Connect with us

Attualità

Giocare a fare Dio non è da tutti. Un giorno in pronto soccorso

Quando si ha a che fare con la vita e la morte della gente, il fardello dell’etica della responsabilità supera ogni dissertazione intellettuale e…

Pubblicato

il

Giocare a fare Dio non è da tutti. Quando si ha a che fare con la vita e la morte della gente, il fardello dell’etica della responsabilità supera ogni dissertazione intellettuale e ti riporta subito con i piedi per terra. Nulla è più reale dell’esistenza e della vita, soprattutto quando viene messa in pericolo: non c’è tempo per divagare, cazzeggiare o disquisire sull’accaduto.

In una unità operativa, o se preferite in un pronto soccorso, lo spaccato di vita umana che sfila fra le dita degli operatori quotidianamente, fra codici rossi, gialli, bianchi e verdi, fra emergenze di ogni tipo, fra categorie umane, pazienti, che superano tutte le “mazzette” dei colori, lascia poco spazio all’inventiva, bisogna procedere subito, con professionalità ed efficienza e, possibilmente, senza sbagliare!

Questo è quello che vive ogni giorno il responsabile del pronto soccorso di Tricase, dottor Antonio Angelelli, 64 anni, insieme all’equipe di medici, infermieri e collaboratori.

Quanti accessi avete avuto quest’anno?

“Quasi duemila accessi in più in confronto al 2107, e siamo ancora ad ottobre. L’altro anno abbiamo avuto circa 37mila accessi, quest’anno ci attesteremo sopra i 40mila. Consideri che nel 2102 erano 32mila, quindi, negli anni, un crescendo rossiniano”.

Molti nostri lettori lamentano tempi d’attesa lunghi, pronto soccorso quasi sempre sold out…

“Questo iper afflusso spesso è legato ai periodi”.

Spieghi meglio.

“Ad esempio l’inverno aumentano i pazienti broncopatici, asmatici, persone anziane, che si rivolgono a noi. Spesso in assenza dei posti letto rimangono in attesa in unità, in osservazione breve, per poi ricoverarli”.

D’estate invece?

“Aumenta l’afflusso soprattutto di codici bianchi e verdi. Ciò si spiega col fatto che, spesso, chi viene qui in vacanza non ha il medico di base e le guardie mediche non sempre sono adeguatamente attrezzate e, pertanto, sono costretti a farci visita.

I medici di base vi danno una mano?

“Pochi. Non tutti. Cominciamo col dire che collaboro con tutti i medici di base, anche se molti di loro rimandano il paziente al pronto soccorso per… ulteriori accertamenti. A volte il paziente vorrebbe un check up completo in tempi brevi e viene da noi per cancellare i tempi d’attesa. Spesso giungono in pronto soccorso con sintomi accusati da giorni e, nonostante questo, senza aver consultato il medico curante”.

Potrebbero collaborare un po’ di più?

“Certo. Infatti, in alcune regioni i medici di base fanno da soli per i codici bianchi e verdi, dandoci così una grossa mano. Sono appena stato a Bologna ad un congresso dell’Accademia dei Direttori dei pronto soccorso: le problematiche organizzative di cui si è discusso, sono sempre le stesse, l’afflusso, la scarsa collaborazione con i medici del territorio, le lunghe attese… Si è fatto un calcolo e si è appurato che molte volte il 40% del tempo di attesa è dovuto ai pazienti in attesa di ricovero”.

Come gestite i pazienti che arrivano?

“Innanzitutto dipende dal codice. Se è un codice rosso ha priorità sugli altri, va da sé. Abbiamo una zona rossa all’interno, dove il paziente riceve subito le cure di cui ha bisogno e viene stabilizzato dai nostri medici o dai medici di reparto che sono stati preallertati dal centro operativo e sono presenti in sala all’arrivo dell’ambulanza: anestesisti, pediatri, ortopedici, cardiologi, ecc. Una volta stabilizzato e individuato il percorso diagnostico terapeutico, si decide il da farsi, se ricoverarlo o dimissionarlo. A volte arrivano dei pazienti con codice verde, con sintomatologie varie che poi risultano essere malattie di una certa gravità, lì occorre tutta la bravura del medico per valutare la priorità e l’urgenza del caso. In poco tempo deve formulare una diagnosi d’urgenza per un immediato trattamento terapeutico. Ne va della vita delle persone”.


È mai successo che qualcuno dopo essere stato dimissionato, una volta a casa è stato male?

“Ci sono stati dei casi, certo. Seguiamo un protocollo al quale ci atteniamo: se il paziente, dopo aver eseguito degli esami generali che indicano una certa sintomatologia ed una certa cura, rientra nella norma, lo rimandiamo a casa. Alcune volte facciamo anche una “dimissione protetta”.

Sarebbe?
“Mi spiego: è come se ci fosse un tutor che segue il paziente dopo essere stato da noi, al quale diciamo: in qualsiasi momento, qualsiasi dubbio doveste avere, tornate. Però, lo ribadisco, i rischi sono sempre tanti: molti afflussi, poco tempo, tanto stress da lavoro. Tutto questo aumenta la probabilità d’errore. Siamo umani. E poi… mi faccia spezzare una lancia a favore del “Cardinale Panico”. Lo faccia. “L’afflusso dipende anche dal fatto che il nostro ospedale, ha tante specialità: cardiologia, interventistica con sala emodinamica, chirurgia vascolare, maxilofacciale, otorino, oculistica, pediatria, ginecologia, rianimazione… e poi, non vorrei dimenticare qualcuno, ha un ottimo servizio di radiologia. Dopo aver depauperato il territorio di ospedali, il nostro bacino d’utenza si è allargato moltissimo ed oggi arriva sino alle porte di Lecce. In alcuni casi poi, ci arrivano pazienti di altri pronto soccorso che non hanno le nostre specialità”.

Cosa ti angustia di più?

“Il fatto che spesso, sempre a causa dello stress, ci poniamo con il paziente in modo indisponente e invece bisogna avere sempre nervi saldi e tanta pazienza”.

E cosa invece ti gratifica?

“Incontrare spesso, anche a distanza di molti anni, dei pazienti che mi ringraziano per un intervento chirurgico riuscito, per l’ascolto dato o per avergli salvato la vita. Questo mi emoziona sempre, perché poi in fondo alla fine della carriera è quello che rimane”.



Cosa si prova quando “perdete qualcuno”?

“Quando si ha a che fare con pazienti giovani, ragazzi, bambini o qualche caso complicato, viviamo il dramma e il dolore come fossimo parte della famiglia. L’impotenza è il sostantivo forse che descrive più di altri, insieme alla rabbia, quello che proviamo. Come in una clessidra, si accumula giorno dopo giorno, si soffre e non ci si abitua mai!”

Cosa cambieresti, se potessi, in questa unità operativa?

“Cominciamo col dire che ho degli ottimi collaboratori, sia medici che infermieri. Poi, per gestire meglio l’attuale afflusso, avremmo bisogno di altri medici e altri infermieri e spazi più ampi. Inoltre, è importante la formazione continua di tutti gli operatori di pronto soccorso, cosa che già facciamo con corsi di aggiornamento periodici”.

Siete iscritti ad un sindacato medico specifico?

“Personalmente no”.

Avete delle assicurazioni che vi tutelino?

“Certo. C’è l’assicurazione dell’ospedale e, poi, ognuno di noi è assicurato, come per legge, per colpe gravi, oltre ad avere una propria assicurazione legale”.

Avete mai subito delle aggressioni come accaduto in altri pronto soccorso?

“No, solo piccole baruffe di poco conto. Può sempre capitare il villano di turno che si sente in diritto di alzare la voce. Io predico sempre l’armonia ed in alcuni casi basta che si parli con la gente e tutto rientra. Poi è bene spiegare, se non l’ho fatto prima, che una volta preso in carico il paziente e stabilita la diagnosi, a volte bisogna aspettare anche delle ore perché la Tac o il medico, magari impegnato in sala operatoria, si liberi, ma di questo nessuno ha colpa. In fondo, siamo un ospedale!”.

Pazienti eccellenti che sono passati dal vostro pronto soccorso? “Cito per tutti Patty Pravo e Mogol passati da noi l’anno scorso. Ci sono stati anche tantissimi turisti che, una volta dimissionati, basiti, ringraziano, perché credevano di trovare una sanità allo stremo ed allo sbando e invece sono stati assistiti in un polo d’eccellenza”.


Luigi Zito


Attualità

Da domani in Puglia obbligo mascherine anche all’aperto

Pubblicato

il

Altra novità in Puglia, altra ordinanza in materia Coronavirus: a partire da domani è fatto obbligo sull’intero territorio regionale di usare mascherine in tutti i luoghi all’aperto in cui, a causa di particolari situazioni, anche collegate al maggiore afflusso di persone e turisti, non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro.

Gli utenti di discoteche, sale da ballo e locali assimilati hanno l’obbligo di usare protezioni delle vie respiratorie sempre, anche all’aperto, laddove non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di 2 metri sulla pista da ballo e di 1 metro nelle altre zone dei  locali.

Gli esercenti, all’ingresso dei predetti locali, hanno l’obbligo di rilevare la temperatura corporea impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore a 37,5°.

Le Prefetture competenti per territorio e i Sindaci dei Comuni interessati devono provvedere a garantire i controlli nell’ambito delle rispettive competenze.

Continua a Leggere

Attualità

Selvaggia Lucarelli posta il Salento su Instagram: è a Marina Serra

Pubblicato

il

Forse ammaliata dalla bellezza del posto, Selvaggia Lucarelli, nota per la sua pungente critica, posta uno scatto della piscina naturale di Marina Serra senza aggiungere altro.

La scrittrice, giornalista e opinionista TV, ieri a Presicce, è oggi a Tricase.

Poi lo stupore

Poi una cena in un agriturismo di Supersano. “Su una strada che dà sul nulla, ma è quel nulla salentino pieno di cose, per cui vale la pena”, scrive.

Traccia del suo tour salentino il suo profilo Instagram. Di seguito le foto.

Continua a Leggere

Attualità

Il Ministero alle Regioni: “Preparate scorte e posti letto per ondata contagi invernale”

Pubblicato

il

C’è il concreto rischio di una seconda ondata per l’emergenza coronavirus?

Si stagliano all’orizzonte quattro scenari in vista dei prossimi mesi ed al vaglio degli esperti.

Una forbice tra il primo, il più ottimista, che prevede autunno e inverno con l’epidemia all’insegna dei numeri attuali e di focolai localizzati (e dunque con il sistema sanitario nazionale che reggerà all’impatto del Covid-19).

Ed il quarto scenario, il più negativo, che prevede un’epidemia fuori controllo, con l’Rt che di regione in regione che supererebbe costantemente l’1,5 anche a causa dell’effetto delle riaperture delle scuole (e quindi con la necessità di misure di contenimento, simili a quelle già vissute nella fase più pesante).

Sono tutte ipotesi riportate nel documento che il Ministero della Salute ha inviato alla Regioni intitolato “Elementi di preparazione e risposta a Covid-19 nella stagione autunno-invernale”.

Nessun allarmismo, ma è bene prepararsi ad ogni eventualità.

Nel documento preparato da Ministero della Salute e Istituto superiore di sanità si dice alle regioni: preparatevi a una possibile nuova ondata invernale, non fatevi prendere di sorpresa. Bisogna fare scorta di materiale di protezione, di farmaci, avere pronti il personale e i posti letto necessari.

Se a marzo il nemico inevitabilmente ci ha colto alle spalle, ora non possiamo farci trovare impreparati.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus