Connect with us

Attualità

Dell’Abate: “Estate? Tricase è in alto mare”

Marine, bike sharing, sensi unici e navette: il capogruppo d’opposizione di Tricase a 360 gradi sulle problematiche in vista della bella stagione

Pubblicato

il

Sul fronte dell’accoglienza turistica nelle marine, Tricase è un cantiere aperto che necessita di una seria programmazione a medio-lungo termine. Su ricettività, servizi al turista, portualità marittima, riqualificazione ambientale (acqua/ fogna/gas, depuratore e discese a mare), mobilità, circolazione viaria e aree a parcheggio, c’è molto da lavorare.

Ma almeno su alcuni di questi punti, secondo il capogruppo d’opposizione Nunzio Dell’Abate, si può agire da subito, con effetti immediati su questa stagione estiva.

Un certo beneficio, in termini di decongestionamento del traffico e di collegamenti da e per le marine, lo può dare il servizio di navetta gratuito garantito dal nuovo gestore dei parcheggi pubblici. Ma, nonostante la nuova azienda sia subentrata da un anno e abbia a suo dire acquistato i mezzi, il servizio anche in città non è ancora partito. Pare perché l’amministrazione comunale, pur avendo previsto nel bando il trasporto pubblico di collegamento con navette e valutato positivamente l’offerta progettuale dell’azienda aggiudicataria, non è nelle possibilità di dare il nullaosta all’avvio del servizio perché le licenze per attività di noleggio con conducente sotto i 10 passeggeri sono da tempo contingentate: il Comune ha infatti già concesso per tempo tutte le licenze a sua disposizione”, spiega Dell’Abate.

Un vero pasticcio”, continua, “dal quale ci auguriamo il governo cittadino esca in tempi brevi. Auspichiamo parta presto anche il servizio di biciclette pubbliche (bike sharing): sarebbe un altro modo per alleggerire il traffico nelle marine”.

Dell’Abate torna poi sulla possibilità, già discussa in passato, di trasformare in sensi unici alcune delle vie principali di Tricase Porto: “Occorre avere il coraggio di disporre il senso unico di circolazione, anche per ragioni di sicurezza e non solo di viabilità, su via Duca degli Abruzzi e lungomare Cristoforo Colombo sino alla piazzetta del bar. E va potenziato il personale della Polizia Locale, almeno nei due mesi di luglio e agosto. Ci sarebbe molto altro da progettare e da fare, ma siamo già in estate”.


Leggi di più sui parcheggi a Tricase Porto.


 


Attualità

Trionfo del corto salentino “La Pescatora” al Ceprano Film Festival

Lucia Loré “Miglior Attrice” e regista del corto tutto salentino sulla violenza di genere

Pubblicato

il

Un’altra importante vittoria messa a segno da “La Pescatora”, il corto tutto salentino che, a poco più di un anno dalla sua uscita, continua a vincere premi e ad ottenere riconoscimenti, collezionando candidature e selezioni ufficiali in festival italiani e internazionali.

Questa volta al Ceprano Film Festival, la kermesse cinematografica che si è svolta nel borgo ciociaro, vediamo nuovamente trionfare Lucia Loré – regista nonché protagonista del corto – nell’aggiudicarsi il premio come “Miglior Attrice” per la sua convincente e commovente interpretazione del personaggio di Lea.

Prodotto da Laura Catalano di 8 Production, distribuito da Siberia Distribution, “La Pescatora” è un cortometraggio ambientato dunque in Salento: nella famiglia di una piccola comunità di pescatori si svolge il dramma di una donna che lotta recuperando i suoi ricordi d’infanzia. Una lotta per l’autodeterminazione, per rompere quelle gabbie imposte dalla società e riuscire a divenire la prima pescatora in un mondo di pescatori.

Selezionato, tra gli altri, al Festival del Cinema Europeo e al Salina Doc. Festival, a novembre è stato anche tra i corti protagonisti di PÖFF Shorts, la rassegna dedicata ai cortometraggi – Oscar, Bafta e EFA qualifying – del Tallinn Black Nights Film Festival estone, nonché dell Cyprus International Film Festival e dell Ce l’ho Corto Film Festival di Bologna.

Realizzato con il supporto del Mibac – attraverso il Bando “Non Violenza: lo schiaffo più forte 2019” – e dell’Apulia Film Commission, il corto offre una riflessione dal forte valore sociale,  nella quale emerge il  legame con la tradizione peschereccia tipica del luogo (siamo a Porto Cesareo) e la volontà di superare i limiti e i pregiudizi comuni.

La rigorosa regia di Lucia Loré, supportata dalla fotografia di Valeria Schifeo, riprende una realtà complessa e contraddittoria, in uno stile che mira a superare ogni preconcetto esistente, facendo dell’incontro con la diversità il nodo centrale dell’intreccio.

Quindici intensi minuti che affrontano magistralmente una tematica toccante e difficile, legata alla discriminazione di genere e dunque alle difficoltà e alla sofferenza che una giovane donna è costretta a subire per riuscire ad affermarsi in un mondo solitamente maschile.

La Pescatora” è tra i principali film nella line-up di 8 Production, una giovane e dinamica casa di produzione cinematografica indipendente che nasce nel 2013 da un’idea di Nicola Papagno e Laura Catalano con la finalità di sperimentare in ambito audiovisivo, attraverso la contaminazione di linguaggi e generi, tanto da essere pioniera in Italia della Virtual Reality.

Numerosi i riconoscimenti finora ottenuti da questo piccolo capolavoro, tra cui il Premio “Miglior Corto” al Porto Cesareo Film Festival, dove si aggiudica anche la “Miglior Fotografia”, il Premio “Miglior Cortometraggio” al Fabriano Film Fest (premio Bisci), nel quale vince inoltre il Premio speciale “Women Empowerment”.

Il talento di Lucia Loré, regista, sceneggiatrice e attrice di origini leccesi, è stato riconosciuto in qualità di “Miglior Attrice Protagonista” anche in altre occasioni, in numerosi festival di settore, tra cui il Fabriano Film Fest, il Falvaterra Film Festival, il Visioni Corte International Short Film Festival e il Festival del Cinema di Castel Volturno.

Premiazioni importanti che riflettono una capacità tutta al femminile, un riconoscimento alla forza delle donne nella lotta per la propria affermazione che, ne “La Pescatora”, trova la sua massima espressione.

Continua a Leggere

Alessano

Da domani riapre l’ufficio postale di Giuliano di Lecce

Da oggi, invece, estesi gli orari di apertura degli uffici postali di Diso, Galugnano, Montesardo e Villa Convento

Pubblicato

il

Poste Italiane comunica che, a partire da oggi, 29 novembre, gli Uffici Postali di Diso, Galugnano (San Donato di Lecce), Montesardo (Alessano) e Villa Convento (Novoli) saranno interessati da una estensione degli orari di apertura al pubblico.

L’ufficio di Giuliano di Lecce (Castrignano del Capo) riaprirà da domani, 30 novembre.

In particolare, l’ufficio di Diso sarà aperto dal lunedì al venerdì, dalle ore 8,20 alle 13,35; fino alle 12,35 il sabato.

Quelli di Galugnano, Montesardo e Villa Convento saranno aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 8,20 alle 13,45; fino alle 12,45 di sabato.

L’ufficio di Giuliano di Lecce sarà aperto il martedì e il giovedì dalle ore 8,20 alle 13,45; fino alle 12.45 il sabato.

«Questi interventi confermano la vicinanza di Poste Italiane al territorio e alle sue comunità e la volontà di continuare a garantire un sostegno concreto all’intero territorio nazionale», si legge in una nota di Poste italiane, «anche durante la pandemia Poste Italiane ha assicurato con continuità l’erogazione dei servizi essenziali per andare incontro alle esigenze della clientela, tutelando sempre la salute dei propri lavoratori e dei cittadini».

L’Azienda coglie l’occasione per rinnovare l’invito ai cittadini a recarsi negli Uffici Postali nel rispetto delle norme sanitarie e di distanziamento vigenti, utilizzando, quando possibile, gli oltre 8mila ATM Postamat disponibili su tutto il territorio nazionale e i canali di accesso da remoto ai servizi come le App “Ufficio Postale”, “BancoPosta”, “Postepay” e il sito www.poste.it.

Continua a Leggere

Attualità

Protocollo di intesa per la legalità dei cantieri edili

Coordinamento e intelligence per il contrasto al lavoro irregolare nei cantieri edili della provincia di Lecce e per garantire la trasparenza e la correttezza dei soggetti operanti sul mercato e contrastare il dumping contrattuale che, come noto, mina gravemente l’equilibrio del mercato e la garanzia di tutela delle imprese e dei lavoratori coinvolti

Pubblicato

il

Firmato il protocollo d’intesa tra Ispettorato Territoriale del Lavoro di Lecce, la Cassa Edile della provincia di Lecce e l’Organismo Paritetico Formazione e Sicurezza nelle Costruzioni (FSC Lecce) per una sinergia di forze finalizzata al contrasto del lavoro irregolare e delle pratiche di “dumping contrattuale” nei cantieri edili.

Francesco Damiani, direttore dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Lecce (INL Lecce) ha siglato un protocollo d’intesa con gli Organismi Paritetici del settore edile della provincia di Lecce rappresentati da Sergio Goffredo e Paola Esposito (rispettivamente presidente e vice presidente della Cassa Edile della provincia di Lecce) e Valentino Nicolì e Raimondo Zacheo (a loro volta presidente e vice presidente dell’Organismo Paritetico FSC Lecce), per dare concreta attuazione all’accordo nazionale tra l’Ispettorato Nazionale del Lavoro e la CNCE (Commissione Nazionale delle Casse Edili) dell’11 marzo 2021, per lo scambio di dati e informazioni sui cantieri edili attivi in provincia, al fine di innescare tutte le sinergie opportune tra le parti firmatarie per garantire la regolarità, la legalità e la leale concorrenza sul mercato degli attori operanti nel comparto dell’edilizia, delle costruzioni e delle infrastrutture.

Cuore dell’accordo sarà il SISTEN (Sistema Telematico Notifiche Preliminari), già attivo dal 2014, che consente con pochi click di inviare la notifica preliminare dei cantieri all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Lecce, alla ASL di Lecce e alla Prefettura di Lecce (in caso di appalti pubblici).

La piattaforma, assieme alle informazioni provenienti dagli altri strumenti informatici del settore, tra cui il sistema nazionale di Denuncia di Nuovo Lavoro (DNL) per il Durc di Congruità, alimenteranno le attività di intelligence per garantire la trasparenza e la correttezza dei soggetti operanti sul mercato e contrastare il dumping contrattuale che, come noto, mina gravemente l’equilibrio del mercato e la garanzia di tutela delle imprese e dei lavoratori coinvolti.

Oltre agli strumenti di vigilanza, i soggetti firmatari si impegnano a promuovere iniziative di informazione e formazione, anche e soprattutto nei confronti delle pubbliche amministrazioni, così da sostenere la consapevolezza per quel che riguarda la correttezza contrattuale negli appalti pubblici e privati, come anche in materia di prevenzione e protezione ai fini della salute e sicurezza sul lavoro nei cantieri edili.

L’accordo prevede, infine, un’ulteriore iniziativa di ampliamento delle attività di coordinamento e sinergia, mirata a coinvolgere le altre istituzioni preposte, sino alla costituzione di un vero e proprio Tavolo tecnico provinciale, per trovare soluzioni condivise ad arginare i fenomeni distorsivi che affliggono da tempo il settore, oggi in significativa evidenza grazie all’esplosione di cantieri dovuta agli incentivi nazionali (110%, bonus facciate, ecc.) e agli interventi previsti dal PNRR nei prossimi anni.

Nella foto grande in alto, nella sede della Cassa Edile, a partire da sinistra: Raimondo Zacheo, vice presidente FSC Lecce; Valentino Nicolì, presidente FSC Lecce; Paola Esposito, vice presidente Cassa Edile della provincia di Lecce; Sergio Goffredo, presidente Cassa Edile della provincia di Lecce; Francesco Damiani, direttore INL Lecce; Alfredo De Pascalis, INL Lecce.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus