Connect with us

Cronaca

Gallipoli, esplosione dei pupi: 4 denunciati

Violazione delle prescrizioni delle licenze di P.S. In un caso l’immissione all’interno del pupo, di materiale esplodente; in altri due utilizzato un enorme quantitativo di materiale pirotecnico nell’area delimitata. Si indaga sul ferimento di un uomo di Taviano colpito all’addome, mentre era a festeggiare tranquillamente con la propria famiglia e gli amici in un locale antistante piazzetta Tellini. Nella stessa occasione, anche un’altra persona ha riportato danni all’udito a seguito della forte esplosione causata dal medesimo effetto pirotecnico. Le vittime erano state sbalzate a terra e immediatamente trasportate in ospedale

Pubblicato

il

Come ogni anno gli agenti del Commissariato di Polizia di Gallipoli hanno vigilato sulla sicurezza per l’ordine e la pubblica incolumità in occasione del tradizionale rito dell’accensione dei pupi in cartapesta con cui la collettività di Gallipoli saluta il vecchio anno e dà il benvenuto al nuovo anno.


All’esito dei controlli amministrativi, connessi ai festeggiamenti della notte di Capodanno, gli agenti della squadra amministrativa del Commissariato hanno riscontrato la violazione delle prescrizioni delle licenze di P.S. rilasciate per l’accensione dei manufatti artigianali.


È stato infatti riscontrato, in due circostanze, che il pupo non fosse stato semplicemente accesso, in segno di buon augurio e peraltro così come autorizzato dalla licenza di P.S. ma, al contrario, esploso, con l’immissione all’interno del pupo, di materiale esplodente.


In due altre circostanze, è stato accertato che i titolari della licenza di accensione abbiano utilizzato un enorme quantitativo di materiale pirotecnico nell’area delimitata di cui ne erano direttamente responsabili.


Tale violazione del divieto di utilizzo di materiale esplodente, esplosivo e/o pirotecnico ha comportato quattro denunce all’autorità giudiziaria a carico dei rispettivi titolari di licenza e, pertanto, responsabili dei pupi, installati in quattro differenti zone periferiche di Gallipoli.


Ciò pregiudicherà anche il rilascio in loro favore di eventuali e future licenze di P.S.


L’attività di polizia amministrativa effettuata dagli agenti del Commissariato di P.S. di Gallipoli ha riguardato anche l’esplosione di materiale pirotecnico che ha colpito all’addome un 48enne di Taviano, mentre era a festeggiare tranquillamente con la propria famiglia e gli amici in un locale antistante piazzetta Tellini.

Nella stessa occasione, anche un’altra persona ha riportato danni all’udito a seguito della forte esplosione causata dal medesimo effetto pirotecnico.


Le vittime sono state sbalzate a terra e immediatamente trasportate in ospedale.


Sull’episodio, stanno indagando gli agenti del Commissariato.



 


Cronaca

Sfondano ingresso con auto e danno alle fiamme concessionario

Distrutti sei veicoli nella notte in quel di Matino: necessario l’intervento di più squadre del 115 per domare il rogo

Pubblicato

il

Live News su WhatsApp: clicca qui

Incendio presso locale commerciale a Matino: intervento tempestivo dei Vigili del Fuoco di Lecce.

Incendio nella notte a Matino dove più squadre del Comando dei Vigili del Fuoco di Lecce sono dovute intervenire per domare le fiamme divampate in un locale commerciale.

A prendere fuoco è stato un concessionario d’auto in via Anellini, di proprietà di un 31enne.

All’arrivo sul luogo dell’incidente, i Vigili del Fuoco hanno immediatamente iniziato le operazioni di spegnimento, seguite dalla bonifica dell’area. L’incendio ha causato danni considerevoli all’edificio, compromettendo i solai, e ha portato alla distruzione di sei autoveicoli.

Per garantire la sicurezza pubblica e privata, è stato temporaneamente vietato l’accesso all’intera struttura. L’intervento rapido ed efficace dei Vigili del Fuoco ha impedito ulteriori danni a persone e beni.

Le cause dell’incendio sono attualmente oggetto di indagine, ma gli elementi preliminari fanno supporre un’origine dolosa, considerando il ritrovamento di un’auto Alfa Romeo Giulietta senza targa che ha sfondato la vetrata all’ingresso del locale.

Continua a Leggere

Cronaca

Suona il dispositivo anti-stalker, arrestato

Non son bastati il divieto di avvicinamento e l’ammonimento del Questore a far desistere un gallipolino dall’assumere nuovamente atteggiamenti persecutori nei confronti della ex compagna

Pubblicato

il

🔴 Segui il canale il Gallo 🗞 Live News su WhatsApp: clicca qui

I carabinieri della Stazione di Gallipoli hanno dato esecuzione al provvedimento di misura cautelare personale degli arresti domiciliari, emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Lecce, nei confronti di un uomo del posto.

Il provvedimento scaturisce da una richiesta di aggravamento avanzata dagli stessi militari a seguito delle condotte persecutorie sempre più pressanti acuitesi nei momenti immediatamente precedenti l’adozione della misura cautelare del “divieto di avvicinamento”.

Tale misura limitava la libertà personale ed imponeva all’uomo di non avvicinarsi a quei determinati luoghi abitualmente frequentati dalla donna e da cui si doveva mantenere a debita distanza.

Nella stessa circostanza, era stato messo in funzione anche il dispositivo anti-stalking costituito oltre che dal “classico” braccialetto elettronico, applicato al destinatario della misura cautelare, anche da un “ricevitore”, dalle fattezze di un cellulare, dato in dotazione alla vittima per essere immediatamente avvisata della violazione in atto, consentendogli così di tutelare la sua incolumità fisica.

Proprio grazie a tale dispositivo, i Carabinieri hanno accertato che l’uomo, in un arco temporale molto ristretto e comunque in una sola giornata, si sarebbe avvicinato alla vittima per ben 8 volte.

Il segnale di allerta del ricevitore è giunto quindi direttamente alla centrale operativa dei Carabinieri che hanno avviato il controllo.

Una celere attività info-investigativa condotta dai militari ha permesso di individuare l’uomo quale presunto responsabile della violazione del “divieto di avvicinamento”.

L’uomo aveva già subito l’ammonimento del Questore di Lecce con cui gli è stato intimato di desistere dal compiere nuovamente atti persecutori nei confronti dell’ex compagna.

Già in quell’occasione la donna, coraggiosamente, aveva deciso di denunciare il tutto affidandosi ai carabinieri, evitando così gravi ed irreparabili conseguenze.

Continua a Leggere

Cronaca

Taurisano: vandalizzato cimitero!

Cassonetti della spazzatura capovolti, corone di fiori rovesciate a terra, fiori nelle fioriere di alcune lapidi strappati, buttati a terra e calpestati…

Pubblicato

il

🔴 Segui il canale il Gallo 🗞 Live News su WhatsApp: clicca qui

La scorsa notte ignoti, dopo aver forzato il cancello d’ingresso, sono entrati nel cimitero comunale ed hanno danneggiato cappelle e lapidi, facendo cadere i portafiori e i cassonetti della spazzatura.

Una volta forzato il portone principale hanno vandalizzato tutto ciò che hanno trovato sulla loro strada: cassonetti della spazzatura capovolti, corone di fiori rovesciate a terra, fiori nelle fioriere di alcune lapidi strappati, buttati a terra e calpestati.

A dare l’allarme questa mattina è stato il custode del cimitero.

Sull’accaduto indaga il locale commissariato polizia che ha già reperito le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona.

Difficile comprendere cosa possa aver mosso la furia vandalica di quegli imbecilli che non saputo far di meglio che prendersela con i defunti.

Non è la prima volta che Taurisano è interessato da simili episodi di vandalismo.

nella notte tra il 30 e 31 dicembre 2023. In quell’occasione, ignoti, fecero irruzione all’interno anche dei locali parrocchiali, danneggiando alcuni allestimenti preparati per il presepe vivente, che si svolgeva in quei giorni nel centro storico.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus