Connect with us

Sport

Altra spedizione olimpica per Don Gionatan

Il sacerdote salentino sarà cappellano della squadra italiana a Tokyo 2020 – Giochi della XXXII Olimpiade, che si svolgeranno dal 23 luglio all’8 agosto

Pubblicato

il

Don Gionatan De Marco, direttore dell’Ufficio nazionale della CEI per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport sarà il Cappellano della Squadra Olimpica italiana che parteciperà a Tokyo 2020 – Giochi della XXXII Olimpiade, che si svolgeranno dal 23 luglio all’8 agosto prossimi, dove l’Italia sarà presente in 36 discipline differenti, con 384 atleti,  (198 uomini e 186 donne).


Don Gionatan De Marco è stato già Cappellano della squadra olimpica italiana ai Giochi Olimpici Invernali del 2018, che si sono svolti a Pyeong Chang, in Corea del Sud, dal 9 al 25 febbraio 2018 .


L’Italia è una delle poche nazioni che ha inserito un cappellano nella delegazione ufficiale olimpica, dandogli così un ruolo “ufficiale e centrale”.


La prima volta è accaduto alle Olimpiadi di Seul, nel 1988, con la partecipazione di mons. Carlo Mazza, a cui è succeduto mons. Mario Lusek, Direttore Ufficio Sport e Turismo della CEI – Conferenza Episcopale Italiana.


Don Gionatan ha 39 anni ed è originario di Tricase.


Dopo gli studi presso il Liceo Classico “Giovanni Paolo Il” di Lecce, consegue il Baccellierato e la Licenza in S. Teologia con specializzazione in Pastorale Giovanile e Catechetica con una tesi dal titolo “Ero forestiero e mi avete ospitato. Educare la comunità all’accoglienza degli immigrati”. 


Dal 1° settembre 2005 allo stesso giorno del 2007 è stato Segretario personale di S.E. Mons. Vito De Grisantis, Vescovo di Ugento – S. Maria di Leuca con le mansioni e le responsabilità della segreteria personale, curando le relazioni del Vescovo.

Si è occupato anche delle attività oratoriali, con particolare attenzione all’aspetto culturale, sportivo e teatrale. Già Parroco di Miggiano fino al Dicembre 2017, nell’ambito del MuMig Sottosopra, ha curato la mostra “Il tesoro della Principessa sconosciuta”.


Don Gionatan De Marco ha organizzato e condotto visite guidate sul territorio del “Capo di Leuca”, seguendo itinerari culturali e religiosi.


Tra i membri fondatori del Parco Culturale Ecclesiale “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae”, prima esperienza a livello nazionale, dal Dicembre 2019 è anche il Direttore Generale. Nel 2016 è stato ideatore di #cartadileuca, un laboratorio permanente, interculturale e interreligioso, che ogni anno si svolge nel mezzo dell’estate nel Salento, un campo di volontariato e un cammino condiviso, che  si  conclude tra il 13 e il 14 agosto con la Marcia notturna “Verso un’Alba di Pace “, dalla tomba di don Tonino Bello ad Alessano alla Basilica Santuario di Santa Maria di Leuca, cuore del Mediterraneo, per la sesta edizione, in svolgimento il prossimo agosto, “Carta di Leuca 2021” avrà come tema: “Mediterraneo e pandemia: curare gli sguardi per un nuovo respiro di pace”.


Don Gionatan ha pubblicato diversi libri e articoli e curato molte pubblicazioni, alcuni dei quali dedicati turismo religioso, l’ultimo suo volume ha come titolo: “Il Turismo Conviviale. Bellezza, Stupore, Comunità“, pubblicato da Armando Editore. Ideatore dello slogan,  lanciato dalla CEI,  “#Sceglilitalia”, affinché nella stagione estiva 2020 la meta della vacanza degli italiani fosse il proprio Paese.


Sempre per la Conferenza Episcopale Italiana, nell’anno in corso, Don Gionatan De Marco ha proposto e coordina “Ora viene il bello”, progetto che collega le associazioni di ispirazione cristiana: cammini, musei, campi sportivi, case per ferie, monasteri e conventi, per un’estate 2021 di turismo, preghiera e accoglienza.


Dai Comuni

“Tricase e il calcio, noi ci abbiamo provato”

Carità ed Errico: “Si preannunciano due squadre nello stesso paese. Abbiamo provare a scongiurarlo, ma…”

Pubblicato

il

Di Giovanni Carità e Gianluca Errico

In queste ultime due settimane la Tricase calcistica ha atteso con pazienza, ma anche con consapevole rassegnazione, di conoscere l’esito di una situazione incresciosa venutasi a creare in ambito calcistico. A seguito di una notizia di stampa che preannunciava la presenza di due squadre di calcio a Tricase, in qualità di tifosi prima e di amministratori comunali poi, ci siamo preoccupati di promuovere un ultimo tentativo per scongiurare questa situazione. Per evitare l’ennesima e controproducente divisione/sottrazione di risorse umane, sociali ed economiche, abbiamo organizzato una serie di incontri per mediare tra le parti interessate. Purtroppo, nonostante i nostri buoni propositi, non siamo riusciti a dirimere gli ostacoli e le difficoltà tra le due realtà societarie presenti. Questo nostro tentativo non ha dato gli esiti sperati e pertanto la nostra città avrà due realtà calcistiche differenti. Ci sentiamo tuttavia di evidenziare che questo estenuante forcing ha prodotto almeno una rasserenazione tra le parti che per distanza di vedute e di modalità continueranno nei rispettivi progetti.
Seppur non contenti del mancato risultato finale ci sentiamo di aver fatto quanto il nostro ruolo e la nostra passione richiedono, di più non potevamo fare.
Auguriamo alle due compagini calcistiche di poter realizzare al meglio i propri progetti, sperando che in un prossimo futuro si possa unire ciò che oggi resta diviso. Il nome di una città non è un marchio pubblicitario o il titolo di un’azienda, è molto di più. Noi abbiamo provato a far passare questo messaggio ma forse i tempi non sono ancora maturi. Se abbiamo seminato qualcosa lo si vedrà più avanti.

Continua a Leggere

Sport

La Virtus Tricase riparte dalla C carica di ambizioni

La Prima squadra della società presieduta dalla Dott.ssa Daria Metrangolo si presenta anche quest’anno ai nastri di partenza con una squadra completa e competitiva, grazie al’abile lavoro svolto nei mesi estivi dal DS Avv. Dario Malinconico

Pubblicato

il

La storia continua, sarà ancora una volta Serie C per la Virtus Tricase: sono state avviate le procedure di iscrizione al campionato nazionale di primo livello, ora al vaglio del comitato regionale della Fipav.

La Prima squadra della società presieduta dalla Dott.ssa Daria Metrangolo si presenta anche quest’anno ai nastri di partenza con una squadra completa e competitiva, grazie al’abile lavoro svolto nei mesi estivi dal DS Avv. Dario Malinconico.

Accontentata la volontà di mister Livio Bramato il quale, d’accordo con la dirigenza, ha chiesto di riconfermare in blocco tutto il gruppo dello scorso anno vincitore della regular season, in un girone tutt’altro che semplice.

Gruppo riconfermato in toto al esclusione di pochi elementi che hanno scelto altre strade, per motivi professionali o di studio, e sono stati rimpiazzati da atleti di caratura altrettanto elevata. La squadra a disposizione del tricasino mister Bramato è composta dai palleggiatori Errico Francesco e Felicetti Rocco, dai centrali Muccio Giuseppe, Crisostomo Michele, Spagnolo Giovanni, Marra Marco, dai laterali Lisi Vincenzo, De Blasi Giovanni, Lupo Alessandro, Torsello Daniele e dall’opposto De Carlo Federico. Il ruolo di libero sarà invece ricoperto da Malinconico Andrea.

Sarà senz’altro un nuovo anno ricco di emozioni per gli affezionati tifosi della virtus, che sperano in un altro campionato da assoluti protagonisti.

Continua a Leggere

Lecce

Lecce, buona la prima. Ne fa tre al Parma e accede al secondo turno di Coppa Italia

Avvio di stagione incoraggiante quello della squadra giallorossa, che nella serata d ieri ha superato il Parma con un convincente 3-1 nel primo turno di Coppa Italia, accedendo ai sedicesimi

Pubblicato

il

E’ un avvio di stagione incoraggiante quello della squadra giallorossa, che nella serata d ieri ha superato il Parma con un convincente 3-1 nel primo turno di Coppa Italia, accedendo ai sedicesimi. Protagonista assoluto Massimo Coda, ex del match e bomber a sorpresa: per lui una doppietta e una prestazione che ha annichilito la difesa dei ducali.

I salentini, dopo essere andati in svantaggio al 7′ per il gol di Brunetta, hanno ritrovato il pari con Coda dopo appena due minuti e al 40′ hanno messo la freccia del sorpasso con lo stacco di Tuia. Ancora Conti, al minuto 76, ha firmato la rete che ha chiuso i conti. Dopo un primo tempo equilibrato, con occasioni da entrambe le parti, il Lecce è venuto fuori nella seconda frazione imponendo una condizione fisica migliore e uno schieramento in campo più ordinato, impedendo al Parma di creare situazioni pericolose.

La vittoria al Tardini dà certamente un pieno di fiducia in vista dei prossimi impegni della stagione. Il primo, tra una settimana, è il debutto in campionato a Cremona, mentre Corvino e Trinchera sono a lavoro per portare nel Salento altri rinforzi alla formazione di Baroni: un altro marcatore centrale, un attaccante e un esterno offensivo.

Il prossimo avversario della competizione sarà invece lo Spezia, con la gara in programma il 15 dicembre che offrirà il pass per accedere agli ottavi, dove ad attendere la vincente ci sarà la Roma.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus