Connect with us

Appuntamenti

La grande festa di San Giorgio a Matino

Importanti festeggiamenti quest’anno per rendere onore al Santo patrono che si concluderanno con il concerto di Ivana Spagna martedì 24 aprile

Pubblicato

il

Da 151 anni Matino è devota a San Giorgio. Un sentimento forte che lega la cittadina al suo patrono da quando nel 1867 il martire salvò la popolazione da una epidemia di peste. Un intervento che sottrasse alla morte migliaia di persone a lui rivoltesi, in particolare bambini. Miracolo che si intreccia con la leggenda secondo cui Giorgio salvò una giovane vita preziosa: quella della figlia di un re. Stando al mito, si trovò a passare dalla città di Selem, in Libia, la cui popolazione era afflitta dalla presenza di un drago che viveva in uno stagno e, di tanto in tanto, si avvicinava alla città seminando morte con il suo fiato. Per scongiurare uno sterminio i cittadini avevano deciso di offrire, di volta in volta, due pecore al drago, affinché risparmiasse vite umane. Quando le pecore iniziarono a scarseggiare, si iniziò a sostituirle con un giovane tirato a sorte. Quando toccò alla figlia del re, Giorgio intervenne, trafiggendo il drago al collo con la sua spada di ferro, in una scena tuttora simbolica, in cui il Santo viene tipicamente raffigurato. Da quel giorno, l’amore per San Giorgio ha attraversato il mondo. Oggi è patrono degli scout, degli schermitori, degli armaioli, dei soldati, dei cavalieri, della cavalleria, degli arcieri, dei sellai, di nazioni come l’Inghilterra e di intere regioni del Portogallo, della Spagna e della Lituania, nonché di innumerevoli città tra cui Matino, che orgogliosamente lo onora in due occasioni: a febbraio con una processione e in aprile con la festa patronale.


Il programma religioso prenderà il via domenica 15 aprile, alle 9,15, dopo la Santa Messa prenderà il via la Processione de la Madonna del Carmine in Chiesa Madre. Alle 17,30 l’accoglienza della statua di San Giorgio nelle vicinanze della Villa comunale alla presenza delle comunità ecclesiali delle autorità civili e della cittadinanza. Dopo il rito dell’accoglienza il trasferimento nella Chiesa Madre. Alle 19 la solenne celebrazione eucaristica.


Il Triduo di preparazione spirituale si terrà dal 19 al 21 aprile con sante Messe alle 7 e alle 8,30; dalle 18, Santo Rosario, canto del vespro, preghiera ed inno a San Giorgio; alle 19, celebrazione eucaristica con panegirico.


Giovedì 19, alle 20, presentazione dei lavori di restauro della statua lignea di San Giorgio. Interverranno: Andrea Danese, parroco della Chiesa Madre: il sindaco di Matino Giorgio TomaVenceslao Cosimo Marsani, presidente del comitato festa; Caterina Ragusa della Sovrintendenza di Lecce; Giuseppe Leopizzi, curatore del restauro; Mons. Giuliano Santantonio, direttore dell’Ufficio Beni culturali della Diocesi di Nardò Gallipoli.


Venerdì 20, dalle ore 20, si terrà il convegno dal titolo “Il culto e la devozione di San Giorgio nella Terra di Gesù”.


Sabato 21, dalle ore 21, invece, il convegnoIl legame tra San Giorgio ed il popoli di Matino” a cura dell’Associazione Autori Matinesi. Nel corso della serata la premiazione del concorso tenuto tra le scuole elementari e  medie.


Domenica 22, si aprirà con la tradizionale Fiera di San Giorgio che si terrà tra via Caduti e via Fani. Sante messe alle 7, 8 e 10.

Alle 11 l’apertura ufficiale dei festeggiamenti: il corteo dei fedeli partirà da piazza Municipio per recarsi in Chiesa Madre per un omaggio floreale ai simulacri del Santo Patrono. Il Concerto bandistico San Giorgio (che presterà servizio nel corso dell’ntera giornata) ed il coro diretto dal M° Francesco Felline suoneranno l’Inno a San Giorgio; a seguire l’alzabandiera.


Alle 19, Santa Messa solenne con panegirico; a seguire la tradizionale e solenne Processione dell’Intorciata. Al rientro dalla processione, momento di riflessione in piazza San Giorgio.


In Piazza Municipio in collaborazione con il Bar Arco Antico, Discorevolution Party. Il Discorevolution è il dj set che ripercorre tutta la musica più bella degli anni 70-80-90.Tutti i successi musicali che hanno segnato intere generazioni che ricreano l’atmosfera della disco di un tempo. Con Savi Vincenti, Morris, e Lele Procida.


Lunedì 23, sante messe alle 7, 8,30, 10 (Solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal parrocco della Chiesa di San Giorgio Andrea Danese; a seguire la solenne processione per la Benedizione dei Campi), 19 e 19,30 (solenne concelebrazione eucaristica presieduta d S.E. Mons. Fernando Filograna, vescovo di Nardò – Gallipoli). Durante l’intera giornata presetrà servizio la Grande Orchestra di Fiati Città di Conversano. Alle 13 grandioso fuoco pirotecnico. Alle 20,30, Borgo San Giorgio in Festa: spettacolo di artisti di strada per le vie del centro storico, con Lillo Birillo Magic Comic. Dalle 21 in piazza Municipio spettacolare accensione musicale delle luminarie con la Ditta De Cagna che presenterà il nuovo progetto artistico Coraggio, con la partecipazione della violinista Chiara Conte; le accensioni saranno eseguito ogni 10 minuti. Alle 22, in piazza San Giorgio, si canta e si balla con il Festival Bar Italia ed il loro Tuttamialacittàtour2018.


Martedì 24, sante messe alle 7 ed alle 19. La colonna sonora della giornata sarà a cura del Gran Concerto Bandistico Città di Conversano. Alle 20,30, Borgo San Giorgio in Festa: spettacolo di artisti di strada per le vie del centro storico, con Robertino Magic Sciò. Per le strade del centro storico lo spettacolo ed il travolgente ritmo della Street Maisto Band. Alle 21 in piazza Municipio spettacolare accensione musicale delle luminarie. Alle 21,30 presso la Villa Comunale lo spettacolo piromusicale della ditta Luigi Sica di Matino. Chiusura col botto: alle 22 in piazza San Giorgio, l’attesissimo concerto di Ivana Spagna.


Appuntamenti

Lecce scende in piazza per la libertà delle donne nel mondo

Presidio e convegno con le attiviste afgane accolte nel Salento lo scorso luglio da Arci Lecce Solidarietà

Pubblicato

il

Lecce scende in piazza per le donne in lotta per la libertà.

Nel pomeriggio di giovedì 6 ottobre, in  città, si terranno un presidio ed un convegno al grido “Siamo tutte Mahsa Amini”.

Ad organizzarli, Arci Lecce Solidarietà cooperativa sociale, Arci Lecce Comitato Territoriale, Link Lecce, Udu Lecce e Casa delle Donne Lecce.

L’appuntamento è per le ore 17e30 in piazza Sant’Oronzo per il presidio. A seguire, dalle ore 19 presso l’Open Space di Palazzo Carafa, l’incontro con le attiviste afgane per i diritti per le donne.

Sarà occasione per approfondire il tema della rivoluzione delle donne, partendo da quella iraniana, contrastata dal pugno di ferro della repressione. Una repressione che ha messo nel mirino anche alla libertà d’espressione, con 20 giornalisti – tra cui la fotoreporter Yalda Moaiery (resa famosa da una foto delle proteste del novembre 2019) – arrestati dalle forze dell’ordine, mentre il dissenso popolare verso il governo di Ebrahim Raisi non accenna a fermarsi. 

Nel Paese retto dall’Ayatollah sono in atto disordini e manifestazioni già da settimane, ma la situazione è degenerata con la morte Mahsa Amini. La giovane curda, appena 22 anni, era stata arrestata a Teheran, lo scorso 13 settembre, dalla polizia morale iraniana con l’accusa di aver indossato il velo in maniera “scorretta”. Arresto sfociato in un ricovero e poi nella morte per le riferite riportate nelle misteriose ore della detenzione.

L’Iran non è però il solo posto del mondo dove è negata la libertà alle donne con imposizioni che, partendo dal vestiario, arrivano a controllare completamente la loro esistenza. Accade lo stesso anche in altri Paesi, in particolar modo nel vicino Afghanistan. Qui, proprio in questi giorni, si stanno tenendo manifestazioni soffocate con la violenza.

Come l’ultima in cui la polizia ha allontano le donne, scese piazza per reclamare il diritto allo studio, con sprangate e spari in aria. Fatti che, nonostante la minore risonanza mediatica data dai media internazionali, sono segnati da pari gravità ed emergenza.

A tal proposito, nell’incontro all’Open Space di Palazzo Carafa, preziosa sarà la presenza delle donne afghane accolte in Salento dalla cooperativa Arci Lecce Solidarietà lo scorso mese di luglio. Attiviste arrivate in Italia con i tanto attesi corridoi umanitari, sbloccati quasi un anno dopo la crisi umanitaria esplosa nell’agosto 2022. 

L’appuntamento di giovedì 6 ottobre è occasione per manifestare solidarietà nei confronti di tutte le donne che lottano per la vita, per la libertà”, ha spiegato Anna Caputo, presidente di Arci Lecce Solidarietà, “saremo in piazza per tenere alta l’attenzione sul tema: la nostra voce sarà quella delle donne di tutto il mondo”.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Festa doppia a Ruffano

A partire da oggi, celebrazioni per San Francesco e Santa Chiara: il programma completo

Pubblicato

il

Ruffano è pronta a celebrare San Francesco e Santa Chiara con un ricco programma religioso e civile. L’unione dei festeggiamenti, in paese, nonostante la lontananza “da calendario” tra i due santi, è dovuta al fatto che la comunità parrocchiale di cui San Francesco è patrono trova dimora nella moderna chiesa di Santa Chiara, edificata e consacrata poco meno di 15 anni fa.

Quella del 4 ottobre è una ricorrenza sentita ed importante per Ruffano, così come lo è per tutto il Salento che, da secoli, accarezza la leggendaria memoria di un passaggio di San Francesco in Terra d’Otranto. Era il 1219, epoca di Federico II imperatore: Francesco, di ritorno dalla Siria dove aveva incontrato il Soldano (che oggi chiameremmo sultano), sbarcò ad Otranto ed attraversò il Tacco, facendo tappa a Lecce prima di risalire l’Italia e lasciando, nelle generazioni postume, traccia indelebile del suo passaggio.

Una storia tra le mille che accendono la memoria della vita del Santo per il quale, nei secoli dopo la sua scomparsa, fiorirono in tutta Italia sedi di culto che tramandano il suo messaggio di amore e fede ancora oggi.

È anche il caso di Ruffano dove la chiesa a lui dedicata, legata alla dimora francescana dei padri Cappuccini ed edificata insieme al convento nel 1621, è tuttora meraviglioso presidio storico del 17esimo secolo, affacciato su una delle piazze più vive del paese: piazza della Libertà.

Un complesso alla cui estrema semplicità della facciata, realizzata in conformità alla povertà e ai modelli edilizi dell’ordine religioso francescano, si contrappone il ricco ornamento degli interni, figlio del restauro del 1773, quando divenne cappella principesca.

Programma civile

Sarà proprio la storia del convento dei Cappuccini ad aprire il cartellone degli appuntamenti civili per le celebrazioni del 2022. Venerdì 30, dalle ore 19e30, nella chiesa di San Francesco in piazza della Libertà, una conferenza celebrerà i 400 anni dalla fondazione del Convento. Un appuntamento mancato l’anno scorso a causa del Covid e che, quest’anno, vedrà relazionare sul tema: Francesco Monticchio e Rosa Anna Savoia su cronache e cronisti cappuccini; Francesca Trane sulla libreria del convento; Vincenzo Vetruccio sul giardino del Convento; Stefano Tanisi sui dipinti conservati nella chiesa; Francesco Flora sulle meridiane del 1861 e Gabriele Cacciatore sull’architettura ed i restauri che hanno interessato l’opera.

Sabato 1 ottobre, ancora in piazza della Libertà, come da tradizione andrà in scena il gruppo teatrale “Giovani 2000” con la commedia “Oh…che famiglia” di William Fiorentino, in atto unico.

L’attesa fiera di San Francesco sarà invece nella mattinata di domenica 2. L’indomani, lunedì 3, vigilia del giorno dedicato al Santo di Assisi, al rientro della processione, attorno alle 20e30, sarà la volta dello spettacolo pirotecnico con la cascata di luci sul Convento, a cura  della ditta “Pirotecnica Napoletana”. Il tutto accompagnato dallo spettacolo del “Gruppo Sbandieratori e Musici” del rione San Basilio di Oria.

La mattinata di martedì 4 si aprirà con le note del concerto bandistico “Città di Taviano” che percorrerà le vie del paese. In serata poi chiusura col botto con la comicità de “I Malfattori”: l’appuntamento è alle 21 in piazza della Libertà.

Programma religioso

Le celebrazioni religiose, già avviate con il solenne novenario dal 25 di settembre, proseguono con le sante messe di domenica 2 ottobre: alle 7e30 ed alle 18e30 presso la chiesa di San Francesco; alle 8e30 nell’Arciconfraternità del Carmine ed alle 10 nella chiesa di Santa Chiara.

Lunedì 3 ottobre solenne concelebrazione eucaristica nella chiesa di Santa Chiara alle 18e30. A seguire, processione accompagnata dal Concerto Bandistico “Città di Taviano”.

Nel giorno di San Francesco, martedì 4, sante messe nella chiesa intitolata al santo alle ore 7e30 e 10e30. Ed ancora alle 18e30, con preghiera di affidamento dell’Italia e della comunità parrocchiale al patrocinio del santo.

Il programma si chiude domenica 9 ottobre con il ritrovo presso la chiesa di San Francesco alle 18 per l’accompagnamento dei simulacri nella chiesa di Santa Chiara dove, alle 18e30, si terrà la santa messa.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Festa e fiera a Giurdignano per la Madonna del Rosario

Fede e tradizione, dalla fiera alla musica, dalle risate al gusto, con lesso di maiale, pittule, pochetta alla tignusa, pizza rustica e tanto altro

Pubblicato

il

Arriva l’autunno e si rinnova l’appuntamento con la Festa della Madonna del Rosario e la Fiera (presso il Largo Madonna del Rosario) a Giurdignano, organizzato dalla Pro Loco Sant’Arcangelo De Casulis.

Per la Festa in onore della Madonna del Rosario in programma sabato 1° ottobre, alle 18, nella chiesa parrocchiale la Santa Messa presieduta da Mons. Donato Negro, Arcivescovo di Otranto; durante la celebrazione sarà conferito il Sacramento della Confermazione.

Domenica 2, Sante Messe alle 8,30 e 10,30 (a seguire supplica alla Madonna di Pompei); alle 18 Santa Messa e processione per le vie del paese; rientro presso la chiesa della Madonna del Rosario e spettacolo pirotecnico a cura della ditta “Angelo Mega” di Scorrano. Animerà la
processione la Banda Città di Scorrano.

Sempre sabato 1 e domenica 2 ottobre l’opportunità di riassaporare la tradizione popolare del lesso di maiale con la Tradizionale Fiera.

Per tutte e due le serate si potrà gustare il tradizionale lesso di maiale, bollito e insaporito con verdure ed odori di stagione, un momento di convivialità gastronomica.

Le principali portate, che tanto successo riscuotono tra i visitatori della Fiera, saranno il maiale lesso, arrosto ed in porchetta, insieme alle cicorie. Preparazioni realizzate con cura e disponibili presso gli stand attrezzati, pietanze genuine, cucinate a dovere, massima cortesia, ed ampi spazi e strutture per accogliere tutti, con annesso stand per le bevande, birra e vino locale.

Sabato 1° ottobre, nel primo pomeriggio, gli allevatori locali metteranno in vendita nei propri stand, le produzioni suine del posto con prezzo da “taglio unico”. Vendita che si ripeterà anche nella mattinata di domenica 2, mentre nelle pagode della Pro Loco sarà sempre disponibile il lesso di maiale.

Il settore cucina, a pieno regime, sfornerà: pittule e pizza rustica, “porchetta alla tignusa”, una prelibatezza speziata con erbette di campagna, cicorie a minescia con pancetta e costine; grigliata mista alla brace. Si potrà anche scegliere tra le varietà di panini farciti.

Nel fine settimana dedicato a festa e fiera spazio anche alla musica: sabato 1° ottobre (dalle 21) saliranno sul palco gli Alla Bua; domenica 2 sarà la volta delle Stelle del Sud (ore 21). A seguire, chiusura in allegria con la comicità irresistibile de I MalfAttori.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus