Connect with us

Calimera

Amministrative: i nuovi sindaci per il Salento

I risultati dei comuni al voto per una nuova giunta

Pubblicato

il

Ufficiali i dati per le elezioni amministrative.


A Maglie il nuovo sindaco è Ernesto Toma, candidato di centrodestra, erede designato dell’uscente Antonio Fitto.


Si riconfermano sindaci gli uscenti primi cittadini di Neviano e Parabita. Sono rispettivamente Silvana Cafaro, con la lista “Con Te” per l’area di centrodestra, e Alfredo Cacciapaglia, con “Uniti per Parabita”, anche lui di centrodestra.


Altri sindaci riconfermarti, entrambi di area centrosinistra, sono Salvatore Piconese, primo cittadino di Uggiano la Chiesa sfidato da De Paola, e Ivan Stomeo, con un buon distacco su Luigi Montinaro a Melpignano.


Da Gagliano arrivano dati incontrovertibili: Carlo Nesca, di “Gagliano nel Capo”, lista di centrodestra, doppia i suoi avversari.


A Corigliano, nel derby tra candidati di centrosinistra, trionfa Dina Manti, ex assessore ai lavori pubblici della giunta uscente, capitanata da Ada Fiore.

A Calimera, su 5 candidati, esce vittoriosa dalla sfida interna al centrosinistra con Luigi Castrignanò, Francesca De Vito, con “Buongiorno Calimera”.


Sorpresa a Martano dove il candidato autonomo del Pd, Fabio Tarantino, ha distaccato la scelta ufficiale del suo partito (Pietro Zacheo) ed il rivale del centrodestra (Antonio Carra).


 


 


Calimera

Le priorità dei candidati sindaco di Calimera

Pubblicato

il


Abbiamo chiesto ai candidati sindaco dei paesi chiamati al voto quali fossero le loro tre priorità nel caso dopo le elezioni del 20 e 21 settembre fossero chiamati ad indossare la fascia tricolore.





A Calimera Tommasi sfida la sindaca De Vito.





Gianluca Tommasi








Sono Gianluca Tommasi, 49 anni, ingegnere con una seconda laurea in architettura. Pres. della commissione paesaggistica dell’Unione Terre di Leuca, membro della commissione paesaggistiche di Gallipoli, Galatone, Unione Terre di Acaya, Unione delle Terre di Mezzo. Sposato con Antonella, e papà di Marta e Viola.
Incoraggiato dal lavoro e dalla passione di tante amiche ed amici, sono pronto ad affrontare questa sfida entusiasmante: rilanciare Calimera puntando su partecipazione ed entusiamo, competenza ed esperienza.
Ci impegneremo, insieme, a liberare le migliori energie per far volare le nostre eccellenze senza lasciare indietro nessuno.
Sarà difficile, perchè partiremo da un bilancio chiuso in perdita come scritto nel rendiconto della giunta De Vito, senza nessuna Consulta attiva, senza PUG, con attività commerciali abbandonate a se stesse e cantieri avviati senza un’idea urbanisitica.
Attiveremo le consulte, avvieremo un piano per il lavoro, redigeremo il PUG in 24 mesi, creeremo nuovi servizi per la salute, daremo nuova linfa alle associazioni, rilanceremo il commercio, creeremo nella zona pip un distretto dedicato alla greenEconomy.
Possiamo Cambiare Calimera. Adesso.





Francesca De Vito









Centralità della persona “dentro” la Comunità, tutela e pianificazione del territorio, equità e progresso
Centralità della persona “dentro” la Comunità, tutela e pianificazione del territorio, equità e progresso sono gli assi strategici attorno ai quali consolidare l’azione politico-amministrativa dell’ultimo quinquennio. Il gruppo che guido, Buongiorno Calimera, si ricandida forte dei principi di democrazia, partecipazione, inclusione, solidarietà e innovazione che sono stati alla base della nostra esperienza politica. Un’esperienza che ha rappresentato una straordinaria pagina di crescita e di riscatto dopo lunghi anni di declino per la nostra Comunità. Tanti i risultati raggiunti e gli obiettivi centrati dall’Amministrazione di Buongiorno Calimera in questi cinque anni, dal risanamento finanziario (a luglio 2015 le casse comunali avevo il segno meno -1.814.206,10 euro, a luglio 2020 la situazione è ribaltata con +1.924.399,31 euro) al miglioramento di tutti i servizi senza alcun aumento di tasse, dalla riqualificazione di spazi pubblici del centro e delle periferie, a un’entità sorprendente di finanziamenti destinati alla qualificazione del patrimonio comunale (strade, canile, bocciodromo, museo, ex asilo infantile, bibliomediateca, scuola dell’infanzia, scuola primaria e secondaria) e per interventi di urbanizzazione (metano, fognatura bianca, fognatura nera). In questo solco, la continuità e il rilancio di un’azione politica che parte dalla persona, dai suoi bisogni, dalle fragilità per trasformarle in risorse a vantaggio di tutti.


Continua a Leggere

Calimera

Mappa Covid: si accende Calimera, si spegne Parabita

Pubblicato

il


Domenica delicata per il Salento per quanto riguarda il Covid.





Sono ben 14 i contagi in provincia di Lecce (leggi qui le dichiarazioni dall’Asl) registrati in data odierna.





Sulla mappa dell’Asl il Comune di Calimera si tinge di rosa. Non più bianco, ossia Covid-free, ma rosa chiaro, da 1 a 5 contagi.





Come annunciato qualche ora fa dal sindaco, invece, Galatone registra ben 5 tamponi positivi. Il che porta la città ad un salto e a cambiare colore sulla mappa del contagio. Una tonalità più scura ne colora adesso il territorio. Siamo tra i 6 ed i 10 casi.




Buone notizie invece per Parabita che era stato tra i primi territori in fase 3 a diventare zona rosa ed ora, dopo un lungo periodo, vince momentaneamente la battaglia al Covid tornando ad essere candidamente Covid-free.





Invariati i range degli altri territori. A Martano il sindaco all’ora di pranzo ha annunciato di aver ricevuto notizia che dei tanti tamponi effettuati su suoi concittadini, fortunatamente nessuno è risultato positivo al Sarscov2.





Di seguito il bollettino completo.


Bollettino Covid_06092020


Continua a Leggere

Appuntamenti

Un Papavero Blu a Calimera

Inaugurazione dello Sportello antiviolenza per “un’educazione sentimentale collettiva”: mercoledì 9 settembre, ore 19 presso l’Aula Consiliare

Pubblicato

il

Verrà inaugurato mercoledì 9 settembre, alle ore 19, a Calimera, presso l’Aula Consiliare, lo sportello antiviolenza “Il papavero blu” che aderisce alla Rete dei Centri antiviolenza Il Melograno” della Comunità San Francesco, in forza della convenzione tra Ambito territoriale di Martano (di cui Calimera fa parte) e la stessa Cooperativa, finanziato dalla Regione Puglia.

Lo sportello è un nuovo tassello nelle politiche di genere e sull’antiviolenza messe in campo dal Comune di Calimera e dall’Ambito territoriale sociale di Martano.

Si tratta di un servizio di prossimità rivolto alle donne del territorio, un primo approccio attraverso il quale pianificare percorsi individualizzati, attraverso l’équipe professionale messa a disposizione dalla rete dei Centri antiviolenza della Comunità San Francesco.

Lo sportello sarà aperto tutti i giovedì dalle ore 16 alle ore 18 ma sarà raggiungibile 24 ore su 24, per appuntamenti e supporto telefonico al numero 328/8212906.

La sindaca di Calimera Francesca De Vito

«Abbiamo convintamente richiesto l’attivazione dello sportello nel nostro Comune», dichiara Francesca De Vito, sindaca di Calimera, «perché lo riteniamo un presidio di legalità, attenzione e cura nei confronti delle donne, ma anche un messaggio nei confronti della nostra Comunità, un monito per le nuove generazioni, un richiamo a quella che la nostra amata professoressa, Maria Roca Montinaro, nel suo libro “Un papavero blu”, ha definito “educazione sentimentale collettiva”».

Nel 2019, secondo i dati del Servizio Minori, famiglie e Pari opportunità, elaborati dall’Ufficio Statistico della Regione Puglia e redatti in un Report da poco pubblicato, risultano operativi 27 Centri antiviolenza (CAV), articolati sul territorio con 113 punti di accesso. Gli accessi registrati complessivamente nel 2019 sono stati 2.059, con un aumento di circa 309 donne rispetto all’anno 2018 (+17,7%).

In Puglia, nel 24,3% dei casi, le donne si avvicinano ai centri antiviolenza per chiedere informazioni; nel 66,8% dei casi iniziano un percorso di accompagnamento da parte del CAV. Nella nostra regione, la violenza sulle donne risulta trasversale alle fasce di età, ai titoli di studio e alla condizione lavorativa, con incidenze superiori in età compresa fra i 30 e 49 anni (62,3%).

In provincia di Lecce l’incidenza maggiore si registra nella fascia 40-49 anni (35,5%). Le donne pugliesi più esposte alla violenza risultano essere le coniugate (41,8%).

«In questi cinque anni abbiamo dato voce a tante tematiche inerenti le politiche di genere», spiega Serenella Pascali, assessora al Welfare e pari opportunità, «abbiamo aderito a campagne nazionali e internazionali, abbiamo ballato per dire di no alla violenza, abbiamo promosso campagne informative, realizzato mostre a tema, portato all’attenzione pubblica questo argomento scottante e spesso rinchiuso nel perimetro delle abitazioni. La scelta di attivare lo sportello nel nostro territorio risponde ad un’esigenza di prossimità e contiguità territoriale: creare tanti punti di accesso diffusi, per fare dell’accoglienza una risorsa dell’intero territorio del nostro Ambito e consentire alle donne, in totale sicurezza, di muoversi nei confini prossimi, senza incorrere nel giudizio sociale o, peggio, in conseguenze relazionali ben più gravi di quelle che vivono».

IL PROGRAMMA

Saluti istituzionali: Francesca De Vito, sindaca di Calimera; Fabio Tarantino, presidente del Coordinamento Istituzionale Ambito di Martano.

Introduce e modera: Serenella Pascali, assessora al Welfare e Pari opportunità.

Interventi: Elena Gentile, già assessora regionale al Welfare, già eurodeputata; Antonia Cairo, presidente Comunità San Francesco ente gestore rete CAV Il Melograno; Anna Moschettini, coordinatrice rete CAV Il Melograno – Comunità San Francesco; Maria Roca Montinaro, autrice del libro “Un papavero blu”

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus