Connect with us

Melpignano

Tessiture del Salento, sciopero a Melpignano

Da domani a giovedì braccia incrociate e sit in davanti all’azienda per il mancato pagamento dei salari ai 117 lavoratori

Pubblicato

il

Tre giorni di sciopero con sit-in davanti all’azienda.


Da domani a giovedì, quando è previsto un ulteriore incontro con la dirigenza del Gruppo Canepa, i lavoratori di Tessiture del Salento Industriale manifesteranno contro il mancato pagamento degli stipendi.


Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil hanno proclamato lo stato di agitazione alla fine della scorsa settimana e annunciato oggi lo sciopero, subito dopo un contatto avuto con i vertici aziendali.


I lavoratori si fermeranno dal primo turno di domani, fino a giovedì, quando è in programma l’incontro con il responsabile delle Relazioni industriali del fondo che controlla il Gruppo (il DeA Capital Alternative Funds Sgr).


Tessiture del Salento Industriale non ha pagato l’ultimo stipendio. A preoccupare i lavoratori, oltre al ritardo, sono le mancate rassicurazioni da parte della società.

“Dai colloqui odierni”, fanno sapere i segretari porovinciali delle tre sigle sindacali Franco Giancane (Cgil), Sergio Calò (Cisl) e Fabiana Signore (Uil), “non è dato sapere se e quando l’impresa verserà gli stipendi ai 117 lavoratori (116 più un part-time) dell’azienda con sede a Melpignano. Una situazione determinata, pare, dall’assenza di liquidità”.


Sindacati e lavoratori sono sul piede di guerra anche perché “non comprendono le motivazioni alla base del trattamento, decisamente diverso, riservato dal Gruppo ai lavoratori degli stabilimenti del Nord.  A San Fermo della Battaglia (Como) dove lavorano 446 persone, ad esempio, dopo l’incontro di venerdì scorso, gli stipendi sono stati erogati.  A Melpignano, invece non si hanno notizie né dei tempi del versamento né della volontà aziendale”.


Un comportamento, secondo i sindacati, “inaccettabile, visto che il diritto alla retribuzione, come quello al lavoro, non può essere riconosciuto in maniera arbitraria ad alcuni lavoratori e non ad altri. La scelta di negare il salario ai lavoratori di Melpignano calpesta ulteriormente la professionalità e la consolidata disponibilità delle maestranze locali”, concludono nella loro nota unitaria i tre segretari provinciali, “che negli anni hanno sopportato anche i sacrifici della flessibilità economica puntualmente richiesti dall’azienda”.


Cronaca

Incidente sulla Maglie-Lecce: soccorsi e rallentamenti

Pubblicato

il

Incidente stradale sulla Maglie-Lecce attorno alle 13.

Più auto sono rimaste coinvolte in un tamponamento all’altezza della zona industriale di Melpignano, in direzione nord.

Una vettura si è ribaltata sulla fiancata rimanendo pericolosamente a lato della carreggiata.

Sul posto soccorsi e forze dell’ordine. Il 118 coadiuvato dai vigili del fuoco ha soccorso i coinvolti. Il traffico è stato rallentato dal sinistro. Seguono aggiornamenti.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Trulli Tales, cartoni animati made in Puglia

Il “Magic Cine Bus” di Apulia Film Commission arriva nelle piazze di oltre 30 Comuni pugliesi

Pubblicato

il

Sarà la città di Monte Sant’Angelo, patrimonio Unesco in provincia di Foggia, ad accogliere sabato 1 agosto la prima proiezione in piazza di “Trulli Tales”, una serie animata realizzata dalla Fondazione Apulia Film Commission che coinvolge oltre 30 Comuni pugliesi. L’obiettivo dell’iniziativa on the road, è di divulgare il più possibile la cultura cinematografica nella nostra Regione, in particolare dei più piccoli.

«Esprimo tutta la mia gioia per l’entusiasmo e la grande partecipazione con la quale i Comuni soci della Fondazione, hanno accolto l’iniziativa del “Magic Cine Bus” itinerante promosso da Apulia Film Commission», commenta Loredana Capone, assessore all’industria turistica e culturale della Regione Puglia, «ogni anno cerchiamo di proporre attività culturali innovative, con l’obiettivo di divulgare il più possibile la cultura cinematografica nella nostra regione. Ed è proprio in questo scenario che, tra luglio e settembre, il nostro “Magic Cine Bus” percorrerà la Puglia dal Gargano al Salento. Proietteremo all’aperto, nelle piazze dei nostri bellissimi centri storici come anche nei quartieri più “difficili”. La programmazione per l’estate 2020, prevede un omaggio ai bambini e alle loro famiglie, i più provati dagli ultimi mesi».

L’iniziativa della Fondazione, vuole essere soprattutto un omaggio ai bambini e alle loro famiglie, un modo per regalare a tutti una serata di divertimento dopo mesi di grande difficoltà. Le scelte delle proiezioni, infatti, sono state concepite appositamente per i più piccoli, con un’offerta che predilige film di animazione. Un modo anche per mantenere vivo l’interesse per la settima arte e, soprattutto, avvicinare il più possibile i giovani spettatori del futuro.

«La nostra Fondazione conta 48 Comuni soci, nostri alleati nello sviluppo delle attività relative alla produzione cinematografica in Puglia», precisa Simonetta Dellomonaco, presidente di Apulia Film Commission.

Realizzare anche un progetto di audience development insieme ai Comuni, rappresenta una grande opportunità per rendere questa regione ancora più consapevole del potenziale cinematografico pugliese.

«Da sempre siamo convinti che il cinema possa contribuire a creare un linguaggio relazionale e creativo negli abitanti di un territorio», commenta Simonetta Dellomonaco, presidente di Apulia Film Commission, «per questo motivo, pensando all’isolamento degli ultimi mesi, a causa dell’emergenza mondiale da Covid-19, per diminuire le distanze abbiamo immaginato per l’estate 2020 un’iniziativa itinerante, che porti in diverse piazze pugliesi un momento di unione e di ottimo cinema soprattutto per i più piccoli, garantendo sempre la costante sicurezza necessaria».

La rassegna itinerante “Trulli Tales”, infatti, è realizzata in collaborazione con Rai Ragazzi che ha coprodotto la serie “Trulli Tales – le avventure dei Trullalleri” insieme a Fandango e Congedo Editore: «un ringraziamento, quindi, va al direttore di Rai Ragazzi Luca Milano e a Maria Elena Congedo e a Fiorella Congedo creatrici della serie animata “Trulli Tales” e coordinatrici della rassegna e il Kinovan per i servizi tecnici».

«Con questa iniziativa», precisa il direttore Antonio Parente, «Apulia Film Commission stringe a sé virtualmente tutti i Comuni soci della Fondazione che con la loro dedizione, accolgono con grande professionalità produzioni prestigiose nazionali e internazionali su tutto il territorio pugliese. Per questo, quindi, le nostre iniziative estive rappresentano un piccolo ringraziamento alla loro pazienza e al loro lavoro. Quest’anno abbiamo voluto farlo con una delle eccellenze pugliesi internazionalmente riconosciuta: la serie animata “Trulli Tales”. Con questo progetto, che si va a integrare con le attività culturali estive dei nostri comuni soci, proviamo a far riassaporare alle giovanissime generazioni la magia del cinema come momento di aggregazione sociale e strumento di arricchimento culturale».

Il “Magic Cinebus”, tra agosto e settembre, percorrerà la Puglia e farà tappa nei Comuni soci della Fondazione che aderiscono all’iniziativa, i quali proietteranno i film all’aperto nei luoghi scelti dalle diverse amministrazioni. Le prime dieci tappe della rassegna si terranno nella provincia di Foggia. Il programma proseguirà nelle province di Bari, Brindisi ed infine Lecce, coinvolgendo Aradeo, Caprarica di Lecce, Corigliano, Galatina, Gallipoli, Leverano, Melpignano, Nardò, Novoli, Palmariggi, Specchia e Taviano, e Taranto (Maruggio).

Continua a Leggere

Attualità

Taranto e Grecìa Salentina Capitale della Cultura 2022, presentato dossier

In corsa assieme a Taranto come simbolo di un Sud che unisce le forze, che fa squadra, che punta sulle comuni origini elleniche per creare così le condizioni per un ulteriore e più sostenibile sviluppo dell’area jonico salentina

Pubblicato

il

La cultura cambia il clima” è il claim della candidatura di Taranto e della Grecìa Salentina a Capitale Italiana della Cultura 2022.

Il dossier presentato oggi alla stampa, nel Teatro Comunale Fusco, è il risultato di una condivisione che ha superato i confini geografici della città, coinvolgendo anche i 12 comuni della Grecìa Salentina in un percorso che trova punti di contatto nella storia, nelle tradizioni, nello stile di vita di queste due aree.

La partecipazione al bando del Mibact era stata già predisposta a marzo, prima che il lockdown rimandasse tutte le attività.

Questo frangente temporale, però, ha arricchito il dossier con elementi di contemporaneità legati anche all’emergenza epidemiologica, rafforzando il tema della sostenibilità.

Grecía e Taranto, simbolo di un Sud che unisce le forze, che fa squadra, che punta sulle comuni origini elleniche per creare così le condizioni per un ulteriore e più sostenibile sviluppo dell’area jonico salentina.

A rappresentare i Comuni della Grecìa Salentina, autonomamente in corsa per la candidatura prima di sposare il progetto di Taranto, c’era il presidente nonché sindaco di Castrignano de’ Greci, Roberto Casaluci (nella foto grande in alto), accompagnato da Massimo Manera sindaco di Sternatia e presidente della fondazione “Notte della Taranta”.

«Da decenni con i nostri 12 comuni lavoriamo sinergicamente sui temi della cultura», ha spiegato il presidente dell’Unione Grecìa, «abbiamo pensato di allargare questo approccio rinunciando alla nostra candidatura e abbracciando la visione di Taranto e la nostra storia comune, puntando sulla contemporaneità dell’elemento ambientale».

«La candidatura della Grecía Salentina a capitale della cultura 2022 insieme a Taranto», ha sottolineato Roberto Casaluci, «può rappresentare una straordinaria occasione per valorizzare il nostro territorio con le sue tipicità e peculiarità culturali ed artistiche, per farlo conoscere ed apprezzare nel resto d’Italia e non solo.  Punteremo molto, come è stato fatto in Grecía negli ultimi 20 anni, sulla nostra storia, sulla nostra lingua minoritaria, il griko, sulle arti  e su tutto il nostro importantissimo patrimonio culturale materiale ed immateriale. A tutto questo dovrà aggiungersi una ridefinizione  oculata del settore turistico per diventare una destinazione turistica moderna ed attrattiva».

«Nel nostro dossier c’è più anima», sono le parole del sindaco Rinaldo Melucci, «altri ne hanno affidato la redazione ad agenzie specializzate perché sono in cerca di una vetrina che aiuti la ripartenza. Per noi è, invece, la partita della vita, perché certifica un movimento che questa città ha già avviato e che vede nella cultura e negli eventi driver fondamentali per la trasformazione della propria immagine. Siamo la città che ha organizzato più eventi e festival dopo il lockdown, siamo contenti di farlo. Condividiamo con gli amici della Grecìa Salentina molte cose, ma soprattutto la consapevolezza che siamo ciò che raccontiamo e, in un progetto, siamo ciò che lasciamo dopo di noi».

Anche il presidente Michele Emiliano, attraverso il suo consigliere per l’Ambiente Rocco De Franchi, ha augurato al dossier di fare strada, perché «se Taranto e i Comuni della Grecìa diventeranno Capitale Italiana della Cultura 2022», ha dichiarato de Franchi, «lo diventerà la Puglia intera. Grazie a tutti, quindi, perché costruite nel presente il futuro dei nostri territori».

A chiudere gli interventi è stato Manoocher Deghati, fotografo franco-iraniano di fama internazionale e membro del comitato scientifico di Taranto Capitale della Cultura 2022. «Taranto è stata per anni una città vittima», ha dichiarato, «ora merita questo risultato».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus