Connect with us

Miggiano

Miggiano, Specchia, Montesano: stazione pulita

Intervento spontaneo di risanamento e pulizia del piazzale della Stazione Ferroviaria Miggiano-Specchia-Montesano Salentino

Pubblicato

il

Molti volontari hanno partecipato, nel pomeriggio di sabato 5 aprile, ad un intervento spontaneo di risanamento e pulizia del piazzale della Stazione Ferroviaria Miggiano-Specchia-Montesano Salentino.


stazione pulitaL’iniziativa, ideata dall’associazione ambientalista ECOSPO onlus di Specchia e dal Comune di Miggiano, ha visto, poi, aderire sia l’Amministrazione del Comune di Montesano che quella del Comune di Specchia.  I volontari ECOSPO, armati, come al solito, di decespugliatori, motoseghe, rastrelli, pale, ramazze, sacchi neri, bidoni ed, in questa occasione, anche di un piccolo escavatorino, hanno provveduto a pulire il piazzale, lasciato nella più totale incuria per decenni, dai tanti rifiuti abbandonati e dalle erbacce che spuntavano da ogni parte. Hanno fatto delle buche ed hanno piantato degli alberi, hanno rimondato i poveri lecci rimasti ed hanno liberato gli alberelli di tuia da rifiuti e rami secchi. Inoltre, gli stessi volontari, hanno riempito di alberi (carrubi, corbezzoli, cipressi, e piante di agavi) le aiole antistanti lo stesso piazzale. “Le ferrovie del Sud Est”, ci fa sapere Anna Laura Remigi, “sempre più spesso trasportano pendolari e, soprattutto, turisti. La stazione è l’ingresso dei nostri paesi, è l’invito alle nostre bellezze naturali ed artistiche; se si presenta male dà un’immagine sbagliata del popolo del basso Salento. Tenere i piazzali delle Stazioni puliti e ben curati serve ad ospitare dignitosamente quanti scelgono la nostra terra per le vacanze. E a chi non piace, oltre che ai turisti, di arrivare a casa e trovare tutto pulito e sistemato, con un salotto che ci accoglie nel migliore dei modi. Ecco”, conclude, “facciamolo prima di tutto per noi stessi, poi, facciamolo anche per i nostri ospiti”.

Andrano

Bando piccoli comuni, la provincia viene in aiuto

Finalizzato al miglioramento della qualità dei servizi, l’organizzazione del personale, il potenziamento dello smart working e la gestione degli appalti pubblici

Pubblicato

il

BANDO “PICCOLI COMUNI”: COL SUPPORTO DELLA PROVINCIA DI LECCE 


PRESENTATA IERI LA PROPOSTA  DI 27 ENTI LOCALI SALENTINI


La Provincia di Lecce continua a mettere a disposizione dei Comuni del territorio la propria esperienza e le proprie competenze in tema di progetti  partecipati.


E lo fa con una nuova iniziativa dedicata ai Comuni sotto i 5mila abitanti.


L’Ente di Palazzo dei Celestini, al quale la legge di riforma attribuisce funzioni fondamentali di assistenza tecnica e amministrativa agli enti locali, ha infatti assicurato il proprio supporto a 40 Comuni potenzialmente interessati, per candidare una proposta di partecipazione al Bando del Dipartimento della Funzione Pubblica, rivolto ai “Piccoli Comuni”, finalizzato a fornire alle amministrazioni locali un aiuto concreto per il miglioramento della qualità dei servizi, l’organizzazione del personale, il potenziamento dello smart working e la gestione degli appalti pubblici.


A questa iniziativa di creazione di una “rete” partecipata hanno aderito 27 Comuni della provincia: Andrano, Arnesano, Bagnolo del Salento, Cannole, Carpignano Salentino, Castrì, Castrignano dei Greci, Castro, Diso, Giuggianello, Giurdignano, Martignano, Melpignano, Miggiano, Minervino, Muro Leccese, Palmariggi,  Salve, San Pietro in Lama, Sanarica, Seclì, Sogliano, Sternatia, Supersano, Uggiano La Chiesa, Zollino, che hanno individuato il Comune di Cursi come soggetto capofila, necessario per presentare la candidatura.

La proposta di partecipazione al Bando è stata inviata ieri, e prevede lo sviluppo di modelli di gestione delle politiche territoriali per il miglioramento dell’efficienza organizzativa e dei processi amministrativi, anche attraverso forme efficienti di gestione associata di servizi locali, di gestione delle risorse provenienti dalla programmazione europea, di programmazione e gestione di piani e modalità di


I 27 Comuni aderenti  hanno, inoltre, sottoscritto un Protocollo con la Provincia, che si impegna ad assicurare all’aggregazione intercomunale la propria azione di sostegno, informazione e guida nell’approccio all’utilizzo delle procedure, nella progettazione e per sostenere l’avvio di questa iniziativa e di altre, che si attiveranno d’intesa e in partenariato con i Comuni sottoscrittori del Protocollo o che si aggiungeranno in seguito.


Con questa iniziativa la Provincia riafferma il suo ruolo di impulso all’azione amministrativa e le proprie funzioni fondamentali di assistenza tecnica e amministrativa agli enti locali”, dichiara il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva. 


Ringrazio il sindaco di Cursi, Comune capofila, tutti i sindaci dei Comuni aderenti e gli uffici della Provincia che hanno lavorato a questo primo importante traguardo, ed auspico che l’idea progettuale avanzata possa essere coronata da successo. E’ nostro fermo obiettivo istituire un tavolo di confronto permanente, a cui potranno partecipare anche tutti gli altri Comuni della provincia, per ideare un nuovo futuro del territorio e fornire utili spunti anche nell’ambito del Recovery Plan nazionale, da candidare sui fondi del Next Generation EU”, conclude Minerva.


Continua a Leggere

Alessano

“Cari sindaci, per il recovery plan chiediamo di finanziarci la mobilità ad emissione zero”

Antonio Lia: “40 anni fa fui preso per visionario, oggi si potrebbe fare. La proposta progettuale era quella di far partire da Tricase ed Alessano un sistema circolare di mezzi di trasporto a emissione zero per raggiungere i paesi del Capo di Leuca”

Pubblicato

il

Batti il ferro quando è caldo” consigliava un vecchio adagio che si rifaceva all’antico mestiere del fabbro ferraio il quale è ben consapevole che per lavorare bene il metallo è necessario batterlo quando è arroventato in quanto è facilmente modellabile; se invece si raffredda, perde la sua flessibilità.


Così in vista degli investimenti post covid l’ex parlamentare ed ex sindaco di Specchia insiste rivolgendosi nuovamente agli amministratori salentini per non perdere l’occasione.


E bisogna appunta “battere il ferro” ora che il consiglio regionale sta preparando una proposta per indicare le priorità per la Puglia per il PNRR da inviare al Governo centrale.


Quaranta anni fa mi diedero del visionario: erano gli anni 70/80, quelli del boom edilizio, del cemento, della poca attenzione verso l’ambiente”, ricorda l’ex sindaco di Specchia, “non c’era il Ministero della Transazione ecologica ma neanche il Ministero dell’Ambiente, c’era solo un Ufficio in Piazza Venezia che iniziava ad occuparsi di ambiente”.

L’Unione europea”, prosegue, “azzardò il primo programma Life, mi incuriosii e interessai alla mia idea giovani studiosi che ora occupano posti importanti a livello nazionale. Con il loro aiuto la Ansaldo (una società per azioni italiana attiva nel settore energetico, tra i maggiori produttori di centrali elettriche al mondo) notò il nostro progetto, si mise subito a disposizione e così presentammo al Comune di Tricase, scelto come capofila, un progetto sulla mobilità periurbana e sulle piste ciclabili. Il progetto coinvolgeva tutti i paesi del Capo di Leuca ma, purtroppo, non se ne fece niente ed in quella occasione fui considerato un visionario. Con Riccardo Petrella, poi, abbiamo partecipato e fatto lotte per acqua pubblica, contro la povertà, ecc. Oggi fortunatamente esiste il “Ministero della Transazione Ecologica”. La pandemia ci ha fatto capire l’importanza della difesa dell’ambiente e l’impegno da mantenere perché entro il 2050 si arrivi ad emissioni zero”, va al punto, “e mentre il consiglio regionale sta preparando la proposta con le priorità per la Puglia per il PNRR da inviare al Governo centrale, voglio suggerire ai Sindaci di rispolverare la mi idea di 40 anni fa che dovrebbe essere ancora negli archivi del Comune di Tricase. Ritroviamola e parliamone”, l’invito di Lia, “il progetto era sulla mobilità periurbana, un problema del quale in questo momento si parla tanto, allora preveniamo il male prima che sia troppo tardi”.


Vi sembra normale”, si chiede, “che ogni giorno si muovono migliaia di mezzi privati e decine di mezzi pubblici oltre i motorini per raggiungere i paesi vicini per lavoro, per trovare i parenti ed altro e per raggiungere le sedi delle scuole superiori di Tricase ed Alessano, anche solo per andare al cinema o al mercato settimanale? La proposta progettuale era quella di far partire da Tricase ed Alessano un sistema circolare di mezzi di trasporto a emissione zero per raggiungere i paesi del Capo di Leuca”.


Un esempio: “Un pullman elettrico parte da Tricase e ritorna a Tricase dopo aver preso i viaggiatori da Montesano, Miggiano, Specchia, Lucugnano e torna a Tricase. Le persone che devono andare ad Alessano scendono a Lucugnano dove salgono sul pullman che parte da Tricase va a Lucugnano, Alessano, Corsano, Tiggiano, Tricase. Il sistema sarebbe completato con il collegamento con gli altri Comuni, tutti i mezzi sarebbero elettrici e funzionerebbero con batterie a ricarica solare. Sullo stesso tragitto bisognerebbe costruire anche delle piste ciclabili in sicurezza con marciapiede, illuminate e, soprattutto, divise dalla strada dei mezzi gommati per consentire alle persone che intendono servirsi della bicicletta per lavoro, per andare a scuola o per altri motivi di raggiungere i paesi vicini in tutta sicurezza. In questo modo avremmo creato un sistema di mobilità che rispetti l’ambiente ed il nostro territorio diventerebbe anche un luogo di eccellenza, turistica, culturale oltre che ambientale. Ci vuole solo la volontà di fare, i mezzi economici ci sono”, conclude Antonio Lia che poi bussa alle porte dei municipi del Capo di Leuca: “Voi Sindaci ci siete? apriamo un tavolo e parliamone”.


Continua a Leggere

Appuntamenti

Rally Città di Casarano, oggi la prima prova

Alle 18:29 Prova Speciale numero 1 “Torre Vado”, un anticipo della gara che si svilupperà sui tre passaggi di domani sulle P.S. “Palombara” (ore 09:09; 12:10; 15:11), di 9,80 Km, e “Miggiano” (ore 09:51; 12:52; 15:53), di 6,70 Km

Pubblicato

il

Si aprono oggi pomeriggio le ostilità al “27° Rally Città di Casarano”, prima prova della Coppa Rally di Zona (CRZ) 7.


I 79 equipaggi iscritti alla manifestazione organizzata dalla “Scuderia Casarano Rally Team”, con la collaborazione dell’Automobile Club Lecce, hanno preso confidenza con il percorso di gara nel pomeriggio di ieri grazie alle ricognizioni autorizzate del percorso mentre stamani saranno impegnato nelle verifiche tecniche (ore 09:00 – 12:30) e, successivamente, nello Shakedown (10:00 – 13:30), il test con le vetture in configurazione gara.


Il percorso dello Shakedown è stato modificato, rispetto al passato: pur rimanendo nella Marina di Torre Pali ne è stato invertito il senso di marcia (rispetto al 2019) ed ora arriva ad interessare il tratto iniziale della P.S. “Palombara”.


L’attesa è tutta per le ore 18:29 di oggi quando la vettura con il numero 1 sulle fiancate partirà dall’Inizio Prova Speciale numero 1 “Torre Vado”. I 6,35 Km della P.S. di apertura daranno già una prima idea dei valori in campo.


Ma sarà solo un anticipo della gara che si svilupperà sui tre passaggi di domani sulle P.S. “Palombara” (ore 09:09; 12:10; 15:11), di 9,80 Km, e “Miggiano” (ore 09:51; 12:52; 15:53), di 6,70 Km.


Nel dettaglio c’è da segnalare che la P.S. “Palombara” ritorna ad essere disputata, dopo l’assenza del 2019. E’ stata però oggetto di una importante modifica nella sua parte centrale che ha portato, tra l’altro, all’eliminazione del famoso e spettacolare tornantino che taglia la SP 292. Mentre la P.S. “Miggiano” è stata accorciata, nel finale, di quasi quattro chilometri.

Arrivo, sempre domani, alle ore 17:00 all’interno della “Pista Salentina” di Torre San Giovanni.


Al termine della gara i concorrenti avranno percorso, in totale, 282,55 Km mentre i Kilometri di P.S. saranno 55,85.


SPETTACOLO “A PORTE CHIUSE”. In ottemperanza al protocollo adottato da ACI Sport  per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus Sars CoV-2 la manifestazione si svolgerà “a porte chiuse”: tutte le aree interessate dall’evento saranno interdette al pubblico e rigorosamente presidiate e controllate.


Gianluca Eremita


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus