Connect with us

Attualità

Tiggiano: “Perchè non posso fare il bagno nel mio mare?!”

Molti di loro e molti loro accoliti si son sistemati con la casa abusiva costruita durante gli anni ’80; si son costruiti da sé, le cale a mare e possono spadroneggiare durante tutto l’anno. Saranno “infastiditi” se la “massa” potrà godere degli stessi servizi

Pubblicato

il

Sono un capitano di lungo corso: conosco benissimo i vincoli, le normative, i limiti e mi batto come un leone quando vedo lasciata per terra una carta, un mozzicone di sigaretta, una bottiglia di birra o un barattolo o altro ancora. Cerco di riassumere. La marina di Tiggiano ha una lunghezza di circa 700 metri, ed è forse la più selvaggia, la più ispida, la più impraticabile. Conosco le varie autorità che hanno vigilanza e cogenza di fronte a qualsiasi piccolissimo abuso compiuto. Sto qui proponendo alla Pubblica Amministrazione che deve farsi carico di un progetto sostenibile tanto da essere approvato da tutte le autorità che vi incombono, senza stravolgere nulla, lasciando inalterato il paesaggio, senza colate d cemento; sono il primo ecologista. Si possono realizzare delle cale quasi invisibili, non togliendo nulla alla natura, non deturpando, non sconvolgendo nulla. Realizzare per due mesi d’estate delle piattaforme mobili, come tante ne vedo, smontarle a fine stagione. Tutto qui, si può fare. Alla mia Amministrazione non sta a cuore il problema in quanto molti di loro e molti loro accoliti si son sistemati con la casa abusiva costruita durante gli anni ’80; si son costruiti da sé, le cale a mare e possono spadroneggiare durante tutto l’anno. Saranno “infastiditi” se la “massa” potrà godere degli stessi servizi.


Deve rimanere zona privilegiata per pochi privilegiati che abusivamente, immobili tutti “sanati” dal ministero della Sanità che trovavasi indebitato sino al collo e in quegli anni le “sanatarie” fioccavano e i furbetti del quartierino “sanarono” i loro immobili o le loro ville. Perché impedire ai quasi tremila cittadini di Tiggiano di poter usufruire della propria marina, poi chi vorrà andare a godersi altri scogli o la sabbia lo potrà fare senza autorizzazioni. Il sottoscritto è in questo campo un campanilista, cioè fare il bagno nelle acque, dicesi impropriamente di Tiggiano sarebbe per me un orgoglio. Non lo posso fare. Perché donne, uomini, bambini, diversamente abili non possono godere d’esatte di questo servizio? Perché pochissimi possono spadroneggiare, andare a pesca di ogni sorta di risorsa marina, rompere lo scoglio, mentre agli altri migliaia è impedito di poterlo fare nel rispetto, ripeto, dell’ancestrale paesaggio che ci è pervenuto da miliardi di anni. Conosco i vincoli del Parco, conosco il vincolo della legge Galasso, conosco il vincolo paesaggistico, conosco il vincolo a non edificare… ehi! Solo ai cittadini di Tiggiano si impongono le leggi dei divieti assoluti, mentre tutta la costa italiana di sabbia o di roccia è stata devastata dalle incursioni dei decenni trascorsi. Chiudo e ripeto. I cittadini di Tiggiano hanno diritto, si dice malamente, perché pagano le tasse, di utilizzare, di usufruire, di sentire il proprio mare, il proprio “mare de Tiscianu“, scusate l’espressione in vernacolo, nel rispetto più assoluto dei vincoli esistenti, si può fare!!!


Prendiamo esempio!
Il Comune di Andrano ospita, nel principale punto di balneazione della cittadina, in località Botte, un lido libero e attrezzato completamente accessibile a persone con disabilità o con ridotte capacità funzionali motorie e sensoriali. Il Lido attrezzato è di proprietà del Comune di Andrano che lo ha realizzato grazie al finanziamento di 240.000 euro ottenuto con il progetto europeo “Innovability” e comprende anche altri interventi a favore della disabilità. Ad aggiudicarsi l’affidamento la “Swim Liberi di Nuotare”, una società con esperienza nel campo della disabilità. Perché sulla scogliera di Tiggiano non si può fare?


Rocco Margiotta


Attualità

La scrittrice Marina Di Guardo, mamma della Ferragni, si gode il Salento

Pubblicato

il

La scrittrice Marina Di Guardo, mamma di Chiara Ferragni, si gode il Salento.

Piatti tipici, mare, centri storici nostrani. Le sue storie instagram raccontano il suo soggiorno nel basso Salento tra Specchia, Presicce, Ugento ed altri centri del Tacco.

Ospite di un resort di Torre San Giovanni, risolleva il morale della marina di Ugento, oggi comparsa sulle pagine di cronaca di mezza Italia per l’arresto di un boss della camorra finito in manette proprio sulle sue spiagge.

Continua a Leggere

Attualità

Un biglietto per il Salento? Costa oro

Pubblicato

il

L’alternativa al Frecciargento? Più che il Frecciarossa, il Frecciaoro.

È ciò che si direbbe consultando i prezzi che stanno comparendo sul sito di Trenitalia per l’alta stagione.

Quest’estate non torno

Una nostra lettrice di Montesano ci segnala l’incredibile rincaro dei biglietti. Complice il Coronavirus e le misure antiassembramento che hanno ridotto i posti utilizzabili nelle carrozze, la disponibilità di sedute è dimezzata. Ma la richiesta non va di pari passo, anzi.

Dopo mesi di lockdown, sono tanti i salentini che ancora attendono di poter tornare a casa. Dal lavoro o dall’università. E molti di loro non potranno farlo in queste vacanze estive. Il motivo? Il costo dei biglietti. Prendere un treno per Lecce da Torino, un sabato di agosto, costa minimo 150€. Le tariffe volano vertiginosamente (non solo per chi arriva da Piemonte).

Come in foto, dal capoluogo torinese in agosto partiranno treni per i quali vi è sola disponibilità di biglietti executive con un prezzo indicibile: 304 euro.

Chissà che, con ancora 3 settimane di tempo, il costo non possa salire ancora da qui al fischio del capotreno.

Continua a Leggere

Attualità

Lecce attende un nuovo prefetto

Pubblicato

il

Il Prefetto di Lecce cambia ancora.

Dopo la breve esperienza, Maria Teresa Cucinotta verrà trasferita in Calabria, presso la Prefettura di Catanzaro.

Prende il suo posto Maria Rosa Trio, 65 anni, di Ancona, laureata in giurisprudenza e ad oggi in carica a Latina.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus