Connect with us

Cronaca

Ruffano piange il suo Rocky

Sarebbe stato avvelenato. Invano il pronto soccorso dei vigili e delle guardie ambientali. Condanne social per i presunti colpevoli

Pubblicato

il

Una vena di tristezza ha colpito Ruffano per la perdita del cane Rocky, un amico e compagno di tutti i cittadini.


Secondo quanto riportato sui social da chi ha soccorso Rocky, la morte sembra sia stata causata da avvelenamento.


Gli eventuali responsabili di siffatto crudele gesto sono stati fortemente e unanimemente condannati sugli stessi social dai tanti affezionati al povero Rocky.

Tanti ruffanesi, sempre dai social, hanno ringraziato la veterinaria Monica Frisullo per gli sforzi profusi nel cercare di salvare Rocky da una morte purtroppo rivelatasi inevitabile così come hanno mostrato gratitudine  a vigili e guardie ambientali del paese che hanno fatto di tutto per soccorrere l’amico a quattro zampe.



Cronaca

Avvocato positivo al Covid: sanificazione in tribunale

Pubblicato

il


Il quinto piano del tribunale penale di Lecce sarà sottoposto a sanificazione.





La procedura verrà arrivata dopo che un avvocato del foro leccese è risultato positivo al Covid.




Asintomatico, il legale si era recato in ospedale per accertamenti di altra natura. Al test per l’accesso agli ambienti ospedalieri è emersa la sua positività al Sarscov2.





Il suo passaggio in tribunale sarebbe tuttavia fugace. Avrebbe solo consultato dei fascicoli per pochi minuti senza entrare praticamente in contatto ravvicinato con nessuno.


Continua a Leggere

Alezio

Alezio: parroco ritrovato senza vita in casa propria

Don Antonio Minerba, 53 anni, sarebbe morto a causa di un malore, forse un infarto che lo fatto cadere e sbattere la testa

Pubblicato

il

Alezio sotto shock per l’improvvisa prematura scomparsa del suo parroco.

Don Antonio Minerba, 53 anni, è stato ritrovato senza vita nella sua abitazione  in via Garibaldi.

La scoperta in tarda mattinata, mentre i genitori lo attendevano per pranzo ad Aradeo, suo paese d’origine.

Secondo quanto trapela sarebbe caduto e avrebbe sbattuto il capo in seguito ad un malore, presumibilmente un infarto.

Continua a Leggere

Cronaca

Non ce l’ha fatta il ragazzo di Gallipoli ferito da gru a Bologna

È deceduto stamattina all’ospedale Maggiore, dove era ricoverato in rianimazione

Pubblicato

il

Purtroppo non ce l’ha fatta Francesco Caiffa, studente di Scienze statistiche a Bologna, 22 anni, di Gallipoli: troppo gravi le ferite riportate.

Francesco era tra i ragazzi che lo scorso 20 ottobre, improvvisamente, su una terrazza, durante i lavori di ristrutturazione in uno stabile in via del Borgo di San Pietro (foto in alto Corriere di Bologna), si erano visti travolti da un muro crollato a causa di una improvvida manovra con una gru su un cantiere adiacente.

Il 22enne gallipolino è deceduto nella mattinata di oggi all’ospedale Maggiore, dove era stato ricoverato nel reparto di rianimazione a seguito delle gravi ferite riportate.

Secondo la ricostruzione, il braccio meccanico di una betoniera avrebbe colpito un muro e quest’ultimo sarebbe crollato su una veranda dove si trovavano due ragazzi.

Entrambi erano rimasti feriti.

Ad avere la peggio è stato il 22enne salentino mentre l’altro ragazzo, un 20enne, ha riportato traumi al capo e alla gamba.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus