Connect with us

Cronaca

Miss Mondo ’14: una salentina rappresenterà l’Italia

Silvia Cataldi, 24enne di Sannicola, è la finalista italiana per l’evento del prossimo 14 dicembre a Londra

Pubblicato

il

Arriva dal Salento la finalista che rappresenterà l’Italia nella finale internazionale di Miss Mondo, il prossimo 14 dicembre a Londra. Si tratta di Silvia Cataldi, 24enne di Sannicola, studentessa di giurisprudenza col sogno di diventare ispettore di polizia. È stata scelta tra le 50 finaliste arrivate a Gallipoli per la finale di Miss Mondo Italia.


Silvia, alta 1 metro e 81, castana con gli occhi verdi, gioca a pallavolo a livello agonistico, suona la chitarra e ama dipingere.


La 24enne, che raccoglie l’eredità della piacentina Sarah Baderna, è stata incoronata venerdì notte, al termine della kermesse, dal patron di Miss Mondo Italia, Antonio Marzano, dall’Assessore al Turismo e marketing della Provincia di Lecce Francesco Pacella, partner del Concorso e dai presidenti della giuria tecnica e di qualità Patrizia Frangella (giornalista ed autrice Tv) e da Giuseppe Zeno (attore).

Lorenzo Zito


Cronaca

Violazione privacy bambini: Garante multa scuola materna di Otranto

Su bacheca pubblica dati anagrafici, di residenza ed anche numeri di telefono delle famiglie con accanto dicitura indicante la mancanza o meno delle vaccinazioni

Pubblicato

il

Multa per l’Istituto Comprensivo di Uggiano La Chiesa per aver violato, nella sede della scuola materna di Otranto, la privacy dei suoi bimbi.

Il Garante per la protezione dei dati personali ha imposto una sanzione di 2mila euro alla scuola dell’infanzia di via Rocamatura. Qui sarebbero stati affissi registri, su bacheca pubblica, riportanti i nomi degli alunni, i dati anagrafici, quelli di residenza ed anche i numeri di telefono delle famiglie con accanto una dicitura in matita indicante la mancanza o meno delle vaccinazioni da effettuare.

Non è bastata la mossa difensiva dell’istituto che ha affermato che la pubblicazione è avvenuta per errore e che avrebbe proceduto a sanzionare il responsabile.

Su segnalazione del comitato “Colibrì” di Nardò, il Garante si è attivato ed ha proceduto di conseguenza, affermando che si tratta di: “Trattamento non conforme alla disciplina rilevante in materia di protezione dei dati personali”.

Se pagata entro 30 giorni la multa sarà ridotta a mille euro.

Continua a Leggere

Cronaca

Malore mentre è in mare: bagnino salva 76enne a Torre San Giovanni

Pubblicato

il

Ha accusato un malore mentre faceva il bagno ed è stato salvato dal pronto intervento di un giovane bagnino.

Grande spavento nel pomeriggio di ieri sul litorale di Torre San Giovanni (Ugento).

Un 76enne di Taurisano ha rischiato seriamente di tornare a riva esanime a causa di un malore mentre era in acqua. L’uomo stava nuotando quando improvvisamente si è sentito male. Fortunatamente un bagnino del vicino lido “Euro Beach” lo ha notato ed ha percepito immediatamente la situazione di pericolo nella quale si trovava.

Il ragazzo, Vincenzo il suo nome, 18enne, si è prontamente tuffato in mare per raggiungere l’anziano bagnante. Pochi ma concitati attimi in cui è riuscito a portare il 76enne a riva e praticare le prime operazioni di soccorso.

Nel frattempo sul posto si stava recando il 118, allertato dai presenti. Il personale sanitario ha preso in carico il bagnante e lo ha trasportato in ospedale.

Continua a Leggere

Cronaca

Trova un piede umano in riva al mare: è mistero

Pubblicato

il

Incredibile scoperta per un uomo che nel pomeriggio stava passeggiando col proprio cane in riva al mare di Melendugno.

Lungo gli scogli del porto, nella marina di Roca, durante la camminata ha avvistato qualcosa di strano per terra. Avvicinatosi si è immediatamente reso conto che la prima impressione non era un abbaglio: si trattava dei resti di un piede umano.

Le ipotesi

Immediatamente contatti, i carabinieri sono giunti sul posto. Il piede era avvolto in una retina. Non vi è al momento alcuna ricostruzione certa. Potrebbe trattarsi di resti di un corpo di un migrante che avrebbe tentato la traversata nel Canale d’Otranto oppure, un po’ meno probabilmente, i resti di qualcuno che potrebbe risultare disperso dall’altra sponda dell’Adriatico.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus