Connect with us

Attualità

Tricase: ecco come cambia la circolazione stradale all’uscita da scuola

Dalle ore 07:50 alle ore 08:20, nonché dalle ore 13:10 alle ore 13:40 di tutti i giorni del calendario scolastico, vi è l’interdizione del transito veicolare in: Via Alessandro Manzoni, tratto compreso tra la Via Roberto Caputo e la Via Dei Pellai; Via Umberto I, tratto compreso tra la Via Domenico Cimarosa e la Via Claudio Monteverdi. Senso unico di circolazione in Via Pio X, nel tratto e nella direzione compresa tra la Via Umberto I e la Via Leone XIII

Pubblicato

il

«Avevamo la necessità di coniugare la sicurezza dei nostri bambini con il miglioramento della circolazione stradale. E dalla condivisione di idee s’è concretizzato un nuovo passo in avanti per Tricase».


Così il sindaco di Tricase, Antonio De Donno, commenta l’ordinanza numero 171 del Comandante della Polizia Locale Angelo G. Lanzillotti che disciplina la circolazione stradale nei pressi delle scuole presenti sul territorio comunale.


«Dal momento del nostro insediamento abbiamo ricevuto numerose segnalazioni da parte di genitori che hanno dovuto affrontare con non poche difficoltà il contingentamento degli ingressi dei figli nei plessi scolastici», aggiunge il primo cittadino,  «ecco perché abbiamo ritenuto opportuno sederci con la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” di Tricase e con il Comandante Lanzillotti al fine di individuare una soluzione».


«Siamo fiduciosi sul fatto che l’esperimento traffico venga accolto positivamente dai cittadini e dai fruitori delle arterie stradali interessate», ha aggiunto l’assessore alla mobilità, Rocco Piceci, descrivendo gli interventi previsti dall’ordinanza.


Nel dettaglio, dunque, dalle ore 07:50 alle ore 08:20, nonché dalle ore 13:10 alle ore 13:40 di tutti i giorni del calendario scolastico, vi è l’interdizione del transito veicolare in: Via Alessandro Manzoni, tratto compreso tra la Via Roberto Caputo e la Via Dei Pellai; Via Umberto I, tratto compreso tra la Via Domenico Cimarosa e la Via Claudio Monteverdi,

A ciò si è aggiunta l’istituzione del senso unico di circolazione in Via Pio X, nel tratto e nella direzione compresa tra la Via Umberto I e la Via Leone XIII, al fine di razionalizzare la circolazione ricadente in passato proprio nel tratto compreso fra i plessi G. Pascoli e D. Alighieri.


«Un ringraziamento al Comandante Lanzillotti e a tutto il personale del corpo di Polizia Locale», ha aggiunto l’assessore al ramo Andrea Ciardo, secondo cui «l’ordinanza si è resa possibile grazie alla capillare conoscenza da parte dello stesso Comando delle problematiche che interessano i cittadini di Tricase».



Attualità

«Fateci tornare a ballare»

Dai Centri danza della provincia: «I bonus collaboratori e il fondo perduto non bastano a coprire tutte le spese che un’attività come la nostra deve sostenere, e non ripagano il diritto al lavoro di ognuno di noi»

Pubblicato

il

Renato Andretta di Giurdignano, Giovanna Accogli di Ruffano e Marta Maggiulli di Muro Leccese, di professione sono «maestri/istruttori di danza di alcune ASD, piccole realtà della provincia di Lecce».


Hanno voluto «dare voce alla grande insofferenza del settore sportivo. Come tutti sanno il nostro settore è fermo dal 24 ottobre 2020, il primo che è stato costretto a fermarsi dopo appena un mese dalla riapertura (i centri danza lavorano generalmente 9 mesi l’anno, da ottobre a giugno)».


«Siamo perfettamente coscienti dell’emergenza sanitaria che il mondo sta affrontando», scrivono i tre nella loro nota, «per questo motivo siamo stati uno dei pochi settori che si è sempre attenuto scrupolosamente a tutti i protocolli di sicurezza imposti dal Governo. Abbiamo fatto il sacrificio in questi mesi con la speranza di una possibile apertura nel mese di gennaio, come annunciato dal Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora sui canali social sino al 9 gennaio scorso».


oi la doccia fredda: «Con il nuovo DPCM del 16 gennaio 2021 la chiusura è stata prorogata fino al 5 marzo prossimo (salvo ulteriori provvedimenti) e quindi molte realtà sportive saranno costrette a chiudere definitivamente come già avvenuto nei mesi precedenti ad alcuni colleghi. I tanto menzionati aiuti economici “bonus collaboratori e il fondo perduto” non bastano a coprire tutte le spese che mensilmente un’attività come la nostra deve sostenere (spazzatura, luce, affitto, etc), e non ripagano il diritto al lavoro di ognuno di noi».


Come se non bastasse, il prolungarsi di questa situazione «inizia ad aver effetti negativi sulla salute fisica e mentale nostra e dei nostri soci, dal più piccolo al più grande».

«L’arte non può morire»


Andretta, Accoglie e Maggiulli chiedono «un’imminente rivalutazione per il nostro settore, anche perché per tutti gli altri (centri commerciali, bar, parrucchieri, centri estetici, negozi, ristoranti, etc) si è riusciti a permettere loro di continuare a lavorare. Gli unici a rimanere chiusi da fine ottobre ad ora siamo stati noi. Crediamo di meritare delle risposte che fino ad ora non sono state concrete né esaustive. Ci sentiamo offesi e presi in giro, perché nelle nostre strutture non ci sono mai stati casi di contagio. L’arte non può morire, speriamo almeno ci venga data la possibilità di essere ascoltati», concludono, «e di esprimere la nostra insofferenza riguardo una situazione che ci sta lentamente logorando».



Continua a Leggere

Attualità

Bar chiusi, è assalto ai distributori automatici: Galatina li chiude

Pubblicato

il

Proprio mentre monta la polemica sugli assembramenti ai distributori automatici, da Galatina arriva la prima ordinanza di chiusura.


Con le attività dei bar limitate all’osso, dalla normativa anti-covid, l’attenzione in queste ore si è concentrata, in più centri, sugli spazi dedicati alle macchinette automatiche attive h24.


Gruppi di giovani le hanno prese d’assalto, dando vita ad assembramenti che vanificano la chiusura delle attività commerciali e la ridicolizzano.

Ecco allora che il sindaco di Galatina ha prontamente disposto la chiusura di tutti i distributori automatici presenti in paese e non presidiati. Nel documento firmato da Amante sono specificate le 3 attività interessate, site in Piazza Alighieri, in via Vittorio Emanuele II ed in Corso Principe di Piemonte.


Resteranno chiuse sino al 5 marzo prossimo, “salvo ulteriori proroghe legate all’evoluzione pandemica”.


Continua a Leggere

Attualità

Vaccini subito a disabili e caregiver

«Nessuno resti indietro»: è l’appello lanciato a tutte le istituzioni da oltre venti associazioni per inserire nella priorità delle vaccinazioni anche le persone disabili e chi se ne prende cura

Pubblicato

il

Con l’avvio della prima fase del piano vaccinale redatto da ISS, AIFA e Ministero della Salute, sono stati coinvolti medici, infermieri, operatori sanitari, personale e ospiti delle RSA, nonostante le parole del Commissario Domenico Arcuri nel corso di una conferenza stampa avessero menzionato tra le categorie a rischio anche le persone con disabilità e i loro accompagnatori.


Il piano nazionale delle vaccinazioni anti Covid tuttavia, al momento non fa alcun riferimento esplicito a tali soggetti fragili.


Da più associazioni che si occupano di disabilità, si susseguono quotidianamente appelli con i quali si chiede che le persone disabili siano comprese tra coloro che saranno vaccinate in via prioritaria a febbraio.


Donato Melcarne


«La richiesta di vaccinare nella seconda fase le persone con disabilità e i loro caregiver», dichiara Donato Melcarne, consigliere del CSV Brindisi Lecce, nonché Presidente dell’Associazione Insieme per i Disabili – nasce da una forte preoccupazione scaturita dal fatto che il Piano Nazionale delle Vaccinazioni anti Covid, al momento non fa alcun riferimento esplicito alle persone con disabilità e a chi li assiste. Preoccupazione alimentata anche dai recenti casi di ospedalizzazione di persone con disabilità complesse o non collaboranti, e della impossibilità per il caregiver familiare, di accedere in loro aiuto, nelle strutture sanitarie, con le conseguenze drammatiche che ne derivano. Per questo motivo, e a seguito delle parole del Commissario Arcuri della scorsa settimana, insieme a diverse associazioni del territorio, abbiamo ritenuto necessario, sollecitare la Regione Puglia e i Dipartimenti delle Asl locali, ad aprire fin da subito la piattaforma regionale telematica per l’acquisizione delle manifestazioni di interesse alla vaccinazione contro il Covid 19 delle persone con disabilità e dei loro caregiver. La dignità e il diritto alla salute non devono conoscere barriere di alcun tipo», conclude Melcarne, «ed un segnale di attenzione verso i più fragili, sarebbe necessario per risvegliare la speranza di una luce nuova».

Tale urgenza è dettata da una serie di fattori, che spaziano dalla sopravvivenza e dal diritto alla salute di soggetti svantaggiati e dei loro accompagnatori alla problematicità che l’ospedalizzazione di un del disabile o del caregiver comporterebbe.


Il presidente del Centro Servizi, Luigi Conte


È ben nota infatti la difficoltà di gestire in una struttura sanitaria, già sfiancata dall’emergenza epidemiologica, persone con problematiche complesse fisiche e psichiche; per queste ultime l’allontanamento di chi li assiste, significa la perdita di un riferimento importante e il venir meno di un’indispensabile condizione di espressione e comunicazione, che potrebbe condurre ad esiti fatali.


«Sollecitiamo le Istituzioni regionali, il Presidente Michele Emiliano, l’Assessore alla Salute, il Direttore del Dipartimento Salute, il Garante dei Disabili assieme ai Direttori Generali ASL di Lecce e Brindisi e i relativi Direttori dei Dipartimenti di Prevenzione ASL delle due province, », ha concluso Luigi Conte, presidente del Centro Servizi, «a farsi carico di tale istanza che coinvolge un numero cospicuo di persone particolarmente fragili e tante famiglie già provate dalla pandemia in corso. Il CSV rimarca il proprio impegno di servizio al volontariato, con un costante sforzo di favorire le reti tra società civile e Istituzioni affinché nessuno rimanga indietro!».


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus