Connect with us

Gallipoli

Calcio, serie B: vittoria cercasi per Lecce e Gallipoli

Dalle 20.45, del 22 settembre 2009, il campionato cadetto vivrà il suo primo turno infrasettimanale della stagione: i giallorossi leccesi faranno visita alla tignosa Triestina per ritrovare i tre punti dopo quattro turni d’astinenza, mentre gli ionici di Giannini, dopo le ultime cocenti beffe, riceveranno, al “Via del Mare” l’Ancona.

Pubblicato

il

Qui Lecce. “Questa squadra è costata 400 mila euro, due stagioni fa venne speso più di qualche milione”. Ha parlato chiaro, chiarissimo l’allenatore Gigi De Canio al termine della deludente sfida con il Crotone, mettendo totalmente a nudo i piani della società di Via Templari, divisa fra un’anonima annata di transizione e un difficile ma sperato approdo ai play off. Fin qui s’è vista tanta, troppa differenza fra i giallorossi e le compagini più quotate, già ben stabili nei piani alti della classifica nel contesto d’un campionato sempre impervio e interminabile: il Torino su tutti (oltre a Brescia, Sassuolo ed Empoli), destinato ad un rapido ritorno nel calcio che conta. Il Lecce (non sta tanto meglio la Reggina, l’altra retrocessa) può solo migliorare, così come l’intesa fra i reparti e la condizione di alcune pedine, senza dimenticare i lungodegenti Giuliatto e Munari. Troppo brutto per esser vero l’impianto di gioco ammirato ultimamente (la vittoria manca già da 4 turni, dal debutto contro l’Ancona), dove il modulo appare non troppo congeniale agli interpreti: contro il Crotone, così come a Modena, si son viste trame troppo confusionarie, che non hanno mai fruttato palle gol troppo nitide, anche per via d’un attacco assai “farfallone”, un centrocampo incapace di far filtro e una difesa destinata a soffrire continuamente, a squarciarsi subito alla minima offensiva avversaria.


Il campionato non ammette soste e per i giallorossi subito un altro importante esame al “Nereo Rocco” di Trieste, al cospetto della squadra allenata da Gotti, pronta a scatenare l’inferno dalla cintola in su con il tridente Testini-Godeas-Della Rocca. Rispetto alle ultime uscite, in cerca di confortanti miglioramenti, De Canio cambierà, ma non troppo l’assetto iniziale passando ad un più composto 4-4-2 (modulo pronto a diventare anche un 4-2-4 nei frequenti dispiegamenti offensivi), affrontando la vera e propria emergenza scatenatasi sul versante difensivo sinistro: dopo Mazzotta (convocato in Under 20) e Giuliatto (alle prese con la riabilitazione) sarà out anche il giovane Ingrosso, che contro il Crotone ha rimediato una distor­sione alla caviglia destra. Scelta forzata, quindi, con il sacrificio di Mesbah, arretrato sulla linea difensiva nonostante le sue attitudini puramente offensive. Ancora out Terranova (gioca Schiavi), torna Edinho (gli fa spazio Vives) che comporrà la diga mediana assieme a Giacomazzi. Baclet prima punta, con Marlungo libero di svariare su tutto il fronte d’attacco. Riepilogando, ecco il probabile schieramento: Rosati, Belleri, Fabiano, Schiavi, Mesbah, Edinho, Giacomazzi, Angelo, Defendi, Marilungo, Baclet. Dirige il signor Gervasoni di Mantova.  


Qui Gallipoli. Che sia la volta buona per la prima agognata vittoria fra i cadetti? Gli ionici di Beppe Giannini ci riprovano, dopo le ultime beffe maturate contro Sassuolo (gol del pari incassato al 93′) e a Vicenza (sprecata la superiorità numerica e ben due gol di vantaggio) che hanno fatto svanire almeno quattro punti nel complesso d’una classifica comunque accettabile considerate le molteplici vicissitudini estive. “Inseguiamo i play off” ha azzardato mister Giannini, nell’intento di alzare la tensione e tenere in scacco i suoi, cercando di togliere la fastidiosa etichetta di matricola ad un gruppo che vuol essere parecchio ambizioso. Come dimostrano le recenti prestazioni, con i giallorossi vogliosi di giocarsela ovunque e contro chiunque, ma ancora costretti a perfezionare qualcosa a livello tattico, specialmente sui movimenti difensivi in occasione delle palle inattive. Per questo, la sfida al “Via del Mare” contro l’Ancona, sarà un esame piuttosto attendibile.


In chiave formazione la novità assoluta si chiama Matias Garavano, che da stasera difenderà i pali della porta ionica, dopo aver scalzato Sciarrone, apparso in sicuro nelle ultime uscite. Il tecnico ha deciso di puntare sull’estremo difensore argentino come ulteriore arma da opporre agli avanti marchigiani, che potranno contare sui temibili Colacone e Mastronunzio (già di scena in Salento circa un mese fa, in occasione del debutto con sconfitta per 3 a 0 a vantaggio del Lecce). E’ in forte dubbio, invece, Pederzoli sofferente a causa di alcuni fastidi muscolari, mentre non s’esclude il rientro in difesa di Franchini con Scaglia avanzato nel rombo di centrocampo. Dalla cintola in su, spazio ai gemelli del gol Di Gennaro e Ginestra, con a supporto il transalpino Mounard. Il probabile undici iniziale: Garavano, Sosa, Abbate, Grandoni, Franchini, Mancini, Viana, Scaglia, Mounard, Di Gennaro, Ginestra. Arbitrerà il signor Gallione di Alessandria


Giorgio Coluccia


Il programma della 6^ giornata, martedì 22 settembre, ore 20.45:


Ascoli-Cesena

Brescia-Sassuolo

Cittadella-Vicenza

Crotone-Grosseto
Frosinone-Reggina

Gallipoli-Ancona

Mantova-Albinoleffe

Modena-Empoli

Piacenza-Salernitana

Torino-Padova

Triestina-Lecce


Classifica: Torino 12; Ascoli 11; Cesena, Brescia, Frosinone 10; Empoli, Padova, Ancona, Sassuolo 9; Piacenza, Triestina, Vicenza 7; Reggina 6; Lecce, Cittadella, Grosseto 5; Modena, Gallipoli 4; Mantova, Crotone 3; AlbinoLeffe 1; Salernitana 0.


Cronaca

Sbarco nella notte: 84 migranti

Pubblicato

il

Sbarco nella notte a Gallipoli.

Verso le due di notte 84 migranti hanno raggiunto le coste salentine.

A bordo del veliero diversi nuclei familiari con 11 donne e 3 bambini. I migranti provengono da Iran, Iraq, Somalia e Pakistan. Visitati dai medici di frontiera, stanno tutti bene.

Una donna, colta da malore, è stata trasportata in ospedale per ulteriori accertamenti.

Foto e intervento della Croce Rossa Italiana – comitato di Lecce.

Continua a Leggere

Cronaca

In pronto soccorso sotto choc: “Sono stata violentata”

Pubblicato

il

Non sono giorni facili per Gallipoli: mentre la polizia identifica uno dopo l’altro i protagonisti dell’ennesima maxi rissa, nella Città Bella si registra un presunto caso di stupro.

Una giovane donna si è infatti presentata in ospedale, al pronto soccorso, raccontando di esser stata violentata. Immediati gli accertamenti sulla ragazza per capire innanzitutto se vi fossero gravi ripercussioni a livelli fisico.

Non di poco conto i riscontri evidenziati dal personale sanitario. Al quale però la ragazza non ha saputo fornire informazioni precise in merito all’accaduto. Complice lo choc, la memoria di quei minuti e di quelli immediatamente precedenti il fattaccio è infatti offuscata.

La donna, una 20enne umbra, ha raccontato di esser stata violentata in località Baia Verde. Sulla base dei pochi elementi raccolti, i carabinieri sono al lavoro per ricostruire l’accaduto.

Continua a Leggere

Cronaca

Risse in pieno centro a Gallipoli: tutti identificati e denunciati

Un gruppo di milanesi ed un gruppo di aquilani, alloggiati in case-vacanze in Via Savonarola e nelle vie vicine, si sono fronteggiati, armati di cinghie, coltelli da cucina e bottiglie di vetro, per semplici sfottò

Pubblicato

il

Gli agenti del Commissariato di P.S di Gallipoli, alle prime ore del 30 luglio, dopo numerose segnalazioni giunte al 113 per una violenta rissa sono intervenuti in via Savonarola ma, al loro arrivo, i protagonisti si erano già dati alla fuga.

Avviata una prima attività investigativa ha avuto seguito all’alba dell’1 agosto quando ad intervenire, sempre su Via Savonarola, sono stati i carabinieri della Compagnia di Gallipoli, immediatamente dopo che la centrale operativa era stata tempestata da segnalazioni da parte di numerosi utenti.

Giunti sul posto i militari dell’Arma hanno subito appreso che un ragazzo milanese era stato trasportato in ospedale per una profonda ferita da taglio al petto, che ha comportato 25 punti di sutura con 10 giorni di prognosi, mentre un coetaneo aquilano, anch’egli trasportato in ospedale, aveva riportato delle lesioni sul volto, in particolare all’occhio destro.

Data la gravità della vicenda, che dai primi esiti investigativi ha ricondotto alla rissa avvenuta esattamente 48 ore prima, Commissariato di Polizia e Compagnia dei Carabinieri di Gallipoli hanno avviato congiuntamene una complessa attività di indagine che, nel giro di poche ore, ha portato alla denuncia di 28 tra i 30 partecipanti alla rissa (tutti identificati), tra cui 9 minorenni che dovranno rispondere del reato di rissa aggravata da futili motivi.

Dalle indagini, infatti, è chiaramente emerso che i due gruppi di giovani, poco più che maggiorenni, uno proveniente dalla provincia di Milano e uno proveniente dalla provincia dell’Aquila, tutti in vacanza a Gallipoli ed alloggiati in case-vacanze sia in Via Savonarola che nelle vie limitrofe, si sono fronteggiati, armati di cinghie, coltelli da cucina e bottiglie di vetro, per semplici sfottò.

Attraverso il riconoscimento fotografico, le confessioni e le dichiarazioni rese da tutti i 30 giovani, gli investigatori della Polizia e dei Carabinieri sono riusciti a risalire all’identificazione di tutti i giovani che hanno partecipato alle due risse.

Nello specifico, è emerso che a contendersi sono stati due gruppi di giovani: uno composto da 18 giovani milanesi, di cui 6 minorenni, e uno composto da 12 giovani aquilani, di cui 4 minorenni.

Nei confronti dei 28 denunciati è in corso la proposta al Questore di Lecce, da parte del Commissariato di P.S. e della Compagnia dei Carabinieri di Gallipoli, del Foglio di Via Obbligatorio che comporterà il divieto di ritorno a Gallipoli per un periodo di 3 anni.

Inoltre, si procederà anche a denunciare, ai sensi dell’art. 109 TUPLS, i titolari delle agenzie delle case-vacanza, ove erano alloggiati i giovani milanesi ed aquilani, in quanto non in regola con le registrazioni sul portale Alloggiati Web.

Intanto per Gallipoli sono ore difficili. Assieme ai reiterati casi di risse, spunta la denuncia di una 20enne che ha denunciato di essere stata stuprata.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus