Connect with us

Attualità

Tricase, indumenti usati via dalla zona mercato

Dopo la diffida ai commercianti per tenere puliti gli spazi alla fine del mercato settimanale, rimossi da viale Aldo Moro i contenitori degli indumenti usati. La proposta di Dell’Abate

Pubblicato

il

Dopo lamentele, le cui origini sono almeno decennali, l’amministrazione comunale ha rimosso da viale Aldo Moro i contenitori degli indumenti usati.


I contenitori sono stati trasferiti presso l’ecocentro nella zona industriale.


Lo spettacolo a cui si assisteva spesso era deprimente, con indumenti sparsi ovunque che davano all’intera zona un aspetto di abbandono ed incuria. E in quella zona vale la pena ribadirlo il martedì si tiene il mercato.


È la seconda mossa in direzione di una sistemazione dell’intera zona da parte dell’amministrazione Chiuri dopo la diffida ai commercianti dell’agosto scorso con cui si invitavano (eufemismo) gli operatori commerciali “ad ottemperare alla pulizia del proprio spazio vendita, alla raccolta differenziata dei rifiuti secondo le direttive impartite dai servizi comunali competenti ed a rimettere in pristino l’assetto dell’area ottenuta in concessione”, pena la possibilità di incappare nella revoca dello stallo stesso.


Via Aldo Moro: così si riduceva lo spazio in cui si consegnavano gli indumenti usati. Nella foto grande in alto invece l’angolo di strada appena ripulito e senza contenitori

In questo contesto si inquadra la proposta del consigliere di opposizione Nunzio Dell’Abate: «Piuttosto che spostarli altrove con il rischio che si ripresenti la solita sconceria, come accade negli altri punti della città ove sono posizionati, perché non organizzare un mercatino comunale di scambio degli indumenti usati?».


In collaborazione con associazioni e Pro Loco, secondo ell’Abate, «l’amministrazione potrebbe diffondere questa buona prassi con cadenza mensile, magari anche nell’atrio antistante le scuderie o, nei mesi invernali, al loro interno.  In concomitanza si potrebbero svolgere degli eventi di sensibilizzazione e di intrattenimento, coinvolgendo anche gli istituti scolastici e le parrocchie, in modo da accrescere il senso di solidarietà e di reciproco soccorso fra giovani e meno giovani della nostra comunità».


La palla è lanciata ora sta all’amministrazione comunale valutarne la fattibilità ed eventualmente tenere in considerazione la proposta.


Attualità

Vacanze salentine per Gianni Morandi

Pubblicato

il

Il sorriso stampato in faccia di chi è davanti alla meraviglia barocca della Basilica di Santa Croce a Lecce.

Eccolo, Gianni Morandi in uno scatto postato sul suo profilo instagram mentre si gode le vacanze salientine.

Continua a Leggere

Attualità

Covid: oggi tutti test negativi e nessun decesso in Puglia

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi domenica 5 luglio 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.637 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e non sono stati registrati casi positivi.

Non sono stati registrati decessi.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 188.242 test.

Sono 3.881 i pazienti guariti.

110 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.536 così divisi:

1.494 nella provincia di Bari

381 nella Provincia di Bat

660 nella Provincia di Brindisi;

1.169 nella Provincia di Foggia;

522 nella Provincia di Lecce;

281 nella Provincia di Taranto;

29 attribuiti a residenti fuori regione.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 5-7-2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/JuFKK

Continua a Leggere

Attualità

Partito dal Salento volo di aiuti umanitari per Mogadiscio

Pubblicato

il

È partito ieri da Brindisi, con il supporto della Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (Unhrd), destinazione Mogadiscio, il primo dei tre voli umanitari organizzati, nel quadro dell’iniziativa “Ponte aereo umanitario” (Eu Humanitarian Air Bridge).

“L’operazione, con un carico complessivo di 42 tonnellate di aiuti umanitari (tra cui materiale sanitario per la risposta al Covid-19), è il frutto dell’intensa attività di collaborazione e coordinamento tra la Farnesina, la Commissione europea, l’ambasciata d’Italia, la delegazione Ue a Mogadiscio e le autorità somale”, chiarisce una nota stampa del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale. Il carico è stato messo a disposizione, oltre che dalla stessa Farnesina, “da organizzazioni della società civile italiane e da agenzie delle Nazioni Unite”.

A destinazione, gli aiuti umanitari “sosterranno le attività di assistenza delle autorità somale e delle organizzazioni umanitarie nel contrasto alla diffusione del Covid-19 e nell’assistenza alla popolazione colpita dalle recenti eccezionali inondazioni.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus