Connect with us

Dai Comuni

Tricase: Cantiere Civico abbandona Consiglio convocato d’urgenza

All’ordine del giorno la sostituzione del segretario comunale. Zocco, Errico e Elia: “Metodo irrituale e frettoloso. Consiglio non è strumento politico ad uso di pochi”

Pubblicato

il


È finito anzitempo il consiglio comunale convocato d’urgenza ieri a Tricase.





Cantiere Civico infatti, gruppo di minoranza, ha abbandonato la seduta in aula prima del voto per protesta contro il metodo e l’agire definiti dallo stesso gruppo “irrituali”.





Nel pomeriggio di venerdì 15 era stato convocato per l’indomani (le 17 di ieri, sabato 16 gennaio) un consiglio con ordine del giorno la sostituzione del segretario comunale.




Cantiere Civico, in una nota a firma di Carmine Zocco, Gianluca Errico e Giacomino Elia, spiega così il motivo dell’abbandono dell’aula: “La nostra posizione non entra nel merito della scelta burocratica, il Sindaco ne ha facoltà.
Abbiamo però espresso con fermezza nel dibattito e dimostrato con l’uscita dall’aula al momento del voto, le nostre perplessità. Quello che abbiamo visto è stato un Consiglio Comunale, convocato come “urgente, inderogabile” ma, secondo noi, soprattutto frettoloso. E nella fretta possiamo rilevare degli errori e formulare dei retropensieri. È utile specificare“, continuano, “che:
1. Il Sindaco ha facoltà di intervenire sul ruolo della segreteria comunale entro il 120° giorno dal suo insediamento (7 Febbraio 2021).
2. Il percorso di attuazione del procedimento, prevede: scioglimento dell’attuale accordo, comunicazione e recepimento dall’Agenzia regionale dei segretari comunali,
3. Avvio di una nuova procedura di assegnazione delle funzioni.
Nel dibattito abbiamo dovuto rilevare e denunciare che:
1. Visti i termini legittimi dei 120 giorni dall’insediamento non insisteva alcuna urgenza (il regolamento parla di “comprovata necessità”) di convocazione di un Consiglio Comunale, di sabato, a sole 24 ore dalla convocazione.
2. Nello stesso procedimento, non abbiamo condiviso la richiesta votare in un’unica assise il processo di scioglimento e quello del nuovo incarico, poiché il primo provvedimento non è ancora perfezionato
mancando il necessario recepimento dell’Agenzia”.





Sindaco e il Presidente del Consiglio“, conclude Cantiere Civico, “non hanno fugato le nostre perplessità, anzi!
Non possiamo avallare questa giostra politica che sovrasta regolamenti e strutture burocratiche poste a tutela e garanzia delle funzioni ammnistrative.
Per questo, abbiamo onorato il mandato con la presenza nella seduta ma non partecipiamo e mai parteciperemo all’uso del Consiglio Comunale come strumento politico di pochi“.


Cronaca

Surano: colpo al Gulliver

I ladri sono penetrati da un buco praticato sul muro interno dopo aver forzato un porta di ingresso. Presi di mira Bricos e Oviesse

Pubblicato

il

Colpo gobbo al centro commerciale Gulliver di Surano.

Nella notte scorsa i malviventi hanno forzato una porta di ingresso si sono intrufolati nel centro commerciale e sono fuggiti con l’incasso del negozio di bricolage e una cassaforte della Oviesse, smontata con la flessibile.

I ladri hanno praticato un foro sul muro interno penetrando nei locali di vendita della Brigros, impossessandosi di vario materiale riposto sugli scaffali in esposizione e del contenuto delle casseforti, sottratte mediante taglio della blindatura.

Non contenti dopo aver praticato ulteriore foro sul muro di confine con l’Oviesse impossessandosi  di 13.500 euro custoditi interno di una cassaforte forzata mediante taglio della blindatura.

Indagano i carabinieri.

Continua a Leggere

Attualità

Nardò: bimbo ritrova antichi cocci in riva al mare

Ha pensato potessero essere reperti antichi e per questo li ha consegnati al comandante dei carabinieri. Ora saranno valutati da esperti

Pubblicato

il

Durante una passeggiata al mare con la sua famiglia, qualche giorno fa, il piccolo Alberto, 9 anni, di Nardò, si è imbattuto in alcuni cocci con su incise delle lettere.

Reduce da una recente visita al museo del mare e a quello della preistoria ha pensato potessero essere dei reperti e per questo li ha consegnati al comandante della stazione dei carabinieri del suo paese affinché gli esperti possano esprimersi sul loro valore e metterli eventualmente a disposizione della comunità.


Per questo suo getto il comandante Vito De Giorgi, ha voluto premiare il piccolo Alberto regalandogli un calendario dei carabinieri.

Continua a Leggere

Attualità

Lotta alle reti fantasma, Castro ripulisce il mare

Otto milioni di tonnellate di plastica finiscono nel mare ogni anno e la maggior parte sono reti perse dai pescatori. Il loro tempo di decomposizione è di 600 anni! Il vice sindaco di Castro Alberto Antonio Capraro: «Iniziativa di straordinario impatto sociale e ambientale. Daremo respiro ai fondali e sensibilizzeremo pescatori e cittadinanza al rispetto della natura e del nostro amato mare»

Pubblicato

il

La “Perla del Salento” in azione per contrastare il fenomeno dell’inquinamento delle reti da pesca in mare.

Grazie al progetto Adrinet, che coinvolge Italia, Albania e Montenegro, una squadra di sub sta rimuovendo dai fondali chili di reti che rischiano di compromettere l’ecosistema marino.

Le reti fantasma sono uno dei problemi più importanti dei nostri mari.

Lo svelano i numeri della Commissione europea: 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono nel mare ogni anno e la maggior parte sono reti perse dai pescatori.

Il loro tempo di decomposizione è di 600 anni, un tempo lunghissimo.


Il progetto Adrinet nasce nel 2018 come iniziativa di cooperazione tra Italia, Albania e Montenegro per tutelare la biodiversità del comune tratto di mare ma non solo. C’era infatti alla base anche l’idea di lasciare in eredità una conoscenza dei programmi di gestione della pesca a due paesi che sono candidati ufficiali a entrare nell’Unione e che un giorno potrebbero dover rispettare le regole del sistema comunitario.

Nel progetto sono coinvolte l’Università di Bari, l’università agricola di Tirana e l’Università del Montenegro insieme ad alcune municipalità, scelte tra quelle dotate di una Marina sviluppata e interessate a uno sviluppo turistico sostenibile. Perciò sono stati coinvolti il Comune di Castro, nel Salento, la regione di Vlora, in Albania e il Comune di Castelnuovo (Herceg-Novi) in Montenegro.

Due anni di lavoro che hanno visto il coinvolgimento attivo dei pescatori i quali hanno partecipato ad un corso di formazione, alle operazioni di recupero indicando i punti in cui hanno smarrito le reti, ricevendo in dono dei microchip da applicare sulle reti per monitorarne la localizzazione in caso di smarrimento.

«Questa iniziativa», dichiara il vice sindaco di Castro Alberto Antonio Capraro, «è di straordinario impatto sociale e ambientale. Con questo recupero daremo respiro ai fondali e sensibilizzeremo pescatori e cittadinanza al rispetto della natura e del nostro amato mare».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus