Connect with us

Sport

Calcio, Il Tricase pareggia a Lizzano

Primo pareggio in campionato per i rossoblù che conquistano un buon punto sull’ostico campo di Lizzano. Tricasini in dieci per più di mezz’ora.

Pubblicato

il

Alla sesta di campionato arriva il primo pareggio in campionato per il Tricase (dopo quello di Coppa Italia rimediato sul campo del Racale), che fa un’altra buona prova soprattutto nel primo tempo.

I tricasini partono bene anche nella ripresa, ma un’ingenuità di Amadou al 60′ costata un’espulsione  per doppia ammonizione, compromette leggermente la gara, in quanto Ruberto e compagni hanno dovuto proseguire  in inferiorità numerica fino al 90′.

Un pareggio sostanzialmente giusto per quanto visto per buona parte di tempo sul terreno di gioco, con due squadre molto giovani che si sono affrontate sin da subito a viso aperto a caccia della vittoria: il Lizzano ha tentato di sfruttare il fattore campo, il Tricase ha fatto appello alla sua superiorità tecnica, soprattutto nel reparto avanzato, ma nel casellario finale dei tiri in porta se ne sono rendicontati solo due a testa.

La gara ha  registrato una lunga serie di azioni interrotte in mezzo al campo, dove i rispettivi mediani hanno  giocato con particolare attenzione cercando di limitare le intenzioni dell’avversario, magari recuperando palla per poi ripartire rapidamente nel tentativo di sorprendere la retroguardia avversaria.

Il punteggio si sblocca al 25′ quando Causio (rientrato dopo una giornata di stop per infortunio), realizza il gol del vantaggio della squadra ospite insaccando da distanza ravvicinata un pallone ricevuto dal versante sinistro del campo. Per l’attaccante, si tratta del terzo gol in campionato, ancora una volta siglato in trasferta.

Successivamente, i rossoblù provano a cercare il raddoppio, ma le loro costruzioni di gioco non si concretizzano.

Nella ripresa, il verso della gara sembra essere lo stesso del primo tempo, ma entrambe le squadre hanno difficoltà in fase di impostazione e collezionano sempre di più delle manovre confusionarie e soprattutto sterili.

Al 57′ il Lizzano, trova una giusta triangolazione nella metà campo tricasina e arriva al pareggio con De Comite che infila alle spalle dell’estremo difensore tricasino Gentile.

Dopo tre minuti il Tricase rimane in dieci per l’espulsione di Amadou. L’ivoriano, autore di uno dei tre gol che i rossoblù hanno rifilato domenica scorsa al Galatone, si fa ammonire per un fallo evitabile e complice un giallo rimediato già nel primo tempo, finisce anzitempo sotto la doccia.

A questo punto, il possesso palla che nel primo tempo era stato a favore del Tricase, passa alla squadra locale, che prova a sfruttare la superiorità numerica per arrivare al vantaggio, ma il Tricase fa buona guardia e riesce a controllare bene e a gestire il risultato di parità che vista l’inferiorità numerica vale quasi come una vittoria.

In settimana, il team di mister Branà, sarà impegnato al “via Olimpica” contro la Toma Maglie per l’andata degli ottavi di finale della Coppa Italia di Promozione, con fischio d’inizio alle 15,30. Si tratta del primo derby settimanale, in vista dell’altro derby salentino di campionato valevole per la settima giornata, di scena sempre al “via Olimpica” contro il Racale (già eliminato dal Tricase in Coppa Italia nel primo turno) domenica 25 ottobre alle ore 14,30.

Il Racale, nel pomeriggio di oggi ha pareggiato in casa contro il Salento Football Leverano con il punteggio di 1-1.

 

Sport

Folla in festa per il Lecce: il video

Pubblicato

il

Festa grande ieri sera a Lecce per il ritorno dei giallorossi da Napoli.

La squadra di Liverani è stata accolta da oltre 500 persone all’arrivo in città. Scene di giubilo per lo storico successo sul campo dei partenopei. Risultato che oltre ai preziosi 3 punti portati in Salento, restituisce grande entusiasmo nella non semplice corsa salvezza.

Continua a Leggere

Sport

Magnifico Lecce vince a Napoli: 2-3

Pubblicato

il

Un Lecce fenomenale espugna il San Paolo e torna con 3 punti pesantissimi dalla trasferta di Napoli.

Il match

Una bellissima gara quella dei giallorossi che dopo 29 minuti si portano in vantaggio con un tap-in vincente di Lapadula su una respinta corta di Ospina.

Dopo l’intervallo avanti, l’avvio della ripresa è shock per i giallorossi: Milik insacca a porta vuota il gol del pari a pochi minuti dal rientro in campo.

Il Lecce non si perde d’animo. La squadra se la gioca alla pari con i partenopei e tesse trame a centrocampo grazie ai nuovi innesti ispirati, in particolar modo Saponara.

Al minuto 61 il più piccolo in area di rigore, Lapadula, batte ancora Ospina: stavolta di testa su cross dalla destra. È 1a2.

Dalla panchina intanto Gattuso butta dentro tutta l’artiglieria pesante (subentrano nella ripresa Mertens, Callejon e Lozano), ma il cambio decisivo lo fa Liverani: capitan Mancosu, subentrato a Pippo Falco, si presenta con una sassata che vale l’1-3 al minuto 82.

Il finale è un assalto azzurro. A inizio recupero Callejon trova il 2-3 su svarione di Lucioni che non riesce a spazzare.

I minuti restanti non bastano al Napoli: è vittoria per il Lecce che con i nuovi acquisti sembra aver definitivamente cambiato rotta.

Corsa salvezza

Sugli altri campi anche il Genoa continua a vincere. Sfortunato invece il Brescia che si fa agguantare dall’Udinese nel finale.

Con la vittoria a Torino di ieri della Sampdoria e la sconfitta in casa all’ora di pranzo della Spal, ad opera del Sassuolo, i giallorossi restano tra le due genovesi. Un punto sotto i blucerchiati e 3 sopra i grifoni. Sei lunghezze dietro, il Brescia e 7 punti indietro, invece, la Spal.

La compagine ferrarese sabato sarà al Via del Mare. Occasione imperdibile per l’undici di Liverani per estromettere definitivamente una squadra dalla corsa salvezza.

Continua a Leggere

Sport

Liverani vince la Panchina d’argento

Pubblicato

il

Si è tenuta oggi a Coverciano la cerimonia di assegnazione del riconoscimento del titolo “panchina d’oro” e “panchina d’argento”.

Si tratta rispettivamente dei premi che vanno al miglior allenatore dell’anno in Serie A ed in Serie B.

Per la massima serie si è aggiudicato la panchina d’oro Giampiero Gasperini, dell’Atalanta.

Mentre la panchina d’argento si è tinta di giallorosso: il miglior allenatore della Serie B dello scorso anno è infatti Fabio Liverani, allenatore del Lecce.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus