Connect with us

Attualità

Autismo: gli Amici di Nico “accreditati” dalla Regione

La onlus riconosciuta come Ente sanitario accreditato per servizi ambulatoriali ad alta e media intensità

Pubblicato

il

L’Associazione “Amici di Nico” Onlus con sede legale a Matino in via Campania n° 7, dal 2007 è attiva nell’ambito dei disturbi dello spettro autistico.

A partire dallo scorso mese di giugno è stata riconosciuta dalla regione Puglia come ente sanitario accreditato per servizi ambulatoriali ad alta e media intensità.

Gli interventi saranno svolti non solo in ambito strutturato (centro ambulatoriale) ma anche in contesti domiciliari e di inclusione scolastica nelle tre principali fasce di età evolutiva che vanno da 0 a 18 anni.

Fondata il 10 dicembre 2007, per volontà del suo attuale presidente, Maria Antonietta Bove, madre di un ragazzo con Autismo, l’associazione ha voluto così colmare l’assenza, allora quasi totale, di servizi sul territorio.

Questa realtà attualmente ha quattro Centri in provincia di Lecce e altri di prossima apertura in convenzione con i diversi distretti sanitari ed enti pubblici del territorio.

Con più di 200 cartelle cliniche, attraverso servizi psico-diagnostici e riabilitativi specializzati, segue una vasta casistica di persone con Disturbi dello Spettro Autistico provenienti da tutte le parti della Provincia di Lecce e non solo.

La presidente Maria Antonietta Bove

La mission iniziale è stata (e continuerà ad essere) quella di voler realizzare non un singolo servizio, bensì una rete di servizi con la presa in carico di persone affette da autismo in modo globale e longitudinale, lavorando al contempo allo sviluppo di buone prassi e protocolli innovativi.

Tutti i centri sono dotati della certificazione di qualità ISO 9001:2015 e tutti i servizi offerti sono rigorosamente basati sui principi e sulle indicazioni suggerite dalle linee guida nazionali e internazionali approvate dalla comunità scientifica nell’ambito dell’ASD.

Amici di Nico” attraverso i suoicentri e la sua equipe multidisciplinare, oltre ad essere convenzionata con diversi Atenei e scuole di specializzazione come sede di tirocini, fornisce altresì formazione e consulenza personalizzata a tutti i livelli (dalla famiglia alla scuola e dalle aziende sanitarie alle altre associazioni) e in generale a tutti coloro che per motivi personali o professionali entrano in contatto con la patologia dello spettro autistico.

«Nel corso di questi 10 anni ci siamo occupati attivamente dei nostri utenti. Tra le tante attività abbiamo seguito con interventi diretti, bambini in età pre-scolare e scolare sino a trattare progetti di inclusione sociale e di acquisizione delle autonomie e di avviamento al lavoro di adolescenti e giovani adulti.

Tutto ciò, sicuramente ha reso possibile questo importante riconoscimento: un modello che potrà essere replicato su tutto il territorio regionale e nazionale! La nostra associazione per andare incontro alle famiglie, resta fiduciosa di ottenere l’accreditamento regionale anche per i nuovi centri diurni e residenziali che oggi interessano adolescenti e adulti affetti da questa patologia» afferma la presidente Bove.

Attualità

In bici, incappa nei controlli e tenta la fuga… in mare!

Scappa prima sulla spiaggia e poi con tutta la biciletta in mare per non incorrere nei controlli anticovid

Pubblicato

il

Siamo nella marina di Vernole, a ridosso delle Cesine: c’è chi nonostante l’emnergenza coronavirus, evidentemente non ha resistito alla tentazione della sua abituale pedalata in bicicletta sul lungomare.

E’ incappato però nei controlli per il rispetto del DPCM ed ha tentato la fuga fino a terminare con la bici mezz’acqua lungo la battigia.

Continua a Leggere

Attualità

Nessuno contagio in provincia di Lecce

Registrati due decessi. In Puglia sono stati effettuati 861 test per l’infezione Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 91 casi

Pubblicato

il

Nessun contagio in provincia di Lecce nell’odierno bollettino epidemiologico.

Un dato che va letto con le dovute cautele (siamo ancora in attesa ad esempio dei tamponi eseguiti nei focolai di Gallipoli e Soleto di cui non si conosce ancora l’esito e di molti altri che il sistema, alle prese con l’emergenza, non riesce a smaltire) ma che comunque ci regala un sorriso dopo giorni di grande apprensione.

Purtroppo alla lista dei decessi vanno aggiunte due persone di cui è stata resa nota solo l’età: 85 e 97 anni.

Questi i numeri dell’aggiornamento domenicale della Regione Puglia (sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro).

Sono stati effettuati 861 test per l’infezione Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 91 casi, così suddivisi:

49 nella provincia di Bari;

2 nella provincia Bat;

4 nella provincia di Brindisi;

22 nella provincia di Foggia;

0 nella provincia di Lecce;

6 nella provincia di Taranto;

una persona è di fuori regione

per sette casi non è stata ancora attribuita la provinaica.

Sono stati registrati 15 decessi, 2 in provincia di Bari (93 e 90 anni), 2 in provincia di Lecce (85 e 97 anni), 10 in provincia di Foggia (77, 93, 77, 89, 74, 69, 87, 93, 84 e 69 anni), uno in provincia di Brindisi (83 anni).

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 12.631 test.

27 sono i pazienti che risultano guariti.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.549, così divisi:

518 nella provincia di Bari;

98 nella provincia di Bat;

152 nella provincia di Brindisi;

377 nella provincia di Foggia;

239 nella provincia di Lecce;

99 nella provincia di Taranto;

18 attribuiti a residenti fuori regione;

per 48 casi è in corso l’attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Continua a Leggere

Attualità

Soleto, 31 positivi alla RSA. Il sindaco: “Il mostro è arrivato dentro casa”

Alla Casa di Riposo “La Fontanella” 31 positivi su un totale di 83 persone; 24 di loro sono ancora all’interno della struttura; 2 anziani sono già deceduti e 5 sono ricoverati in ospedale

Pubblicato

il

Un video drammatico quello postato su facebook dal sindaco Graziano Vantaggiato, quasi un grido di dolore: 31 positivi nella Casa di Riposo “La Fontanella” su un totale di 83 persone. Ancora all’interno della struttura (commissariata e gestita dall’Asl) 24 ospiti psitivi al coronavirus. Due anziani, purtroppo sono già deceduti e 5 sono ricoverati in ospedale.

E, a quanto trapela,  mancherebbero ancora i risultati dei tamponi di 3 giorni…

Il mostro è arrivato dentro casa“, spiega sconfortato nel suo video il sindaco Vantaggiato, “ed è entrato con violenza e forza tale da mettere in ginocchio una realtà che era un’eccellenza della nostra comunità e che oggi si è trasformata in un inferno, per chi è all’interno, per i familiari, per chi ci lavorava”.

Il sindaco Vantaggiato pare sconfortato e non a caso nel suo discorso fanno capolino termini come inferno, angoscia, violenza e mostro.

Gepostet von Graziano Vantaggiato am Samstag, 28. März 2020

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus