Connect with us

Attualità

Tricase, indumenti usati via dalla zona mercato

Dopo la diffida ai commercianti per tenere puliti gli spazi alla fine del mercato settimanale, rimossi da viale Aldo Moro i contenitori degli indumenti usati. La proposta di Dell’Abate

Pubblicato

il

Dopo lamentele, le cui origini sono almeno decennali, l’amministrazione comunale ha rimosso da viale Aldo Moro i contenitori degli indumenti usati.


I contenitori sono stati trasferiti presso l’ecocentro nella zona industriale.


Lo spettacolo a cui si assisteva spesso era deprimente, con indumenti sparsi ovunque che davano all’intera zona un aspetto di abbandono ed incuria. E in quella zona vale la pena ribadirlo il martedì si tiene il mercato.


È la seconda mossa in direzione di una sistemazione dell’intera zona da parte dell’amministrazione Chiuri dopo la diffida ai commercianti dell’agosto scorso con cui si invitavano (eufemismo) gli operatori commerciali “ad ottemperare alla pulizia del proprio spazio vendita, alla raccolta differenziata dei rifiuti secondo le direttive impartite dai servizi comunali competenti ed a rimettere in pristino l’assetto dell’area ottenuta in concessione”, pena la possibilità di incappare nella revoca dello stallo stesso.


Via Aldo Moro: così si riduceva lo spazio in cui si consegnavano gli indumenti usati. Nella foto grande in alto invece l’angolo di strada appena ripulito e senza contenitori

In questo contesto si inquadra la proposta del consigliere di opposizione Nunzio Dell’Abate: «Piuttosto che spostarli altrove con il rischio che si ripresenti la solita sconceria, come accade negli altri punti della città ove sono posizionati, perché non organizzare un mercatino comunale di scambio degli indumenti usati?».


In collaborazione con associazioni e Pro Loco, secondo ell’Abate, «l’amministrazione potrebbe diffondere questa buona prassi con cadenza mensile, magari anche nell’atrio antistante le scuderie o, nei mesi invernali, al loro interno.  In concomitanza si potrebbero svolgere degli eventi di sensibilizzazione e di intrattenimento, coinvolgendo anche gli istituti scolastici e le parrocchie, in modo da accrescere il senso di solidarietà e di reciproco soccorso fra giovani e meno giovani della nostra comunità».


La palla è lanciata ora sta all’amministrazione comunale valutarne la fattibilità ed eventualmente tenere in considerazione la proposta.


Attualità

Riecco il Covid: raddoppiati i positivi totali in una settimana

Pubblicato

il

Il Covid torna a far parlare di sé. La diffusione dei contagi in questi ultimi giorni è ormai nota: tra parenti, amici, conoscenti, colleghi di lavoro, sono sempre di più le persone ad avere un “contatto” con un positivo.

Ed infatti, il report settimanale dell’Asl di Lecce conferma l’andazzo: i positivi sono quasi raddoppiati nell’arco di una sola settimana.

Una impennata che vede a Botrugno la percentuale più alta di positivi per mille abitanti. Ed a Lecce e Nardò il numero più elevato di casi assoluti. Il dato completo da tutti i Comuni della provincia nel documento che puoi scaricare qui di seguito, cliccando download.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase destinazione autentica, il video

Il nuovo videospot commissionato dall’amministrazione. In un minuto e 30 secondi, un inno d’amore per la propria terra

Pubblicato

il

Un video per promuovere Tricase.

Con l’hastag #destinazioneautentica è disponibile sul canale youtube del Comune tricasino il nuovo videospot commissionato dall’amministrazione guidata dal sindaco Antonio De Donno.

Un vero e proprio racconto, in poco più di un minuto e mezzo, dell’amore che si nutre per la propria terra.

Continua a Leggere

Attualità

Ulivi e Primitivo sulla moneta pugliese

È stata coniata dal Poligrafico dello Stato nell’ambito di una serie da collezione dedicata alla cultura enogastronomica italiana; dal valore nominale di 5 euro, è stata prodotta in 15mila unità ed è in vendita nei negozi e sul sito internet del Poligrafico dello Stato

Pubblicato

il

Ora anche la Puglia ha la sua moneta, nata per celebrare la nostra regione e le sue eccellenze enogastronomiche.

È stata coniata dal Poligrafico dello Stato nell’ambito di una serie da collezione dedicata alla cultura enogastronomica italiana.

La moneta può essere non solo un mezzo di pagamento ma anche un importante vettore per la promozione culturale dei territori italiani, un percorso che il Poligrafico dello Stato ha intrapreso nel 2019 quando, per la prima volta è stata coniata una moneta dedicata alla pizza e alla cultura enogastronomica campana.

Quest’anno è toccato alla Puglia che è rappresentata con numerosi elementi tipici della regione tra cui orecchiette, il vino Primitivo (tutto salentino), il pane di Altamura, gli ulivi, un trullo e i delfini di Taranto.

«La moneta dedicata alla Puglia è un’occasione importante», ha dichiarato Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della fondazione Univerde, «per sostenere la nostra battaglia contro il fake food».

La moneta dal valore nominale di 5 euro, è stata prodotta in 15mila unità ed è in vendita nei negozi e sul sito internet del Poligrafico dello Stato. Sta riscuotendo un successo notevole come ha riferito il direttore del Poligrafico dello Stato Antonio Cascelli, in poche ore sono stati venduti 9mila pezzi e si stima che entro la settimana non saranno più disponibili. All’evento ha preso parte il Presidente del

Poligrafico di Stato Antonio Palma che ha sottolineato la qualità e l’impegno del lavoro posto in essere dai tecnici del poligrafico che si confermano ogni giorno tra i migliori al mondo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus