Connect with us

Castrì

Nel Salento un’impresa su quattro è rosa

Sono 17.488 le imprese femminili nella provincia di Lecce. I settori in cui si concentrano le imprese al femminile sono il commercio (33,7%) e l’agricoltura (16%)

Pubblicato

il

Le donne sono alla testa di circa un quarto delle imprese salentine, in linea con il dato medio nazionale e regionale. Sono 17.488 le imprese femminili nella provincia di Lecce, anche se il 2012 non è stato un anno proficuo per l’imprenditoria rosa che ha chiuso il bilancio con un saldo pari a zero, a differenza di quanto registrato per le imprese nel loro complesso, il cui bilancio si è chiuso con un saldo positivo pari a 516 unità e un tasso di crescita dello 0,71%. Lo scorso anno, invece, le cose erano andate decisamente meglio, con un bilancio chiusosi con un saldo positivo di 254 imprese e un tasso di crescita dell’1,5%.

I settori economici

I settori in cui si concentrano le imprese al femminile sono il commercio (33,7%) e l’agricoltura (16%) con percentuali leggermente superiori alla distribuzione complessiva delle imprese, rispettivamente del 31% e del 13,6%. Al contrario le imprese femminili afferenti al comparto delle costruzioni sono il 3,8%, mentre il comparto nel suo complesso rappresenta il 15% del tessuto imprenditoriale salentino. La quota di imprese rosa che si dedicano ai servizi alla persona è del 7,8%, più elevata di quella calcolata sul totale imprese (4,4%).

È interessante osservare l’incidenza delle imprese femminili sui singoli settori, da cui emerge che alcuni settori economici sono per loro natura “maschili”, come quello delle costruzioni laddove le imprese gestite da donne hanno un peso del 6% sul totale del settore, al contrario di quanto accade considerando i servizi per la persona e il comparto della sanità, settori in cui  le imprese femminili  incidono, rispettivamente per  il 42,6% e 44,1% .

La forma giuridica

Il 69% delle imprese femminili, pari a 12.032, ha scelto la forma giuridica della ditta individuale,  la stessa incidenza che tale tipologia di impresa ha sul totale delle imprese salentine. Le società di capitale amministrate da donne rappresentano il 13%,  le società di persone il 15%, considerando l’insieme  delle imprese, il peso delle società di capitale è del 16,6%, mentre quello delle società di persone dell’11%.  Il 3% delle imprese femminili è rappresentato da cooperative, consorzi e altre forme societarie, tipologie giuridiche che costituiscono il 3,8% del tessuto imprenditoriale salentino nel suo insieme. Anche per le imprese femminili il saldo del 2012 più elevato è riconducibile alle società di capitale (+54 aziende). Positivo anche il saldo delle società cooperative (+24), mentre le società di persone perdono 6 imprese nel corso del 2012; negativo il saldo delle ditte individuali che perdono 73 unità.

Le artigiane

Le imprese  artigiane femminili al 31 dicembre 2012 sono 2.922 di cui il 43%, pari a 1.263 imprese, svolge un’attività relativa alla cura della persona e il 30%, 904 aziende, svolge un’attività manifatturiera, in particolare nell’ambito delle confezioni (249 imprese) e della trasformazione degli alimenti (195 aziende).

Nel 2012 il comparto artigiano provinciale ha chiuso l’anno con un saldo negativo, sia pure di 4 unità, al contrario  le imprese artigiane femminili hanno registrato un ottimo  tasso di crescita  dell’8,5%,  corrispondente  a un saldo di  +228 imprese, delle quali poco meno della metà (110 imprese) ascrivibili ai servizi per la persona. Le attività manifatturiere registrano 37 imprese in più e i servizi ristorativi 29.

Le imprese rosa nei Comuni

I comuni che presentano la più alta percentuale di imprese rosa sono Otranto (34,9%), Santa Cesarea Terme (32,3%), Castro (32,2%) e Ortelle (31,7%), mentre Castrì (16%), Seclì (16,2%) e Cursi (17,6%) detengono la quota più bassa.

Il maggior contributo al saldo annuale delle imprese femminili, in valore assoluto, spetta ai comuni di Nardò (26), Lecce (24) e Gallipoli (19), mentre a Taurisano (-13), Vernole e Matino (-11) spetta il record negativo. Considerando, però, i valori relativi, l’apporto più elevato spetta al Comune di San Cesario con un tasso di crescita del 9,1%; al contrario, il Comune di Montesano Salentino ha il tasso più basso (-17,8%).

Casarano

Cani denutriti e sporchi al canile

A Castrì situazione certificata da Guardie Zoofile, Polizia Locale e da un veterinario ausiliario di PG. Il Comune di Nardò trasferisce i suoi 52 cani in altre strutture della provincia

Pubblicato

il

Cani denutriti e tenuti in condizioni igienico-sanitarie del tutto precarie. Per questo il Comune di Nardò ha deciso di trasferire i 52 cani ospitati nel canile di Castrì di Lecce in altre strutture della provincia (Corigliano d’Otranto e Casarano).

A seguito di varie segnalazioni, infatti, c’è stato un sopralluogo da parte della polizia locale, delle guardie zoofile, del consigliere delegato al Randagismo di Nardò, Gianluca Fedele, e di un veterinario ausiliario di polizia giudiziaria, che hanno certificato quanto si temeva, cioè una gestione assolutamente irrispettosa degli animali: senza cibo, tra sporco ed escrementi, in qualche caso in precarie condizioni di salute.

Dopo aver informato la Procura della Repubblica di Lecce e di concerto con la stessa, il comandante della Polizia Locale Cosimo Tarantino ha disposto il trasferimento altrove dei cani di proprietà del Comune di Nardò e ha informato le altre tredici amministrazioni comunali della provincia che utilizzano il canile di Castrì. Il trasferimento di una parte dei 52 cani è avvenuto stamattina a bordo di mezzi attrezzati delle guardie zoofile e delle associazioni di volontariato, gli altri saranno spostati nei prossimi giorni.

“Le segnalazioni dal mondo del volontariato che avevamo ricevuto erano fondate”, spiega il consigliere delegato al Randagismo Gianluca Fedele, “abbiamo trovato una situazione indecente, con quasi tutti i cani in precarie condizioni di salute, senza cibo e tenuti tra sporco ed escrementi. Un brutto colpo anche per noi, che tra mille difficoltà stiamo portando avanti una politica molto responsabile sul randagismo e sulle tante problematiche connesse. Inevitabile il trasferimento dei nostri 52 presso altre strutture, allo scopo di tutelare la loro salute. Ringrazio per l’aiuto concreto e il sostegno le guardie zoofile e l’associazione “Mai più randagio”. Sarà compito della Procura ovviamente accertare le responsabilità di tutto questo”.

Continua a Leggere

Castrì

La solita truffa dello specchietto

La vittima ha allertato il 112 e l’uomo è stato arrestato

Pubblicato

il

Il metodo è ormai noto a tutti ma c’è ancora chi ci capita e, ovviamente, chi ci prova.

Questa volta è andata male ad Umberto Amico, 34enne di Noto (Siracusa), che ha tentato di estorcere denaro ad un 62enne pensionato di Castrì di Lecce.

Ha finto il danneggiamento della propria autovettura chiedendo un risarcimento di 350 euro.

Ha dovuto desistere, però, davanti alle resistenze del pensionato che subito ha allertato il 112.

Il malfattore è stato rintracciato poco dopo, sempre a Castrì, a bordo di una Alfa Romeo Giulietta.

A bordo con lui anche il figlio di 13 anni.

La perquisizione dell’auto ha consentito di rinvenire l’attrezzo smonta pneumatici utilizzato per simulare, durante la marcia, contatto con autovettura della vittima.

Il siciliano è stato così arrestato in flagranza per tentata truffa e condotto in carcere.

Il minore è stato affidato alla madre.

Continua a Leggere

Castrì

Rave Party: altre 10 denunce

Polizia di Stato e carabinieri hanno sgomberato definitivamente l’area occupata dal rave party a Castrì

Pubblicato

il

Polizia di Stato e Carabinieri hanno sgomberato definitivamente l’area occupata dal rave party a Castrì (CLICCA QUI).

Sequestrate tutte le attrezzature utilizzate per l’evento non autorizzato e denunciate a piede libero altre 10 persone, oltre alle 30 già denunciate dalla sola arma dei carabinieri nei giorni scorsi.

Le dieci persone persone fermate (su di un totale di circa 80 partecipanti) alla vista degli operatori di polizia, hanno cercato di allontanarsi precipitosamente dandosi alla fuga.

Le forze dell’ordine hanno provveduto anche al sequestro dell’attrezzatura utilizzata per la diffusione della musica.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus