Connect with us

Tricase

Tricase ancora senza Giunta

Pubblicato

il

Dopo quasi due mesi dall’azzeramento della Giunta, voluto dal sindaco Antonio Musarò, ancora nessuna novità. Per essere precisi, la nuova Giunta c’era pure, ma la ribellione del PdL, sentitosi poco rappresentato rispetto al suo “peso” in Consiglio, ha paralizzato le operazioni. Ed ora che succede? Lo abbiamo chiesto proprio al sindaco Musarò, che ha ammesso: “Stiamo cercando con tutte le nostre forze di tamponare questa fase di emergenza. Sappiamo che dobbiamo trovare al più presto una soluzione.


È un problema del momento, che però sta durando troppo e non certo per colpa mia. E come ho sempre detto, è un problema esclusivamente politico”. È ancora convinto che quest’Amministrazione abbia un futuro? “Mi auguro di si e questo è il mio obiettivo. La gente ci ha votato per amministrare e dare delle risposte al paese”. Intanto, in due mesi non siete riusciti a mettere su un esecutivo. “Non è solo un problema di Giunta, ma di stabilità politica”. Come pensate di risolvere gli attriti con il PdL? “Solo un chiarimento profondo potrebbe risolvere la situazione, speriamo si possa definire tutto al più presto”.


Chiarimento che ancora non c’è stato? “Contatti ce ne sono stati, ma la soluzione dovrà essere definitiva. Non vorrei da qui a qualche mese ritrovarmi punto e a capo”. C’è la possibilità che la Giunta torni ad essere quella da lei azzerata? “Non lo escludo; se riusciamo a dare una svolta politica e mettere l’esecutivo nelle condizioni di esprimesi al meglio, perchè no? Ma Lo ribadisco: il problema non è legato alle persone che dovranno lavorare in Giunta, ma è esclusivamente politico”.

E’ cambiato il rapporto con i cittadini dopo tutto quanto sta avvenendo? “La gente mi conosce come una persona al servizio del popolo e penso che ancora mi veda in questo modo, cioé come una persona che non deve fare carriera politica ad ogni costo, ma che vuole risolvere i problemi della gente”. Nel prossimo Consiglio sarà presentata la nuova Giunta? “Sicuramente si. Stiamo lavorando giorno e notte per raggiungere una stabilità politica che ci consenta finalmente di assolvere agli impegni presi”.


liz@ilgallo.it


Cronaca

Depressa di Tricase: non c’è campo, ma non è un film

La frazione da sempre isolata dal mondo per una pressoché totale assenza di connessione Internet. La vicenda sbarca a Roma grazie all’intervento del Deputato Forza Italia Andrea Caroppo

Pubblicato

il

Il nome non aiuta“, ci scherza su il regista Edoardo Whinspeare che proprio di Depressa  è originario.

Il punto è che nella frazione di Tricase internet è più o meno un’utopia: non c’è campo!

E, se quello girato da Moccia a Scorrano qualche anno fa era solo un film, qui si tratta di pura realtà con tutte le conseguenze del caso e un’intera comunità letteralmente fuori dal mondo, senza considerare i problemi con i prelievi al bancomat e i pagamenti tramite Pos.

La questione si trascina non da settimane, non da mesi, ma da anni, per non dire da sempre.

Lo abbiamo più volte scritto su queste colonne ma, evidentemente, le antenne, che pur ci sono e sono tante sul territorio, non tengono in considerazione la piccola Depressa.

Ora il caso è arrivato in parlamento, grazie all’interessamento del deputato salentino Andrea Caroppo.

L’assenza del segnale di telefonia”, rileva Caroppo, “isola un’intera comunità con notevoli disagi per tutti i cittadini di ogni età, come studenti e lavoratori, e per le attività commerciali. È impensabile che nell’era del digitale ci siano centri, anche importanti dal punto di vista turistico, che sono costretti all’isolamento”.

Il capogruppo di Forza Italia della commissione trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera dei deputati, dopo aver appurato personalmente che a Depressa non c’è campo, ha provveduto ad un’interrogazione allo stesso organismo di cui fa parte, interessando il Ministero delle Attività produttive, presieduto da Adolfo Urso, perché “ponga rimedio a questa situazione”.

Continua a Leggere

Attualità

Le gaffe culturali della politica elettorale di area: il caso dell’ecomostro di Tricase Porto

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento della ex consigliera comunale Francesca Sodero

Pubblicato

il

Sulla vicenda dell’ecomostro di Tricase Porto, al secolo Villa Sauli, da abbattere secondo una recente sentenza, interviene la ex consigliera comunale Francesca Sodero.

Di seguito il suo intervento.

Francesca Sodero

Preg.mo Direttore,
in queste ore mi sto interrogando sulla cultura della nostra comunità e su quanto ci sia sete di operatori culturali di autentico stampo civico, che possano riaccendere una speranza per il territorio e per le future generazioni.
L’emblematico e travagliato percorso politico, amministrativo e giudiziario, che ha portato alla sentenza definitiva dello scorso dicembre con la quale Villa Sauli è stata definitivamente condannata all’abbattimento, dovrebbe fare ingresso nelle scuole ed essere oggetto di un libero dibattito pubblico fra i cittadini ed invece è rimasto, purtroppo, relegato alla disputa politico-elettorale.
Da una parte, il silenzioso imbarazzo degli attuali amministratori alle prese con l’eredità politico-culturale della precedente amministrazione, che vorrebbero disperatamente non accettare. Dall’altra, l’esigenza di fagocitare gli eventi che hanno portato allo storico risultato in un dibattito di parte politica funzionale al consolidamento di una coalizione elettorale di centro-sinistra contrapposta all’attuale giunta.
Forse più di uno non ci avrà fatto caso ma da quando lo storico risultato è stato raggiunto, a nessuno è venuto in mente di raccogliere un commento da chi, facendosi portavoce di un’antica, persistente, e fino a quel momento inascoltata istanza proveniente dalla cittadinanza, si è caricato sulle spalle la responsabilità di attivare per la prima volta, con azioni concrete e disponendo del potere per portarle veramente a termine, un percorso di verità, legalità e giustizia. Eppure, cosa ci sarebbe di più efficace per l’avanzamento culturale di una comunità, della testimonianza diretta dei protagonisti di battaglie tangibili portate avanti con pervicacia a discapito di qualsiasi vantaggio o interesse personale e persino vinte a beneficio di un intero territorio? Perché a parlare siamo bravi un po’ tutti, ma a tradurre le belle parole in comportamenti coerenti, che magari fanno anche pagare un prezzo a livello personale e professionale, son capaci in pochi! A ben vedere, il vero problema della nostra società, sempre di più, è proprio che siano e rimangano in pochi!
In questo senso, vale la pena correggere alcune imprecise ricostruzioni che circolano nell’informazione locale in questi giorni. L’allora sindaco Carlo Chiuri firmò ben due ordinanze aventi ad oggetto Villa Sauli tra il 2017 e 2018. La prima, poco dopo essersi insediato, valse da campanello d’allarme, richiamando la proprietà al ripristino del decoro ma soprattutto alla messa in sicurezza. Con la seconda, dopo il passaggio del tornado nel novembre 2018 e dopo il sopralluogo e la relazione dei Vigili del Fuoco che attestò l’irreversibile stato di ammaloramento dell’immobile, ordinò la demolizione per fini di sicurezza pubblica. A questa seconda ordinanza fece seguito la presentazione da parte dei proprietari di una pratica edilizia per la messa in sicurezza in cui la rappresentazione dello stato dei luoghi, insieme alle verifiche dirette da parte dei funzionari comunali, furono l’occasione per l’Ufficio Tecnico di rilevare tutti gli abusi commessi rispetto a quanto autorizzato, consentendo all’allora responsabile Ing. Vito Ferramosca, di respingere la pratica edilizia e firmare una seconda ordinanza di demolizione, questa volta per l’abbattimento di immobile abusivo per insanabilità degli abusi.
Entrambe le ordinanze furono impugnate dai proprietari e a livello giudiziario questa seconda ordinanza scalzò, com’è normale, la prima: che senso avrebbe avuto per i giudici portare avanti il processo sulla prima ordinanza, posto che a monte veniva ora contestato un abuso insanabile?
Non ne va fatta una questione di primato ma si tratta solo di portare a conoscenza in modo trasparente la verità affinché funga da patrimonio collettivo. In questa direzione, va anche sottolineato che il contesto politico era in quel momento favorevole alle decisioni coraggiose da parte di tutti gli attori in buona fede, compresi coloro che non si erano sottratti a tentativi improntati a maggiore dialogo con i proprietari nel recente passato, rovinosamente falliti. Così come va rilevato che la soccombenza del Comune nel primo grado di giudizio sarebbe stata l’occasione, in mano ad altri, di porre la pietra tombale sulla questione rinunciando all’appello.
Questo dovevo per onor di verità e per non essere solo passiva spettatrice di un decadimento culturale cui dovremmo al più presto reagire al di fuori di qualsiasi strumentalizzazione politica, partitica ed ideologica. Il primo passo può e deve essere, a mio modesto parere, riconoscere i meriti a chi si è distinto per le opere ed i comportamenti, pagando anche con le querele e una montagna di indegne aggressioni politiche da ogni parte, e nel contempo lasciare in secondo piano chi si limita ad esprimere facili opinioni in comodi salotti.
La ringrazio dello spazio che vorrà darmi o semplicemente per aver letto e compreso il senso di questo piccolo sfogo.

La saluto con stima,

Francesca Sodero

Continua a Leggere

Attualità

Destinazione Turistica Sud Salento

Manifestazione di interesse per la creazione di un elenco di operatori economici locali interessati ad essere inclusi negli itinerari volti alla promozione della destinazione

Pubblicato

il

Il Gruppo di Azione Locale GAL Capo di Leuca è affidatario del servizio di creazione di una rete di Operatori Locali nell’ambito del progetto “Promozione e valorizzazione dell’offerta turistica Sud Salento“.

Il Progetto prevede il coinvolgimento attivo degli operatori nella definizione della fruizione del territorio del Sud Salento, attraverso l’adesione ad una rete formalmente riconosciuta e la partecipazione a workshop formativi organizzati dal GAL.

Pertanto il GAL Capo di Leuca invita gli operatori economici locali a presentare la propria proposta di adesione al progetto attraverso la compilazione di un questionario di rilevazione (disponibile cliccando qui e attivabile cliccando nel primo commento), nel quale descrivere attività e servizi da includere negli itinerari turistici, ove richiesti.

Gli operatori economici devono avere sede legale o unità locale all’interno dei 16 Comuni dell’Area Interna Sud Salento (Alessano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Miggiano, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Patù, Presicce-Acquarica, Ruffano, Salve, Specchia, Taurisano, Tiggiano, Tricase e Ugento).

Termine ultimo per l’adesione al progetto venerdì 1° marzo.

Per ulteriori info clicca qui

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus