Connect with us

Attualità

La Provincia dice “No” alle scorie nucleari

Il presidente Gabellone: “Il Salento non può continuare a subire aggressioni. Chiediamo che si escluda non solo la Terra di Arneo, ma l’intero territorio salentino”

Pubblicato

il

È tornato oggi a riunirsi a Palazzo dei Celestini il Consiglio provinciale di Lecce. L’assise ha votato all’unanimità una delibera su “Iniziative contro ipotesi di realizzazione di discarica di scorie nucleari in Terra d’Arneo e nel Salento”.

scorie radioattiveIn particolare, è stato espresso dissenso riguardo all’ipotesi di realizzazione di un sito per lo stoccaggio di scorie nucleari nell’agro del Comune di Nardò, nonché nel territorio dell’intero Salento. Inoltre, sono stati invitati i parlamentari salentini, in rappresentanza del territorio, affinché intervengano presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per scongiurare questa ipotesi. Così come l’atto verrà inviato a tutti i rappresentanti regionali e nazionali del territorio salentino.

È un tema che si inserisce in un ragionamento complessivo. Sembrerebbe quasi che ci sia un attacco all’equilibrio dell’ecosistema salentino”, ha dichiarato il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, “questa Provincia ha detto no al Tap non in modo pregiudiziale o infondato, ma tramite partecipazione al dibattito e approfondimenti in Commissione e Consiglio, e con il coinvolgimento di esperti. Cosi come abbiamo detto no consapevolmente alle trivelle nel mare”.

Il Presidente ha poi aggiunto: “Il Salento non può continuare a subire aggressioni. A proposito dell’ipotesi delle scorie, chiediamo che si escluda non solo la Terra di Arneo, ma l’intero territorio salentino. Porteremo questa nostra proposta a tutti i Sindaci, affinché i Consigli comunali si facciano carico e si esprimano in modo corale; così come coinvolgeremo anche Ministero dell’Ambiente, Anci, Regione Puglia, per portare la questione nella sede opportuna del confronto Stato- Regioni”.

I servizi d’assistenza agli studenti disabili

Il Consiglio ha poi approvato all’unanimità e votato l’immediata esecutività della delibera relativa alla continuità dei servizi di assistenza specialistica socio – educativa in favore di studenti con disabilità, frequentanti Istituti di istruzione secondaria superiore del territorio provinciale nell’anno scolastico 2014-2015.

In base al provvedimento, il Servizio Politiche sociali della Provincia metterà a disposizione delle famiglie degli alunni disabili l’elenco del personale professionale specializzato selezionato per l’anno scolastico 2014 – 2015 e in possesso di comprovata e qualificata esperienza nel settore, rimborsando alle stesse famiglie la spesa sostenuta per le prestazioni professionali rese dagli operatori.

Questa soluzione alternativa è stata individuata alla luce dell’impossibilità per l’Ente, come avveniva in passato, di conferire incarichi di lavoro autonomo al personale specializzato, selezionato con procedura comparativa pubblica avviata nel luglio scorso e completata alla fine del 2014. La  legge n. 190 del 23 dicembre 2014, infatti, stabilisce all’articolo 1, comma 420, che a decorrere dal 1° gennaio 2015, alle Province delle Regioni a Statuto ordinario è fatto divieto di instaurare rapporti di lavoro flessibile.

Con l’approvazione del provvedimento, il servizio potrà ripartire già dalla prossima settimana”, ha assicurato Gabellone, “in questo modo abbiamo cercato di contemperare diverse esigenze e soprattutto di garantire, almeno fino alla fine di quest’anno scolastico, un servizio essenziale per rendere effettivo il diritto allo studio degli studenti disabili, che in altre Province è stato invece sospeso. Per raggiungere questo obiettivo c’è stato uno sforzo enorme degli uffici provinciali preposti, anche per individuare e reperire le risorse necessarie visto che la Regione non stanzia più i fondi”, ha concluso.

Attualità

Il sindaco Lecci annuncia il primo tampone positivo ad Ugento

“Chiediamo di non cercare o diffondere notizie sull’identità, rispettando cosi anche il difficile momento che la nostra concittadina sta attraversando”

Pubblicato

il

Dalla pagina facebook della Protezione Civile di Ugento, Gemini-Marine arriva l’ufficialità del primo caso di contagio da covid 19 ad Ugento.

Un post del sindaco Massimo Lecci informa che è stata confermata”tramite la Prefettura, la positività di una persona residente a Ugento“.

Il paziente, spiega il primo cittadino “risulta in isolamento in via precauzionale da tre settimane, secondo quanto indicato dalle autorità sanitarie“.

Ci stringiamo alla persona e alla famiglia intera in questo momento delicato“, il pensiero del sindaco di Ugento, “esprimendo la nostra vicinanza come comunità e come cittadini“.

Infine l’immancabile e sempre utile raccomandazione per “rispetto delle norme esistenti in materia di coronavirus. Non ci è possibile sapere il nominativo della persona, pertanto vi chiediamo di non cercare o diffondere notizie sull’identità della stessa, rispettando cosi anche il difficile momento che la nostra concittadina sta attraversando“.

Continua a Leggere

Attualità

In bici, incappa nei controlli e tenta la fuga… in mare!

Scappa prima sulla spiaggia e poi con tutta la biciletta in mare per non incorrere nei controlli anticovid

Pubblicato

il

Siamo nella marina di Vernole, a ridosso delle Cesine: c’è chi nonostante l’emnergenza coronavirus, evidentemente non ha resistito alla tentazione della sua abituale pedalata in bicicletta sul lungomare.

E’ incappato però nei controlli per il rispetto del DPCM ed ha tentato la fuga fino a terminare con la bici mezz’acqua lungo la battigia.

Continua a Leggere

Attualità

Nessuno contagio in provincia di Lecce

Registrati due decessi. In Puglia sono stati effettuati 861 test per l’infezione Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 91 casi

Pubblicato

il

Nessun contagio in provincia di Lecce nell’odierno bollettino epidemiologico.

Un dato che va letto con le dovute cautele (siamo ancora in attesa ad esempio dei tamponi eseguiti nei focolai di Gallipoli e Soleto di cui non si conosce ancora l’esito e di molti altri che il sistema, alle prese con l’emergenza, non riesce a smaltire) ma che comunque ci regala un sorriso dopo giorni di grande apprensione.

Purtroppo alla lista dei decessi vanno aggiunte due persone di cui è stata resa nota solo l’età: 85 e 97 anni.

Questi i numeri dell’aggiornamento domenicale della Regione Puglia (sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro).

Sono stati effettuati 861 test per l’infezione Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 91 casi, così suddivisi:

49 nella provincia di Bari;

2 nella provincia Bat;

4 nella provincia di Brindisi;

22 nella provincia di Foggia;

0 nella provincia di Lecce;

6 nella provincia di Taranto;

una persona è di fuori regione

per sette casi non è stata ancora attribuita la provinaica.

Sono stati registrati 15 decessi, 2 in provincia di Bari (93 e 90 anni), 2 in provincia di Lecce (85 e 97 anni), 10 in provincia di Foggia (77, 93, 77, 89, 74, 69, 87, 93, 84 e 69 anni), uno in provincia di Brindisi (83 anni).

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 12.631 test.

27 sono i pazienti che risultano guariti.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.549, così divisi:

518 nella provincia di Bari;

98 nella provincia di Bat;

152 nella provincia di Brindisi;

377 nella provincia di Foggia;

239 nella provincia di Lecce;

99 nella provincia di Taranto;

18 attribuiti a residenti fuori regione;

per 48 casi è in corso l’attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus