Connect with us

Sport

Calcio, Tricase: così non si va lontano

Pubblicato

il

Se il Tricase è quello visto contro il Castellana, c’è da cominciare a preoccuparsi sul serio. Non tanto per quei due punti in classifica dopo 4 giornate, non tanto per la prima vittoria che proprio non arriva, quanto per l’atteggiamento mostrato in campo per tutti i 90 e passa minuti. La speranza è che i rossoblu abbiano sofferto oltremodo l’assenza di Orazio Mitri, ma non può bastare questo a giustificare una prestazione scialba come quella offerta al “Via Olimpica”, con il portiere del Castellana, La Guardia, che alla fine è risultato spettatore non pagante.


Squadra lunga, attaccanti (troppo) spesso in fuorigioco o “nascosti” dietro l’avversario diretto, centrocampo privo di idee e difesa troppo spesso in sofferenza. E con Cesari che in almeno un paio di occasioni era stato bravo a tenere la propria porta inviolata, prima di capitolare allo scadere. Quello che è apparso evidente è stata l’incapacità di soffrire e di aiutarsi l’un l’altro e questo nel calcio, gioco di squadra per definizione, alla fine si paga. Nessuna sovrapposizione, quasi mai un raddoppio di marcatura, solo tante parole al vento. Possibile che in campo si parli tanto? E non per richiamare le posizioni o incoraggiare i più giovani, ma solo per rimproverarsi e mandarsi a quel paese.


Anche Orlandini dalla panchina ad un certo punto ha sbottato: “Zitti e giocate!”. Il disastro definitivo al 44’ del secondo tempo con Giannuzzi (comunque uno dei pochi a salvarsi insieme all’ivoriano Edjekpan) che non chiudeva sull’inserimento di un centrocampista avversario né trovava l’aiuto di alcun compagno disposto al “sacrificio” del raddoppio. Così il Castellana, modesto, con una partita appena appena ordinata, ha fatto il pieno lasciando al palo i padroni di casa. L’unica consolazione paradossalmente è che questo Tricase è sembrato troppo brutto per essere vero. O no?

Giuseppe Cerfeda


Cronaca

Il Lecce davanti ha Coda

Pubblicato

il


Eccola la nuova punta del Lecce.





Massimo Coda, ex Beneventoè stato presentato stamattina da Pantaleo Corvino.




L’attaccante classe 88 non aveva rinnovato il contratto con la società sannita. Era subito entrato nel mirino del Monza e della Spal. A sorpresa però l’ha spuntata il Lecce, che dopo aver rinunciato a Lapadula, aveva bisogno di una prima punta per il prossimo campionato di serie B. 


Continua a Leggere

Sport

Calcio: nuovi acquisti per l’Asd Ugento

La formazione allenata da Mimmo Oliva inserisce nel suo due elementi di qualità: il centrocampista argentino Damian Soria e l’attaccante brasiliano Rafael Tardini. Acquisti mirati e conclusi con la volontà di aumentare il livello della rosa giallorossa in vista della prossima stagione

Pubblicato

il

Garra e gol dal Sudamerica per l’Asd Ugento. La formazione allenata dal tecnico Mimmo Oliva inserisce nel suo roster due elementi di qualità: il centrocampista argentino Damian Soria e l’attaccante brasiliano Rafael Tardini. Acquisti mirati e conclusi con la volontà di aumentare il livello della rosa giallorossa in vista della prossima stagione.

Classe 1988, passaporto portoghese che lo rende comunitario, Soria arriva a Ugento dopo avere disputato l’ultima stagione di Eccellenza con l’Atletico Vieste, dopo che nella compagine garganica si era già fatto apprezzare. Un calciatore esperto arrivato in Italia qualche anno addietro: fisico d’acciaio, grinta esplosiva e carattere forgiato da tante battaglie, capacità tecniche e tattiche di primo livello fanno del 32enne argentino una pedina fondamentale alla quale un allenatore non può rinunciare a cuor leggero. Già nelle prime amichevoli stagionali, Soria ha dimostrato il peso della sua presenza in campo.

Arricchisce il parco attaccanti, invece, Rafael Tardini. Origini e passaporto italiano, il 28enne centravanti brasiliano mette a disposizione del team giallorosso qualità e impegno. Dopo gli anni in Patria con esperienze importanti in tante compagini verdeoro, Tardini si trasferisce nella serie A maltese dove si mette in luce. La voglia d’Italia e di misurarsi con il calcio tricolore lo porta alla Deghi Calcio all’inizio della scorsa stagione di Eccellenza. La svolta arriva a metà campionato con il trasferimento al Gallipoli: segnature pesantissime, alla fine saranno nove, e la possibilità di mettere in mostra tecnica e fiuto del gol.

Tra nuovi arrivi e conferme a completare la rosa dell’Ugento 2020/2021 c’è anche la batteria under a disposizione di mister Oliva. Tra le conferme importanti ci sono quelle del mancino Alessandro Iannone, dell’attaccante Christian Chirivì e del centrocampista Giuseppe Solidoro. Vestiranno per la prima volta la maglia giallorossa anche il portiere Emanuele Russo, il difensore Salvatore Musio, i centrocampisti Gioele Marasco ed Alessandro Corciulo.


Rispetto ai nati 2001 e 2002, altre novità potrebbero arrivare a breve.

damian soria

rafael tardini

Continua a Leggere

Sport

Calcio, Eccellenza: Ugento è pronta

Eugenio Filograna (main sponsor Ameco): «Il mio impegno sia da stimolo per tutta l’imprenditoria locale, affinché possa credere di più nella compagine giallorossa. Una squadra che ha raccolto risultati sportivi importanti e ha portato in giro per la Puglia il nome di Ugento».

Pubblicato

il

Varati i quadri societari e dirigenziali e il gruppo di lavoro sul campo in casa Asd Ugento.

In vista dell’inizio della stagione sportiva 2020/2021, la società del Sud Salento di Eccellenza ha provveduto a dotarsi di un nuovo disegno complessivo.

Tra le novità più importanti quella di delegare le funzioni sportive rispetto alla più complessa attività associativa, quest’ultima cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni.

Una struttura ancora più completa e professionale che garantirà una sempre maggiore attenzione e cura rispetto a un progetto sportivo che, radicato da tempo sul territorio e capace di ottenere risultati straordinari, guarda al futuro nella convinzione che rimanga imprescindibile la pianificazione economica, il controllo dei conti e l’ottimizzazione delle risorse a disposizione.

I QUADRI SOCIETARI

Massimo De Nuzzo – Presidente e legale rappresentante

Dario Reho – Presidente delegato e operativo

Cosimo Bellisario – Vice presidente

Emanuele De Gaetani – Segretario e Tesoriere

Edoardo Macagnino, Tommaso Rizzo, Donato Citignola, Luigi Reho, Antonio Macagnino, Martino Franza, Salvatore De Gaetani, Paride Sanapo, Gianluca Pierri, Francesco Grezio, Enzo Arghirò, Lucio Paiano – Consiglieri

Importanti novità anche all’interno del  settore dirigenziale e tecnico, nell’ottica di un continuo e proficuo miglioramento del lavoro di squadra.

Di seguito, l’elenco completo dei dirigenti operativi:

Diego De Cillis – Direttore generale

Fiorenzo Sarcinella – Direttore sportivo

Carmine Congedi – Team Manager

Edoardo Macagnino – Team manager

Lucio Paiano – Team manager


Massimo Arghirò – Marketing e comunicazione

A concludere, lo staff tecnico ufficiale:

Cosimo Oliva – Allenatore prima squadra (nella squadra)

Tonio Sarcinella – Allenatore in seconda

Marco Buccarella – Allenatore dei portieri

Matteo Laporta – Preparatore atletico

Francesco Longo – Recupero infortuni

Salvatore Abatelillo – Medico sociale

Paolo Cisternino – Fisioterapista

Moisa Fattizzo – Infermiera

Silvio Pellico – Magazziniere

AMECO ANCORA MAIN SPONSOR

Di sostanziale rilevanza è la conferma della collaborazione tra l’asd Ugento e il main sponsor Ameco. L’azienda del senatore Eugenio Filograna è per il quarto anno consecutivo la massima sponsorizzazione giallorossa. Un connubio che ha saputo nell’ultimo triennio cogliere risultati sportivi straordinari sino all’approdo nel massimo torneo calcistico regionale.

«Mi piace il calcio, in particolare quello dilettantistico. Lo ritengo formativo e socialmente utile», le parole del patron Ameco, Eugenio Filograna, «ho seguito il Casarano da casaranese e ho sempre costruito una squadra forte e ricca di qualità e regalato emozioni alla cittadinanza e alla tifoseria. Sono accanto all’Ugento», continua Filograna, «perché conosco il dirigente Cosimino Bellisario, il tecinco Mimmo Oliva e le loro qualità umane prima che tecniche. Nell’Ugento Calcio ci sono tanti miei ex calciatori».

Il main sponsor è molto legato alla terra ugentina: «Ugento, in particolare Torre San Giovanni sono i miei luoghi delle vacanze», ammette Filograna, «posti nei quali soprattutto nel periodo estivo vivono molti miei parenti. Ho simpatia per quel territorio, seguo con attenzione l’attività del sindaco Lecci e dell’amministrazione comunale e sono convinto», aggiunge ancora, «che la città possa avere un futuro roseo».

«Il mio impegno», conclude Eugenio Filograna, «sia da stimolo per tutta l’imprenditoria locale, affinché possa credere di più nella compagine giallorossa. Una squadra che ha raccolto risultati sportivi importanti e ha portato in giro per la Puglia il nome di Ugento».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus