Connect with us

Tricase

Il PD Tricase: “Basta perdere tempo”

Pubblicato

il

Il Partito Democratico a sostegno della campagna dell’Associazione Libeccio “Salviamo i vecchi gozzi di legno”. Scrive il PD tricasino: “Basta perdere tempo: il Sindaco e la Giunta comunale escano dall’ambiguità e si attivino. Gli abitanti del nucleo storico di Tricase Porto stanno conducendo una campagna per evitare che i tradizionali  gozzi in legno siano condannati allo sfratto dal nostro bacino portuale. Queste piccole imbarcazioni per molti di loro sono un’eredità familiare, segno concreto della trasmissione tra le generazioni di uno strumento di lavoro e al contempo della conservazione di una cultura del mare che si fonda su tecnica e sentimento, mestiere e cura dei luoghi.

Essi hanno acquisito la passione per il mare come connaturata al  loro ambiente di vita e l’ hanno conservata come elemento inseparabile della propria esistenza. Da tempo essi hanno costituito l’associazione Libeccio per mantenere vive le tradizioni e rinsaldare il legame comunitario tra i residenti. La funzione di animazione sociale che essi hanno svolto è riconosciuta come pregevole  nei diversi ambiti in cui sono intervenuti.  Con l’inizio della nuova gestione del Porto, tuttavia,  la situazione per molti di loro è diventata delicata se non insostenibile. L’aumento delle tariffe per il posto barca, infatti, pur se motivato dall’esigenza di migliorare i servizi offerti ai diportisti, li pone nella condizione di dover compiere la scelta dolorosa ma inevitabile di tirare a secco i gozzi. Con la conseguenza che questi, una  volta tirati fuori dall’acqua, potrebbero diventare  legna da ardere. E’ questo che si vuole?

Noi non possiamo permettere che ciò accada. Si verificherebbe uno snaturamento del panorama portuale e un notevole impoverimento antropologico. La crescita delle presenze nel nostro Porto e lo sviluppo dei servizi per i diportisti, che noi auspichiamo, non può contemplare la sparizione di quel  tessuto socio-culturale  che solo la presenza dei gozzi in legno potrebbe continuare a garantire. L’associazione Libeccio ha presentato già all’inizio dell’estate un’istanza al Sindaco con cui poneva il problema e offriva ragionevoli proposte di soluzione. Queste osservazioni, inoltre, furono rappresentate dai nostri consiglieri comunali  nel corso della discussione sul nuovo Regolamento dei servizi portuali e furono considerate degne di attenzione da tutti i gruppi consiliari.

Da allora, però, nessun atto concreto; solo risposte evasive e comportamenti a dir poco contradditori se non ostili. Noi chiediamo che si ponga fine alle ambiguità e si riconosca dignità  e funzione sociale alle richieste dei residenti storici rappresentati dall’associazione Libeccio. La comunità di Tricase Porto merita maggiori cure e attenzioni”.

Cronaca

Sub deceduto a Tricase Porto: si cerca fucile

Appello a chiunque dovesse pescare nel tratto di costa tra Otranto e Leuca. Il fucile è fornito di telecamera e potrebbe fare definitivamente luce su quanto accaduto sott’acqua

Pubblicato

il

Sono trascorse poco più di 24 ore dal ritrovamento del corpo senza vita di Davide D’Alessandro, l’apneista 28enne di Racale, deceduto a Tricase, nello specchio d’acqua antistante quello scoglio che tutti conoscono come l’Isola.

In attesa di conoscere le reali cause del decesso arriva l’appello rilanciato anche sui social da alcuni amici di Alessandro rivolto a chiunque dovesse imbattersi nel fucile da pesca del sub.

Fucile fornito di telecamera e che, quindi, in attesa dell’autopsia, potrebbe fare definitivamente luce su quanto accaduto sul fondale tricasino.

Se in questi giorni andrete a pescare nel tratto di costa tra Otranto e Leuca”, scrive Giovanni M. sul proprio profilo facebook, ricordando l’amico, “e ritrovate il fucile in foto del nostro Davidino portatelo urgentemente ai carabinieri per la visione dei filmati”.

Continua a Leggere

Cronaca

Il ritorno alla vecchia, triste normalità

Pubblicato

il

La fine del lockdown è il ritorno alla normalità. Quella vecchio stampo.

Ci eravamo detti che avremmo avuto più rispetto delle cose. Dell’ambiente. Degli altri. Del prossimo. Ma non è così.

Da Tricase Porto un esempio di rinnovata inciviltà, nelle foto scattate stamani da un nostro lettore: cartoni di pizza, scarti di cibo, bottiglie, plastica, vetro, spazzatura in abbondanza abbandonata lì dove, oggi, poche ore dopo in tanti stanno recandosi per godere finalmente del nostro mare.

Continua a Leggere

Cronaca

Morto sub disperso all’Isola

RItrovato il corpo senza vita di Davide D’Alessandro, il sub 28enne di Racale, disperso in mare a Tricase da ieri pomeriggio

Pubblicato

il

È finita purtroppo in tragedia quella che doveva essere una battuta di pesca come tante per un apneista esperto come Davide D’Alessandro, 28enne di Racale, della scuola di Michele Giurgola campione e recordman della specialità, anche lui racalino.

Davide, in una foto postata su Instagram dopo una recente battuta di pesca

Il suo corpo senza vita è stato ritrovato poco fa dai sommozzatori dei vigili de fuoco insieme ad alcuni sommozzatori volontari che stavano battendo il fondale proprio nei pressi dell’Isola, nel tratto di mare tra Tricase Porto e Marina di Andrano, dove ieri sera, intorno alle 23 era stato ritrovato il pallone segnaletico che il giovane era solito portarsi dietro, seppure a distanza.

Il corpo è stato individuato, a circa 200 metri dalla scogliera adagiato a 20 metri di profondità, da alcuni sommozzatori amatoriali amici del ragazzo scomparso.
Il recupero è stato effettuato dai Sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Bari i quali hanno issato la salma sulla motovedetta della Capitaneria di Porto la quale l’ha condotta al porticciolo di Tricase.

Tra i ricercatori impegnati nella serata di ieri a pattugliare la costa (mentre una Motovedetta della Guarida Costiera monitorava lo specchio d’acqua) montava un certo pessimismo, sembravano poche le possibilità di ritrovare il ragazzo in vita, troppi indizi lasciavano presagire il peggio: nessuna notizia sin dall’ora di pranzo, l’auto ancora parcheggiata sulla litoranea, il suo telefono cellulare che squillava senza che nessuno rispondesse, il pallone segnaletico ritrovato in mare…

Sul posto, per lunghe ore, carabinieri della locale Compagnia, Vigili del Fuoco del distaccamento di Tricase e Guardia Costiera, hanno comunque fatto tutto il possibile per tenere ancora acceso il lumicino della speranza e nel tentativo di restituire ancora in vita Davide ai suoi familiari (alcuni di loro erano sui luoghi delle ricerche).

Speranze, purtroppo, definitivamente evaporate poco prima delle 10 di stamani, quando i sommozzatori hanno ritrovato il corpo senza vita del sub.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus