Connect with us

Parabita

Giorgio Monteanni, eroe di Parabita

Pubblicato

il

Questo è il racconto di un eroe. Un altro eroe, dove per “altro” s’intende di tempi ormai lontanissimi, quando non c’era certo la tivvù a rendere note al Mondo le azioni di chi ha combattuto ed ha sacrificato la vita per la Patria. Oggi di tanti eroi italiani della guerra o delle missioni cosiddette di pace se ne conoscono i nomi, i volti, le storie, ogni minimo particolare. Invece questo che vi propiniamo è il racconto di un eroe sinora sconosciuto ai più.


Un racconto che emoziona e mette i brividi perché narra di un soldato italiano della Prima Guerra Mondiale (la Grande Guerra), Giorgio Monteanni, di Parabita, consapevole della morte alle porte. E’ una sorta di testamento di chi sa di avere i giorni contati e, nonostante ciò, è pronto a cimentarsi nell’ultima battaglia, non prima però di rivolgere l’estremo saluto ai propri cari.


“Bello ricordarlo per la Festa dei Caduti”


A rendercene partecipi, ed a consegnare ai giorni nostri, a distanza di ben 95 anni, le gesta di questo soldato, è un suo nipote. Gigi De Blasi è un arzillo signore di 75 anni, originario di Parabita, ma che dal 1963 risiede con la famiglia a Tricase, qui trasferitosi per lavoro (è stato rappresentante di commercio in zona per una nota industria dolciaria). Ed è una sua scoperta, quella appunto di una lettera dello zio (fratello della madre), a spingerlo a venire nella nostra Redazione, “perché”, ci dice con la voce rotta e gli occhi umidi per l’emozione, “non si può sottacere il dramma ma allo stesso tempo il coraggio di chi, come mio zio e come migliaia di soldati, era al fronte e vedeva la morte da molto vicino. Ho ritenuto che, nella ricorrenza del 4 Novembre, Festa dei Caduti, questo episodio dovesse essere portato a conoscenza delle generazioni di oggi”.


La lettera 95 anni dopo…


Tutto comincia per caso: “Lo scorso settembre, nel dare una veloce sistemazione alla casa di mia sorella Rosaria, dopo la morte dell’altra sorella, Cosimina, mi capita tra le mani una lettera: comincio a leggere e subito provo un tuffo al cuore. Guardo la data e mi assale l’ansia, che diventa commozione quando giungo alla firma: è quella di mio zio Giorgio. La data è il 4 luglio 1915, certamente pochi giorni prima della sua morte. Infatti, in base alla ricostruzione di quei terribili momenti che zio Giorgio fa nella sua lettera, credo che fossero appena riusciti a respingere un primo attacco degli austriaci sull’Isonzo, ma che fossero consapevoli che da lì a poco sarebbe arrivata la fine”. Un altro veemente attacco sferrato dagli austriaci, stavolta con gli alleati ungheresi, segna il destino dei nostri soldati.


62mila morti sull’Isonzo


Affidato il Comando delle Forze Armate Italiane al Generale Luigi Cadorna, vengono sferrate quattro offensive sull’Isonzo contro gli austro-ungarici: dal 23 giugno al 7 luglio 1915; dal 18 luglio al 4 agosto; dal 18 ottobre al 4 novembre; il 10 novembre. Ma i reparti italiani non ottengono alcun risultato rilevante. Anzi il nostro contingente conta 62mila morti e 170mila feriti, ovvero circa un quarto del contingente.


Giorgio a 20 anni parte per il fronte


Giorgio Monteanni, di Panfilo e Rosaria Cataldi, parte in guerra alla fine del 1914, all’età di circa 20 anni, lasciando la sua attività di parrucchiere per uomo a Parabita (ed il suo hobby di suonatore di Flauto Traverso). Attività che però continua a svolgere al servizio degli altri soldati, fra cui molti compaesani. A proposito dei quali, il sig. De Blasi ricorda distintamente un episodio significativo e decisivo della sorte dello zio Giorgio, episodio legato a Luigi Giannelli. Infatti, al contrario di Giorgio Monteanni, Giannelli si salvò (anche se perse una gamba) e, terminata la Guerra, lavorò come bidello alle scuole elementari di Parabita, dove conobbe appunto il sig. De Blasi (siamo nel ‘40/’41), a cui raccontò che quando Giorgio rimase ferito mortalmente, lui era proprio al suo fianco e, nonostante furono quelli attimi terribili, ebbe la freddezza di spostarne il corpo dalla prima linea perché non venisse calpestato e martoriato dai soldati che sopraggiungevano.

La tomba di Giorgio Monteanni si trova (insieme a quelle del padre e della madre) nel Cimitero Monumentale di Parabita.


Federico Scarascia


La lettera: “Mi son fatto già persuaso che non vedrò più nessuno…”


Riportiamo fedelmente il testo della lettera scritta dal fronte da Giorgio Monteanni al padre Panfilo, datata 4 luglio 1915, nella quale il soldato parabitano prende consapevolezza della fine vicina. Chiede così al padre di raccomandarlo alla Madonna (con riferimento particolare alla protettrice di Parabita, la Madonna della Coltura) e di estendere i saluti a tutti i familiari: sono citati la sorella Nena, il cognato Pici (si tratta della madre e del padre, di origini gallipoline, del sig. De Blasi), i fratelli Luigi e Carlo e la fidanzata Letizia.


La prima facciata

La prima facciata


La seconda facciata

La seconda facciata


“Carissimo padre. Sono contento che o ricevuta la tua cartolina e che godi di ottima salute di unita a tutti di casa, ciò che posso assicurarti di me, solo che sono 6 giorni che mi trovo in un punto dove sto con la morte sopra. Dalla notte di S. Pietro e Paolo per me non ci fu più bene, prima stavo bene, ma ora mi son fatto già persuaso che non vedrò più nessuno e non ritornerò più per abbracciarvi. Di voi altro non voglio che la vostra benedizione e il perdono, e questo ve lo chiedo piangendo e raccomandarmi alla madonna come mi son raccomandato solo. Vuoi sapere dove mi trovo? io sto alle montagne di Gorizia trincerato al fiume Isonzo e di sopra alle montagne ci sono i forti austriaci, sto in 1^ linea di fuoco e immaginati come si trova il tuo disgraziato Giorgio, che io solo nacqui per soffrire. Finisco di scrivere salutando tutti Zii Zie Amici e clienti, distintamente nena – Pici – Luigi e Carlo e te di unita alla mamma e sono il tuo figlio Giorgio. Saluto Letizia e ricordati sovente di me. Con i paesani sono 9 giorni che non ci vediamo che ci siamo perduti”.


Posta Militare – 4 Luglio 15 – 21^ Divisione


Attualità

A Parabita nasce il Polo delle Arti del Sud Salento

Pnnr edilizia scolastica: finanziato con 15 milioni di euro alla provincia di lecce il progetto che prevede la demolizione e ricostruzione dell’edificio attuale sede dell’Istituto Scolastico “Liceo Artistico, Musicale, Coreutico – Istituto Tecnico Professionale “Giannelli”

Pubblicato

il

Il Ministero dell’Istruzione ha reso note le graduatorie relative all’Avviso Pubblico per la realizzazione di “Nuove Scuole Innovative, Sostenibili, Sicure e Inclusive” (pubblicato il 2 dicembre 2021 e con scadenza 08 febbraio 2022), nell’ambito delle risorse del PNRR destinate all’edilizia scolastica.

La Provincia di Lecce ha scelto di partecipare all’avviso con una proposta progettuale che prevede la demolizione e ricostruzione dell’edificio attuale sede dell’Istituto Scolastico “Liceo Artistico, Musicale, Coreutico – Istituto Tecnico Professionale “Giannelli” di Parabita, che ha guadagnato un punteggio utile in graduatoria da parte della commissione di valutazione, ottenendo un finanziamento pari a 15.005.334,44 euro.

Un risultato di grande portata per l’intero territorio provinciale e regionale, un esempio di come le risorse del PNRR possono essere utilizzate per ottenere dei benefici concreti per le comunità coinvolte. Gli altri enti provinciali che hanno ottenuto il finanziamento richiesto sono la Provincia di Foggia e la Città Metropolitana di Bari.

Soddisfazione nelle parole del presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva: «Oggi raccogliamo un risultato frutto dell’impegno costante dell’Ente per le scuole salentine. Nel mio bagaglio ho la lunga e stimolante esperienza di rappresentante degli studenti e so quanto è importante il dialogo tra dirigenza, docenti, studenti, personale tecnico e l’istituzione, per portare a compimento non solo i grandi interventi, ma risolvere anche le piccole cose, che sono quelle che fanno sentire tutti coloro che “abitano” la nostra scuola come in una seconda casa. Una notizia come quella odierna dimostra come la Provincia sia un Ente capace di andare incontro alle esigenze territoriali, partendo dal singolo per allargarsi all’intera comunità. Ciò significa mettere al centro il futuro dei nostri ragazzi e ragazze, investendo per la crescita sostenibile e lo sviluppo del territorio».

L’attuale struttura del “Giannelli”, costruita alla fine degli anni ’60, presenta diverse e importanti criticità, tanto da non riuscire a rispondere adeguatamente ai nuovi standard didattico-pedagogici ai fini dell’erogazione dei servizi didattici.

L’Istituto ha pianificato la propria offerta formativa in modo «che si ponga, anche, come strumento di sviluppo del territorio, svolgendo funzioni di mediazione culturale, di socializzazione, di promozione di processi di orientamento».

Il progetto permetterà di rendere l’istituto scolastico un vero e proprio Polo delle Arti del Sud Salento e il nuovo corpo di fabbrica darà la possibilità di raggruppare in un’unica sede scolastica tutte le classi, che ora sono dislocate in diverse sedi disomogenee e non più idonee a soddisfare le esigenze e le necessità didattiche.

Il Ministero ora procederà ad indire un concorso di progettazione a livello nazionale, dal quale sarà prodotto il progetto di studio di fattibilità tecnica ed economica. Nei prossimi mesi tale progetto sarà messo a disposizione della Provincia di Lecce, che potrà procedere con le gare inerenti le restanti fasi di progettazione e l’esecuzione dei lavori. Ora la sfida, infatti, è quella di attuare l’investimento nel pieno rispetto di quanto previsto dal progetto candidato e soprattutto rispettando le strettissime tempistiche imposte dal PNRR.

«Notizie come questa confermano l’impegno sistematico della presidenza Minerva in tema di edilizia scolastica», è il commento del consigliere Antonio De Matteis delegato a Lavori Pubblici, Patrimonio ed edilizia scolastica, «avere plessi sicuri, di dimensioni adeguate e tecnologicamente avanzati è un obiettivo che questo Ente ha come priorità. Investire nella scuola vuol dire investire nel futuro dei nostri figli. Grazie alla decisiva collaborazione col dirigente scolastico Cosimo Preite, al lavoro degli uffici, del presidente, a quanto fatto da chi mi ha preceduto, otteniamo importanti risultati per la realizzazione di un’opera strategica per l’edilizia scolastica salentina».

La  proposta progettuale è il risultato di una sinergia tra Provincia di LecceComune di Parabita, in particolare del sindaco Stefano Prete, e IISS Giannelli, grazie al lavoro congiunto dei tecnici della Provincia di Lecce, diretti da Dario Corsini (Servizio Edilizia, Programmazione Rete Scolastica e Patrimonio), dei tecnici del Comune di Parabita diretti da Sebastiano Nicoletti, e dai tecnici coinvolti dell’IISS E. Giannelli, nell’ambito delle attività di PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento) Luigi Caggiula, Giancarlo Carrisi, Salvatore Moscara, diretti dal dirigente scolastico dell’Istituto Cosimo Preite. Ulteriore valore aggiunto è rappresentato dal fatto che tale lavoro viene seguito dalla classe 5 B indirizzo architettura e ambiente, guidata dall’architetto Giuseppe Colonna, docente della classe.

Continua a Leggere

Attualità

Matino, Casarano e Parabita… vigili contro la droga

Partecipa all’incontro anche don Antonio Coluccia. I tre Comuni uniti in una serie di iniziative volte al contrasto della diffusione, vendita e consumo delle sostanze stupefacenti

Pubblicato

il

Si terrà alle ore 18, presso il teatro comunale “G. Peschiulli”, in piazza Primiceri, a Matino, la presentazione del progetto intercomunale “Le polizie locali in rete contro la droga”, che vede la collaborazione dei Comuni di Matino, Casarano e Parabita, tutti uniti in una serie di iniziative volte al contrasto della diffusione, vendita e consumo delle sostanze stupefacenti.

Il progetto, del quale capofila è il Comune di Matino, nasce all’interno dell’iniziative di prevenzione e contrasto della vendita di sostanza stupefacenti nel triennio 2020-2022 (art. 1 comma 540 legge 160/2019) finanziate da Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle finanze e prevede interventi di educazione scolastica indirizzata agli alunni degli Istituti scolastici superiori del territorio, un corso di formazione rivolto agli agenti di Polizia locale e servizi integrati di vigilanza sul territorio. In particolare l’iniziativa è tesa ad attivare, previa adeguata formazione dei Corpi di Polizia locale dei tre Comuni, interventi mirati di sensibilizzazione verso il fenomeno del consumo delle droghe da parte dei giovani presso gli Istituti superiori, ma anche mediante allontanamento degli stessi giovani dalle piazze di spaccio.

Ad una prima fase educativa nelle scuole, seguirà quella operativa del personale di Polizia Locale, chiamato ad intervenire anche in forma congiunta sul territorio dei tre comuni e finalizzata al diretto contrasto delle piazze di spaccio, previo corso di formazione con il quale gli operatori potranno apprendere le giuste tecniche di approccio e le corrette modalità operative di intervento anche repressivo.

All’incontro parteciperanno: il prefetto di Lecce, S.E. Maria Rosaria Trio; i sindaci di Matino, Casarano e Parabita, Giorgio Salvatore Toma, Ottavio De Nuzzo e Stefano Prete; il sacerdote impegnato “in prima linea” nella guerra alla droga, nonché fondatore dell’Opera “Don Giustino” di Roma, don Antonio Coluccia.

La presentazione del progetto è affidata al Comandante della Polizia Locale del Comune di Matino, Luigi Muci. «Sono fiero», riferisce il sindaco Giorgio Salvatore Toma, «che un’iniziativa così importante sul fronte del contrasto al flagello della droga parta da Matino. Ma soprattutto sono felice della collaborazione con i Comuni di Casarano e Parabita, dal momento che un fenomeno del genere si può combattere solo in sinergia e in rete. In quest’ottica il ruolo della Polizia Locale risulta importantissimo. Abbiamo il dovere, come uomini delle Istituzioni, di proteggere i nostri giovani, che sono i soggetti più esposti a questi rischi, con tutti i mezzi che lo Stato ci dà a disposizione».

«L’approvazione del progetto “le Polizie Locali in rete contro la droga», dichiara il Comandante della Polizia Locale del Comune di Matino e responsabile del progetto Luigi Muci, «proposto dai Comuni di Matino, Parabita e Casarano, rappresenta un’occasione importante di sinergia fra i tre Comandi di Polizia Locale che avrà ricadute positive sulle Comunità interessate in termini di sicurezza e controllo del territorio. Si supera così il limite principale di intervento del singolo Comando, quello della territorialità, per promuovere una modalità di sicurezza integrata e finalizzata al presidio di un territorio che è unico e comune».

Continua a Leggere

Attualità

Premio Lilt a Suor Margherita e ad Antonio Quarta

XV Premio Lilt “Flavia Inguscio e Vittorio Velotti”: i due riconoscimenti principali sono assegnati alla direttrice generale dell’ospedale “Cardinale G. Panico” di Tricase e all’imprenditore titolare dell’azienda “Quarta Caffè”; menzione speciale per l’associazione “Lorenzo Risolo”. Nella sezione dedicata ai due premi alla memoria, ricordati Tiziana Torchetti, architetto di Racale, e di Roberto Faiulo, psicologo, di Melissano

Pubblicato

il

È stata un’occasione per ritrovarsi, riallacciare i fili interrotti causa Covid, e per ritornare a emozionarsi insieme.

La quindicesima edizione del “Premio Flavia Inguscio-Vittorio Velotti”, organizzato dalla delegazione di Melissano e dalla sezione provinciale della Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori), è stato un punto di rottura col passato e, contemporaneamente, un vivido segnale di speranza per il futuro.

Nell’accogliente atmosfera del Centro Culturale “Quintino Scozzi” di Melissano sono stati assegnati ben undici riconoscimenti, tesi a premiare il mondo del volontariato, soprattutto quello più nascosto, che si alimenta nel silenzio e nell’umiltà. Il Premio nacque nel 2006, per volontà di Vittorio Velotti, primo fondatore, nel 1992, della delegazione Lilt a Melissano.

Lo dedicò alla moglie Flavia Inguscio, che gli fu accanto sino all’ultimo e che spese gran parte della sua vita nel volontariato.

La serata è stata presentata da Monia Saponaro e introdotta dai saluti Enrico Corvaglia, presidente della Commissione del Premio.

«Vittorio», ha spiegato il prof. Corvaglia, «mi ha insegnato diverse cose nel cammino comune, mai salendo in cattedra, ma, semplicemente, facendo, risolvendo i problemi. Dava sicurezza a tutti e, proprio in queste occasioni, sentiamo particolarmente la sua mancanza, così come quella di sua moglie Flavia».

Toccanti parole sono state spese per Vittorio anche dal sindaco di Melissano, Alessandro Conte, che ne ha ricordato la verve, lo spirito critico e la forza intellettiva, ma anche la profonda conoscenza della storia, della cultura e delle tradizioni di Melissano.

I due premi principali dell’edizione 2022 sono andati a suor Margherita Bramato, direttrice generale dell’ospedale “Cardinale G. Panico” di Tricase, e ad Antonio Quarta, imprenditore e titolare dell’azienda “Quarta Caffè”.

«La figura di suor Margherita», si legge nella motivazione del premio consegnatole dal dott. Carmine Cerullo, presidente della Lilt Lecce, «rappresenta un moderno esempio di management nella gestione di una grande realtà sanitaria come l’azienda ospedaliera di Tricase, laddove i valori del rigore scientifico e della solidarietà umana si coniugano con estrema efficacia».

A suor Margherita, tra l’altro, è stato riconosciuto il grande impegno «per la femminilizzazione nella professione medica, da lei vista come una grande opportunità e un valore aggiunto per la funzionalità del Sistema Sanitario, grazie alla grande capacitò di ascolto, all’empatia innata e alla profonda attitudine alla cura della donna».

Ad Antonio Quarta è stato dato merito per la grande attenzione riposta nei temi ambientali e legati alla sostenibilità e alla tutela del territorio. A tali principi s’ispira il Progetto Natura, lanciato già 35 anni fa, che l’ha guidato a investire sulle energie rinnovabili per la sua azienda (oggi coperta al 40% da energia pulita) e a proporre, di recente, sul mercato una capsula per il caffè totalmente biodegradabile e, pertanto, ecosostenibile al 100%, rifiutandosi di investire sulla classica capsula non riciclabile e, di conseguenza, anche ai profitti a essa legati.  Quarta, dialogando col dott. Giuseppe Serravezza, responsabile scientifico della Lilt Lecce, che gli ha consegnato il premio, ha manifestato la volontà di istituire, per la prossima edizione dell’“Inguscio-Velotti”, un riconoscimento speciale dedicato ai più giovani.

Menzione speciale per l’associazione “Lorenzo Risolo” di Trepuzzi, nata dopo la prematura scomparsa di Lorenzo, a soli 14 anni, su impulso dei suoi genitori. Il sodalizio è in prima linea a sostegno dei bambini colpiti da malattia e delle loro famiglie. Per i piccoli, l’associazione s’ingegna per dar loro la possibilità di fare delle esperienze che possano alleviare, in parte, il dolore fisico e psichico. Per le famiglie, fornisce vicinanza e sostegno, sociale e economico, quando necessario.

Particolarmente commovente la sezione dedicata ai due premi alla memoria. Sono state ricordate le figure di Tiziana Torchetti, architetto di Racale, e di Roberto Faiulo, psicologo, di Melissano. Entrambi hanno speso la loro vita donandosi agli altri, mettendo a disposizione del prossimo le loro conoscenze professionali, coniugandole con il profondo spirito di servizio nei confronti dei più sofferenti e bisognosi.

Sei, infine, le segnalazioni di merito che sono state assegnate a: Fondazione “Daniela e Paola Bastianutti” di Casarano (referente: Claudio Bastianutti); “La Crisalide”, cooperativa sociale onlus di Felline (referente: Venusia Zizza); “Arcobaleno su Tanzania” (referente: Giovanni Primiceri); alle volontarie Lilt Cristina De Vittorio di Gallipoli (che ha strappato applausi con una sua poesia dedicata alla “Vita”), Gabriella Monsellato di Presicce e Maria Antonietta Bortone di Montesano Salentino.

I premi sono stati realizzati dal maestro Orlando Sparaventi di Parabita e rappresentano delle api, simbolo di laboriosità e di generosità. La manifestazione è stata accompagnata dalle esibizioni del M° Francesco Faiulo, baritono, laureato in Discipline musicali presso il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, che ha cantato “Go down Moses” (brano negro spiritual), “Non, je ne regrette rien” di Charles Dumont e ha eseguito, al pianoforte, una Fantasia drammatica tratta dalla “Tosca”.

L’appuntamento per l’edizione numero 16 del “Premio Inguscio-Velotti” è fissato per l’8 marzo 2023.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus