Connect with us

Lecce

“Neuroscienze ed etica”: incontro di studio a Lecce aperto al pubblico

Pubblicato

il

Si svolgerà sabato 15 maggio, dalle 9,30, presso la Sala Conferenze del Rettorato dell’Università del Salento (Piazzetta Tancredi, 7) a Lecce, il Seminario di studio su “Neuroscienze ed etica”, proposto dalla Facoltà Teologica Pugliese (Bari), dove presso l’Istituto Teologico “Regina Apuliae” di Molfetta è attivo ormai dal 2006 un gruppo interdisciplinare di ricerca che si propone di mettere in dialogo il recente sviluppo delle neuroscienze con le grandi domande dell’uomo, coltivate dalla filosofia e dalla teologia. L’incontro, aperto al pubblico, è realizzato in collaborazione con l’Università del Salento, Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali (indirizzo di dottorato in Forme e saperi filosofici “Etica e antropologia”). Tre studiosi di diversa competenze scientifica sono stati chiamati dalla Facoltà Teologica Pugliese a riflettere sull’affascinante tema “Intelligenza artificiale, robotica e neuroscienze”. Al filosofo Mario Signore dell’Università del Salento è affidata la relazione “La natura umana tra complessità e sfida del post-human”; il noto fisico e direttore del “National Nanotechnology Laboratory” (NNL, Università del Salento, Lecce), prof. Roberto Cingolani, parlerà sul tema “Intelligenza artificiale e nanotecnologie: conquiste scientifiche e futuro dell’uomo”; infine interverrà anche il Direttore dell’Istituto di Bioetica della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (Roma), il professore pugliese Antonio G. Spagnolo, sul tema “Nanoteconologie, enhancement (= potenziamento psichico) e neuroscienze: sviluppi e implicazioni bioetiche”. La mattinata di studio sarà introdotta dal prof. Luigi Renna e moderata dal prof. Vincenzo Viva, entrambi della Facoltà Teologica Pugliese. Il progetto di ricerca “Neuroscienze e antropologia” è sostenuto dal Progetto Culturale della Conferenza Episcopale Italiana. Ai partecipanti che lo desiderano si rilascia un attestato di partecipazione.

Cronaca

Si accascia al suolo mentre torna a casa: 75enne muore in strada

Pubblicato

il


Non ha potuto nulla l’equipe del 118 accorsa in soccorso di una donna che, oggi, ha improvvisamente accusato un malore in strada a Lecce.





Erano circa le 15 quando la signora, una 75enne originaria di Vernole ma residente in città, si è accasciata al suolo. Era in via Simini e la stava percorrendo a piedi.




Si è spenta improvvisamente, stroncata da un malore mentre rientrava a casa. La manovra di rianimazione cardiopolmonare non è stata sufficiente. La donna è deceduta e la sua salma, su disposizione del pubblico ministero intervenuto sul caso, verrà restituita alla famiglia.


Continua a Leggere

Cronaca

Schianto all’incrocio: incidente a Lecce

Pubblicato

il


Nel primo pomeriggio di oggi un violento incidente stradale ha interessato una delle arterie del traffico cittadino leccese.





Una Opel Corsa, vecchio modello, è rimasta coinvolta in un tamponamento su viale Leopardi, all’altezza di via Dei Palumbo. L’impatto ha distrutto il frontale della vettura. Il conducente non avrebbe riportato gravi conseguenze.





Sul posto la polizia locale per i rilievi.




Foto di Polizia Locale Lecce.






Continua a Leggere

Cronaca

Morta per covid o per abbandono? Il 5 marzo accertamento tecnico irripetibile

Il giudice deciderà se rinviare a giudizio i 22 tra medici e paramedici coinvolti nell’indagine, oppure se ritenere il decesso della donna causato dal covid senza alcuna responsabilità di medici e paramedici

Pubblicato

il

La vicenda della della signora Abbondanza Marra, 73 anni, di Ruffano, deceduta in ospedale a Lecce il 2 novembre scorso (clicca qui) finisce davanti al giudice che dovrà decidere se procedere con l’inchiesta per omicidio colposo e rinviare a giudizio i 22 tra medici e paramedici coinvolti.

A seguito della denuncia presentata dagli avvocati Alvaro Storella e Antonio Storella per conto dei fratelli Gravante (Marco, Massimo, Mauro e Manuela), il pubblico ministero di Lecce dott. Luigi Mastroniani ha individuato tutti i medici e paramedici (22 persone) che hanno tenuto in cura la signora Abbondanza Marra e disposto un accertamento tecnico medico legale irripetibile (ex artt 359-360 cpp). All’uopo è stato nominato il dott. Roberto Vaglio quale Consulente medico legale.

All’udienza fissata per dopodomani, venerdì  5 marzo, verranno formulati i quesiti ai quali il dott. Vaglio dovrà rispondere per verificare se il decesso della signora Abbondanza è avvenuto per cause legate al Covid oppure per omissioni da parte della struttura sanitaria di Lecce.


In quell’occasione, in pratica, il giudice valuterà se ci sono gli estremi per rinviare a giudizio i 22, tra medici e sanitari coinvolti nell’indagine, oppure se ritenere il decesso della donna dovuto al Covid senza responsabilità di medici e paramedici.

Ricordiamo che secondo i figli della vittima, che hanno dato mandato allo Studio degli avv.ti Alvaro Storella e Antonio Storella, di procedere per vie legali, «la nostra mamma è morta sola in ospedale. Non era autosufficiente, non è stata alimentata, né le hanno dato le medicine che solitamente prendeva. Alla fine è andata in coma e ci ha lasciato a 73 anni. Nessuno ci ha dato risposte convincenti su quanto avvenuto».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus