano militanti politici sia a livello individuale che di associazioni ed organizzazioni politiche”, si legge sulla pagina Facebook di Arci Lecce Comitato Territoriale, “il prof. Pati Luceri è uno dei nostri. A lui va tutta la nostra vicinanza e Solidarietà e con lui inizieremo questa nostra battaglia di controinformazione e di solidarieta’, mettendo in piedi, quanto prima iniziative di sostegno e di Solidarietà”.

Continua a Leggere

Attualità

Due offerte di lavoro su tre nel turismo e nella ristorazione

Il nuovo report settimanale delle offerte di lavoro elaborato dall’Ufficio coordinamento Servizi per l’Impiego dell’Ambito territoriale di Lecce di Arpal Puglia: si offrono contratti – sia a tempo determinato che indeterminato – a 173 lavoratori lungo la fascia ionica da Porto Cesareo fino a Torre Suda (-14,8% in sette giorni); 69 nel Capo di Leuca, concentrati soprattutto nelle marine di Ugento; 10 nell’entroterra; 17 lungo la costa idruntina; 328 a Lecce e nel nord Salento

Pubblicato

il

Appartengono al settore turismo e ristorazione i due terzi dei lavoratori ricercati in questa settimana in provincia di Lecce tramite i Centri per l’Impiego.

A stagione ormai avviata, negli organici delle aziende di questo comparto mancano all’appello ancora 597 collaboratori, nonostante le assunzioni che si continuano a fare (la scorsa settimana erano 618): in particolare, si offrono contratti – sia a tempo determinato che indeterminato – a 173 lavoratori lungo la fascia ionica da Porto Cesareo fino a Torre Suda (-14,8% in sette giorni); 69 nel Capo di Leuca, concentrati soprattutto nelle marine di Ugento; 10 nell’entroterra; 17 lungo la costa idruntina; 328 a Lecce e nel nord Salento, dove le offerte crescono e riguardano anche il segmento del turismo di lusso.

A questi numeri si aggiungono quelli dell’indotto: si cercano 66 addetti nel settore delle pulizie da svolgersi nelle strutture ricettive.

È il quadro delineato dal nuovo report settimanale delle offerte di lavoro elaborato dall’Ufficio coordinamento Servizi per l’Impiego dell’Ambito territoriale di Lecce di Arpal Puglia: sono 870 in totale le posizioni aperte (-17,7 per cento nell’arco di due settimane) e 149 gli annunci riportati nel report, che sintetizza e promuove le vacancy che quotidianamente vengono pubblicate sul portale lavoroperte.regione.puglia.it

Per candidarsi, basta cliccare sui codici offerta contenuti nel report per collegarsi direttamente ai relativi annunci presenti sul sito. Da lì, poi, si può presentare direttamente la propria candidatura tramite Spid oppure scaricare il modulo da compilare e inviare via mail ai Centri per l’Impiego. Ci si può, in alternativa, recare direttamente nei dieci Centri per l’Impiego, dove gli operatori Arpal supporteranno l’utenza nella compilazione dei moduli ed eventualmente potranno orientarla anche su altre possibilità: gli sportelli sono aperti al pubblico tutti i giorni (dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 11.30; il martedì anche dalle 15 alle 16.30 e il giovedì pomeriggio su appuntamento) presso le sedi dislocate a Lecce, Campi Salentina, Casarano, Galatina, Gallipoli, Maglie, Martano, Nardò, Poggiardo, Tricase e presso l’Ufficio collocamento mirato disabili, che ha sede a Lecce in viale Aldo Moro (per info e contatti: www.arpal.regione.puglia.it).

Questa settimana, un’offerta per un contratto a tempo indeterminato per un ingegnere elettronico analogico o digitale è riservata esclusivamente a persone con disabilità. Invece, per gli appartenenti alle categorie protette ex art.18 L. 68/99 (non disabili) i posti vacanti salgono a 7. Tra gli altri, si segnala la procedura di selezione tramite avviamento numerico per l’assunzione di un operaio specializzato potatore presso la “Lupiae Servizi”, partecipata del Comune di Lecce: si offre un contratto di 36 ore settimanali per 12 mesi e le domande di partecipazione possono essere inoltrate all’Ufficio collocamento mirato dal 27 giugno al 15 luglio 2022 (l’avviso e la domanda di candidatura sono scaricabili a questo link).La situazione negli altri settori: sono disponibili 55 posti nel commercio; 47 nel settore costruzioni e impianti; 18 in ambito sanitario e di servizi alla persona, a cui si sommano posti nel settore chimico e farmaceutico e 2 in quello dedicato alla bellezza e benessere; 16 nei trasporti e riparazione veicoli; 15 nel metalmeccanico e altrettanti nell’industria del legno; 8 nel settore ambiente e territorio; nel tessile-abbigliamento; 4 in agricoltura e agroalimentare così come nell’artigianato e nel settore amministrativo; 2 gli addetti da assumere in ambito informatico e uno nell’editoria.

CLICCA QUI PER CONSULTARE IL REPORT DELL’ARPAL PUGLIA PER LA PROVINCIA DI LECCE

Continua a Leggere

Cronaca

Mortale sulla Maglie-Lecce: il 29enne era uscito da solo dall’auto

Pubblicato

il

Inizia a prendere forma la ricostruzione dell’incidente stradale che nella notte sulla SS16, la Maglie-Lecce, è costato la vita ad un uomo di Martano.

Attorno alle 4 di questa notte, Christian Stomeo, di 29 anni, si è schiantato con la sua Opel nei pressi dell’uscita per Zollino, in una zona attualmente interessata anche da lavori con restringimento della carreggiata.

Non è chiaro perché abbia perso il controllo del suo mezzo, a bordo del quale non viaggiava da solo. Con lui una donna di 31 anni, assieme alla quale è riuscito a lasciare l’abitacolo della vettura, cappottatasi.

Poi, in strada, i due sono stati scansati da alcune auto in transito. Una prima. Una seconda. Ed infine una terza che ha provato ad evitare l’impatto, ma non ci è riuscita.

È stato colpito in pieno proprio il 29enne. Lo schianto è stato fatale.

Il conducente dell’auto sopraggiunta è stato sottoposto ai test di rito. La donna che viaggiava con la vittima, ferita non gravemente, è stata condotta in ospedale.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Maglie si sono occupati dei referti del sinistro. Operazioni che hanno portato, questa mattina, alla chiusura del tratto stradale, con uscita obbligatoria per Martano.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus