Connect with us

Gallipoli

Gallipoli: riprende l’attività dell’Accademia Karate

Pubblicato

il

Non si è ancora spento l’eco delle manifestazioni di gioia da parte di allievi, genitori e dirigenti per i grandi risultati ottenuti nella scorsa stagione agonistica dall’Accademia Karate Gallipoli, che l’inizio del nuovo anno agonistico è già alle porte. Un titolo tricolore conquistato da Giulio Masiello, 8 argenti in competizioni individuali ed a squadre, un bronzo ai Campionati Italiani 2009 svoltisi a Gaeta (Latina), nonché una medaglia d’oro ottenuta da Dennis Scarpina in campo europeo, all’11° Torneo Internazionale giovanile Città di Locarno, in Svizzera, e i 3 ori conquistati da Alessandro Pisanello, Marco Guido ed ancora Dennis Scarpina, al Trofeo Interregionale “Do Academy Italia” svoltosi  a Taranto.

Questo è il positivo bilancio finale di una stagione  che ha visto tutti gli atleti dell’Accademia gallipolina sugli allori, protagonisti a livello nazionale ed internazionale,  tanto più notevole in quanto è giunto al primo anno  dalla nascita di questa società sportiva, quando gli atleti avevano solo pochi mesi di preparazione. Ora è giunto il momento di ricominciare, consapevoli di doverci impegnare e lavorare sempre di più, con serietà e con la consapevolezza che gli impegni risulteranno sempre più numerosi, ma soprattutto più difficili e competitivi.

Giovedì 24 settembre riprenderanno i corsi di karate, rivolti a ragazzi e ragazze di tutte le età; questa disciplina, infatti, è adatta anche alla natura delle donne, in quanto è detta “di pensiero” e non produce aggressività ma insegna ad avere fiducia in se stessi e nelle proprie capacità, a trovare in sé la calma e l’equilibrio necessari privilegiando lo stretto legame esistente tra il corpo e l’interiorità. Praticare il karate significa in primo luogo spogliarsi del vissuto quotidiano, credere nelle proprie potenzialità e tenere a mente che il primo avversario da affrontare è dentro di noi. E’ facile, perciò, dedurre che il karate è adatto a tutti, maschi e femmine, perché ciò che conta di più è la disposizione interiore.

Con questo spirito, quindi, ci si ritroverà tutti alle 18 presso la palestra dell’Istituto Comprensivo in via Gorizia a Gallipoli, con il maestro Alessandro Finisguerra, cintura nera 6° dan, per la ripresa della preparazione. L’ ultima settimana di settembre è gratuita per tutti, per i nuovi può servire come prova e primo approccio al karate; le iscrizioni partiranno regolarmente con il mese di ottobre. Sabato 26 settembre, sempre nei locali della stessa palestra, inizieranno, in collaborazione con l’assessore allo Sport del Comune di Gallipoli, Giorgio Cacciatori, corsi di difesa personale esclusivamente rivolti al gentil sesso. I corsi saranno completamente gratuiti e vi potranno  partecipare donne di ogni età. Lo staff dell’Accademia, assieme al presidente Tiziano Scarpina, è a disposizione per qualunque informazione abbiate bisogno e vi aspetta per iniziare insieme questa nuova ed esaltante avventura.

Cronaca

La verità sulla foto hot del Riobo

David Cicchella sul suo blog: «I fatti sono avvenuti all’esterno. La foto è stata riflessa e la scritta “Riobo” risulta ruotata. Deve cessare ogni tipo di critica sul nome della discoteca, emblema di divertimento nel totale rispetto delle leggi»

Pubblicato

il

Ormai da giorni, una foto che ha come protagonisti due giovani intenti a consumare i propri piaceri sotto la luminosa scritta Riobo sta circolando continuamente sul web, «divenendo», ha scritto sul suo blog David Cicchella, «oggetto di critiche e offese ai due ragazzi e alla discoteca, che da anni ci impegnamo a far essere quello che ora è».
Riconoscendo che «l’azione dei due giovani necessita assolutamente di essere discussa in altre sedi», Cicchella sottolinea come «quello alla privacy sia un diritto di tutti e come nessuno debba sentirsi legittimato a violarlo, se pur con lo scopo di fare ironia. Le normative riguardanti la privacy sono state pensate per salvaguardare e tutelare la sfera privata del singolo individuo, impedendo che qualsiasi tipo di informazione personale siano propagandate senza l’autorizzazione dell’interessato e che soggetti terzi si intromettano nella sfera privata».

Detto che la foto è stata scattata praticamente in aperta campagna e non certo in una abitazione privata, riguardo ad eventuali responsabilità della discoteca gallipolina, Cicchella ci tiene comunque a rimarcare che «il Riobo vieta, come deve essere, lo svolgimento di atti sessuali in tutti i suoi locali, inclusi i bagni, con un’ordinanza emanata anni fa, che assume maggiore validità e concretezza in questa fase in cui i controlli sono ancora più ferrati».

Tuttavia i due giovani si trovavano alle spalle dell’insegna, dunque in un territorio il cui possesso non è nelle mani della discoteca, «pertanto l’azione, grave, non deve essere associata al nome del Riobo, punito ingiustamente da slogan quali “Riosbo”, per i quali potrebbero essere presi i giusti provvedimenti, data un’evidente diffamazione».
Cicchella poi punta il dito contro l’autore dello scatto che «ha volutamente ruotato la foto, facendo credere che questa sia stata scattata all’interno del locale». In realtà se si osserva attentamente la foto originale si può notare come questa sia stata riflessa e «la scritta “Riobo” sia stata evidentemente ruotata (basti osservare le luci che si intravedono alle spalle)». Il gesto dei ragazzi sarà discussione di persone competenti ma su una cosa Cicchella non ha dubbi: «Intanto deve cessare ogni tipo di critica sul nome della discoteca, emblema di divertimento nel totale rispetto delle leggi».

Continua a Leggere

Cronaca

Ascoltati in 3: si sgonfia ipotesi stupro a Gallipoli

Pubblicato

il

Rientra fortunatamente l’allarme stupro a Gallipoli.

Gli accertamenti effettuati dai medici e la ricostruzione permessa dalle indagini dei carabinieri ha ricomposto il quadro di quanto accaduto alla 20enne turista umbra giunta in ospedale sotto choc, con forti dolori al basso ventre, vuoti di memoria ed una convinzione: quella di esser stata violentata.

Gli accertamenti e le testimonianze

Nessun riscontro compatibile, in realtà, dal punto di vista sanitario, con una violenza sessuale. Questo è ciò che è emerso dai controlli ospedalieri a Gallipoli.

Allo stesso modo le testimonianze raccolte dai carabinieri hanno allontanato l’ombra dello stupro. Ascoltati in 3, dei ragazzi che avevano trascorso la serata in compagnia della turista umbra (e di altre sue amiche) hanno sì ammesso che uno di loro si era appartato con lei, ma hanno anche saputo ricomporre lucidamente il resto della serata: prima e dopo il momento di collasso che la ragazza avrebbe avuto e per il quale gli stessi amici l’avrebbero accompagnata in ospedale.

I ragazzi infatti non avrebbero abbandonato la giovane e l’avrebbero anzi soccorsa quando, forse a causa di qualche drink di troppo, ha momentaneamente perso conoscenza. Col vuoto di memoria conseguitone, a quel punto la donna aveva temuto il peggio. Nulla però porta a confermare una ipotesi di stupro.

Seppur appartatasi con uno dei 3 ragazzi, la donna non avrebbe avuto alcun rapporto con lui, nemmeno conseziente. Motivo per cui la vicenda va verso l’archiviazione e la 20enne è nel frattempo già rientrata in Umbria.

Continua a Leggere

Cronaca

Sbarco nella notte: 84 migranti

Pubblicato

il

Sbarco nella notte a Gallipoli.

Verso le due di notte 84 migranti hanno raggiunto le coste salentine.

A bordo del veliero diversi nuclei familiari con 11 donne e 3 bambini. I migranti provengono da Iran, Iraq, Somalia e Pakistan. Visitati dai medici di frontiera, stanno tutti bene.

Una donna, colta da malore, è stata trasportata in ospedale per ulteriori accertamenti.

Foto e intervento della Croce Rossa Italiana – comitato di Lecce.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus