Connect with us

Attualità

Tamponi drive-in a Tricase: “Ti danno un numero per l’esito, ma non risponde nessuno!”

La testimonianza di Claudio Mauro, originario di Presicce e docente all’università di Birmingham: “Per due volte una battaglia per ottenere il risultato”

Pubblicato

il


Un articolo su La Gazzetta del Mezzogiorno di oggi, a firma di un docente di immunologia salentino dell’università di Birmingham, ha portato alla ribalta della cronaca un caso che già da settimane interessa centinaia di persone nel basso Salento. Quello della cattiva gestione della comunicazione degli esiti dei tamponi effettuati dall’Asl di Lecce presso la postazione “drive-through” (o “drive-in”, che dir si voglia) di Tricase.





Il docente è Claudio Mauro, originario di Presicce e rientrato dall’Inghilterra qualche settimana fa per motivi personali. Lo abbiamo contattato per farci raccontare in prima persona quella che, dopo l’arrivo in Salento, è diventata l’odissea del tampone.





L’odissea del tampone





“La mia non è una battaglia contro l’ospedale di Tricase (che peraltro c’entra ben poco)”, ci tiene subito a precisare, “né una rincorsa alla notorietà, dalla quale non potrei trarre alcun  giovamento. Sono piuttosto preoccupato per le numerosissime famiglie che, dopo essersi interfacciate con la postazione drive-through di Tricase per sottoporsi a tampone, hanno provato invano ad ottenere comunicazione dell’esito dall’Asl”.




“Io infatti”, ci racconta, “ho avuto una risposta solo dopo aver fermamente insistito e, mio malgrado, aver reso noti i miei titoli. La procedura vuole che, una volta effettuato il test, si venga contattati entro 24 ore dall’Asl qualora positivi. Viene invece fornito un numero cui telefonare nel caso in cui, trascorse le suddette 24 ore, nessuno abbia chiamato per confermare la negatività che, quindi, rimane presunta. Peccato che a quel numero non risponda nessuno. Io mi sono recato presso la postazione di Tricase per due volte nell’arco di pochi giorni: la prima per sottopormi personalmente al test (dopo l’arrivo dall’Inghilterra) e la seconda, pochi giorni più in là, per accompagnare mia madre. In nessuno dei due casi abbiamo ricevuto risposta“.





“Dopo il mio tampone, ho chiamato invano il numero indicatomi per due giorni”, continua Mauro. “Alla fine mi sono sottoposto a test sierologico, per avere un riscontro immediato. Al quinto giorno ho ricevuto una telefonata anonima da una persona che, con voce trafelata, mi comunicava la mia negatività. Lì per lì non ho dato il giusto peso alla questione. Giunto il momento di mia madre, quando ho visto ripetersi lo stesso iter, ho percepito che la tardiva o, talvolta, totale assenza di comunicazione sull’esito dei tamponi negativi è una prassi. Avendo stavolta necessità e premura di ottenere il risultato del test, sono andato oltre il numero di telefono fornitomi (al quale continuava a non rispondere nessuno) e dal numero verde Covid della Regione Puglia ho appreso che, presso la postazione, dovrebbe essere fornito un PIN ai pazienti col quale ottenere il risultato in autonomia direttamente dal sito dell’Asl. Cosa che a Tricase non succede. A quel punto ho contattato l’Ufficio relazioni con il pubblico dell’Asl di Lecce ed ho chiesto di parlare con il Dipartimento di Medicina Preventiva. È qui che, per vie traverse, insistendo e rendendo noti i miei titoli, ho dapprima ottenuto di ricevere il risultato del tampone per mail (dalla forma della quale si evince come fosse una mail preparata ad hoc e non vi fosse uno schema seguito per tutti i pazienti) e poi sono entrato in contatto con il responsabile del Dipartimento Medicina Preventiva e con il direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’Asl. In entrambi i casi, tra la non ammissione di responsabilità ed una serie di precisazioni errate rivoltemi, mi è stato detto che l’esito dei tamponi negativi viene inviato via mail agli utenti nell’arco di 48 ore. A me ed a mia madre”, conclude Mauro, “non è capitato affatto. Ed ho appreso in questi giorni, da decine di altre persone, che è quanto accade a tutti. Mi sembra assurdo che in un presidio di riferimento per l’intero basso Salento, come è quello di Tricase, centinaia e centinaia di persone debbano incappare in un difetto (o assenza) di comunicazione tale che arreca solo confusione in un momento già difficile e intricato. La gente deve sapere se isolarsi e come comportarsi e questo dipende anche e soprattutto dalle comunicazioni che l’Asl deve fornire. Anziché negarsi, mi auguro che i responsabili dell’azienda sanitaria provvedano a risolvere la questione per il bene di tutti”.





Lor. Zito


Attualità

Assembramenti a Leuca: il sindaco impone il divieto di stazionamento

Pubblicato

il


Non resta a guardare il sindaco di Castrignano del Capo Santo Papa: dopo un altro weekend in zona gialla, all’insegna del pericolo costante di assembramenti, arriva un’ordinanza che interessa Santa Maria di Leuca.





Proprio la marina di Castrignano infatti nelle ultime due domeniche è stata presa d’assalto da centinaia di persone alla ricerca di un pizzico di normalità. In tanti, troppi però hanno messo da parte ogni contegno legato al Covid ed, in barba alla normativa sul distanziamento sociale, han dato vita a capannelli di persone nei pressi di più locali (guarda qui cosa è accaduto ieri).





Ecco allora che la settimana per Leuca inizia con un’ordinaza. Documento nel quale il sindaco impone il divieto di stazionamento sulle zone “calde” della marina:





1. Il divieto di stazionamento dei pedoni su Lungomare C.Colombo;




2. Il divieto di stazionamento dei pedoni sul tratto di strada di Via D.
Croce, a partire da 100 metri prima del pubblico esercizio all’insegna
“Bar del Porto” fino all’incrocio con Via S.Elisa Martinez. Il divieto
viene esteso anche a Piazza Marinaid’Italia ed alla scalinata
monumentale;





3. Il divieto di stazionamento nel prolungamento di via Enea tra l’incrocio con via Fuorense e il lungomare C. Colombo.





4. Il divieto di stazionamento dei pedoni nel tratto di via Zara tra l’incrocio con via Fuorense e il lungomare C. Colombo.






Continua a Leggere

Attualità

Autovelox, telelaser e postazioni fisse nel Salento a marzo

 Sono pronti i calendari dei controlli sulle strade provinciali, che saranno effettuati dalla Polizia provinciale, tramite autovelox, telelaser e postazioni fisse, nel mese di marzo 2021

Pubblicato

il

POSTAZIONI MOBILI DI CONTROLLO DELLA VELOCITÀ

 

 

POSTAZIONE FISSA


CALENDARIO TELELASER MARZO 2021

Continua a Leggere

Attualità

Presicce-Acquarica: 865mila euro a Cooperativa Nuova Agricoltura

Ammesso a finanziamento il progetto di rigenerazione olivicola. «Premiato il lavoro di gruppo e una nuova idea di futuro per la nostra agricoltura»

Pubblicato

il

Un lavoro durato mesi che ha portato a dei grandi risultati: il progetto di rigenerazione olivicola presentato dalla Cooperativa agricola Nuova Agricoltura di Presicce-Acquarica è stata ammessa a finanziamento per una cifra ammontante a 865mila euro e, a breve, partiranno i lavori di espianto e poi reimpianto degli ulivi.

La Cooperativa ha partecipato al bando della Regione Puglia dedicato al “Reimpianto di olivi in zona infetta” (pubblicato sul BURP n. 128 straord. del 10.09.2020), misura esclusiva per la zona infetta da Xylella fastidiosa, volta a “riqualificare nel medio lungo periodo tutto il territorio salentino colpito dalla batteriosi, ricostituendo il patrimonio olivicolo danneggiato”.

Il bando permetteva l’inoltro di domande individuali ma ad essere privilegiate sono state le azioni collettive.




«Per questo abbiamo iniziato a lavorare sodo per creare una rete solida con tutti gli interessati», afferma il presidente della cooperativa Dario Ratta, «incontrandoli uno per volta, assieme all’agronomo che ha curato le pratiche Donato Ratano, e facendo conoscere il nostro progetto, che non si limita solo al reimpianto degli alberi secchi, ma che guarda al futuro e che mira alla rinascita di tutto il settore agricolo tra Presicce-Acquarica, per troppo tempo penalizzato dalla Xylella e dalla crisi».

È la prima volta che una cooperativa del posto è riuscita a mettere insieme tante persone, 83 proprietari tra agricoltori e semplici cittadini, che a breve verranno ricontattati per l’avvio dei lavori. In totale l’area interessata è di 126 ettari di superficie e verranno reimpiantate 13500 piante della varietà Leccino Favolosa.

«Siamo soddisfatti del risultato raggiunto perché l’unione fa la forza ed è l’unico modo per provare ad invertire la rotta nel nostro territorio», continua Ratta, «la popolazione ha risposto al nostro appello e ora possiamo tirare un sospiro di sollievo: grazie al finanziamento raggiunto possiamo assumere 9 lavoratori agricoli e ricominciare a far valere il comparto agricolo del territorio».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus