Connect with us

Castrì

Dall’eroina alla cocaina: arresti e denunce in 4 centri

Fermati in due a Galatone e Matino, altrettante le denunce tra Martano e Castrì

Pubblicato

il


Arresti e denunce per spaccio nelle scorse ore in provincia.





I carabinieri di Martano hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, R. S., 58 anni.





Sottoposto a perquisizione personale, veicolare e domiciliare, è stato sorpreso in possesso di 10 grammi e mezzo di eroina divisa in 7 involucri (segue foto).





Poi, anche due bilancini di precisione e materiale vario idoneo al confezionamento di dosi, assieme a contanti per un totale di 290 euro, ritenuto verosimile provento della illecita attività di spaccio.





Il tutto è stato sottoposto a sequestro. L’uomo è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza. L’autorità giudiziaria, informata dalla stazione di Martano, procede.





Altro arresto a Galatone, ad opera della radiomobile di Gallipoli ed all’indirizzo di un 37enne. Si tratta di M. A., anche lui colto nella flagranza del medesimo reato.




I militari lo hanno sottoposto a perquisizione locale, personale e domiciliare presso casa sua. Qui aveva un involucro in cellophane contenente oltre 20 grammi di cocaina, un bilancino di precisione; un coltello e una forbice con tracce di cocaina; un nastro isolante utilizzato per il confezionamento della sostanza stupefacente.





In attesa delle analisi di laboratorio, lo stupefacente ed il e materiale rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro e custoditi presso gli uffici della polizia giudiziaria.





Espletate le formalità di rito, l’uomo verrà tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.





A Matino i carabinieri di Taviano hanno deferito in stato di libertà un uomo dopo una perquisizione presso la sua abitazione. Aveva con sé 14 grammi circa di cocaina, un bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento dello stupefacente.





Denuncia anche in quel di Castrì, dove i militari di Calimera, a seguito di attività investigativa, han trovato 4 piante di canapa indiana (tra i 20 ed i 90 cm), 18 grammi di marijuana e materiale per confezionamento assieme ad un bilancino di precisione presso la casa di un 45enne.






Attualità

Forni crematori in provincia saranno tre: Lecce, Caprarica e Ugento

Le manifestazioni di interesse sono dei Comuni di Lecce, Lequile, Martano, Botrugno, Ortelle, Gagliano del Capo, Ugento e Caprarica di Lecce

Pubblicato

il

Forni crematori, il primo impianto pubblico in provincia di Lecce verrà realizzato a Caprarica.

È in corso la gara per l’aggiudicazione della concessione, a Caprarica di Lecce, dove sorgerà il primo forno crematorio.

Dopo la querelle di Botrugno protrattasi per anni senza soluzione alcuna, è allo studio un progetto definitivo arricchito da ulteriori pareri specifici di tipo sanitario e ambientale per la realizzazione della struttura che, poi, dovrà essere attiva entro due anni.

Il forno crematorio nascerà alle spalle del cimitero comunale sulla strada per Castrì, ed avrà un accesso autonomo rispetto a quello del al cimitero.

Intanto, sono state definite le nuove norme in materia di attività funeraria, cremazione e dispersione delle ceneri, a Palazzo dei Celestini e dei comuni che vorranno realizzare  i suddetti impianti.

Nel novembre 2021 la Provincia ha definito i criteri per realizzare tre impianti: area nord, area centro e area sud, da quel momento i Comuni hanno inviato la propria candidatura indicando l’area in cui realizzare i forni crematori.

Sono così pervenute le manifestazioni di interesse dei Comuni di Lecce, Lequile, Martano, Botrugno, Ortelle, Gagliano del Capo, Ugento e Caprarica di Lecce. Quest’ultima ha avuto il via libera per l’area centro, tenendo conto di diversi fattori: la popolazione residente,  l’associazione tra gli enti locali coinvolti, l’indice di mortalità e i dati statistici sulla scelta crematoria da parte dei cittadini.

La Regione Puglia non aveva mai elaborato un piano di coordinamento, demandando fatto alle Province la valutazione del fabbisogno di forni crematori sul proprio territorio. Le valutazioni restano sempre: la distanza chilometrica, la necessità di consentire il pieno esercizio di libera scelta della modalità di sepoltura o della cremazione di ciascun cittadino, e individuare d’intesa con i Comuni, la localizzazione e il numero dei nuovi impianti.

Questi i criteri per l’individuazione dei luoghi in cui realizzare i forni: reti stradali agevoli e di facile scorrimento, aree interne al cimitero comunale e preferibilmente non gravate dai camini di emissione e altre attività di rilievo; Comuni dotati di strutture tecnico-amministrative pronte a fornire attività di controllo sulla gestione del forno, coadiuvate da Arpa e Provincia, Polizia Locale e uffici.

Da questa analisi è nata la scelta della Provincia di Lecce che ha individuato quale sito più idoneo per l’area nord il Comune di Lecce, per l’area sud il Comune di Ugento e per il centro il Comune di Caprarica di Lecce, che dovrà compiere ulteriori passi in avanti verso la realizzazione della struttura.

L’approvazione dei progetti di realizzazione, infatti, spetta in ultima battuta ai Comuni, che li realizzano direttamente o ne affidano la realizzazione ad altri soggetti.

Continua a Leggere

Alessano

Omicidio pensionato di Castrì, in manette anche 30enne di Corsano

Si tratta di Emanuele Forte, 30enne di Corsano, accusato di concorso in omicidio aggravato e rapina aggravata ai danni del 75enne ex falegname

Pubblicato

il

Quarto arresto per l’omicidio di Donato Montinaro, il falegname in pensione di Castrì di Lecce, rinvenuto cadavere nella sua abitazione l’11 giugno scorso.

I carabinieri hanno fermato Emanuele Forte, 30enne di Corsano, accusato di concorso in omicidio aggravato e rapina aggravata ai danni del 75enne ex falegname.

Gli approfondimenti investigativi, svolti a seguito dei fermi eseguiti lo scorso 14 ottobre nei confronti di altri tre persone, tutte del Capo di Leuca (Angela Martella, 58 anni, originaria di Gagliano del Capo e residente a SalvePatrizia Piccinni, 48 anni, originaria di Modugno e residente ad Alessano Antonio Esposito, 39 anni, originario di Tricase e residente a Corsano), hanno evidenziato la sussistenza di ulteriori elementi a carico del quarto indagato, che hanno reso necessario anche nei suoi confronti l’emissione di un provvedimento restrittivo.

Continua a Leggere

Alessano

Omicidio pensionato di Castrì, interrogati i fermati

Davanti al Gip e al Pm i tre fermati, tutti del Capo di Leuca, per l’assassinio dell’ex falegname. Ancora nessuna novità sul presunto quarto complice

Pubblicato

il

Si è tenuto l’interrogatorio delle tre persone arrestate per l’omicidio di Donato Montinaro, il falegname in pensione di 76 anni, ucciso la sera del 10 giugno scorso a Castrì di Lecce, nel suo appartamento dove viveva con la figlia disabile.

Dinanzi alla gip Laura Liguori, e alla pm Maria Consolata Moschettini, le tre persone fermate: Angela Martella, 58 anni, originaria di Gagliano del Capo e residente a Salve (assistita dall’avv. Simona Reale); Patrizia Piccinni, 48 anni, originaria di Modugno (Bari) e residente ad Alessano (avv. David Alemanno); Antonio Esposito, 39 anni, originario di Tricase e residente a Corsano (avv. Luca Puce).

L’interrogatorio è stato blindato e nulla trapela neanche sugli sviluppi delle indagini volte ad individuare la quarta persona che sarebbe coinvolta nell’omicidio e che sarebbe stata tirata in allo proprio dagli arrestati.

Il movente secondo gli investigatori sarebbe quello della rapina finita male.

Il pensionato, infatti, nel 2015 aveva riscosso quasi 70mila euro da una polizza assicurativa ed aveva confidato ai suoi amici di tenere i soldi in casa perché non si fidava delle banche. Probabilmente chi ha agito sapeva e mirava proprio a quei soldi

Martella sarebbe l’unica persona ad aver avuto contatti con Montinaro, confermati da una telefonata in ingresso sul cellulare della vittima 10 minuti prima della presunta esecuzione. Il gruppo, una volta entrato in casa poco prima delle 21, avrebbe legato le caviglie e i polsi dell’uomo, spogliato dalla vita in giù, imbavagliato e incappucciato, e infine anche percosso. Non si conosce la somma eventualmente rubata, dall’appartamento mancherebbe all’appello la motosega.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus