Connect with us

Specchia

Universiadi: Francesca, una specchiese in finale

Francesca Lanciano prova il salto (triplo) verso la vittoria: sfiderà 10 atlete internazionali e una connazionale

Pubblicato

il

E’ giorno della finale alle Universiadi di Napoli per l’atleta saltatrice di Specchia, Francesca Lanciano.

Dopo aver centrato l’obiettivo finale qualificandosi con la decima misura assoluta con 13,24 metri (+1,8 il vento) al primo tentativo, sfiderà le altre 11 atlete in lizza: le ucraine Korsun e Krasutska, la portoghese Tavares Da Veiga, l’altra azzurra Vittoria Cestonaro, la kazaka Ovchinnikova, la cinese Li, la slovena Filipic, la thailandese Chuaimaroeng, la portoghese Oliveira, la turca Tilki e la sudafricana Chabangu.

Appuntamento fissato per questo pomeriggio alle 18,25.


Cronaca

Auto contro pickup nella notte sulla Lido Marini-Presicce

Schianto manda Ypsilon fuori strada e ribalta mezzo aziendale: tre feriti, tutti sotto i 24 anni

Pubblicato

il

E’ di tre feriti il bilancio di un incidente stradale che, questa notte, ha visto coinvolti due mezzi sulla strada provinciale 193.

Erano le 4 circa quando una Lancia Ypsilon ed un pickup si sono scontrati lungo la via che collega Presicce a Lido Marini (Ugento).

I mezzi procedevano in direzioni opposte: l’utilitaria era diretta verso la marina, mentre il mezzo aziendale (appartenente ad una ditta di disinfestazioni ambientali di Specchia) procedeva verso l’abitato di Presicce.

Un attimo, forse una distrazione, ed è arrivato lo schianto che ha fatto cappottare il furgone ed ha mandato la Lancia fuori strada, nella vegetazione (foto a fine articolo). I carabinieri della Compagnia di Tricase, intervenuti sul posto, hanno effettuato i dovuti rilievi per risalire alle responsabilità del sinistro, non ancora certe.

Prima però, i vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase hanno estratto dal pickup il conducente, un 24enne di Specchia. Lui e le altre due coinvolte, due ragazze residenti in Svizzera di 20 e 21 anni, che viaggiavano a bordo della Ypsilon, sono stati poi consegnati all’equipe sanitaria del 118.

In ambulanza i tre, feriti, sono stati condotti in ospedale a Tricase. Qui sono stati effettuati i test alcolemici e tossicologici per stabilire che i due conducenti fossero alla guida dei rispettivi mezzi in condizioni idonee.

I primi riscontri in pronto soccorso, invece, hanno fortunatamente restituito indicazioni confortanti circa le condizioni dei tre: nessuno di loro è in pericolo di vita.

Dopo l’alba, la provinciale è stata rimessa in sicurezza: era stata bloccata non solo dai rilievi ma anche dal fatto che il pickup fosse rimasto adagiato sul tettuccio, lungo la strada. I vigili del fuoco hanno liberato la carreggiata, consegnando poi il mezzo ad un carro attrezzi per la rimozione.

Lor. Zito

Continua a Leggere

Cronaca

Specchia: la goccia che ha fatto traboccare il vaso

Volantino anonimo diventa virale: «Il vice presidente del consiglio comunale colto in flagrante mentre rubava l’acqua dalla scuola materna». Il sindaco Anna Laura Remigi: «Volantino calunnioso e violento dal contenuto totalmente falso e fuorviante. Vi spiego io come stanno le cose…»

Pubblicato

il

Di solito non siamo sfogo alle denunce anonime che arrivano in redazione (e ne arrivano tante).

Al limite, quando lo riteniamo opportuno ne verifichiamo la veridicità e poi proseguiamo per vie diverse.

Al tempo dei social e degli smartphone però dobbiamo fare i conti con una realtà diversa e quando una denuncia seppur anonima diventa virale è quasi naturale assurga al ruolo di notizia e argomento principale di discussione nei capannelli in pizza.

Come è accaduto a Specchia. Un volantino inoltratoci in via anonima su Telegram che poi abbiamo scoperto già essere su quasi tutti gli smartphone degli specchiesi.

Abbiamo verificato che la storia avesse un fondamento e poi ascoltato le spiegazioni della parte chiamata in causa, vale a dire l’amministrazione comunale ed il sindaco Anna Laura Remigi che ha difeso a spada tratta il vice presidente del consiglio comunale Rocco Branca, «ingiustamente dato in pasto mediatico sui social».

Il volantino anonimo diventato virale nelle ultime ore

Dal volantino innanzitutto l’attacco alla prima cittadina che pare essere l’obiettivo principale dell’accusatore. Le si rivolge in modo diretto: «Anna Laura Remigi, sindaco di Specchia da circa nove mesi, hai predicato bene in campagna elettorale contro la mafia, la corruzione soprattutto l’illegalità. Tutto ciò è racchiuso nel vostro gruppo di maggioranza, aggiungendo l’arroganza e l’incapacità di governare il nostro paese».

Secondo l’anonimo inquisitore «Dopo l’ultimo episodio accaduto il 7 luglio 2022, circa alle ore 13, i carabinieri», avrebbero colto «in flagranza di reato il vice presidente del consiglio Branca, che più volte caricava l’acqua dalle scuole materne di Specchia, sulla strada di Alessano, con il suo furgone con all’interno un’autobotte, per poi recarsi presso la sua proprietà, in contrada ferrare, per scaricare l’acqua nella sua cisterna».

Dopo aver sottolineato che «noi cittadini di Specchia siamo esterrefatti, allibiti per l’accaduto», informa che il vice presidente del consiglio sarebbe stato «condotto in caserma e denunciato per peculato». Infine, l’anonimo accusatore chiede «che sia il vice presidente del consiglio che il sindaco con tutta la giunta diano le dimissioni immediate».

Fin qui il contenuto del volantino-social che mette alla berlina vice presidente del consiglio e amministrazione.

A fronte del volantino senza firma divenuto ormai virale ci mette la faccia il sindaco Anna Laura Remigi che definisce quanto scritto un «calunnioso e violento volantino», dal «contenuto totalmente falso e fuorviante».

«Da molti mesi», premette il sindaco, «la mia amministrazione ed io siamo bersaglio continuo di atti moralmente violenti senza precedenti».

Poi scende nel dettaglio: «Il vice presidente del consiglio comunale è da quasi 30 anni volontario dell’associazione ambientalista ECOSPO.  Questa associazione da anni provvede a piantare alberi e piante nelle aiuole pubbliche e a manutenere tali aiuole. Per fare questo ha spesso bisogno di innaffiare e, quando non compra l’acqua con i soldi degli stessi volontari, utilizza l’acqua dell’unico pozzo appartenente all’amministrazione comunale che si trova presso la scuola materna di Specchia. I volontari ECOSPO da sempre sono autorizzati dall’Ufficio competente a prendere l’acqua da quel pozzo perché serve per le aiuole pubbliche. Vi sono documenti e filmati a iosa di queste operazioni del passato e del presente», precisa Anna Laura Remigi, che poi spiega: «L’acqua del pozzo può essere prelevata quando la scuola è aperta, perché negli orari di chiusura e durante il sabato e la domenica il plesso è chiuso e non si trova alcun dipendente comunale disponibile ad aprirla. Ebbene», racconta riguardo all’episodio specifico, «il 7 luglio, dopo che i volontari ECOSPO si erano organizzati per innaffiare le aiuole, il vice presidente provvedeva a fare la scorta di acqua necessaria per l’operazione, che si è poi regolarmente svolta nello stesso pomeriggio e che si sarebbe dovuta svolgere anche nei giorni successivi (anche se in quei giorni c’è stata la pioggia)».

«Questi i fatti», per il sindaco che evidenzia: «Se poi si considera che il valore dell’acqua in oggetto è di pochi euro si comprende la portata della questione».

Per Anna Laura Remigi «l’ennesimo volantino anonimo da solo dà l’idea che chi scrive non vuole comparire perché sa bene che le sue sono solo calunnie col chiaro intento di danneggiare ed ostacolare l’attività amministrativa».

In conclusione l’annuncio, quasi scontato: «Naturalmente sporgerò denuncia contro questi facinorosi».

Continua a Leggere

Appuntamenti

Nera foglia a Specchia

Sabato 9 luglio lo spettacolo vincitore di un premio internazionale. La storia è avvincente e sentita perché parla delle nostre radici, dell’essere legati ad una terra che è fatica e bellezza allo stesso tempo

Pubblicato

il

Prosegue con successo la rassegna musico teatrale Borgo in scena promossa da Accademia Thymós di Specchia diretta dal M° Vincenza De Rinaldis e sostenuta dal Consiglio Regionale della Puglia, in collaborazione con comune di Specchia, Tèmenos recinti teatrali e Spazio Teatro.

Andrà in scena sabato 9 luglio presso Piazza del Popolo a Specchia alle ore 21.30 Nera foglia (la storia delle tabacchine del Salento) atto unico di Federica Rizzo.

Lo spettacolo vincitore di un premio internazionale. La storia è avvincente e sentita perché parla delle nostre radici, dell’essere legati ad una terra che è fatica e bellezza allo stesso tempo.

Il riscatto della donna, la lotta per l’indipendenza ed i diritti. Amore e passione. Tutto questo è Nera foglia.

Marisa: Ilaria De Giorgi
Filumena: Federica Rizzo
Maria: Vincenza De Rinaldis
Consiglia: Benedetta Branca
Grazia: Eleonora Metrangolo
Lucia: Maria Teresa Musio
Isa: Giovanna Perrone
Angelina: Ilenia Brugnara
Pietro: Alfredo Rampino
Padrone: Alessandro Zezza
Nera foglia: Valentina Piccolo
Marisa da piccola: Gioia Leccese
Padre di Marisa: Rocco Borlizzi
Michelina: Greta Garzia
Narratore: Marco Antonio Romano
Voce e fisarmonica: Gioacchino De Filippo
Chitarra: Emanuele Chezzi
Scenografia Marika Urbano
Regia Rosangela Giurgola
Direzione artistica Vincenza De Rinaldis
In foto direttrice artistica Vincenza De Rinaldis
Regista Rosangela Giurgola 
Autrice: Federica Rizzo

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus