Connect with us

Attualità

Coronavirus, la Caritas diocesana: “Non lasceremo soli i bisognosi”

La Caritas della Diocesi di Ugento – S,M, di Leuca: “Pur senza senza esporsi ed esporre altri a inutili rischi, non possono venir meno mense, empori, dormitori, e tutti quei servizi essenziali a favore dei poveri, che le Caritas a livello diocesano e parrocchiale assicurano quotidianamente”

Pubblicato

il

Una lettera della Caritas della Diocesi di Ugento – Santa Maria di Leuca destinata ai 43 Parroci, ai sacerdoti, ai diaconi, ai religiosi e fedeli laici, ai responsabili delle Caritas parrocchiali, in merito alle urgenti misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid -19.

Il direttore, don Lucio Pompeo Ciardo, ed il vice direttore, Claudio Morciano, facendo riferimento alla lettera inviata a tutte le Caritas diocesane dal presidente di Caritas Italiana, mons. Carlo Roberto Maria Redaelli, e dal Direttore, don Francesco Soddu scrivono: “Carissimi, se la dimensione della Parola, quella dei Sacramenti e quella comunitaria subiscono inevitabili limitazioni, non può invece venire meno la dimensione della Carità di cui voi, in prima linea, siete i testimoni nelle e con le vostre comunità. Pur con tutte le cautele del caso e con la prudenza necessaria”, proseguono, “senza esporsi ed esporre altri a inutili rischi, è chiaro che non possono venir meno i servizi essenziali a favore dei poveri, quali le mense, gli empori, i dormitori, ecc., che le Caritas a livello diocesano e parrocchiale assicurano quotidianamente”.

Ricordando quanto indicato dalla Conferenza Episcopale Italiana a seguito del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri entrato in vigore l’8 marzo, il Presidente e il Direttore di Caritas Italiana sottolineano che “le comunità cristiane accettano con spirito di lealtà e di collaborazione quanto chiesto dalle Autorità competenti per affrontare nel migliore dei modi l’epidemia e limitare il contagio, anche se ciò le priva di qualcosa di importante per loro come la celebrazione dell’Eucaristia, la possibilità di pregare insieme, le attività di evangelizzazione e di catechesi, i momenti di incontro”.

In modo particolare”, sottolineano don Lucio e Claudio Morciano, “per la nostra Diocesi vi chiedo di non sospendere il sostegno alimentare alle famiglie bisognose. In accordo con gli operatori del Banco delle opere di carità, in questi giorni i vostri collaboratori ritireranno i prodotti alimentari per il mese di marzo”.

La Caritas diocesana chiede attenzione particolare agli anziani soli o ammalati che necessitano di fare la spesa, di comprare le medicine, o pagare le bollette etc.: “Si invitino alcuni giovani e adulti delle comunità parrocchiali a svolgere questo servizio, sempre con le dovute precauzioni; si coinvolgano anche l’Apostolato della Preghiera, il Volontariato Vincenziano, le Confraternite per individuare gli anziani che vivono da soli. A tal proposito è utile far recapitare un biglietto firmato dal parroco, con l’indicazione di una persona volontaria (nome e cognome e numero di cellulare o di telefono) a cui l’anziano può fare riferimento. Per la distribuzione delle derrate alimentari che farete nelle parrocchie in marzo, si chiede ai vostri operatori di osservare le prescrizioni dovute, cioè: tenere la debita distanza di sicurezza; evitare situazioni di affollamento nella distribuzione (cioè fare entrare uno alla volta se si fa presso locali della parrocchia), evitare abbracci o strette di mano e lavarsi spesso le mani (meglio se si usano guanti in lattice e mascherine
nello svolgere il servizio)”.

Fino al 3 aprile prossimo, salvo diverse disposizioni da parte delle autorità, sono sospesi i servizi aperti al pubblico, presso il Centro servizi diocesano Caritas (AuditoriumBenedett o XVI) e il Servizio Civile Universale presso le Parrocchie di Corsano, Presicce e Tiggiano.

Sono personalmente disponibile ad   questioni urgenti da voi valutate e che richiedono risposte immediate”, aggiunge Don Lucio, “siamo certi che il Signore non ci lascerà soli. Eleviamo la nostra preghiera per gli ammalati”, conclude il direttore della Caritas diocesana, “per l’infaticabile servizio di medici e operatori sanitari, per le persone decedute, per i loro familiari, per quanti in Italia e nel mondo soffrono per questo difficile momento. Un saluto fraterno!”.

Attualità

Bollettino covid: +11 in Puglia ma il Salento resta vergine

Dall’inizio della pandemia è di 4.458 il totale dei contagiati: sono 2.178 i pazienti guariti, 1.793 i casi attualmente positivi

Pubblicato

il

Altri 11 contagi in Puglia ma il Salento resta ancora esente da nuovi contagi.

Eseguiti nelle ultime 24 ore 1.832 test: il tasso di positività su tutto il territorio regionale è dello 0,60% in aumento rispetto allo 0,45% di ieri ma sempre contenuto.

Sottolineato che gli ultimi casi riguardano soprattutto la Capitanata (7) e il barese (3) ieri è stato registrato un altro decesso di Pugliese con covid nella provincia Bat.

Dall’inizio della pandemia sono stati effettuati 103.570 test.

Sono 2.178 i pazienti guariti; 1.793 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza sanitaria è di 4.458, di cui 511 nella provincia di Lecce.

IL BOLLERTTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 24 MAGGIO

 

Continua a Leggere

Attualità

“Aiutaci a ripartire in sicurezza”, il video di Confcommercio Lecce

Da Confcommercio Imprese Lecce, un video per sensibilizzare sull’uso corretto delle mascherine, sul mantenimento della distanza sociale e sugli assembramenti

Pubblicato

il

IL VIDEO DI CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L’ITALIA LECCE

Continua a Leggere

Attualità

Muro Leccese: aiutiamo Gianpiero

L’appello dei figli: “Lotta da due anni contro un raro tumore al cervello. In Germania è possibile un intervento presso l’International Neuro Science Institute di Hannover che può restituirgli la vita…”

Pubblicato

il

Come per il caso di Andrea il 35enne magliese che è stato operato con successo ad Hannover (in quel caso la campagna di raccolta fondi fu lanciata dalla fidanzata Giovanna di Corigliano d’Otranto) anche Francesco e Stefano di Muro Leccese, lanciano una campagna di raccolta fondi su gofundme per aiutare il papà Gianpiero.

Siamo Francesco e Stefano”, scrivono nel loro appello, “il nostro papà Gianpiero lotta da due anni contro un male che ora mette in pericolo la sua vita. Si tratta di un raro tumore al cervello che in Italia non trova rimedi efficaci. In Germania, invece, è possibile un intervento presso l’International Neuro Science Institute di Hannover che può restituirgli la vita. Per questo chiediamo il vostro aiuto economico, per affrontare i costi dell’intervento che serve a salvare il nostro papà Gianpiero. Aiutateci!”.

Chiunque voglia aiutare Gianpiero e raccogliere l’appello di Francesco e Stefano può utilizzare l’iban: IT45Q0526279720CC0030401810;

intestatario Grande Emilio

(Indicare nella causale DONAZIONE AIUTIAMO GIANPIERO)

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus