Connect with us

Cronaca

Chiede rispetto regole: pestato!

SANT’ISIDORO. Reti professionali su barca da diporto: non si può… Ma due fratelli del posto non ci stanno, e riempiono di calci e pugni addetto all’Area Marina Protetta

Pubblicato

il

Pescare nell’ambito di una “marina protetta” si può, a patto di sottostare ad appositi permessi e a una normativa minuziosa. Alla regola non sfugge l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo, alla cui gestione sovrintende un apposito Consorzio partecipato dai Comuni di Nardò e Porto Cesareo, nonché dalla Provincia di Lecce. E a cui addetti è anche affidato il controllo su quanto avvenga lungo la costa dell’area, a cominciare da qualsiasi attività connessa alla pesca. Ed è quello che ha provato a fare uno degli addetti di quell’Ente con un finale però decisamente imprevisto e doloroso. Il giovane era appena arrivato in località Sant’Isidoro (agro di Porto Cesareo) quando si è imbattuto in un pescatore, il quarantasettenneenne N.F., che stava imbarcando delle reti su un piccolo natante da diporto. Il problema è che quel gesto è illegale (è infatti vietato detenere attrezzature per la pesca professionale, quali appunto le reti, su una barca da diporto, al massimo utilizzabile per la pesca sportiva) e perciò il controllore ha provato a far interrompere quell’operazione. E qui sono iniziati i guai, sfociati in una denuncia sporta ai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Campi Salentina e alla Stazione di Porto Cesareo. Secondo quanto denunciato, N.F. non solo avrebbe continuato imperterrito nella sua opera, ma avrebbe anche apostrofato l’interlocutore e avrebbe minacciato di colpirlo con un remo se non si fosse allontanato. L’addetto del Consorzio si sarebbe spostato di qualche metro da lì, temendo conseguenze ulteriori, per avvertire i propri responsabili della questione e ricevere istruzioni. In quei pochi muniti sarebbe sopraggiunto A.F., 49 anni, fratello di N. F., che a mo’ di sfida avrebbe chiamato a sé il controllore, “colpevole” di aver sollecitato il rispetto di una normativa.

Una volta avutolo a portata di mano, però, A.F. lo avrebbe colpito a pugni e trascinato per terra; poi entrambi i fratelli avrebbero continuato a colpire il giovane sempre a calci e pugni, mentre si trovava a terra, sino a quando l’intervento di alcune persone presenti nei pressi avrebbe in qualche modo fermato la terribile aggressione. Il controllore si sarebbe quindi rifugiato sul furgone su cui viaggiava e si sarebbe allontanato per sporgere denuncia, oltre che per sottoporsi alle cure dei sanitari (è stato dichiarato guaribile in 10 giorni). Immediato l’intervento dei Carabinieri Nucleo Operativo e Radiomobile di Campi Salentina e di quelli della Stazione di Porto Cesareo, che in pochi minuti hanno individuato N.F. e, per gli accertamenti, lo hanno condotto nella locale caserma; lì, dopo circa un’ora, si è presentato anche A.F..

È allora cominciato un lavoro certosino di indagine condotto anche tramite l’ascolto di alcuni testimoni. Alla fine, i due fratelli (che annoverano piccoli precedenti di polizia) sono stati denunciati in stato di libertà per lesioni aggravate.

Alessano

Auto contro muretto tra Corsano ed Alessano

Trauma ed una ferita lacerocontusa al cranio per il giovane di Corsano alla guida dell’Alfa 147

Pubblicato

il

Singolare incidente poco prima dell’ora di pranzo sulla strada tra Corsano e Alessano.

Un giovane di Corsano, a bordo di un’Alfa 147, in piena curva è andato a sbattere contro un muretto.

Soccorso da due infermieri residenti nei pressi del luogo dove è andato a sbattere, il ragazzo ancora sotto choc ha detto di non ricordare nulla dell’accaduto. Subito dopo è giunta l’ambulanza del 118 e il giovane, che era solo in auto, è stato trasportato in ospedale per accertamenti. Da quanto trapela da ambienti sanitari avrebbe riportato un trauma ed una ferita lacerocontusa al cranio.

Sul luogo sono intervenuti anche i carabinieri per i rilievi che, curiosità, in tempi di coronavirus sono anche dovuti intervenire per allontanare i curiosi che avevano dato vita ad un pericoloso assembramento.

Continua a Leggere

Cronaca

Ricci nell’Area Marina Protetta: in quattro nei guai

Maxi operazione congiunta di Carabinieri e dell’Ufficio Locale Marittimo a Porto Cesareo con il sequestro di diverse migliaia di ricci di mare. Quattro i denunciati; sequestrati attrezzatura e pescato.

Pubblicato

il

Maxi Operazione della Stazione dei Carabinieri di Porto Cesareo e dell’Ufficio Locale Marittimo Torre Cesarea, a tutela dell’Area Marina Protetta della nota città Jonica.

Già nelle prime ore del mattino gli agenti hanno monitorato i movimenti dei trasgressori mediante il supporto degli operatori del Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta Porto Cesareo e del Sistema di Video Sorveglianza in dotazione.

I pescatori di frodo a bordo dei loro natanti si recavano sul sito di pesca già alle prime luci dell’alba sprezzanti dei divieti imposti dalle leggi di tutela della riserva marina. La maggior parte di questi pescatori di frodo annoverano numerosi reati per violazioni analoghe e si dimostrano indifferenti al rispetto delle regole ed al controllo degli addetti alla vigilanza dell’Area Marina Protetta.

Nella mattinata di oggi, però, il servizio mirato messo in atto dalla Stazione dei Carabinieri di Porto Cesareo e dall’Ufficio Locale Marittimo, ha interrotto e fermato la pesca di frodo.

Il blitz ha prodotto il sequestro di migliaia di ricci di mare (rigettati in mare poiché ancora vivi), il sequestro dell’attrezzatura subacquea, inoltre sono stati deferiti all’autorità giudiziaria tutti i pescatori di frodo.

Il potente ed efficace strumento della video sorveglianza, appositamente promosso dal Ministero dell’Interno per ostacolare le pratiche illegali nella riserva, in funzione nell’Area Marina Protetta Porto Cesareo, continua a rivelarsi uno strumento di fondamentale efficacia.

Da evidenziare che le forze dell’ordine impegnate nell’operazione hanno sporto 4 denunce relative alle restrizioni per la pandemia Covid19; tre soggetti invece sono stati contravvenzionati per violazioni marittime relative a pesca di frodo in area protetta, ed in fine si è proceduto con il sequestro amministrativo di attrezzatura da sub e 2500 ricci, poi liberati in mare. L’importo totale delle contravvenzioni è di 6mila euro.

Continua a Leggere

Attualità

Contagio da covid 19: situazione stabile in Puglia e nel Salento

I numeri del contagio nel bollettino epidemiologico, stesso dato di ieri: sei nuovi positivi nel Salento, Registrati due nuovi decessi. Primo caso di covid 19 ad Alliste

Pubblicato

il

La situazione appare sempre più sotto controllo in Puglia anche se ancora non ne siamo completamente fuori.

È questo quanto si evince dai numeri dell’odierno bollettino epidemiologico emanato dalla Regione.

Su 1.595 test registrati sono 82 le persone risultate positive al covid 19.

In provincia di Lecce bissato il dato di ieri con 6 nuovi contagiati per un totale in provincia di 395 positivi dall’inizio della pandemia.

Da segnalare il primo tampone positivo registrato ad Alliste il cui Comune nella mappa del bollettino epidemiologico della Regione Puglia cambia colore.

Purtroppo nelle ultime 24 ore sono stati registrati sei nuovi decessi con covid 19, due dei quali in provincia di Lecce.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 26.088 test.

Il totale dei casi positivi covid in Puglia è di 2.716.

Sono 190 i pazienti guariti.

LA MAPPA DEL CONTAGIO

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus