Connect with us

Attualità

Sergio Blasi: “L’Italia viaggia a 2 velocità”

Mobilità e investimenti Fs, Mezzogiorno ancora una volta a secco di risorse

Pubblicato

il

Dei 58 miliardi di investimenti previsti nel Piano industriale 2019-2023 di Ferrovie dello Stato, solo 16 sono destinati al Sud. Meno di un terzo. In sostanza si portano a compimento opere già individuate, senza nessuna spinta ulteriore da parte di questo governo. Così, se l’alta capacità ferroviaria si ferma parte da Napoli e si ferma a Bari, l’alta velocità noi pugliesi continueremo a non sapere cosa sia. E non lo sapranno nemmeno i cittadini delle altre regioni del Mezzogiorno al di sotto di Napoli. C’è da girarci intorno: se le risorse non ci sono, significa che non c’è la volontà o, nel migliore dei casi, la capacità di rintracciarle. Non so davvero cosa sia peggio.


Ma i fatti parlano e dicono che al netto delle chiacchiere e della ministra del Sud, questo governo dimostra di non avere nessuna intenzione di invertire la rotta rispetto a politiche (e investimenti) per la mobilità che per anni hanno tagliano fuori il Mezzogiorno dalla possibilità di giocarsi alla pari la sua partita per lo sviluppo. Con l’attuale Piano industriale di Fs, la maggior parte degli investimenti di Ferrovie dello Stato continuano ad andare al Nord, alimentando l’attuale squilibrio, inaccettabile quanto tristemente dato per scontato, che caratterizza la mobilità su rotaia in Italia. La situazione attuale vede un Paese spaccato in due: se al Nord si viaggia su treni veloci, nuovi e sicuri, al Sud arranchiamo in un’arretratezza infrastrutturale fatta di binari unici, tratte ad alta lentezza e veicoli vecchi. E questo oltre a essere inaccettabile diventa sconfortante quando a fronte di un’accresciuta sensibilità da parte dei territori, a Roma si continuano perpetrare le stesse logiche nonostante la stucchevole retorica del cambiamento.

I trasporti pubblici indicano il livello di civiltà di un territorio, in questo caso di un Paese, e noi non possiamo sottrarci dal pretendere che il Sud sia raggiunto da investimenti seri per la mobilità delle merci e delle persone. E’ una battaglia alla quale non possiamo sottrarci e che ci riguarda tutti, dalla politica al mondo delle imprese e dei lavoratori, dall’attivismo civico a quello associativo. Dev’essere chiaro che con i trasporti pubblici viaggia un pezzo del nostro benessere e del nostro futuro. Non possiamo continuare a farcelo sottrarre.


Attualità

Partito dal Salento volo di aiuti umanitari per Mogadiscio

Pubblicato

il

È partito ieri da Brindisi, con il supporto della Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (Unhrd), destinazione Mogadiscio, il primo dei tre voli umanitari organizzati, nel quadro dell’iniziativa “Ponte aereo umanitario” (Eu Humanitarian Air Bridge).

“L’operazione, con un carico complessivo di 42 tonnellate di aiuti umanitari (tra cui materiale sanitario per la risposta al Covid-19), è il frutto dell’intensa attività di collaborazione e coordinamento tra la Farnesina, la Commissione europea, l’ambasciata d’Italia, la delegazione Ue a Mogadiscio e le autorità somale”, chiarisce una nota stampa del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale. Il carico è stato messo a disposizione, oltre che dalla stessa Farnesina, “da organizzazioni della società civile italiane e da agenzie delle Nazioni Unite”.

A destinazione, gli aiuti umanitari “sosterranno le attività di assistenza delle autorità somale e delle organizzazioni umanitarie nel contrasto alla diffusione del Covid-19 e nell’assistenza alla popolazione colpita dalle recenti eccezionali inondazioni.

Continua a Leggere

Attualità

La truffa del falso SMS con vincita da Euronics

Pubblicato

il

Le truffe attraverso sistemi telematici o sms non conoscono sosta. Una nuova frode del tipo cosiddetto smishing può coinvolgere ciascuno di noi purchè si possieda uno smartphone. Come abbiamo più volte segnalato noi dello “Sportello dei Diritti”, basta un innocuo messaggino, un nostro click, la promessa della vincita dell’ultimo telefonino alla moda, come un iPhone 11, previa partecipazione ad un sondaggio, l’inserimento di nostri dati personali e bancari ed il gioco è fatto: subito dopo possiamo vederci prosciugato il conto o clonata la carta di credito. A denunciare l’ultima truffa di questo tipo, è la Polizia Postale con un post pubblicato sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia”: “ATTENZIONE – In questi giorni potrebbe giungere sul vostro smartphone un falso SMS da parte della catena di negozi Euronics. Nel testo del messaggio è presente un link che, se cliccato, rimanda ad un sito clone apparentemente simile a quello ufficiale della predetta azienda. Il messaggio, facendo riferimento alla possibilità di vincere uno smartphone iPhone 11, invita i destinatari a partecipare ad un sondaggio e ad inserire i propri dati personali e della carta di credito.

Vi consigliamo pertanto di:

• Non “cliccare” sul link proposto;

• Non fornire alcun dato personale o relativo alla propria carta di credito o conto bancario;

• Effettuare la scansione del dispositivo con un antivirus aggiornato.”

Anche la catena Euronics, ovviamente inconsapevole, diventa uno specchietto per le allodole per tanti che non prestano attenzione e che sono attratti da false promesse di regalo che alla fine si rivelano solo un modo per accedere ai nostri dispositivi, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Perché nonostante gli avvertimenti e gli inviti all’attenzione che continuamente rivolgiamo, sono ancora troppi i cittadini che reagiscono d’impulso e si fanno fregare facilmente. Il modo migliore per difendersi, è quello di seguire fedelmente le indicazioni della Polizia Postale. Nel caso siate comunque incappati in una di queste truffe potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

Continua a Leggere

Attualità

Collemeto: iniziano i lavori per il postamat

Dal 6 al 31 luglio l’Ufficio Postale della frazione di Galatina resterà chiuso per consentire l’effettuazione dei lavori di installazione dell’ATM Postamat e di restyling interno

Pubblicato

il

Poste Italiane comunica che dal 6 al 31 luglio l’Ufficio Postale di Collemeto resterà chiuso per consentire l’effettuazione dei lavori di installazione dell’ATM Postamat e di restyling interno.

Per tutti i servizi postali e finanziari, compreso il ritiro delle raccomandate, è disponibile  la vicina sede di Galatina Centro, in Piazza F. Cesari, con il seguente orario: 8,20 – 19,05 dal lunedì al venerdì; 8,20 – 12,35 il sabato.

A Galatina è operativo anche l’ufficio di Via Corigliano 19, aperto dalle 8,20 alle 13,35 dal lunedì al venerdì; dalle 8,20 alle 12,35 il sabato.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus