Connect with us

Attualità

“Ciclo dei rifiuti, questione di coraggio e volontà politica”

Lettera aperta dI Blasi ad Emiliano sulla chiusura del ciclo dei rifiuti in Puglia

Pubblicato

il

Lettera aperta del consigliere regionale Sergio Blasi al Governatore Michele Emiliano Emiliano sulla chiusura del ciclo dei rifiuti in Puglia.


Gentile presidente Emiliano, sono ormai decenni che in Puglia si parla della chiusura del ciclo dei rifiuti. Si tratta di un impegno che le passate amministrazioni regionali non sono riuscite ad onorare nonostante le promesse. Oggi tocca alla sua affrontare e risolvere il problema. L’occasione per farcela, finalmente, è data al Patto per la Puglia: oltre 700 milioni, frutto dell’intesa istituzionale tra la Regione e il Governo Centrale, da spendere entro il 2017 su due fronti: la depurazione delle acque e la chiusura del ciclo dei rifiuti.


Come è noto ormai a tutti, su questo fronte il problema sono gli impianti di compostaggio. O meglio: la carenza di questi impianti nella nostra regione. Ad oggi non esiste un impianto pubblico che svolga questa funzione e se la situazione è questa, è inutile nasconderlo, è legittimo che i cittadini pensino che c’è una volontà politica di non riformare il sistema. O di farlo a ritmi lentissimi, per non sottrarre improvvisamente economie al settore delle discariche e degli inceneritori che ancora oggi è imperante.


Il consigliere regionale Sergio Blasi

Il consigliere regionale Sergio Blasi


In alcune città, come a Lecce, ci si trova in una situazione paradossale: i cittadini differenziano e l’amministrazione conferisce in discarica. Questo avviene anche perché non c’è la possibilità, per i pochi impianti (privati) di compostaggio pugliesi, di accogliere i rifiuti di un bacino enorme. A pensar male si potrebbe notare anche che le inefficienze della differenziata sono funzionali alla sopravvivenza del sistema precedente, quello che all’esito della raccolta prevede la discarica o l’inceneritore. Ma il punto qui è un altro: come si esce dall’empasse? Se la nuova Agenzia Regionale dei Rifiuti procede a rilento, se le Oga nel precedente assetto organizzativo, in particolare a Lecce, si sono lasciate sfuggire milioni di euro di finanziamenti europei non riuscendo a costruire un impianto di compostaggio, se i comuni restano appesi alla disponibilità eventuale degli impianti di compostaggio privati, cosa si può fare, in attesa di quella rivoluzione del sistema troppe volte annunciata e mai realizzata?


Io faccio la mia proposta: ristrutturare le piattaforme per la selezione dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata presenti in tutta la Regione. Nel Salento si trovano a Ugento, Melpignano e Campi Salentina. Quegli impianti, costruiti con soldi pubblici e mai entrati in funzione (o che hanno funzionato per brevi periodi), avrebbero certamente bisogno di una ristrutturazione, ma nel giro di 6 –  8 mesi sarebbe possibile trasformarli in impianti di compostaggio aerobico funzionanti a pieno regime, in grado di assorbire il rifiuto umido del proprio bacino di riferimento. E soprattutto, la gestione di quegli impianti resterebbe in mani pubbliche.

Se oggi infatti scontiamo un ritardo anomalo rispetto a territori più avanzati è proprio perché i nuovi impianti di compostaggio sottrarrebbero tonnellate di rifiuto (e dunque guadagno) a quelle realtà che gestiscono discariche e inceneritori. E che – è inutile nasconderlo – esercitano potenti pressioni sulla politica a tutti i livelli, perché dalle decisioni istituzionali dipendono i loro guadagni.


Nelle sedi istituzionali l’ipotesi che va per la maggiore è quella di consentire a biostabilizzatori e discariche private di trasformare, con soldi pubblici, i loro impianti. Ciò permetterebbe di convertirli in impianti di compostaggio anaerobici dai quali produrre, grazie ai gas prodotti dal rifiuto umido, energia elettrica (come se in Puglia non ne producessimo già abbastanza).  Io sono convinto che una soluzione del genere, nella quale l’attenzione per il business privato è ancora prevalente rispetto a quella per il bene comune, non consentirebbe di cambiare il sistema in tempi brevi, come è necessario, né garantirebbe appieno l’interesse pubblico per uno smaltimento sostenibile dei rifiuti.


In conclusione aggiungo un altro pensiero: accanto all’azione della Regione occorre che anche i singoli Comuni comincino ad osare. È necessario infatti incrementare la diffusione e l’utilizzo delle compostiere di comunità, in modo da destinare una parte della raccolta direttamente alla produzione di compost in loco. Esperimenti come quello di Melpignano sono in grado di liberare il sistema dello smaltimento di una quota significativa di organico. Ma è necessario che vengano applicati e realizzati su larga scala. Personalmente sono stanco di veder segnalare come felici eccezioni esperienze come quella realizzata nel mio Comune. Dovrebbero essere la norma, anche grazie al sostegno regionale.


Al di sopra di ogni azione che possiamo intraprendere per migliorare il modo in cui smaltiamo e riutilizziamo i nostri rifiuti c’è, dunque, la voglia di cambiare rotta e il coraggio di provarci. Mi auguro che presto questa voglia e questo coraggio arrivino anche in Giunta regionale imponendo la responsabilità di intervenire nel settore laddove oggi si registra, lo dico con rammarico, la stessa indolenza, mista alla volontà di non cambiare nulla, che sul tema dei rifiuti ha caratterizzato le giunte precedenti.


Sergio Blasi


Attualità

Raggi Zero: a Tricase l’ultima frontiera nella cura delle aritmie cardiache

Pacemaker senza “Raggi X”: l’equipe della sala di Elettrofisiologia del “Cardinale Panico” guidata dal Dott Palmisano è stata la prima in Italia nel riuscire in questa impresa

Pubblicato

il

Eseguito su un paziente del “Cardinale Panico” l’impianto di un pacemaker in grado di ripristinare il fisiologico funzionamento dell’impianto elettrico del cuore. Il delicato intervento è stato eseguito con una tecnica rivoluzionaria che evita completamente l’utilizzo di raggi X.


L’eccezionale intervento è stato eseguito presso il “Cardinale Panico” di Tricase  dal dottor Pietro Palmisano e dalla sua equipe nell’Unità Operativa Complessa di Cardiologia diretta dal dottor Michele Accogli su un paziente di 78 anni affetto da una grave ed evolutiva forma di aritmia cardiaca.


Rispetto ad un pacemaker convenzionale, quello impiantato dal Dottor Palmisano è in grado di stimolare con estrema precisione un microscopico fascio di cellule nervose (denominato fascio di His) presente all’interno del cuore e che costituisce un punto nevralgico dell’impianto elettrico che governa il muscolo cardiaco.


La stimolazione selettiva di questo piccolo fascio (delle dimensioni di pochi millimetri) fa si che ad ogni battito il cuore si attivi in maniera fisiologica e naturale, consentendo di preservarne il perfetto funzionamento negli anni.


STIMOLAZIONE “HISIANA”


«Un normale pacemaker», chiarisce il dottor Palmisano, «stimola il cuore artificialmente. Tale stimolazione artificiale, però, col passare degli anni potrebbe indebolire il cuore. Il tipo di pacemaker da noi impiantato, invece, ripristinando un’attivazione elettrica fisiologica del cuore, evita l’indebolimento. In altre parole, con questo tipo di stimolazione (chiamata stimolazione “hisiana”) viene ripristinato il normale ritmo cardiaco come se il paziente non avesse il pacemaker».


L’impianto elettrico del cuore con il fascio di His


L’intervento in oggetto richiede un’estrema precisione: il catetere del pacemaker deve essere posizionato e fissato con precisione millimetrica su di un microscopico fascio di cellule.


L’elemento assolutamente innovativo e rivoluzionario dell’intervento eseguito dal Dott Palmisano e dalla sua equipe è che il pacemaker è stato impiantato senza l’utilizzo di raggi X.

Per il posizionamento del catetere è stato «utilizzato un sistema di mappaggio computerizzato di altissima tecnologia che consente di realizzare una ricostruzione tridimensionale delle camere cardiache e di navigare al loro interno con una precisione inferiore al millimetro, senza necessità di raggi X». Grazie a questo sofisticato sistema, l’intervento è stato eseguito con successo mantenendo l’apparecchio per l’erogazione dei raggi X completamente spento dall’inizio alla fine.


L’equipe della sala di Elettrofisiologia del “Cardinale Panico” guidata dal dottor Palmisano è stata la prima in Italia nel riuscire in questa impresa: «L’importantissimo traguardo» aggiunge il cardiologo del “Panico”, «conferma sempre più l’ospedale di Tricase come struttura di eccellenza nel panorama pugliese e nazionale. 


La mappa tridimensionale che ha consentito di posizionare i cateteri all’interno del cuore del paziente con una precisione inferiore al millimetro, senza l’utilizzo di raggi X


Questa innovativa tecnica per l’impianto del pacemaker chiamata “Raggi Zero”, oltre ad evitare l’esposizione alle radiazioni per il paziente e per gli operatori sanitari che partecipano all’intervento», sottolinea,«consente di ricostruire l’anatomia cardiaca con un’altissima precisione consentendo di posizionare i cateteri con maggiore precisione e sicurezza. L’utilizzo di sistemi di mappaggio che non richiedono l’utilizzo di raggi X», conclude il dottor Pietro Palmisano, «rappresenta l’ultima frontiera nella cura delle aritmie cardiache, oggi riservata a pochi centri d’eccellenza, ma che sicuramente nei prossimi 10 anni costituirà il nuovo standard per questo tipo di procedure».


Giuseppe Cerfeda


 


 


Continua a Leggere

Attualità

Turista trova in mare reperto del XIV secolo

È accaduto nella marina neretina di Sant’Isidoro. Il bacino in ceramica è stato datato ed è ora al Museo del Mare Antico

Pubblicato

il

Una giovane turista di Bolzano, in vacanza nel Salento, trova a Sant’Isidoro un prezioso reperto in ceramica risalente a diversi secoli fa, lo consegna alle autorità e diventa così l’artefice di una scoperta che potrebbe avere interessanti risvolti sul fronte della ricerca e per il patrimonio museale neretino.


Nadine La Salvia, ventenne studentessa universitaria, ha intravisto il manufatto sul fondale a circa due metri di profondità, attratta dalle decorazioni in rosso. Lo ha recuperato incuriosita e ha chiesto lumi a un suo ex professore di storia dell’arte, a cui ha inviato alcune foto dello stesso.


Il docente ha capito subito che poteva trattarsi di qualcosa di antico e l’ha invitata a contattare la Capitaneria di Porto di Gallipoli, che ha recuperato il reperto e lo ha poi consegnato alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Brindisi, Lecce e Taranto.


Ora si trova presso il laboratorio del Museo del Mare Antico di Nardò per i trattamenti necessari in acqua dolce.


L’analisi ha consentito di stabilire che si tratta di un bacino in ceramica invetriata policroma, decorata in stile “Taranto” e risalente a un periodo compreso tra il XIV e il XV secolo.


Peraltro, pare trattarsi degli stessi bacini in ceramica “ritratti” in diversi affreschi murari nel chiostro di Sant’Antonio e in cattedrale.

Nardò, del resto, è stato soprattutto nel Seicento un fiorente centro produttivo di ceramica, grazie alle fornaci e ai maestri locali, i cui manufatti impreziosirono le case degli alti prelati, dei nobili e delle classi agiate (come ha minuziosamente descritto il fenomeno il ricercatore Riccardo Viganò).


È probabile che questa abilità artigianale fosse già diffusa in un’età un poco precedente, cioè quella alla quale è stato ricondotto il bacino rinvenuto a Sant’Isidoro.


Certamente apprezzabile il comportamento della ragazza, che ha trasformato il bagno nelle acque joniche del Salento in una fortunata e involontaria “esplorazione” nell’archeologia tardo-medievale.


«Devo ringraziare questa giovane turista», dice l’assessore all’Ambiente e ai Musei Mino Natalizio, «perché ha dimostrato una sensibilità e un senso di responsabilità davvero apprezzabili. Un comportamento esemplare della cura che tutti dovremmo avere del contesto che ci circonda, che spesso invece “paga” la superficialità con cui lo trattiamo. Ora il bacino, che è stato riconosciuto e datato, potrebbe diventare un pezzo del nostro patrimonio museale e potrebbe anche essere l’occasione per indagare più approfonditamente nella zona del ritrovamento».


Continua a Leggere

Attualità

Due nuovi casi in provincia: salgono a 2222 i positivi in Puglia

Pubblicato

il


Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 23 settembre in Puglia, sono stati registrati 4014 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 89 casi positivi: 29 in provincia di Bari, 2  in provincia di Brindisi, 11 nella provincia BAT, 35 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto, 4 residenti fuori regione.





Sono stati registrati 2 decessi: 1 in provincia di Bari e 1 in provincia di Taranto.





Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 385490 test.





4.426 sono i pazienti guariti.





2.222 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.231, così suddivisi:





2.809 nella Provincia di Bari;





597 nella Provincia di Bat;




763 nella Provincia di Brindisi;





1.727 nella Provincia di Foggia;





767 nella Provincia di Lecce;





509 nella Provincia di Taranto;





58 attribuiti a residenti fuori regione;





1  provincia di residenza non nota.





I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus