Connect with us

Cronaca

Cadde dal solaio dell’Adelchi: dimezzate le pene ai Sergio

“Omicidio colposo si, violazione delle norme sul lavoro no”: in appello ridotte le condanne da due anni ad uno ad Adelchi Sergio e da un anno a sei mesi per il figlio Luca, all’epoca legale rappresentante della Selcom

Pubblicato

il

Si è celebrato il processo di appello per la morte dell’ingegnere Lisa Picozzi che, inviata dalla sua azienda per un sopralluogo, in previsione dell’installazione di un impianto fotovoltaico, trovò la morte precipitando dal terrazzo dello stabile.

Luca Sergio

In appello i giudici hanno deciso di non riconoscere la violazione delle norme del lavoro come aggravante all’omicidio colposo dimezzando così le pene ad Adelchi Sergio (foto grande in alto), ed a suo figlio Luca che, all’epoca dei fatti, rivestiva il ruolo di legale rappresentante della Selcom.

Le motivazioni saranno rese note nei prossimi giorni.

Lisa Picozzi morì a 31 anni il 29 settembre del 2010. Secondo le indagini sarebbe stato fatale un pozzo luce in plexiglas reso invisibile da una copertura in eternit. L’ingegnere mise il piede sopra e il lucernario non resse il peso.

Dal canto suo Luca Sergio proprio ai nostri taccuini (CLICCA QUI) aveva dichiarato: ““Ero l’amministratore di un azienda chiusa e per questo mi hanno condannatoNon ritengo giusta una condanna per omicidio colposo. Anche perché non ero presente, non ho mai dato il permesso ad entrare a chicchessia, non ero neanche a conoscenza del famoso sopralluogo. Ho saputo tutto da un messaggio via skype, senza capire neanche cosa stesse accadendo…”.

Cronaca

Corrente rubata a call center: condannato 84enne

Allacciato abusivamente a contatore attraverso buco nel muro: sei mesi a professore in pensione

Pubblicato

il

“A carico degli altri, cintura larga”, recita un vecchio detto dialettale salentino, improvvidamente tradotto in italiano.

L’aveva piacevolmente sperimentato un professore in pensione di Galatina, C. M., 84enne, che per tener viva la sua passione per la falegnameria sfruttava la corrente pagata da un call center adiacente la sua “bottega”. Al punto da beccarsi una condanna.

Mediante un allaccio abusivo al contatore della limitrofa attività, infatti, l’uomo godeva di luce gratis. La vicenda, risalente al 2007, è venuta a galla grazie ad un episodio che ha confermato i sospetti: l’amministratrice del call center, notate le bollette particolarmente salate, aveva deciso (su consiglio dei tecnici) di staccare per un periodo il contatore. Trappola funzionante: l’uomo, prontamente, si sarebbe recato nel call center a chiedere se anche loro fossero rimasti al buio.

Una volta scoperto, l’oggi 84enne aveva provato a difendersi dimostrando di essere entrato in possesso dell’immobile dopo che questo era stato collegato illegalmente alla rete elettrica mediante il contatore dei vicini. La difesa però non ha retto, nemmeno dinanzi all’esibizione della copia della domanda di allaccio alla fornitura elettrica, presentata e mai ottenuta dall’imputato.

A distanza di qualche anno si chiude ora il procedimento a carico dell’84enne, condannato a 6 mesi con pena sospesa, per essere incensurato. L’uomo sarà costretto a pagare la somma di 200€, in attesa del rito civile che potrebbe portare ad un ulteriore condanna con risarcimento danni.

Continua a Leggere

Cronaca

Giardino di marijuana: arresto a Ugento

11 vasi per 13 chili di piante: 40enne in manette

Pubblicato

il

Un rigoglioso giardino di marijuana è costato l’arresto ad un uomo di Ugento.

C. M., 40enne, era finito nel mirino della polizia da qualche giorno. Nella “visita” a sorpresa presso la sua abitazione gli uomini in divisa lo hanno trovato sull’uscio di casa con uno spinello. Una volta sul retro, nel giardino, il resto: ben 11 vasi per un totale di 13 chili di piante coltivate per la produzione di marijuana.

In casa il tipico materiale atto alla preparazione ed al confezionamento per la successiva vendita.

Il 40enne è stato arrestato e condotto in carcere, a Lecce.

Continua a Leggere

Cronaca

Avvocati: è caos

Dimissioni della presidente Roberta Altavilla e degli altri cinque componenti del Consiglio dell’Ordine degli avvocati 

Pubblicato

il

La presidente Roberta Altavilla, il segretario Vincenzo Caprioli, la consigliera tesoriera Luigia Fiorenza ed i consiglieri Simona Bortone, Laura Bruno e Raffaele Fatano lasciano. Erano stati dichiarati ineleggibili dalla sentenza della Consulta perché hanno svolto due o più mandati consecutivi prima del voto dello scorso maggio.

«Abbiamo congiuntamente deciso di non dare seguito alla nostra tutela in sede giurisdizionale conseguente ai reclami proposti da alcuni candidati non eletti, al Consiglio Nazionale Forense, contro la nostra proclamazione», si legge in una nota.

«Sarebbe stato nostro pieno diritto», hanno scritto ancora, «attendere la decisione del Consiglio competente in via esclusiva in materia elettorale, perché, oltre ai profili di costituzionalità vagliati dalla Consulta, ci sono una pluralità di questioni interpretative della normativa, oltre a ulteriori e rilevanti aspetti di legittimità costituzionale, anche con riferimento alla retroattività della norma e alla sua incidenza sull’elettorato attivo e passivo.

Purtroppo il divieto di terzo mandato, pur se oggetto di critiche anche da parte di illustri costituzionalisti, piuttosto che suscitare un sereno e approfondito dibattito, ha dato sfogo a pressioni indebite, mirate, ancor prima della pronuncia della Corte Costituzionale, ad ottenere immediate dimissioni. Pressioni sconfinate spesso nella diffamazione e nella calunnia e sono divenute oramai intollerabili.

Sin dal momento della candidatura abbiamo espressamente dichiarato di aver svolto almeno due mandati seppure, in taluni casi, di diversa durata; allo stesso modo sarebbe stato doveroso che altri candidati avessero manifestato l’esistenza di differenti ipotesi di incandidabilità e ineleggibilità sebbene previste dalla legge.

La tendenza del legislatore a ricorrere a norme con efficacia retroattiva è uno degli elementi di maggiore preoccupazione, che dovrebbe consigliare un diverso atteggiamento da parte dei Giuristi, per le possibili future implicazioni.

Pur consapevoli che ogni Avvocato, anche quando tratta questioni che lo coinvolgano personalmente e attengano alla rappresentanza, non debba mai cedere alle pressioni, soprattutto quando le stesse siano volgari, calunniose e appaiano dirette a fini diversi da quelli dichiarati, siamo altrettanto consci che  la permanenza nella carica potrebbe indurre l’opinione pubblica a malevole, quanto infondate illazioni, circa la volontà di mantenere inesistenti privilegi, derivanti dal ruolo, così svilendo l’avvocatura tutta.

Rivendichiamo dunque la legittimità del nostro operato, poiché non vi sono, allo stato, sentenze che abbiano modificato il risultato elettorale e il foro merita rispetto anche per il rilevante suffragio elettorale che ha inteso attribuirci”.

Poi l’annuncio: «Nelle prossime ore rassegneremo le dimissioni da componenti del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lecce per evitare che si addensino nell’opinione pubblica ombre che offuschino l’istituzione forense, che dopo oltre quarant’anni ospiterà il Congresso Nazionale, un successo raggiunto con  il nostro serio e proficuo impegno. Auspichiamo nel contempo analogo senso di responsabilità da parte di coloro che si trovano in condizioni di ineleggibilità per differenti profili».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus