Connect with us

Cronaca

Ospedale di Scorrano, palpeggia paziente: due anni a radiologo

Sessantaduenne di Spongano condannato anche all’interdizione a vita dai pubblici uffici ed a risarcire la vittima. I legali della difersa ora attendono le motivazioni della sentenza per eventuale appello

Pubblicato

il

Violenza sessuale ai danni di una paziente.


Per questo è stato condannato a due anni un tecnico radiologo 62enne di Spongano.


La violenza si sarebbe consumata all’ospedale di Scorrano.


L’accusa aveva chiesto 4 anni,  i giudici della prima sezione penale hanno riconosciuto l’ipotesi lieve e il beneficio della pena sospesa e della non menzione al termine del processo in abbreviato.


L’uomo è stato interdetto sine die dai pubblici ufficie condannato anche al risarcimento di 10mila euro a favore della vittima una donna di  34 anni di Lecce, assistita dall’avvocato Giuseppe Nisi.


Risarcimento anche all’Asl salentina (5 mila euro) costituitasi parte civile.

La vicenda risale ai primi giorni del 2020 quando la donna vittima di un incidente domestico avvertiva dolori forti al braccio e presentava diverse contusioni.


Allertato il 118 la donna è stata condotta all’ospedale di Scorrano e trasferita nella sala raggi del reparto di radiografia.


Qui alla 34enne venne chiesto di spogliarsi per sottoporsi alle lastre ed in quell’occasione il tecnico radiologo ne avrebbe approfittato per palpeggiarla.


La donna ripresasi dallo shock, si è recata in caserma ed ha raccontato tutto ai carabinieri.


I legali del radiologo ora attendono le motivazioni della sentenza (entro 90 giorni) e poi potranno eventualmente presentare appello.


Cronaca

Perde controllo camion e sfonda muro: paura a Galatina

Pubblicato

il

Spavento questa mattina a Galatina, in via Lecce, alle ore 05:00 circa per un incidente che ha visto coinvolto un mezzo pesante.

Il conducente ne ha perso il controllo, ha sfondato un muro di cinta e divelto una cabina Enel. Lo stesso, rimasto ferito, è stato soccorso e trasportato in codice giallo presso l’ospedale Vito Fazzi.

Sul posto i Vigili del Fuoco del comando di Lecce, sede centrale, che hanno provveduto alla messa in sicurezza dell’area interessata dall’evento, garantendo e ripristinando la sicurezza pubblica.

Continua a Leggere

Cronaca

Furgone e 500 si scontrano: tre feriti, un codice rosso

Pubblicato

il

Tre feriti di cui uno in codice rosso oggi sulla statale 101 Lecce-Gallipoli.

Attorno alle 13 si è verificato un violento incidente che ha visto protagonisti una Fiat 500 ed un Iveco Daily della ditta di spedizioni GLS.

Sul luogo dello schianto, nei pressi dello svincolo per Galatone, sono intervenuti 118 ed una squadra del Comando Vigili del Fuoco di Lecce, dal distaccamento di Gallipoli.

La conducente della Fiat 500, una 37enne, era rimasta bloccato all’interno dell’abitacolo a seguito dell’impatto. I vigili del fuoco, unitamente al personale del 118, hanno provveduto ad estrarre la donna dall’auto.

Successivamente, i sanitari hanno trasportato il conducente del furgone presso l’ospedale di Gallipoli e la donna alla guida della Fiat 500 presso l’ospedale di Lecce per le cure necessarie. Quest’ultima in codice rosso.

Tra i coinvolti nel sinistro anche un’altra donna, a bordo della 500.

Dopo il soccorso, i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza i mezzi coinvolti per garantire la sicurezza della strada e prevenire ulteriori incidenti.

Le cause del sinistro sono da ricostruire.

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Affitti in nero a Leuca, Castro, Tricase, Otranto, Porto Cesareo e Gallipoli. Denunciati

Numerosi contribuenti hanno omesso di dichiarare i redditi derivanti dalla locazione turistica di immobili nelle località costiere interessate da significativi flussi turistici…

Pubblicato

il

GDF LECCE: SCOPERTE ABITAZIONI E CASE VACANZA AFFITTATE IN NERO: OLTRE 170 MILA EURO I REDDITI NON DICHIARATI

Proseguono i controlli delle Fiamme Gialle a contrasto degli “affitti in nero”.

In particolare, i Reparti della Guardia di Finanza hanno effettuato numerosi interventi per contrastare l’evasione nel settore delle locazioni brevi e turistiche.

Dalle verifiche è emerso che numerosi contribuenti hanno omesso di dichiarare i redditi derivanti dalla locazione turistica di immobili ubicati a Leuca, Castro, Tricase, Otranto, Porto Cesareo e Gallipoli, località costiere interessate da significativi flussi turistici.

All’esito dell’esame della documentazione acquisita e delle indagini bancarie svolte dai Finanzieri, è emerso che i proventi occultati al Fisco ammontano complessivamente ad oltre 170 mila euro.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus