Connect with us

Sport

Boxe: Carafa all’assalto del titolo europeo nella “sua” Ugento

Venerdì 21 il pugile salentino incrocerà i guantoni con lo spagnolo Pablo Fuego, per il titolo Continentale Ibo Pesi Leggeri: «Disputare l’incontro fin qui più importante della mia carriera a Ugento, la mia città, mi riempie d’orgoglio»

Pubblicato

il

Giuseppe Carafa all’assalto del titolo Continentale Ibo Pesi Leggeri.


Il 26enne pugile salentino salirà sul ring nella «sua» Ugento il 21 maggio, quando all’interno del Palaozan «Tiziano Manni» incrocerà i guantoni con lo spagnolo Pablo Fuego per la corona messa in palio dalla International Boxing Organization.


Un appuntamento importante per l’atleta della Scuderia Rosanna Conti Cavini Promotion di Grosseto in una serata di grande boxe organizzata dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Boxe Terra d’Otranto del presidente Davide Margarito.


Figlio di Salvatore, ex pugile e tecnico federale della Federazione Pugilistica Italiana, Giuseppe Carafa inizia la carriera pugilistica nel 2008 sotto le effigie della Asd Beboxe Copertino del maestro Francesco Stifani. Un lungo percorso da dilettante con 90 incontri messi a referto che gli valgono una medaglia d’oro ai Campionati Italiani, sei primi posti in tornei nazionali e la convocazione nella Nazionale Italiana di pugilato per la quale indossa a più riprese la canotta azzurra nel corso di incontri internazionali.


Nel 2015 il salto nei professionisti. Nei 18 combattimenti disputati, il palmares di Giuseppe Carafa racconta di 12 vittorie, tre per ko, due pareggi e quattro sconfitte. Tra le vittorie più entusiasmanti quella del Campionato Italiano Neo – Pro Superpiuma (2015), Campionato Italiano Pesi Superpiuma (2019), Campionato WBC del Mediterraneo Pesi Leggeri (2019). Nel 2020, Giuseppe Carafa è stato sfidante ufficiale al titolo dell’Unione Europea Pesi Superleggeri ed è stato insignito della Medaglia di bronzo al Valore Atletico riconosciuta dal Coni.


«Disputare l’incontro fin qui più importante della mia carriera a Ugento, la mia città», le parole di Giuseppe Carafa, «mi riempie d’orgoglio e mi spinge a dare tutto me stesso. È una corona importante, ha valenza europea e sarebbe un ulteriore passo in avanti nel mio percorso di crescita. Con il mio staff stiamo curando i lavori atletici e di tecnica pugilistica in maniera maniacale. La vittoria mancata di un soffio in terra di Francia per il titolo dell’Unione Europea dei Superleggeri mi ha insegnato tantissimo e sono convinto di potere centrare l’obiettivo che mi si pone davanti. Affronterò un avversario importante e con un buon ranking. Un pugile alto e ben strutturato – aggiunge Carafa – ma la mia versatilità tattica e il mio ecclettismo tecnico uniti a una condizione fisica importante mi faranno affrontare nel migliore dei modi il combattimento. Voglio vincere e dedicare la vittoria al mio team, ai tifosi e a chi mi è sempre stato vicino».






In attesa di incrociare i guantoni con il 33enne Pablo Fuego, 16 vittorie e cinque sconfitte il suo record da professionista, il pugile di Ugento sta ultimando la preparazione in Toscana dopo avere alternato gli allenamenti tra la Beboxe di Copertino, l’Asd Boxe Terra d’Otranto di Matino e la palestra Body Alive del maestro Alessandro Caputo di Melissano. La preparazione atletica è curata dal professore Matteo Diddi, il programma nutrizionale è affidato al dottor Francesco Lampredi. Mental trainer è Antonio Carafa, fratello di Giuseppe, che svolge anche il ruolo di sparring partner.


«Un sentito ringraziamento all’amministrazione comunale di Ugento e all’assessorato allo Sport nelle persone del sindaco Massimo Lecci e dell’assessore Graziano Greco», sottolineano dall’organizzazione Davide Margarito della Associazione Sportiva Dilettantistica Boxe Terra d’Otranto, «per avere messo a disposizione il Palaozan e a tutti gli sponsor. Un grazie particolare a Giovanni Cavalera titolare dell’Hotel Luna».


L’albergo di Torre San Giovanni di Ugento giovedì 20 maggio ospiterà le operazioni di peso e la conferenza stampa di presentazione del match.


Sport

Serie A, è già corsa al pronostico: che campionato disputerà il Lecce?

Pubblicato

il

Il prossimo campionato di Serie A si preannuncia scoppiettante. Sono stati sorteggiati i calendari, in vista della partenza per il prossimo 13 agosto (al “Via del Mare” arriverà l’Inter di Mister Inzaghi). Come noto, il Mondiale in Qatar sconvolgerà il calendario generale e per due mesi, da novembre a gennaio, la Serie A sarà ferma. Dopodiché corsa fino alla fine per giugno 2023, quando verrà eletta la vincitrice dello Scudetto.

Al di là delle favorite per il tricolore, che secondo le quote stilate da alcuni dei migliori siti di scommesse a livello europeo sono nell’ordine Inter, Juventus, Milan, Napoli, Roma, grande attenzione va data anche all’altra metà della classifica, dove figurano le squadre chiamate ad entusiasmare la competizione, quando questa sarà entrata nel vivo.

Ovverosia tutte quelle squadre che lotteranno per migliorare la classifica dello scorso anno e per salvarsi.

A rendere più eccitante il campionato ci ha pensato la scorsa Serie B, che ha portato in A per la prima volta il Monza di Berlusconi e Galliani e che ha riaccolto la Cremonese. Due squadre lombarde che andranno a portare a cinque il numero di squadre della regione, di gran lunga la più rappresentata. Infine il Lecce, tornato in Serie A dopo una cavalcata trionfale e per nulla scontata, guidato sapientemente da Marco Baroni e voglioso di mantenere a tutti i costi la massima serie.

Il progetto è chiaro: i salentini stanno curando tutto nei minimi dettagli per vivere alla meglio un campionato di certo anomalo, e proprio per questo da non sottovalutare nel bene e nel male. Per dieci mesi il Lecce dovrà costruire il suo obiettivo. Demiurgo affidabile, hanno però in casa i pugliesi: Pantaleo Corvino, al suo secondo mandato in terra salentina, è tornato ed ha vinto. Come già aveva fatto del resto nell’ultimo scorcio degli anni ’90 del secolo scorso. Molto futuro passa dalle mani del direttore ex Fiorentina. E quindi dal calciomercato, che vede il Lecce grande protagonista, a due settimane dall’inizio delle operazioni. Qualche colpo già è arrivato.

Coda e Strefezza sono stati riscattati, ma una partenza di uno dei due non è da escludere.

Nel frattempo dallo Zurigo arriva Assan Ceesay e dalla Juventus presto si aggiungerà Gianluca Frabotta. Terzo acquisto dopo l’arrivo di Federico Brancolini, portiere classe 2001 di cui si parla un gran bene. Obiettivi raggiunti ed altri da raggiungere per Corvino, una storia tutta da scrivere.

Che campionato farà il Lecce il prossimo anno? C’è da scommetterci: i salentini venderanno cara la pelle. Perché le intenzioni, a differenza dell’ultima volta in A, sono del tutto diverse. E l’obiettivo da raggiungere, stavolta, è quasi più di un diktat.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Lu sule, lu marre, lu ientu e… lu Padel!

Mc Donald’s Salento Padel Cup 2022: tre giorni di sport e divertimento e solidarietà. Torneo esibizione il 24, 25 e 26 giugno al Pala Summer di Lecce: tra i partecipanti, la coppia simbolo del Tricolore, Chiara Pappacena e Giulia Sussarello, e Aris Patiniotis e Oscar Vasquez, fra i primi 150 nel ranking mondiale. Per la celebrity reunion, Stefano Fiore e Stefano Mauri, Nicola Legrottaglie e Leonardo Blanchard. Il ricavato sarà devoluto agli ospedali pediatrici in Ucraina

Pubblicato

il

Tre giorni di sport, divertimento e solidarietà a Lecce con la Mc Donald’s Salento Padel Cup: il torneo esibizione si svolgerà al Pala Summer di Lecce, in piazza Palio, il 24, 25 e 26 giugno (ingresso libero).

Dopo il successo delle prime due edizioni, gli organizzatori Mino Taveri, giornalista sportivo di Mediaset, e il brindisino Francesco Giorgino, hanno confermato la struttura del torneo in tre categorie: donne, uomini e celebrity reunion riservata a personalità sportive note sulla scena nazionale, per lo più ex calciatori di serie A e B.

Fra le donne, spicca la partecipazione di Chiara Pappacena e Giulia Sussarello (nella foto grande in alto), considerate la coppia simbolo del Padel italiano.

Nella sezione riservata agli uomini, ci saranno i giocatori Aris Patiniotis e Oscar Vazquez Fernandez, attualmente fra i primi 150 del ranking World Padel Tour.

Per la celebrity reunion, scenderanno in campo, tra gli altri,  gli ex calciatori Stefano Mauri, Stefano Fiore, Nicola Legrottaglie e Leonardo Blanchard.

«Saranno tre giorni a tutto padel», dice Francesco Giorgino, «sarà l’occasione per divertirsi seguendo in campo professionisti di questa disciplina. Quest’anno abbiamo lanciato una gara di solidarietà pensando alla guerra in Ucraina.I fondi ricavati dall’evento saranno destinati agli ospedali pediatrici ucraini».

L’evento è realizzato con il contributo di Intesa San Paolo, Mc Donald’s, Pezzuto Group Automotive, Padel Experience, Bridgestone e Best Padel.

Continua a Leggere

Attualità

Il Lecce in Serie A per tutto il Salento

Accordo sottoscritto oggi tra la Camera di Commercio leccese e la società giallorossa. Il presidente della CCAA Mario Vadrucci: «Non potevamo farci scappare questa occasione per promuovere un territorio, le sue comunità e il suo tessuto imprenditoriale». Il presidente del Club Saverio Sticchi Damiani: «Interazioni e collegamenti per creare confronto tra le aziende del Salento attraverso eventi che vedono protagonista l’Us Lecce»

Pubblicato

il

Il Lecce nella massima serie può trainare tutto il territorio:

la promozione del Salento grazie alla vetrina offerta dal calcio attraverso la partecipazione alla prossima serie A.

È l’obiettivo dell’accordo sottoscritto oggi tra il presidente della Camera di Commercio leccese Mario Vadrucci e la società giallorossa.

La Camera del Commercio di Lecce ha investito 100mila euro: «Non potevamo farci scappare questa occasione per promuovere un territorio, le sue comunità e il suo tessuto imprenditoriale», ha dichiarato Mario Vadrucci, presidente della Camera di Commercio di Lecce, «confesso  che non è stato facile recuperare i 100mila euro che abbiamo deciso di investire come Camera in questa attività promozionale, anche a causa dei tagli che ormai stanno riguardando tutti i settori».

Soddisfatto del partenariato anche il presidente giallorosso Saverio Sticchi Damiani: «Il Lecce ha bisogno di viaggiare accanto alle istituzioni e la reputazione di Lecce in questo momento è talmente forte che, per questa stagiona calcistica, abbiamo pensato di dedicare un inno alla nostra città con la terza maglia, una sorta di cartolina di Lecce su cui si intravede uno skyline della città».

«Fare impresa al Sud è difficilissimo, gestire un club è anomalo e complicato», ha evidenziato il presidente, «però sentiamo in ogni giornata la partecipazione e la vicinanza del territorio e dei tifosi. Cominciamo ora questo bel percorso», annuncia infine Sticchi Damiani, «in cui sono previsti interazioni e collegamenti per creare confronto tra le aziende del Salento attraverso eventi che vedono protagonista l’Us Lecce, probabilmente già a partire dal ritiro precampionato di Folgaria».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus